Cos’é il Bail In, come difendere i risparmi, definizione, consigli

Cos’è il Bail In, qual’è il significato, la definizione e come è possibile difendere i risparmi e i conti correnti da un prelievo forzoso? Quali sono le banche a rischio? I Nostri soldi sono ancora al sicuro in banca?
Come sapere se la mia banca é sicura?

LEGGI ANCHE : Le Banche Italiane più Sicure CET 1 RATIO


Noi di Finanza Economia Italia, ci siamo occupati di questo argomento ormai già da un anno, dal periodo in cui addirittura si diceva che “il Bail In è una bufala“, cioè era una bugia inventata dall’opposizione parlamentare per mettere paura al risparmiatore medio; oggi sappiamo che il Bail In è realtà, tanto che la prima banca a subire un Bail In è austriaca, è accaduto solo poche settimane fa’.

Banche Europee a Rischio Default

Cos’é il Bail In:

Dal 1° gennaio 2016, data in cui è entrato in vigore questo nuovo sistema è fondamentale per un risparmiatore come funzionano queste nuove direttive. La definizione giusta per Bail In é ‘prelievo interno’ ( anche se grammaticalmente in inglese significa una cosa simile) , che sta a significare che è il contrario di Bail Out, cioè una cauzione dall’esterno come sempre si è fatto finora. Il Bail In scatta al momento del fallimento di una banca; fino a poco tempo fa quando c’era una banca in default, interveniva lo stato o gli stati. L’intervento statale è costato decine di miliardi di dollari in America dopo la crisi del 2008 e qualche buon miliardo anche in Europa ( meno in Italia, ci fu solo un prestito a MPS poi rimesso), questi interventi statali presupponevano interventi a pioggia, in pratica regalìe di denaro alle banche, regalie che poi mettevano in ginocchio l’intera economia di uno stato.
Con il Bail In, se c’è un default di una banca, si procederà quasi come se la banca fosse una semplice azienda: prima il valore delle azioni diventerà pari a zero, quindi il valore delle obbligazioni subordinate alle azioni potrebbe arrivare fino a zero ( finchè ci sono debiti da coprire), infine conti correnti e conti deposito o altro tipo di risparmio non garantito del cliente superiore a 100.000 euro, potrebbe essere prelevato ( finchè ci sono debiti da coprire)

La situazione delle Banche Italiane in questi ultimi tempi in cui stiamo scrivendo, cioè le prime settimane del 2016, non è particolarmente tranquillizzante; centinaia di milioni di euro di crediti deteriorati stanno rovinando i bilanci delle banche italiane ma tranquilli, anche le banche europee soffrono degli stessi identici problemi, anche in forme più gravi ( vedi la Deutsche Bank)

Bail In Banche italiane, rischi di un prelievo forzoso

Tutto quello che devi sapere sul Bail In e le Banche Italiane ed europee:

Vicenda Banca Etruria Banco Popolare e obbligazione subordinata
Monte dei Paschi e Bail In Su quali banche italiane investire
Deutsche Bank rischio Bail In? Poste italiane è a rischio Bail In?

Quali Banche Italiane a rischio Bail In – prelievo forzoso dai conti correnti?
Per ora non ci sono molte banche italiane che sono a rischio immediato di Bail In, ( per vedere la lista delle banche italiane più sicure vi rimandiamo al link in apertura d’articolo)  le banche italiane stanno ormai facendo da alcuni anni una politica di consolidamento, tutto è cambiato dal 2008, prima le banche considerate migliori erano quelle che facevano più contratti di mutui, ora le banche migliori sono considerate quelle che sono più solide, sono meno esposte con investimenti a rischio.
Il problema è che più non rischi, meno guadagni e meno guadagni, meno azionisti ed obbligazionisti saranno spinti a comprare le tue azioni, si perchè le banche sono aziende esattamente come le altre, aziende che devono fare utili e che a volte incappano degli errori tipici delle aziende, come avere Consigli di Amministrazione, che spingono troppo sui venditori, i quali a loro volta si ritrovano a cercare di convincere i clienti in tutti i modi anche ‘intortadoli’ un po’, come si dice a Roma, cioè facendogli credere che guadagneranno tanto e rischieranno poco, invece poi gli fanno comprare obbligazioni subordinate che rientrano nel Bail In, cioè che in caso di fallimento della banca sono tra i primi prodotti ad avere il proprio valore azzerato.

Come difendere i propri risparmi dal Bail In:

  1. Non mettere più di 100 mila euro su un conto corrente intestato ad una persona, ai pochi italiani che hanno più di 100 mila euro su un conto corrente.
  2. Se avete azioni di titoli bancari tenere i listini sempre sotto controllo.
  3. Se avete obbligazioni subordinate bancarie, tenere sempre i listini sotto controllo.
  4. Diversificare, diversificare e diversificare. Non ci stancheremo mai di dirlo: diversificare è la 1a arma di un buon investitore.
  5. Cercare un investimento sicuro

ATLANTE Fondo Salva Banche dal Bail In

Nel caso di grossa difficoltà di una banca, ora 44 istituti di credito italiani si sono messi insieme ed hanno costituito ATLANTE, un fondo in cui hanno messo oltre 4 miliardi di euro. Per il momento, viene usato per aiutare l’aumento di capitale di alcune banche messe male, come Veneto Banca

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

BAIL IN SPIEGATO FACILE
BAIL IN SPIEGATO FACILE Come Proteggere i Risparmi dal Bail In QUI: http://finanza.economia-italia.com/
Pubblicato da Economia Italia su Domenica 6 dicembre 2015

Sopra: il Bail In spiegato in 3 minuti, un video molto ben fatto che ci fa capire chi potrebbe andare incontro ad un Bail In.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *