Azioni JPMorgan Chase Quotazione Previsioni 2023, conviene comprare?

Con un patrimonio di 2,73 trilioni di dollari, J.P. Morgan Chase è tra le Big Four delle banche statunitensi e tra le 6 più grandi al mondo. Un valore di dimensioni inimmaginabili, che nasconde una storia di successi ma anche di grandi segreti, quella che costituisce le sue varie incarnazioni e il fondatore, l’uomo che ha caratterizzato la sua crescita, John Pierpont Morgan.

Il nome è tristemente ricordato per la crisi dei mutui sub-prime 2008-2009 e, nonostante un solido bilancio, non si ha la certezza che possa resistere agli effetti che prima il CoViD-19 , poi l’aumento dei prezzi delle materie prime, poi l’aumento dell’inflazione, poi l’invasione dell’Ucraina e le possibili decisioni delle banche centrali sul costo del denaro avranno sull’economia mondiale. 

Grafico Quotazione Azioni JPMorgan Chase ( JPM )

Indicatori Azioni JPMorgan sempre aggiornati; Volume scambi, Rapporto Dividendo/Prezzo, Dividendo per Azione, Rapporto Prezzo/Utili, Capitalizzazione, Margine di Profitto, Prezzo obiettivo medio, Prezzo Obiettivo massimo, prezzo obiettivo minimo, Margine EBITDA, PEG ratio, Price/Book, Payout Ratio:

 

Azioni J.P. Morgan Chase e Coronavirus, la situazione attuale

J.P. Morgan Chase è quotato sul NYSE e dal 1986 rappresenta uno di punti di forza dell’S&P500, indice statunitense realizzato da Standard & Poor’s che segue il paniere delle 500 aziende americane a maggior capitalizzazione.

Fondata nell’ormai lontano 1871 come Drexel, Morgan & Co., tra le varie incarnazioni al 2019 registra un fatturato di 115,6 miliardi di dollari e un patrimonio totale di 2,73 trilioni di dollari.

Azioni JP Morgan Chase Grafico in Tempo reale, conviene comprare nel 2020?

 

Previsioni J.P. Morgan Chase, cosa avverrà al titolo nel 2022?

Ora la Fed sta alzando i tassi incredibilmente velocemente. Da marzo, la Fed ha già alzato il tasso sui fondi federali all’interno di un intervallo compreso tra il 2,25% e il 2,50%, che è il picco raggiunto dai tassi nel 2019 dopo quasi quattro anni di un contesto di tassi in aumento. JPMorgan Chase dovrebbe trarre grandi benefici dal momento che una maggior parte delle sue attività fruttifere di interessi, come i prestiti, riprezzano più in alto e più velocemente delle sue passività fruttifere di interessi, come i depositi, a vantaggio del reddito da interessi netto (NII). La banca ha visto il NII crescere di $ 1,3 miliardi nel secondo trimestre e la banca ha realizzato poco più di $ 29 miliardi di NII nei primi sei mesi dell’anno. Il management ora pensa che la banca genererà $ 58 miliardi di NII nel 2022, il che significa che gli investitori possono aspettarsi altri $ 29 miliardi di NII nella seconda metà dell’anno.

L’aumento dei tassi potrebbe certamente aumentare le insolvenze sui prestiti e gli addebiti (il debito è improbabile da riscuotere e un buon indicatore delle perdite sui prestiti), ma abbiamo appena visto JPMorgan aumentare la sua indennità per perdite su crediti a oltre $ 34 miliardi nel 2020, quando l’incertezza economica era al minimo massimo storico, che equivale al 3,27% del portafoglio prestiti totale della banca. Nonostante l’enorme aumento degli accantonamenti, JPMorgan ha comunque generato oltre 29 miliardi di dollari di profitti nel 2020.

Cogliere il vento favorevole nel 2023 e oltre

JPMorgan ha visto cadere alcune delle sue attività chiave quest’anno, come l’investment banking. I mercati volatili e le valutazioni azionarie in calo hanno bloccato quest’anno le offerte pubbliche iniziali, così come altre emissioni. Le commissioni di investment banking nel secondo trimestre sono diminuite del 54% su base annua. Mentre i ricavi da trading sono andati molto meglio e hanno contribuito a sostenere la banca aziendale e di investimento di JPMorgan durante queste condizioni di mercato volatili, si spera che l’investment banking possa iniziare a riprendersi nel 2023.

Un altro vento contrario è arrivato sotto forma di capitale regolamentare, con JPMorgan che deve affrontare alcuni dei requisiti patrimoniali regolamentari più ingombranti dell’intero settore. Attualmente, la banca deve mantenere un coefficiente di capitale comune di classe 1 (CET1) dell’11,2%, che considera il capitale di base di una banca espresso come percentuale delle attività ponderate per il rischio come i prestiti. Il suo coefficiente CET1 alla fine del secondo trimestre era del 12,2%. Ma con le regole sul capitale regolamentare in continua evoluzione e apparentemente sempre non a favore di JPMorgan, la banca prevede che il coefficiente CET1 richiesto aumenterà del 12,5% nel 2023 e poi forse oltre il 13% nel 2024.

Dover costruire tutto questo capitale peserà sulle distribuzioni di capitale agli azionisti e renderà dividendi e riacquisti di azioni più modesti nel breve termine di quanto non sarebbero normalmente. Ma JPMorgan non ha mai fallito nell’affrontare una sfida di capitale regolamentare e può costruire capitale molto rapidamente. Sono fiducioso che la banca troverà un modo per costruire il capitale in eccesso per tornare infine agli azionisti a livelli più normali.

Le azioni JPMorgan Chase sono un acquisto?
In questo momento, JPMorgan Chase viene scambiato a circa il 173% del suo valore contabile tangibile, o patrimonio netto, che è piuttosto modesto rispetto a quella che è stata la sua valutazione dal 2017. E questo mentre la banca sta per godere del più grande ambiente di tassi in aumento dalla Grande Recessione. Lo stesso si può dire quando si guarda alla banca in base agli utili. Sì, potrebbe esserci una grave recessione, le commissioni di investment banking sono molto basse e la banca è messa alla prova dai nuovi requisiti patrimoniali regolamentari.

Ma abbiamo appena visto JPMorgan Chase fare molto bene durante una pandemia senza precedenti e il NII sta iniziando a crescere. Gli altri venti contrari sono fuori dal controllo della banca e l’attività è davvero abbastanza sana. A queste valutazioni, penso che JPMorgan sia un buon buy and hold a lungo termine.

Banche su cui investire  

BlackRock ( NYSE: BLK )

BMPS

NEXI

Azioni Deutsche Bank 

BPER Banca

ING Group 

Mediobanca Group 

Intesa Sanpaolo

Generali

BNL 

BPM

Unicredit

Finecobank

UBI

Finnat 

Azioni sottovalutate

Popolare di Bari

BPN Paribas

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *