Indicatori di Azioni più importanti che dicono se Conviene Comprare o NO

Prima di parlare degli indicatori di azioni fondamentali per un investitore, cerchiamo di capire quali sono i tanti fattori che possono influenzare il prezzo delle azioni.

Molti fattori possono far aumentare o diminuire il prezzo di un’azione, da notizie specifiche sugli utili di un’azienda a un cambiamento nel modo in cui gli investitori si sentono riguardo al mercato azionario in generale.

Indicatori di Azioni, indicatori di trading
Sopra: Toro vs. Orso  ( azione / mercato in crescita o in recessione)

Novità e performance aziendali

Ecco alcuni fattori specifici dell’azienda che possono influenzare il prezzo delle azioni:

  • comunicati stampa su guadagni e profitti e guadagni futuri stimati
  • annuncio dei dividendi
  • introduzione di un nuovo prodotto o richiamo di un prodotto
  • assicurarsi un nuovo grande contratto
  • licenziamenti dei dipendenti
  • acquisizione o fusione anticipata
  • un cambio di gestione
  • errori contabili o scandali

Performance del settore

Spesso, il prezzo delle azioni delle società dello stesso settore si muoverà in tandem tra loro. Questo perché le condizioni di mercato generalmente influenzano le aziende dello stesso settore allo stesso modo. Ma a volte, il prezzo delle azioni di una società trarrà vantaggio da una cattiva notizia per il suo concorrente se le società competono per lo stesso mercato.

Sentimento degli investitori

Il sentimento o la fiducia degli investitori possono far salire o scendere il mercato, il che può far salire o scendere i prezzi delle azioni. La direzione generale che prende il mercato azionario può influenzare il valore di un’azione:

  • mercato rialzista: un mercato azionario forte in cui i prezzi delle azioni stanno aumentando e la fiducia degli investitori sta crescendo. È spesso legato alla ripresa economica o al boom economico, nonché all’ottimismo degli investitori.
  • mercato ribassista un mercato debole in cui le azionii prezzi stanno scendendo e la fiducia degli investitori sta svanendo. Succede spesso quando un’economia è in recessione e la disoccupazione è alta, con prezzi in aumento.

Fattori economici

1. Tassi di interesse

La BCE e la Banca d’Italia possono aumentare o ridurre i tassi di interesse per stabilizzare o stimolare l’economia italiana. Questa è nota come politica monetaria. Se un’azienda prende in prestito denaro per espandere e migliorare la propria attività, tassi di interesse più elevati influiranno sul costo del proprio debito. Questo può ridurre i profitti dell’azienda e i dividendi che paga agli azionisti. Di conseguenza, la sua quotail prezzo potrebbe diminuire. E, in tempi di tassi di interesse più elevati, gli investimenti che pagano interessi tendono ad essere più attraenti per gli investitori rispetto alle azioni.

2. Prospettive economiche

Se sembra che l’economia si espanderà, i prezzi delle azioni potrebbero aumentare. Gli investitori possono acquistare più azioni pensando di vedere profitti futuri e prezzi delle azioni più elevati. Se le prospettive economiche sono incerte, gli investitori possono ridurre i loro acquisti o iniziare a vendere.

3. Inflazione

Inflazione significa prezzi al consumo più elevati. Questo spesso rallenta le vendite e riduce i profitti. I prezzi più alti spesso porteranno anche a tassi di interesse più elevati. Ad esempio, la Bank of Canada potrebbe aumentare i tassi di interesse per rallentare l’inflazione. Questi cambiamenti tenderanno a far scendere i prezzi delle azioni. Le materie prime, tuttavia, potrebbero fare meglio con l’inflazione, quindi i loro prezzi potrebbero aumentare.

4. Deflazione

Il calo dei prezzi tende a significare minori profitti per le aziende e diminuzione dell’attività economica. I prezzi delle azioni possono scendere e gli investitori possono iniziare a vendere le proprie azioni e passare a investimenti a reddito fisso come le obbligazioni . I tassi di interesse possono essere abbassati per incoraggiare le persone a prendere in prestito di più. L’obiettivo è aumentare la spesa e l’attività economica. La Grande Depressione (1929-1939) fu uno dei peggiori periodi di deflazione.

5. Shock economici e politici

I cambiamenti in tutto il mondo possono influenzare sia l’economia che i prezzi delle azioni. Ad esempio, un aumento dei costi energetici può portare a vendite inferiori, profitti inferiori e prezzi delle azioni inferiori. Un atto di terrorismo può anche portare a una flessione dell’attività economica e a un calo dei corsi azionari.

6. Cambiamenti nella politica economica

Se un nuovo governo sale al potere, può decidere di fare nuove politiche. A volte questi cambiamenti possono essere considerati positivi per gli affari, a volte no. Possono portare a variazioni dell’inflazione e dei tassi di interesse, che a loro volta possono influenzare i prezzi delle azioni.

7. Il valore del dollaro canadese

Molte aziende canadesi vendono prodotti ad acquirenti in altri paesi. Se il dollaro canadese aumenta, i loro clienti dovranno spendere di più per acquistare beni canadesi. Ciò può ridurre le vendite, che a loro volta possono portare a una riduzione dei prezzi delle azioni. Quando il prezzo del dollaro canadese scende, diventa più conveniente per gli altri acquistare i nostri prodotti. Questo può far aumentare i prezzi delle azioni.

PUNTO CHIAVE

I prezzi delle azioni possono essere influenzati da:

  • notizie e prestazioni aziendali
  • prestazioni del settore
  • sentimento degli investitori
  • fattori economici

6 indicatori di azioni più utilizzati per valutare i titoli azionari

Molti indicatori di trading e calcoli vengono utilizzati per valutare il valore e il potenziale di crescita di un’azione. Ecco alcuni indicatori chiave utilizzati dagli investitori.

1. Guadagno per azione / Earning per Share(EPS)

Questo è l’importo di ciascuna quota otterrebbe se una società pagasse tutto il suo profitto ai suoi azionisti. L’indicatore di azione EPS viene calcolato dividendo l’utile totale della società per il numero di azioni.

Esempio: se l’utile di una società è di $ 200 milioni e ci sono 10 milioni di azioni, l’EPS è di $ 20.

EPS può dirti come si confrontano le aziende dello stesso settore. Aziende che mostrano guadagni costanti e costantila crescita, anno dopo anno, spesso sovraperformerà le società con utili volatili nel tempo.

2. Rapporto prezzo/utile (P/E) Price to earnings ratio

Questo indicatore di azione misura la relazione tra i guadagni di una società e le sue azioniprezzo. Viene calcolato dividendo il prezzo corrente per azione delle azioni di una società per l’utile per azione della società.

Esempio: le azioni di una società vengono attualmente vendute a $ 50 per azione e i suoi guadagni per azionesono $ 5. Ciò significa che ha un rapporto P/E di 10 ($ 50 diviso per $ 5).

Il rapporto P/E può dirti se il prezzo di un’azione è alto o basso rispetto ai suoi guadagni.

Alcuni investitori ritengono che una società con un P/E elevato sia troppo cara. Ma a volte un’azienda con un P/E elevato oggi può offrire rendimenti più elevati e un P/E migliore in futuro. Come lo sai? Probabilmente dovrai guardare altri indicatori prima di decidere.

3. Rapporto prezzo/utili al rapporto di crescita /Price to earnings ratio to growth ratio (PEG)

Questo indicatore di azione ti aiuta a capire un po’ meglio il rapporto P/E. Viene calcolato dividendo il rapporto P/E per la crescita prevista dell’aziendanei guadagni.

Esempio – Un’azione con un P/E di 30 e una crescita degli utili prevista per il prossimo anno del 15% avrebbe un PEG di 2 (30 diviso per 15). Un titolo con un P/E di 30 ma una crescita prevista degli utili del 30% avrà un PEG di 1 (30 diviso per 30).

Il PEG può dirti se un’azione può essere o meno un buon valore. Più basso è il numero, meno devi pagare per partecipare alla crescita degli utili futuri prevista dell’azienda.

4. Rapporto prezzo/valore contabile / Price to book value ratio (P/B)

Questo indicatore confronta il valore che il mercato attribuisce a un’azienda con il valore che l’azienda ha dichiarato nei suoi libri finanziari. Viene calcolato dividendo il prezzo corrente per azione per il valore contabile per azione. Il valore di libro è il patrimonio netto corrente di una società, come elencato nella relazione annuale.

Il più delle volte, più basso è il P/B, meglio è. Questo perché stai pagando meno per un valore contabile maggiore.

Se stai cercando un’azione a buon prezzo con un potenziale di crescita ragionevole, potresti voler utilizzare un P/B basso come strumento per identificare possibili scelte di azioni.

5. Rapporto di pagamento dei dividendi / Dividend payout ratio (DPR)

Questo indicatore misura ciò che una società paga agli investitori in dividendi rispetto a ciò che il titolo sta guadagnando. Viene calcolato dividendo i dividendi annuali per azione per l’EPS.

Esempio: se una società pagasse 1 euro per azione in dividendi e avesse un EPS di 3 euro, il DPR sarebbe del 33% (1 diviso per 3).

Il DPR può darti un’idea di quanto bene gli utili di un’azienda supportino i pagamenti dei dividendi. Le aziende più mature avranno in genere un DPR più elevato. Credono che pagare di più in dividendi sia il miglior uso dei loro profitti per l’azienda e i suoi azionisti. Poiché è probabile che le aziende in crescita abbiano guadagni inferiori o nulli per pagare i dividendi, il loro DPR tenderebbe ad essere basso o zero.

6. Rendimento da dividendi / Dividend Yield

Questo parametro di azione misura il rendimento di un dividendo come percentuale del prezzo delle azioni. Si calcola dividendo il dividendo annuoper azione dal prezzo per azione.

Esempio: 2 azioni pagano ciascuna un dividendo annuo di $ 1 per azione. Le azioni della società A vengono scambiate a $ 40 per azione, ma le azioni della società B vengono scambiate a $ 20 per azione. La società A ha un rendimento da dividendi del 2,5% (1 diviso per 40), mentre la società B’s è del 5% (1 diviso per 20).

Il rendimento da dividendipuò dirti quanto flusso di cassastai ottenendo per i tuoi soldi, a parità di tutte le altre cose.

Eseempio:

Indicatori azioni UNICREDIT ( BIT: UCG

 

Ti potrebbero interessare:

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.