Entrate Facebook Aumento + 29% Nonostante Problemi Privacy

Facebook Inc. ( FB quotazione azioni ) nonostante i recenti scandali sulla privacy, continua ad avanzare rapidamente. Le sue azioni sono balzate fino al 5% negli scambi after-hour mercoledì dopo che la società ha annunciato risultati del terzo trimestre che hanno battuto profondamente le stime degli utili degli analisti e superato le previsioni dei ricavi.

Il colosso del social network ha registrato un utile netto del terzo trimestre di $ 6,09 miliardi, ovvero $ 2,12 per azione, rispetto a $ 5,14 miliardi, o $ 1,76 per azione, nel periodo di un anno fa .

Le entrate sono aumentate del 29% a $ 17,65 miliardi da $ 13,73 miliardi di un anno fa. Le vendite pubblicitarie hanno rappresentato il 98% delle entrate totali, ovvero $ 17,38 miliardi.

Gli analisti intervistati da FactSet avevano stimato $ 1,91 una quota sui ricavi di $ 17,37 miliardi.

“Questa trimestrale è stata ottima e continuiamo a crescere, “, ha detto Zuckerberg, aggiungendo . ” Il nostro obiettivo è quello di migliorare l’esperienza utente e la loro vita in tutto il mondo.”

Facebook FB, -0,56% ha anche annunciato la partenza della consigliera Susan Desmond-Hellmann, CEO della Bill and Melinda Gates Foundation, dopo sei anni per motivi personali e di salute. La sua sostituzione nel consiglio di amministrazione di sette membri è prevista “nei prossimi mesi”, ha dichiarato Facebook in un deposito della SEC .

Entrate di Facebook in Aumento del + 29% Nonostante i Problemi della Privacy
Andamento azioni Facebook dal 2012 agli inizi del 2020

Aumenta il numero di utenti attivi

Gli utenti mensili attivi (MAU), un barometro chiave della crescita dell’azienda, sono aumentati dell’8% a 2,45 miliardi di persone, come previsto dagli analisti di FactSet.

Circa 2,8 miliardi di persone usano Facebook e le sue proprietà, WhatsApp, Instagram e Messenger, ogni mese, ha dichiarato Zuckerberg in una teleconferenza in seguito all’annuncio degli utili.

I risultati trimestrali sottolineano ciò che è stato un arco narrativo costante durante tutto l’anno: nonostante un’indagine della Federal Trade Commission sulle sue pratiche commerciali, quest’anno una sanzione record di 5 miliardi di dollari da parte della FTC per violazioni della privacy e una linea conga di politici arrabbiati che lo richiedono per essere tagliato e tagliato, Facebook continua a pubblicare risultati concreti. Lo stesso vale in gran parte per le altre grandi aziende tecnologiche che si trovano ad affrontare il controllo normativo: Apple Inc. AAPL, -0,01% , Amazon.com Inc. AMZN, + 0,98% e Alphabet Inc. GOOGL, + 0,00% GOOG, -0,11% divisione Google.

“Siamo di fronte a importanti problemi normativi e sociali”, ha riconosciuto Zuckerberg durante la conference call. Ha ripetuto la sua preferenza per un “livello molto definito” di regole federali.

“Molte delle domande antitrust là fuori saranno sulla nostra acquisizione di Instagram”, ha detto Zuckerberg in risposta alla domanda di un analista. “Ma pensiamo che [la sua attività] sia stata molto più complementare di quanto pensassimo … Alla fine, è una decisione della FTC.”

In precedenza, il co-fondatore di Facebook ha colto l’occasione durante la teleconferenza per raddoppiare il recente sostegno della società alla libertà di espressione e di espressione, in particolare nelle pubblicità politiche mentre la campagna presidenziale del 2020 si intensifica. “Nel corso del prossimo anno di campagne, saremo al centro del dibattito”, ha affermato. “Mi aspetto che questo sarà un anno molto difficile … ma si tratta di cose complesse”. Ha aggiunto che le pubblicità dei politici rappresenteranno meno dello 0,5% delle entrate totali nel 2020.

Ma non tutti i numeri per Facebook sono rosei.

Durante la teleconferenza, David Wehner, Chief Financial Officer di Facebook, ha avvertito della “decelerazione pronunciata” delle entrate del 4 ° trimestre tra sovrapposizioni di prodotti e “venti contrari alla pubblicità”. Ha notato un aumento del 32% dei costi e delle spese del terzo trimestre, a $ 10,5 miliardi.

Quindi viene effettivamente utilizzato il prodotto principale di Facebook. Gli americani trascorrono il 26% in meno di tempo su Facebook rispetto a due anni fa e utilizzano sempre più altri social network come alternativa, secondo un nuovo studio del ricercatore di mercato Active Inc.

Gli utenti di Facebook hanno trascorso in media quasi 13 ore al mese sulla piattaforma nel 2017; oggi, quella cifra è scesa a 9,28 ore, ha detto Active. Allo stesso tempo, gli utenti dei social media negli Stati Uniti appartengono a 5.8 diverse reti di social media; entro il 2023, si prevede che saranno 10.

Le azioni di Facebook sono aumentate del 44% quest’anno, confermandosi tra i migliori titoli azionari su cui investire, mentre l’indice S&P 500 SPX, + 0,33% ha guadagnato il 21%.

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *