Azioni Telecom Italia TIM 2022: Conviene Investire? Quotazione e Previsione

Conviene investire in azioni Telecom Italia Spa ( TIM ) ?

TIM è il nuovo nome della società telefonica che offre servizi, ma in realtà, se vogliamo diventare azionisti, dobbiamo comprare azioni Telecom, oggi cercheremo di capire se conviene investire in questo tipo di azioni oppure no.
Telecom Italia (società per azioni) è una società (gruppo) leader in Italia nel campo delle telecomunicazioni, offrendo sia in ambito nazionale, sia all’estero, servizi di telefonia fissa, mobile, internet, televisione via cavo ed altri servizi connessi al campo delle telecomunicazioni.

Il core business è in Italia, anche se la presenza all’estero (come si dirà in prosieguo) è rilevante; le azioni Telecom Italia sono state uno dei titoli più comprati dai piccoli risparmiatori e una delle prime grandi privatizzazioni quotate in borsa del Nostro paese.

Azioni TELECOM Italia ( TIM ) ultime novità

Dividendi 21 Giugno 2021:

  • TELECOM ITALIA (TIM) (TIT.MI) azioni ordinarie 0,01 euro
  • azioni di risparmio 0,0275 euro

Azioni TELECOM ITALIA SPA: IL GRUPPO

Più che come semplice società, Telecom Italia Spa è un gruppo, ed esattamente si collocata al settimo posto a livello di fatturato in Italia.

Telecom Italia gestisce la connessione internet per la pubblica amministrazione in Italia, anche se sotto tale punto di vista, siamo in un fase transitoria (gli aggiudicatari della gara Consip sono Tiscali, BT Italia, e Vodafone Italia).

Da gennaio 2016 è stato soppresso il vecchio marchio TIM della telefonia mobile, unificando la telefonia fissa e quella mobile sotto il brand Telecom Italia.

Il gruppo è quotato alla Borsa di Milano, indice FTSE MIB.

Azioni Telecom Italia Spa: conviene investire?
Sopra: il Gruppo TELECOM Italia S.p.a.

Azioni Telecom Italia: un gruppo “storico”

La presenza in Italia di Telecom  è ascrivibile al 1994 che rappresenta l’anno della fusione tra le società statali che si occupavano di telecomunicazione, in primis SIP (Stipel). Le origini  di SIP (società italiana per l’esercizio telefonico) risalgono al 1925, e con la stessa denominazione ha ricoperto un ruolo fondamentale nelle telecomunicazioni sino agli anni ’60.

L’evoluzione storica, in particolare nell’anno 1997, ha una fase importante, rappresentata dalla privatizzazione, con vendita del 35% del capitale. Lo stesso anno Telecom Italia inizia ad essere quotata in Borsa a Itl 10902. Questo passaggio fondamentale avviene sotto la presidenza di Guido Rossi.

Il progresso e l’evoluzione di Telecom Italia continua negli anni, seppur non sempre sotto i migliori auspici. L’anno 2005 è un anno di forte indebitamento finanziario, così come mostra il relativo bilancio di esercizio con una cifra di quasi Eur 40 miliardi. Nonostante tale dato molto negativo, viene deciso l’aumento del dividendo agli azionisti, con relativo declassamento da parte di Fitch: da A- si passa a BBB+.

L’integrazione della telefonia fissa e mobile (con relativa soppressione di TIM) avviene nel 2015, con una OPA su Tim da parte di Telecom Italia (già detentrice del 56% del capitale di TIM).

Gli anni che vengono dopo il 2014 sono fondamentali per l’evoluzione del gruppo, e lo sviluppo delle infrastrutture, con investimenti per Eur 9 miliardi di Eur per implementare la rete, sviluppare la fibra ottica e la rete mobile 4 G.

Telecom Italia offre oggi una moltitudine di servizi: oltre la telefonia fissa e mobile, come sopra ricordato, vi sono i servizi digitali, i contenuti multimediali, servizi di cloud storage, etc.

Vi sono attualmente  più di 11 milioni di collegamenti fissi, e quasi 30 milioni di linee del settore mobile gestite da Telecom Italia.

La presenza all’estero è rilevante, anche se il business primario è in Italia.In Brasile esiste TIM Brasil, società di telecomunicazioni tra le più grandi nel paese.

Dal Gruppo alle azioni Telecom Italia

Come ricordato, le azioni Telecom Italia sono quotate su Borsa Italiana e sono parte del calcolo dell’indice FTSE MIB.

Il corso delle azioni ha conosciuto fasi alterne, e forte volatilità. Vi sono state importanti crolli e perdite nelle quotazioni delle azioni, sebbene dal 2013 è ancora in essere un moderato trend rialzista.

 

QUOTAZIONI AZIONI TELECOM SPA TIM

 


 

Ultime novità azioni Telecom lunedì 22 Novembre 2021

Lunedì, a metà sessione a Milano, le negoziazioni del titolo Telecom Italia (MI:TLIT) sono aumentate del 27%, dopo un’offerta amichevole da 12 miliardi di dollari da parte del colosso del private equity KKR (NYSE:KKR).

L’offerta per la più grande compagnia telefonica italiana ha alimentato un’impennata dei prezzi delle azioni di altre società di telecomunicazioni europee, molte delle quali scambiate a valutazioni depresse a causa della loro redditività limitata e delle pesanti esigenze di investimento dovute al lancio del 5G. BT a Londra (LON:BT) e KPN ad Amsterdam (AS:KPN) sono aumentati di circa il 3% ciascuno. Gli ADR di Vodafone (NASDAQ:VOD), il più grande operatore di telecomunicazioni europeo, sono aumentati di circa il 2%.

KKR ha offerto 50,5 centesimi di euro per azione, conferendo alla società un valore aziendale di 33 miliardi di euro (circa 37 miliardi di dollari). Il titolo è attualmente scambiato a 44 centesimi. L’offerta non vincolante è subordinata al sostegno del governo e all’esito di un’analisi di due diligence di quattro settimane.

Il governo italiano ha il potere di bloccare gli interessi stranieri indesiderati in società strategiche. Il Ministero del Tesoro del paese ha dichiarato domenica che la decisione sull’utilizzo di tali poteri dipenderà dai piani per la rete.

Questi poteri hanno principalmente agito da freno alle ambizioni della francese Vivendi (OTC:VIVHY), che ha accumulato una quota del 24% nella società, sebbene a un livello più del doppio di quello che offre ora KKR.

L’azienda italiana ha emesso due profit warning in tre mesi, spingendo Vivendi a spingere per sostituire l’amministratore delegato Luigi Gubitosi.

 

ALTRI TITOLI AZIONARI ITALIANI INTERESSANTI SU CUI INVESTIRE 

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

2 commenti

  1. Aspetto che qualche esperto mi spieghi come e perche’ le azioni Telecom negli anni sono passate da oltre 3 euro a 0,33 euro, pur essendo rimasti inalterato il valore reale dell’azienda. E come hanno fatto ad accumulare tanti debiti.Dove sono finiti i soldi degli azionisti e quelli prestati dalle banche? Una bella storia da tramandare ai posteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *