CET 1 RATIO Banche Italiane 2017 Cos’é a Cosa Serve

Si sente spesso parlare di CET 1 RATIO delle Banche, ma si sa che cosa è?
A quale Cet 1 Ratio corrisponde la Tua Banca, lo sai?
E’ vero che questo è un parametro che misura la solidità di una banca?
Continuano ad arrivare notizie poco rassicuranti dal fronte delle banche italiane e più ingenerale delle banche europee.
Per cercare di avere una buona redditività, o per cercare di avere degli ottimi bonus, a volte i dirigenti e responsabili di grandi gruppi bancari si avventurano in spericolate azioni finanziarie che non sempre vanno bene come si sperata all’inizio.
La finanza è rischio e anche il miglior banchiere del mondo non ha la sfera di cristallo, nonostante tutti – chi più chi meno – tentino di influenzare il mercato per guadagnare, ormai questa è una pratica molto difficile in un mercato finanziario totalmente globalizzato.

Cos’é CET 1 RATIO di una banca:

E’ un numero in percentuale, che indica il patrimonio di una banca con quello dei rischi ponderati ( prestiti).
Più alto sarà questa percentuale, più la banca sarà solida, cioè meno esposta , nel senso che avrà concesso meno prestiti rispetto al proprio capitale.

 CET 1 RATIO banche italiane più solide  Cet 1 Ratio banche europee  Veneto Banca cet 1 ratio e novità
 ATLANTE il fondo per salvare le banche italiane  Solvency 2 cosa è  Deutsche Bank Cet 1 Ratio
 La banca con il CET 1 RATIO più alto  Banche che fanno brokeraggio  Banco Popolare cet 1 ratio
 Prestiti Banche Italiane  Banche italiane offerte conti correnti  Banche italiane offerte conti deposito

CET 1 RATIO Banche Italiane 2017 Cos'é a Cosa Serve
Cet 1 Ratio aggiornato a gennaio 2016 o comunque le ultime notizie che si sapevano

CET 1 RATIO Banche italiane

Secondo i regolamenti dell’Unione Europea, tutti i cittadini dovrebbero conoscere questo fondamentale parametro di una banca, ma purtroppo non è così semplice.
Come abbiamo modo di dire altre volte, questo parametro fondamentale per il consumatore per capire se i propri risparmi ce l’ha una banca solida oppure in imminente fallimento, sono molto difficili da avere, a meno che non ci si improvvisi analisti finanziari, cosa che non tutti sanno fare.
Pochissime banche italiane espongono il Cet 1 Ratio nella Home Page del proprio sito, a dirla tutta poche lo mettono all’interno del proprio sito, facciamo 2 esempi su tutti.
Oggi abbiamo cercato nel sito di 2 tra le più grandi realtà creditizie italiane ed europee il proprio Cet 1 Ratio all’interno del sito.
Per Unicredit, non siamo riusciti a trovare NIENTE, siamo andati nella casella di ricerca e abbiamo digitato “cet 1 ratio” i risultati non ci hanno portato a niente.
Niente nemmeno su Monte dei Paschi, dove abbiamo trovato solo il Bilancio del 2014.

Livello Patrimonializzazione Banche Italiane, com’è?

La cosa buffa di questa vicenda è che anche i responsabili delle comunicazioni delle varie Banche che abbiamo interpellato, ci dissero che i Cet 1 Ratio li avremmo trovati pubblicati nel sito della Banca d’Italia, ma anche lì la ricerca sembra del tutto infruttuosa.
Bisogna quindi accontentarsi di questo schema che abbiamo sopra, elaborato dalla Facoltà di Economia della Università Bocconi.

Conclusioni: Banche Italiane, fidarsi oppure no?

Da quando il 1° Gennaio 2016 è in vigore la regola del Bail In, che diciamo sempre di fidarsi finchè è consentito delle banche italiane, cioè di avere c/c o depositi non superiori ai 100 mila euro, che poi sono i soldi garantiti anche in caso di default.
Naturalmente basterebbe seguire l’andamento della patrimonializzazione delle banche, di seguire questi importanti parametri che ci svelano la reale salute delle banche, ma sembra veramente troppo difficile stargli dietro, anche volendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *