Brexit: Conseguenze per l’Italia e l’Inghilterra e su Investimenti

La Brexit, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea è formalmente iniziata le conseguenze per i Nostri risparmi ed i Nostri investimento quali saranno?

Dopo che il referendum del 23 Giugno ha deciso per il leave, cioè per la Brexit molti piccoli risparmiatori si preoccupano per i loro soldi, ci saranno scossoni dei mercati finanziari?

Hard Brexit: cosa succede ora ( aggiornamento settembre 2019)

L’Italia non è l’unico paese in cui ci sia incertezza politica. Dall’altra parte della Manica, la Gran Bretagna si avvicina di più all’uscita dall’Unione Europea (UE) senza un piano di azione chiaro, quindi si va verso una Hard Brexit, alla quale l’Unione Europea invece si dice già pronta.

All’inizio del 2019, il Parlamento britannico ha respinto l’accordo sulla Brexit proposto dal primo ministro Theresa May con 230 voti. La battuta d’arresto di maggio, la più grande sconfitta nella storia democratica del paese, ha improvvisamente lasciato il Regno Unito in una situazione di stallo con poco più di due mesi di riserva fino a quando è programmato per lasciare l’Unione europea.

May si è dimessa dal suo incarico il 7 giugno 2019. Il 23 luglio 2019, Boris Johnson, capo del Partito conservatore del Regno Unito, ex ministro degli Esteri britannico e sindaco di Londra, è stato eletto Primo Ministro, promettendo di lasciare l’UE ” o morire”.

In questa fase avanzata, tutte le opzioni sono tornate sul tavolo, inclusa una Brexit senza un accordo commerciale o l’intera operazione è stata completamente demolita. Goldman Sachs afferma che esiste una probabilità del 50% di una Brexit successiva, più morbida. L’intermediazione ha assegnato una probabilità del 40% a un’inversione della Brexit tramite un secondo referendum o elezioni generali e una probabilità del 10% a una Brexit “senza accordo”.

Ecco una ripartizione di tutti i diversi termini che vengono gettati in giro – e di come ciascuno di essi potrebbe avere un impatto sugli investitori e sull’economia.

Ormai è quasi certo: ci sarà una Hard Brexit

Da quando il pubblico britannico ha votato per lasciare l’UE a giugno 2016 e l’ex primo ministro May ha presentato la notifica di recesso ai sensi dell’articolo 50 a marzo 2017, le discussioni si sono incentrate sul fatto che il Regno Unito debba perseguire una Brexit “leggera” o “dura” – termini usati per riferirsi alla vicinanza delle relazioni del paese con il suo partner commerciale chiave una volta cementato il divorzio.

Una dura Brexit è un altro modo di dire una netta pausa dall’Europa. Ciò significa che la Gran Bretagna rinuncia all’adesione al mercato unico dell’UE, un accordo che consente al paese di commerciare liberamente con i suoi partner europei senza restrizioni tariffarie.

I sostenitori di una Brexit dura vogliono la libertà di stabilire i propri accordi commerciali e le proprie regole. Il problema è che la stesura dei propri accordi commerciali indipendenti richiederà molto tempo e, nel frattempo, costringerà il paese a utilizzare norme meno favorevoli dell’Organizzazione mondiale del commercio .

Se la Gran Bretagna si trova al di fuori dell’unione doganale, le merci importate diventeranno improvvisamente molto più costose, schiacciando la spesa dei consumatori in tutto il paese e pesando sulle molte aziende che acquistano materiali europei e fanno affari con i loro partner europei. Attualmente, circa il 45% delle esportazioni del Regno Unito sono dirette verso l’UE, mentre il 50% delle merci importate proviene dall’UE.

“Se il Regno Unito dovesse seguire la difficile strada della Brexit, l’economia del Regno Unito probabilmente rallenterebbe ulteriormente poiché l’incertezza commerciale dell’UE pesa sul sentimento dei consumatori e sugli investimenti delle imprese”, ha affermato John Lynch, capo stratega degli investimenti presso LPL Financial

Nessun accordo con l’UE

Se i politici britannici non riusciranno a raggiungere un accordo prima che il Regno Unito lasci l’UE il 31 ottobre 2019, il paese se ne andrà senza alcun accordo.

A differenza di una Brexit dura, che teoricamente potrebbe includere un qualche tipo di accordo con l’UE e potenzialmente stabilire un periodo di transizione per negoziare accordi di libero scambio, uno scenario di nessun accordo non presenta alcun cuscino.

Gli economisti di tutto il mondo hanno ripetutamente messo in guardia contro una Hard Brexit. Quando discutono di uno scenario no deal, le loro previsioni sono ancora più catastrofiche

La Banca d’Inghilterra ha avvertito che la Brexit, in nessun caso, potrebbe ridurre l’economia del Regno Unito dell’8% in un anno e portare i prezzi delle case nazionali a scendere di un terzo. I mercati azionari britannici ed europei saranno certamente puniti, così come la valuta britannica.

Anche il resto dell’economia mondiale dovrebbe rimanere coinvolto in questo caos. Di recente, il Fondo monetario internazionale è diventato l’ultimo grande nome ad avvertire che un vero affare rischia di innescare un ulteriore rallentamento della crescita globale.

“Il Regno Unito costituisce solo circa il 2% dell’economia globale e il 4% del commercio mondiale di merci, quindi è probabile che le ramificazioni globali di tutti gli scenari realistici siano gestibili”, ha affermato Lynch. Capital Economics ha avvertito che un’uscita disordinata potrebbe danneggiare la crescita del PIL britannico dell’1–2%, diffusa in due anni.

Brexit morbida

In generale, gli economisti concordano sul fatto che il percorso meno dannoso implicherebbe ciò che i media hanno definito Brexit “soft”. Questo termine è usato per indicare che la Gran Bretagna rimane strettamente allineata all’UE mantenendo una qualche forma del mercato unico del blocco.

Un simile scenario ridurrebbe al minimo l’interruzione degli scambi, delle catene di approvvigionamento e delle imprese in generale. Tuttavia, esiste un grosso punto critico: l’UE ha richiesto che l’accesso al mercato unico possa essere concesso solo se tutti i suoi principi, compresa la libera circolazione delle persone, sono rispettati.

I sostenitori di una Brexit morbida hanno chiesto un accordo simile a quello che la Norvegia ha con l’UE. La Norvegia è membro del mercato unico, ma in cambio si attiene alle regole della libera circolazione. È già diventato chiaro che molti politici britannici non sono disposti a scendere a compromessi sull’immigrazione, sostenendo che un simile accordo tradirebbe i desideri del pubblico britannico.

“Prevediamo che i titoli domestici del Regno Unito supereranno del 20% gli esportatori del Regno Unito se si concretizzerà una Brexit debole”, ha dichiarato Sebastian Raedler, responsabile della strategia azionaria europea presso Deutsche Bank, in un’intervista a Bloomberg.

Brexit sospesa e in attesa

Se il Regno Unito vuole evitare di uscire dall’UE senza un accordo, l’articolo 50 dovrà quasi certamente essere esteso. La data di scadenza del 31 ottobre si avvicina rapidamente, il che significa che rimane poco tempo per rinegoziare qualsiasi tipo di nuovo accordo.

Non è chiaro se l’UE accetterà di prorogare la scadenza. La maggior parte degli stati del blocco concordano sul fatto che è nel loro interesse prevenire una Brexit dura, anche se è anche vero che stanno diventando frustrati e sembrano perdere la speranza che un accordo adatto a tutte le parti possa essere concordato.

I politici britannici sono divisi su ciò che desiderano dalla Brexit e trovare un modo per soddisfare tutte le loro richieste, insieme a quelle dell’UE, sembra sempre più una sfida insormontabile. Trascinando il processo per altri due anni senza alcuna garanzia di trovare una svolta, si potrebbero ridurre le possibilità di una rinegoziazione grave mai decollare.

Detto questo, il recente apprezzamento della valuta del Regno Unito suggerisce che i trader sono fiduciosi che la Brexit sarà messa in attesa per ora. La sterlina e gli ETF come Invesco CurrencyShares British Pound Sterling (FXB), VelocityShares Daily 4x Long GBP vs USD ETN (UGBP) e ETFS Short NZD Long GBP (NZGB.L) che ne tracciano il movimento, sono aumentati, implicando che gli investitori sono fiduciosi che un dannoso Brexit non possa essere evitato.

Mettere in sospeso la Brexit faciliterebbe i timori che il Regno Unito lascerà l’UE senza un accordo. Tuttavia, rimarrebbe ancora incertezza sul fatto che la Gran Bretagna alla fine si assicurerà un accordo sulla Brexit duro o morbido, o invierà un secondo referendum che potrebbe vedere la decisione di lasciare completamente revocata.

Ciò significherebbe in definitiva un’ulteriore volatilità mentre gli investitori continuano a provare a indovinare come andrà a finire la Brexit e in che modo le molte aziende coinvolte nel fuoco incrociato si classificheranno in ogni scenario potenziale. Nel frattempo, queste stesse aziende saranno senza dubbio influenzate dall’essere lasciate al buio sulle relazioni future con un partner commerciale chiave.

Goldman Sachs ha affermato che la continua incertezza sulla Brexit “potrebbe comportare rischi” per titoli italiani ed europei che si affacciano nel Regno Unito

Aggiornamento Giugno 2018: Dopo il voto, ancora l’uscita materiale della GB dall’UE non è stata avviata, le conseguenze non sembrano essere state troppo negative, come in molti sostenevano. L’economia inglese però non ne ha nemmeno beneficiato, e molti cittadini già si sono pentiti di aver votato per l’uscita.

Aggiornamento Marzo 2017 Brexit: la sterlina ha perso il 16%

Una delle prime conseguenze economiche della Brexit – come avevamo ampiamente già detto e come facilmente prevedibile – è la perdita di valore della sterlina, cosa che però non preoccupa il consumatore italiano, ma solo qualche investitore che ancora aveva i soldi. L’Italia sarà uno dei paesi meno colpiti dall’uscita dell’Inghilterra dall’Unione europea, in quanto siamo uno dei paesi europei con i minori scambi commerciali con Londra, come dice anche in un report Standard & Poor’s e il Nostro PIL ( dice il Governo) ne potrebbe risentire tra uno 0,5 ed un 1% ( in più o in meno).
Esportiamo di meno in Gran Bretagna: l’Italia sta esportando meno in Gran Bretagna, circa lo 0,5%, anche se le previsioni dicono che ci saranno ancora meno esportazioni verso questo paese che possiamo già considerare a tutti gli effetti extra-comunitario.
Aumentano le rette universitarie inglesi per studenti italiani: dipende dall’Università, ma in alcuni casi i non inglesi dovranno pagare fino al doppio di retta universitaria ( circa 20 mila sterline contro le circa 10 mila di oggi).

LEGGI ANCHE >>> — ITALEXIT  – FREXIT

Certo, il Brexit, cioè l’uscita dell’Inghilterra dalla UE, porterà un bello strascico di conseguenze economiche e finanziarie, ma cerchiamo di capire cosa sta succedendo.

Boris Johnson, attuale sindaco di Londra, è il probabile successore di Cameron al partito conservatore e Johnson è favorevole al Brexit, l’uscita del Regno Unito dall’Europa.

Aggiornamento 1 Luglio: E’ Caos, nessuno in Inghilterra ha un progetto per il dopo Brexit

Se per anni vi siete lamentati dei politici italiani, troverete che anche i politici inglesi hanno le loro pecche.
Sembrerà pazzesco, ma nè Governo, nè opposizioni, nè comitato referendario pro – Brexit hanno un piano serio e già studiato a tavolino per far fronte all’uscita del Regno Unito dall’UE, ma questo sembra il male minore, perchè c’è sempre tempo per farlo.
L’ex  sindaco di Londra Johnson, uno dei personaggi politici che più ha spinto per la Brexit e che tutti si aspettavano lottare per la carica di Primo Ministro ha detto che non si candiderà.
La Scozia e i suoi rappresentanti politici hanno detto che vogliono rimanere in Europa e che vogliono uscire dal Regno Unito, stessa cosa hanno detto naturalmente gli Irlandesi.
Settore bancario in crisi in questi primi giorni, Vi avevamo parlato di mercati azionari ma sono le banche in grave crisi, ad iniziare da Deutsche Bank, per poi passare alle banche italiane in difficoltà, quindi alle banche europee con poca liquidità; Renzi ha chiesto di sforare il 3% per dare una mano alle principali banche italiane che dopo le gravi perdite di questi giorni stanno avendo serie difficoltà a rientrare nei propri parametri di Cet 1 Ratio; addirittura di inizia a parlare di probabile fallimento di grandi banche e quindi di Bail In.

AGGIORNAMENTO 24 Giugno: LA GRAN BRETAGNA E’ FUORI DALL’UNIONE EUROPEA.

Se pure i voti favorevoli all’uscita della UE sono di poco superiori a quelli di cui volevano rimanere, la Brexit ha vinto, ed ora l’Inghilterra è ufficialmente fuori dall’Europa. La Sterlina ha perso il 10% in poche ore.

Vi continueremo a tenere aggiornati su questo storico evento, che può cambiare tutto sia a livello di rapporti tra Stati europei, a livello di economia europea, ma sopratutto per le Nostre vite.

Panico nelle borse valori: all’apertura stamattina un vero e proprio ciclone di vendite si è abbattuto su molti titoli; il titolo Unicredit perde il -24% all’apertura, Intesa SanPaolo circa il -21%, in altre parole nessuno compra.
La Borsa di Tokyo ha chiuso a -7,9%, dopo la notizia del Brexit.

Quando la Gran Bretagna sarà ufficialmente fuori dall’UE?

ATTENZIONE: ancora la Gran Bretagna è ufficialmente nella UE, il Referendum votato è consultivo, ora spetterà al Parlamento votare. Bisogna dire che di solito il volere referendario in Inghilterra si rispetta, al contrario che in Italia, quindi il voto parlamentare dovrebbe essere solo una prassi.

La reazione delle Borse Valori all’uscita dell’Inghilterra dall’Unione Europea:

Brexit: conseguenze uscita della Gran Bretagna dall'Europa
La reazione delle Borse Valori al 24/06/2016 alla notizia del Brexit. La Borsa di Milano fa la peggior performance di sempre.


Aggiornamento 22 Giugno: ad un solo giorno dallo storico voto che sancirà se la Gran Bretagna rimarrà o se ne andrà dall’Unione Europea, l’incertezza è massima, ecco i sondaggi cosa dicono:

  • Leave ( lasciare la UE): 46%
  • Remain( rimanere nella UE): 45%

In pratica fino a domani sera, quando usciranno i primi spogli del referendum l’incertezza rimane massima, questo fa si che nei mercati finanziari ci sono speculatori che stanno guadagnando molti soldi in borsa, pensiamo solo alla fluttuazione della sterlina di queste ore, quanti con il Forex sono riusciti a trarne vantaggio oppure con il VPS.
Intanto le banche centrali hanno garantito ‘liquidità senza limiti‘, in caso in cui i mercati finanziari dovessero subire un crollo dal Brexit.
Tra la sera del 23 Giugno e il 24 Giugno, ne vedremo delle belle nei mercati, potrebbero diventare giorni che potrebbero fare la fortuna o la rovina di molti operatori finanziari, questo è ormai certo.

Aggiornamento 12 Giugno: i sondaggi del referendum sul Brexit danno i favorevoli ad uscire dall’Europa al 52%, un testa a testa in cui però prevalgono i SI’, cioè coloro che vorrebbero lasciare l’Unione Europea.

Brexit: Conseguenze su Investimenti ed Economia in GB, Europa ed Italia

Cosa succede ora con l’Immigrazione:

La Gran Bretagna aveva già faceva entrare solo chi voleva lei, prima del Brexit, non aderendo più ai trattati sulla libera circolazione di persone. Le persone che hanno votato ‘Leave‘, probabilmente questa cosa nemmeno la sapevano, come ci si sta accorgendo ora, con dei sondaggi che fanno vedere quanto poco informati fossero gli elettori inglesi.
C’è da dire però che il Brexit potrebbe avere conseguenze su paesi che già sono contrari a politiche come fa l’Italia o la Germania, cioè: Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Francia e Spagna e portare ad un blocco dei richiedenti asilo in queste nazioni.

Cosa succede ora con il Brexit per l’esercito europeo / difesa:

L’esercito europeo è pronto, ma senza Gran Bretagna non sarà più la stessa cosa.
Ovviamente da una minore collaborazione tra polizie e militari dei vari paesi, gli unici a trarne vantaggio potrebbero essere il terrorismo internazionale.

Cosa succede con le Banche e la Finanza:

La City di Londra oggi è sede di molte banche e finanziarie di importanza internazionale; molte di questa già hanno detto che avrebbero lasciato il Regno Unito per andare in un’altra sede in Europa ( molti sperano Milano, come il sindaco Sala, ma sarà difficile, vista la Nostra burocrazia e tassazione).

Cosa succedere ora con i voli e le compagnie areee per la Gran Bretagna dopo il Brexit:

Chi ha votato difficilmente sapeva che le compagnie aeree europee devono seguire tutti gli stessi standard, ora ci saranno nuove direttive, diverse da quelle europee per la GB, cosa che alla fine , potrebbe far aumentare il costo del biglietto aereo da e per la GB.

Licenziamenti per migliaia di operai delle auto in UK:

Molte industrie di auto sono andate ad aprire fabbriche in Inghilterra grazie ad incentivi, proprio giorni fa avevano scritto ai propri dipendenti che migliaia di posti di lavoro potrebbero essere a rischio. Sarà così? Vedremo con il tempo.

Conseguenze BREXIT cioè dell’uscita del Regno Unito dall’UE:

Il Ministero del tesoro Usa dice che sarà un disastro sia per l’economia della Gran Bretagna, che per quella europea che per quella degli USA, che per la sicurezza di queste 3 entità.

Conseguenze Brexit per la scienza:

12 premi Nobel inglesi, hanno firmato una lettera ai cittadini in cui dicono che per la scienza inglese sarà un disastro uscire dall’UE in quanto salteranno accordi per ricerche in collaborazione con gli scienziati europei.

Conseguenza Brexit edilizia:

Anche i costruttori edili della Gran Bretagna hanno detto , tramite la loro associazione che temono per gli investimenti fatti dagli europei in UK, investimenti che potrebbero volatilizzarsi o non rinnovarsi.

Morgan Stanley: addio alla Gran Bretagna in caso di uscita dall’Unione Europea:

Una delle più grandi banche d’affari del mondo con una importante sede a Londra, ha dichiarato che sta valutando di spostare i propri uffici in caso di Brexit, cioè nel caso di vittoria dei SI’.

Ma cosa accadrà se la Gran Bretagna uscirà dall’Unione Europea?

conseguenze Brexit uscita della Gran Bretagna dall'Europa

Brexit, cosa accadrà quando l’Inghilterra uscirà dall’UE:

  1. Per il momento gli speculatori ci guadagnano, la sterlina sta perdendo punti, l’1,5% rispetto al dollaro e l’1,2% rispetto all’euro, sicuramente quindi la prima conseguenza che ci sarà da qui al 23 Giugno, giorno del referendum sarà una alta volatilità del prezzo della sterlina e chi lavora nel Trading Online potrebbe fare veramente tanti soldi grazie al Brexit ,nel breve periodo.
  2. Un crollo del valore della sterlina, potrebbe portare avanti l’inflazione della moneta inglese.
  3. La Bank of England a quel punto, potrebbe alzare i tassi di interesse, fermare la politica del Quantitative Easing che sta portando avanti dalla crisi del 2008.
  4. Un rialzo dei tassi di interesse in UK, potrebbe influenzare le decisioni della Federal Reserve e far crescere finalmente anche lì i tassi di interesse.
  5.  A quel punto la BCE vedrebbe tanti capitali andarsene verso USA ed UK e quindi Bruxelles sarebbe costretta ad alzare i tassi di interessi se interessata a ‘trattenere’ i suoi investitori.

Anche un altro paese UE potrebbe fare un Brexit?

  • No, non è proprio così semplice, la Gran Bretagna infatti non ha l’euro, ma ha mantenuto la sterlina, nel caso uno dei 19 paesi aderenti all’euro dovesse uscire dall’EU ci sarebbe una svalutazione della propria moneta.
  • Ad esempio. se l’Italia un domani volesse fare un referendum per uscire dall’Unione Europea e vincessero i sì, la lira andrebbe svalutata della percentuale pari alla differenza dell’inflazione che c’è stata tra il paese più forte da quando abbiamo una moneta unica.
  • La svalutazione della lira quindi sarebbe rispetto all’euro di circa il 30% , a questa gli va tolta l’inflazione che c’è stata dal 2001 fino ad oggi, ecco che il cambio si riallineerebbe automaticamente al differenziale del tasso di inflazione.

Le conseguenze politiche di un’uscita della Gran Bretagna, il Brexit:

  • Possiamo stare tranquilli che sentiremo riparlare del Brexit molto spesso da qui al 23 Giugno 2016, quando ci sarà il referendum.
  • Se le conseguenze economiche e finanziarie sono importanti, lo potrebbero essere molto di più le conseguenze politiche.
  • Molti partiti politici nazionalisti europei potrebbero iniziare a chiedere Referendum, se poi si vede che vincono i sì in Inghilterra, allora molte formazioni politiche cavalcheranno la voglia di allontanarsi dall’Europa, si farà un salto indietro di 20 anni, un salto indietro a livello politico, economico e culturale, solo perchè non si è riusciti ad andare avanti.
  • Ognuno tornerà a pensare ai propri interessi nazionali, scordandosi che gli interessi da salvaguardare dovrebbero essere quelli delle persone, non degli stati, le conseguenze potrebbero essere del tutto imprevedibili nel lungo periodo, ma la storia ci insegna che l’Europa ha avuto enormi conflitti tra gli stati, siamo stati sempre in guerra tra di Noi.

Cosa fare dei Nostri risparmi in caso di Brexit:

  • In un periodo di grande volatilità dei mercati, di una possibile ripresa della crisi economica mondiale, l’uscita della Gran Bretagna sembra quasi la ciliegina sulla torta per destabilizzare del tutto i mercati finanziari.
  • Di sicuro si potranno fare dei buoni affari per chi si intende di investimenti sul Forex, in quanto il valore delle monete subirà dei bei sbalzi dai quali si potranno ottenere ottimi risultati, ma quando ci sono questo tipo di problemi sui mercati, i beni rifugio sono sempre i migliori investimenti da fare.

Il ritorno all’investimento sicuro e ai beni rifugio:

brexit cosa significa

Piano anti panico delle Banche Centrali in caso di Brexit.

  • Se prima abbiamo analizzato gli effetti Brexit, cioè di una uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea e tutte le conseguenze di questa scelta democratica derivata dal referendum indetto per il 23 Giugno.
  • Mario Draghi si dice ‘pronto a qualsiasi risultato‘, cioé sia in caso di ‘Leave‘ che di ‘Remain‘, come suggerisce la scheda del referendum. In pratica Draghi dice esplicitamente che la BCE emeterà denaro come ha fatto finora. Come si può vedere dal grafico qui sopra, la BCE sta ‘stampando moneta’ e ha immesso nella UE la bellezza di 3.094 miliardi di euro dall’inizio del 2016 ( una quantità di denaro maggiore rispetto al denaro immesso negli scorsi anni in 12 mesi di QE).
  • La Bank of England si dice “pronta a fornire liquidità illimitata“, nel caso in cui ci fosse una paralisi dei mercati post-Brexit. la Bank of England, ha importanti accordi con la BCE, ma anche con la Bank Of Japan, con la Federal Reserve e la Banca Centrale Svizzera , accordi che si basano su swap ed altri strumenti finanziari che possono essere emessi in ogni momento, in caso di difficoltà.
  • BCE metterà in campo le  Tltro 2 (Targeted Longer – Term Refinancing Operations), un meccanismo per aiutare il rifinanziamento dell’economia reale con operazioni mirate ad un tasso d’interesse competitivo. Di queste Tltro2, se ne prevedono addirittura 4 proprio a seguito di un Brexit,. Le vecchie Tltro dovrebbero scadere proprio in questi giorni.

LEGGI GLI AGGIORNAMENTI >>>—le garanzie di StatoPrimi impatti sull’economia della GBLe prime reazioni dei mercati

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

11 commenti

  1. Hanno ammazzato quella signora che NON VOLEVA IL BREXIT, PERCHè.
    Quella povera donna aveva 2 figli piccoli, questi fascisti l'hanno ammazzata !!

    1. Bella domanda.
      Secondo molti analisti finanziari, ci sarà un tracollo della sterlina per un primo periodo, quindi la moneta inglese tornerà ad acquistare valore.
      Il problema è che molti dicono che tornerà ai valori che aveva fino ieri, altri dicono che non ci tornerà più.
      Noi non abbiamo la sfera di cristallo, purtroppo.
      Sarebbe stato meglio toglierli PRIMA del referendum, comunque.
      Sta a lei decidere, se perdere il 10% oggi e quindi recuperare tutto oggi, oppure andare verso l'incertezza.

  2. Vorrei sapere invece la situazione relativa agli italiani che si trovano lì… sarebbero considerati stranieri alla stregua degli extracomunitari?

    1. Per i prossimi mesi possiamo stare tranquilli, anche se abbiamo parenti o amici che vivono e lavorano in Gran Bretagna non ci sarà nessun tipo di problema, le leggi non cambieranno oggi per domani.
      Male che vada, in un futuro per lavorare in Inghilterra, bisognerà farsi rilasciare un permesso di soggiorno, come accade per i cittadini extracomunitari oggi.
      Sono escluse espulsioni o provvedimenti simili per gli stranieri, a meno che non si macchino di qualche reato.
      Certo, una volta entrate in vigore delle nuove leggi, sarà più difficile entrare come si faceva oggi.
      Va ricordato tra l'altro, che l'Inghilterra aveva già una sua personale interpretazione del trattato di Schengen

  3. Finalmente questa volta ha vinto il popolo coraggioso della UK.
    Basta aiutare le banche e la Signora. L'Italia se vuole uscire, deve fare pagare il debito pubblico ai politici che fino adesso hanno rubato. Un'altra cosa, vorrei sapere dal Presidente Napolitano, quale sia il Nuovo Ordine Mondiale? Forse il binderberger?

  4. be'… l' articolo e' disastroso… e guardate un po', l' inghilterra e' ancora li'..e i valori economici vanno bene…. la Germania continua a esportare in UK
    Questo articolo deve aver sbagliato pianeta..

Rispondi a Gran Bretagna fuori dall'Europa Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *