Azioni MPS Banca Monte Paschi 2020, Previsioni: Conviene Investire?

Comprare azioni MPS oggi, conviene? Passati alcuni mesi dalle ben note vicende che hanno interessato MPS, proviamo a comprendere possibili scenari per comprare azioni Banca MPS oggi.Il titolo MPS è molto particolare. La banca senese è stata salvata da sicuro fallimento dallo Stato italiano e ora  il MEF detiene la maggioranza del pacchetto azionario. MPS è la prima banca italiana a livello storico ed ha molte filiali in tutta Italia. Il suo problema è dovuto a crediti deteriorati che pian piano sta smaltendo. Gli utili ci sono ma ovviamente ancora sono molto bassi. Quello che è certo che il prezzo di questa azione è crollato da quando la banca è in difficoltà, ma è crollato così tanto che ora il valore di MPS è almeno 3 volte tanto il valore delle sue azioni. Investire e comprare azioni di questa banca quindi potrebbe essere un grande affare nel lungo periodo, ma quando questo titolo riprenderà quota? Nessuno lo sa, ci vorrà tempo, di sicuro in questo periodo il prezzo dell’azione di MPS è di 1 euro e sembra molto appetibile per chi voglia fare un investimento azionario a lungo termine.

Banca Monte dei Paschi di Siena, ultime novità:

 

A Maggio l’autorità per il garante dell’Unione Europea ha detto sì ad una bad bank dove far finire la grande quantità di NPL – Non Performing  Loans ( i crediti inesigibili)  in pancia alla più antica banca italiana. Finalmente nei primi mesi del 2021 questa importante banca italiana potrà avere nuova vita, vedere lo Stato italiano rivendere la sua quota di azioni che ammontano al 60% del totale e tornare ad essere competitiva a livello nazionale, poi si vedrà. Il titolo si è notevolmente apprezzato dopo questo annuncio.

MPS: una banca sempre in prima pagina

 

Le quotazioni molto incerte delle azioni MPS indicano che la situazione societaria risente, ancora, moltissimo delle alterne vicende legate al risanamento/rilancio della banca.

La risalita delle quotazioni dipende dall’ arrivo di concreti segnali positivi da Siena. L’ atteggiamento dei mercati dipende molto dall’ amministratore delegato Marco Morelli (CEO), il quale sta cercando duramente di ridare fiducia ai mercati, con lo spettro aleggiante del crollo del titolo. Alcune settimane fa, vi è stato l’ incontro a Londra del manager con la comunità finanziaria: scopo del meeting è stato il rassicurare gli investitori internazionali sulla tenuta della banca senese.

 

Secondo quanto afferma Milano Finanza, Mps, che ha riportato in pieno le parole del manager, lo stesso ha illustrato l’ avanzamento del piano industriale negoziato con l’ Europa, e le perfomance economiche della banca.

L’ amministratore ha puntualizzato in merito al deprezzamento (consistente) delle azioni nel primo trimestre del corrente anno. Secondo quanto affermato, il piano di ristrutturazione procede, e marcia come prestabilito. Nel contempo, vi è stata l’ avvio della cessione, per circa Eur 25 milioni di Eur, di crediti NPL.

La strategie del management è stata quella della rassicurazione, rispettando gli impegni presi dalla banca senese. Durante l’ incontro è stato presentato il nuovo direttore finanziario (Rovellini Andrea) recentemente sostituito.

Comprare Azioni MPS oggi, conviene?
La sede principale della Banca monte dei Paschi di Siena nella sua città

Notizie e rassicurazioni di MPS

 

L’ atteggiamento del manager Morelli si è concretizzato nel rassicurare, tranquillizzare, calmare le acque, cercando di diffondere fiducia, provando a far risalire le quotazioni delle azioni.

Per ora, siamo ben lontani da quota Eur 5 toccate dalle azioni MPS di fine Ottobre 2017: non è ancora chiaro lo scenario delle fusioni, e possibili alleanze con altre banche.

Al momento, lo scenario di Borsa registra debolezza, ed incertezza, con dubbi forti su possibili fusioni con altre banche italiane. Anche su tale ultimo punto, l’ amministratore Moretti ha rassicurato gli investitori internazionali su operazioni in divenire.

QUOTAZIONE AZIONI MPS



 

Notizie tra luci ed ombre

 

MPS ha comunicato, per il primo trimestre 2018, di essere tornata in utile, a fronte di una perdita per circa Eur 170 milioni nel primo trimestre 2017.

In tema di impieghi commerciali si segnala un aumento di circa Eur 900 milioni (crescita del 20% per l’ erogazione mutui).

 

I crediti deteriorati (NPL), come già accennato, è in corso il processo di cartolarizzazione. Leggi anche NPE Ratio delle banche italiane .

 

Ad oggi, MPS è proprietà al 60% dello Stato Italiano. Con il tempo ( si parla del 2021, ma non è certo ) anche questa quota verrà venduta.

Servizi offerti da MPS:

Conto Corrente

Piani di Accumulo

Conto Deposito

C/C bancario per giovani e studenti

Trading

 

Crediti deteriorati del Monte dei Paschi di Siena

 

Le vicende legati ai crediti deteriorati rappresentano un fattore primario in merito all’ andamento delle quotazioni delle azioni MPS.

Per ora si è chiusa una tranche di circa Eur 24 miliardi di cartolarizzazione (la più grande realizzata in Europa). MPS è riuscita ad ottenere l’ investment grade per la tranche di titoli di tipologia senior: tale dato permetterà di ottenere alla banca, nel giro di qualche settimana, la garanzia pubblica GACS.

 

È in corso la vendita, per Eur 1,5 miliardi, di probabili inadempimenti registrati tra i crediti di bilancio.

L’ amministratore delegato Marco Morelli, sempre nell’ ottica di rasserenare la platea degli investitori, ha sottolineato come il 2018 rappresenti un inizio nuovo per la banca.

 

Tali vicende sui crediti deteriorati mantengono molto instabili le quotazioni: si attende ora, a livello di Borsa, il test ad Eur 3,277 nel giro di 100 giorni. Se tale prezzo fosse raggiunto, e superato, il nuovo target price si sposterebbe ad Eur 3,58. Una situazione di flessione, invece, fino ad area Eur 3, non minerebbe, comunque, i potenziali segnali di forza delle quotazioni. Situazioni di importanti scostamento dall’ area Eur 3 renderebbero  la situazione molto incerta, con cali ulteriori stimati in area Eur 2,65 per le azioni.

Leggi anche:

Le banche italiane più sicure 

Banche a rischio

 

Conclusioni: conviene comprare azioni Banca MPS?

 

Il progresso nell’ attuazione del piano industriale, ed il graduale raggiungimento degli obiettivi di ristrutturazione (annunciati il 5 Luglio 2017), sono segnali importanti per gli operatori di Borsa, così come il completamento del piano di cessione delle sofferenze.

 

L’ ottenimento della garanzia GACS per i titoli senior (si veda sopra) è un dato importante. Il programma di ristrutturazione delle sofferenze (deconsolidamento delle sofferenze) ha una data prossima molto importante: 30 Giungo 2018.

 

In tale data, dopo l’ avvenuta cessione dei titoli Junior a Italian Recover Fund (Quaestio Capital), si potranno testare quali saranno gli impatti economici rivenienti dalla cartolarizzazione.

 

Per ora lo scenario, generale, delle quotazioni delle azioni Banca MPS rimane molto incerto. Comprare azioni Banca MPS, oggi, è un’ operazione che presenta rischi considerevoli: meglio attendere scenari più sereni nelle prossime settimane e magari concentrarci sui titoli di Banche italiane diversi da quella senese.

 

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *