Rapporto Prezzo Utile per Azione P/E o P/U cos’è e perchè conoscerlo per comprare azioni

Cos’ è il rapporto prezzo/utili (P/E o P/U ) ? Perché è così importante da sapere prima di comprare o vendere un’azione? 

Il rapporto prezzo/utili (rapporto P/E) è il rapporto per valutare una società che misura il suo prezzo corrente delle azioni rispetto ai suoi utili per azione (EPS). Il rapporto prezzo-guadagno è talvolta noto anche come multiplo del prezzo o multiplo dei guadagni.

I rapporti P/E vengono utilizzati da investitori e analisti per determinare il valore relativo delle azioni di una società in un confronto mele-mele. Può anche essere utilizzato per confrontare un’azienda con il proprio record storico o per confrontare i mercati aggregati l’uno rispetto all’altro o nel tempo.

Il P/E può essere stimato su base trailing (retrospettiva) o forward (proiezione).

Rapporto Prezzo azione / Utile per azione

  • Il rapporto prezzo/utili (P/E) mette in relazione il prezzo delle azioni di una società con i suoi utili per azione.
  • Un rapporto P/E elevato potrebbe significare che le azioni di una società sono sopravvalutate, oppure che gli investitori si aspettano tassi di crescita elevati in futuro.
  • Le aziende che non hanno guadagni o che stanno perdendo denaro non hanno un rapporto P/E perché non c’è nulla da mettere al denominatore.
  • Nella pratica vengono utilizzati due tipi di rapporti P/E: P/E in avanti e in coda.

Formula e calcolo del rapporto P/E

La formula e il calcolo utilizzati per questo processo sono i seguenti.

Rapporto P/E = Valore di mercato per azione diviso Utili per azione

Per determinare il valore P/E , è sufficiente dividere il prezzo corrente delle azioni per l’utile per azione (EPS).

L’attuale prezzo delle azioni (P) può essere trovato semplicemente collegando il simbolo del ticker di un’azione a qualsiasi sito Web finanziario, e sebbene questo valore concreto rifletta ciò che gli investitori devono attualmente pagare per un’azione, l’EPS è una cifra leggermente più nebulosa.

L’EPS è disponibile in due varietà principali. TTM è un acronimo di Wall Street per ” trailing 12 mesi “. Questo numero segnala la performance dell’azienda negli ultimi 12 mesi. Il secondo tipo di EPS si trova nel rilascio degli utili di un’azienda, che spesso fornisce indicazioni sull’EPS  . Questa è l’ipotesi più istruita dell’azienda su ciò che si aspetta di guadagnare in futuro. Queste diverse versioni di EPS costituiscono la base rispettivamente del trailing e forward P/E.

 

Comprensione del rapporto P/E

Il rapporto prezzo/utili (P/E) è uno degli strumenti più utilizzati con cui investitori e analisti determinano la valutazione relativa di un titolo. Il rapporto P/E aiuta a determinare se un’azione è sopravvalutata o se un’azione è sottovalutata. Il P/E di una società può anche essere confrontato con altri titoli dello stesso settore o con il mercato più ampio, come l’indice S&P 500.

A volte, gli analisti sono interessati alle tendenze di valutazione a lungo termine e considerano le misure P/E 10 o P/E 30, che corrispondono rispettivamente alla media degli ultimi 10 o degli ultimi 30 anni di utili. Queste misure sono spesso utilizzate quando si cerca di misurare il valore complessivo di un indice azionario, come l’S&P 500, perché queste misure a lungo termine possono compensare i cambiamenti nel ciclo economico .

Il rapporto P/E dell’S&P 500 è oscillato da un minimo di circa 5x (nel 1917) a oltre 120x (nel 2009 subito prima della crisi finanziaria). Il P/E medio a lungo termine per l’S&P 500 è di circa 16x, il che significa che i titoli che compongono l’indice richiedono collettivamente un premio 16 volte maggiore rispetto ai loro guadagni medi ponderati. 1

Analisti e investitori esaminano il rapporto P/E di una società quando determinano se il prezzo delle azioni rappresenta accuratamente l’utile per azione previsto.

 

Prezzo a termine a termine

Questi due tipi di metriche EPS tengono conto dei tipi più comuni di rapporti P/E: il P/E forward e il  P/E finale . Una terza e meno comune variazione utilizza la somma degli ultimi due trimestri effettivi e le stime dei due trimestri successivi.

Il P/E forward (o leading) utilizza  indicazioni sugli utili futuri  piuttosto che cifre finali. A volte chiamato “prezzo stimato per i guadagni”, questo indicatore previsionale è utile per confrontare i guadagni attuali con quelli futuri e aiuta a fornire un quadro più chiaro di come saranno i guadagni, senza modifiche e altri aggiustamenti contabili.

Tuttavia, ci sono problemi intrinseci con la metrica P/E forward, vale a dire, le aziende potrebbero sottostimare gli utili per battere il P/E stimato quando verranno annunciati gli utili del prossimo trimestre. Altre società potrebbero sopravvalutare la stima e successivamente adeguarla al prossimo  annuncio degli utili . Inoltre, analisti esterni possono anche fornire stime, che possono divergere dalle stime aziendali, creando confusione.

 

Prezzo-guadagno finale

Il P/E finale si basa sulla performance passata dividendo il  prezzo corrente dell’azione  per gli utili totali di EPS negli ultimi 12 mesi. È la metrica P/E più popolare perché è la più obiettiva, supponendo che l’azienda abbia riportato gli utili in modo accurato. Alcuni investitori preferiscono guardare al P/E finale perché non si fidano delle stime degli utili di un altro individuo  . Ma il P/E finale ha anche la sua parte di carenze, vale a dire che le prestazioni passate di un’azienda non segnalano un comportamento futuro.

Gli investitori dovrebbero quindi impegnare denaro in base al potere di guadagno futuro  , non al passato. Anche il fatto che il numero di EPS rimanga costante, mentre i prezzi delle azioni fluttuano, è un problema. Se un evento aziendale importante fa aumentare o diminuire il prezzo delle azioni in modo significativo, il P/E finale rifletterà meno tali modifiche.

Il rapporto P/E finale cambierà quando il prezzo delle azioni di una società si muove perché i guadagni vengono rilasciati solo ogni trimestre, mentre le azioni vengono scambiate giorno dopo giorno. Di conseguenza, alcuni investitori preferiscono il P/E a termine. Se il rapporto P/E forward è inferiore al rapporto P/E trailing, significa che gli analisti si aspettano un aumento degli utili; se il P/E forward è superiore all’attuale rapporto P/E, gli analisti si aspettano che diminuiscano.

 

Valutazione da P/E

Il rapporto prezzo/utili o P/E è uno degli strumenti di analisi azionaria più utilizzati mediante il quale investitori e analisti determinano la valutazione delle azioni. Oltre a mostrare se il prezzo delle azioni di una società è sopravvalutato o sottovalutato, il P/E può rivelare come la valutazione di un’azione si confronta con il suo gruppo industriale o con un benchmark come l’indice S&P 500.

In sostanza, il rapporto prezzo-utili indica l’importo in dollari che un investitore può aspettarsi di investire in una società per ricevere $ 1 dei guadagni di quella società. Questo è il motivo per cui il P/E viene talvolta definito multiplo del prezzo perché mostra quanto gli investitori sono disposti a pagare per ogni dollaro di guadagni. Se una società è stata attualmente scambiata a un multiplo P/E di 20x, l’interpretazione è che un investitore è disposto a pagare $ 20 per $ 1 di guadagni correnti.

Il rapporto P/E aiuta gli investitori a determinare il valore di mercato di un’azione rispetto ai guadagni dell’azienda. In breve, il rapporto P/E mostra quanto il mercato è disposto a pagare oggi per un’azione in base ai suoi guadagni passati o futuri. Un P/E elevato potrebbe significare che il prezzo di un’azione è alto rispetto ai guadagni e forse sopravvalutato. Al contrario, un P/E basso potrebbe indicare che il prezzo attuale delle azioni è basso rispetto agli utili.

Glossario Trading

 

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.