Banche americane a rischio default previsioni 2018

Le banche americane a rischio default: sono oltre 222 mila miliardi di $ di derivati solo per le 25 banche più grandi d’America che potrebbero portare a fare esplodere una bolla derivati di proporzioni bibliche e che hanno portato un’altra volta sotto la lente di ingrandimento le banche americane a rischio default.
Questa nuova possibile crisi finanziaria con dati che ci arrivano alla fine del 2017, è dimensioni fuori dalla normale comprensione umana; oltre 500 mila miliardi di $ di derivati tra tutte le banche del mondo che fanno tremare i polsi anche a investitori attenti come Warren Buffet, un vero e proprio nemico giurato dei derivati, che per proteggere il suo capitale sta cercando di avere una riserva monetaria di oltre 85 miliardi di $. LEGGI ANCHE >>> Istituti di credito italiani a rischioIstituti di credito italiani più sicuri

Le banche americane a rischio default per i troppi derivati che hanno?

Ecco una domanda a cui è veramente molto difficile rispondere.
Innanzitutto chiariamo una cosa: i derivati che ci sono in giro sono tanti, tantissimi, qui sotto potete vedere a quanto ammontano, sono una cifra così enorme che è impossibile per una mente umana quantificarla.
500 mila miliardi di $, cioè oltre 500 triliardi di dollari americani sono una cifra che è ben più grande di tutto il debito mondiale.
C’è chi stima che i derivati siano arrivati alla cifra di 1,2 QUADRILIONI DI DOLLARI. Che in pratica significa 1.200.000 di miliardi di $, cioè 1,2 milioni di miliardi di dollari.
Saranno gli investitori che decideranno se queste banche sono affidabili o meno, tramite il mercato azionario. Per il momento ( gli ultimi dati sono stati pubblicati mesi fa) non ci sono state reazioni troppo negative, ma è una situazione particolarmente pericolosa per tutti gli investimenti finanziari, quindi è bene tenerla sotto controllo.

Banche americane a rischio default previsioni 2018
Le banche americane con 222 mila miliardi di $ di derivati in pancia


Il mercato dei derivati  è tornato a preoccupare

In questo momento storico il mercato dei derivati è in espansione, dopo un calo che ha caratterizzato gli anni del dopo crisi, cioè dal 2010 al 2015 ma si sa, gli investitori vogliono prodotti finanziari che abbiano alti tassi di interessi e con un costo del denaro vicino allo zero, per le banche finanziarie non c’è altra via che creare prodotti strutturati.

Leggi Anche: >>>— Investire in derivati conviene?Cosa sono i certificatesCosa sono gli SwapsBanche più affidabiliDove investire nel 2018

Banche americane a rischio default per i derivati?
Courtesy of The Money Project

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *