22 feb 2017

Filled Under: ,

Risarcimenti di Poste Italiane dei fondi immobiliari. come funziona cosa c'è da sapere

Potrebbero essere risarcite le perdite subite dagli investitori di Poste Italiane sui fondi immobiliari che Poste ha venduto ai propri clienti a causa del crollo dei prezzi del mercato immobiliare negli ultimi 10 anni.

Il caso Monte deiPaschi di Siena ha riportato d'attualità la rischiosità degli investimenti a cui sono andati incontro gli investitori italiani su indirizzo dei propri istituti bancari.

Vi sono differenti situazioni che rischiano di “esplodere” nel corso del 2017. Recenti inchieste hanno posto l'accento su alcuni investimenti proposti negli anni dal 2002 al 2005 anche da Poste Italiane che avrebbero promosso la collocazione ai risparmiatori di quote di 4 fondi immobiliari ad alta rischiosità di investimento e che oggi mettono a repentaglio le somme investite. E per le quali gli investitori attendono un adeguato risarcimento.

Si tratta di: Invest Real Security, Obelisco, Europa Immobiliare 1 e Alpha.

Risarcimenti di Poste Italiane dei fondi immobiliari. come funziona cosa c'è da sapere

Poste Italiane: fondi immobiliari venduti ai piccoli risparmiatori

A fare scattare l'allerta tra i risparmiatori è Invest Real Security, giunto a termine l'ultimo giorno del 2016. Il rimborso stimato si aggira sui 400 euro per ogni quota. L'investimento iniziale per ogni quota è stato di 2500 euro. Il mercato del mattone è crollato nel 2008 . Gli 850 milioni di euro investiti nel real estate sono in gran parte stati “bruciati”.

Questa tipologia di investimenti ad alto rischio di norma non deve essere proposta ai piccoli risparmiatori. Gli investitori hanno sempre riposto grande fiducia in Poste Italiane e nella sua affidabilità. Un rapporto che rischia di incrinarsi dopo questo flop a suon di soldoni.

Dall'azienda informano che si faranno promotori di iniziative per i clienti sottoscrittrici del “fondo IRS, in scadenza  il 31 - 12 -  2016”. PT vuole “consolidare, ancora una volta, il rapporto storico che l'azienda ha con i cittadini, fondato sulla trasparenza, sulla fiducia e sull'affidabilità”.

Il Codacons annuncia richieste di risarcimento per tutelare i piccoli investitori appellandosi alla vigilanza di Consob e Bankitalia. Esponenti del Governo si starebbero muovendo anche con l'Anac, guidata da Raffaele Cantone, per avviare un’inchiesta su eventuali speculazioni in danno degli investitori.

Chi ha guadagnato in questa operazione?

A quanto pare i compratori finali degli immobili. Coloro che nel 2003 li hanno ceduti ai fondi e le società che li hanno gestiti. A fronte delle perdite dei sottoscrittori le Sgr hanno proseguito a percepire annualmente commissioni tra lo 0,8 e l'1,8% del valore del fondo.

Sono Investire Sgr, società del Gruppo Finnat gestore dell'Invest Real Security e del fondo Obelisco. Vegagest Sgr ha curato il fondo Europa Immobiliare 1, mentre Fimit Sgr, controllata dal Gruppo De Agostini (64%) e dall'Inps (29,7%), ha gestito il fondo Alpha.

La perdita dei fondi immobiliari dovuti al mercato

Il mercato immobiliare è crollato negli ultimi 10 anni, a questo è dovuta la crisi dei fondi immobiliari.

Il fondo Invest Real Security è andato malissimo. 

Gli ultimi 5 immobili sono stati venditi a prezzi stracciati. Il centro commerciale di Andria è stato venduto ad 8.8 milioni. Risultato una minusvalenza di 14.2 milioni. Per il centro commerciale di Bologna si è registrata una perdita di 11.9 milioni. Un immobile a Rutigliano ha fatto incassare un segno negativo per 1.76 milioni. E ancora un palazzo a Cinisello Balsamo ha registrato una minusvalenza di 3.5 milioni. Uno stabile a Torino è stato ceduto perdendo 9.4 milioni.


Al 30 giugno 2016, la valutazione dei periti di Obelisco era di 1118 euro, quella di Europa Immobiliare 1 si fermava a 1314 euro. Alpha era valutato 3304 euro ma dal 2012 non distribuisce proventi e ha chiesto una proroga di 15 anni. I pensionati che hanno investito dovranno attendere fino al 2030.

Abbassare il livello di rischio degli investimenti

In questo sito parliamo spesso di investimenti sicuri, delle regole da rispettare, della indispensabile diversificazione, ma la gente è attratta dagli investimenti redditizi, fino a quando un bel giorno scopre che sono a rischio.

Comprare titoli a rischio e sperare di guadagnare ma rischiare di perdere o comprare titoli con rendimento molto basso, ma sicuro.

Diciamocelo, la scelta è sempre tra queste 2 opzioni, lo insegnano a scuola media e superiore, ma sembra che le persone se ne scordino.
Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca, come diceva un vecchio proverbio, o facciamo un investimento sicuro, o lo facciamo redditizio.
Finchè nella testa degli investitori non entrerà questo semplicissimo concetto, staremo sempre qui a parlare di rimborsi, di "banche cattive", di come lo Stato italiano debba risarcire investitori per la loro brama di soldi o per la brama di soldi dei venditori.



0 commenti:

Posta un commento

Commenti offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.