Creato dal  Chicago Board Options Exchange (CBOE) , dall’indice di volatilità o VIX, è un indice di mercato in tempo reale che rappresenta l’aspettativa del mercato di una volatilità a 30 giorni . Derivato dagli input di prezzo delle opzioni dell’indice S&P 500  , fornisce una misura del rischio di mercato e dei sentimenti degli investitori. È anche conosciuto con altri nomi come “Fear Gauge” o “Fear Index”. Investitori, analisti di ricerca e gestori di portafoglio guardano ai valori di VIX come un modo per misurare il rischio di mercato , la paura e lo stress prima di prendere decisioni di investimento.

  • L’indice di volatilità CBOE, o VIX, è un indice di mercato in tempo reale che rappresenta le aspettative del mercato per la volatilità nei prossimi 30 giorni.

  • Gli investitori utilizzano VIX per misurare il livello di rischio, paura o stress nel mercato quando prendono decisioni di investimento.

  • I trader possono anche negoziare il VIX utilizzando una varietà di opzioni e prodotti negoziati in borsa, oppure utilizzare i valori VIX per valutare i derivati.

Come funziona il VIX?

Per strumenti finanziari come le azioni, la volatilità è una misura statistica del grado di variazione del loro prezzo di negoziazione osservato per un periodo di tempo. Nell’esempio qui sotto, si può osservare che il 27 settembre 2018, le azioni di Texas Instruments Inc. ( TXN ) e Eli Lilly & Co. ( LLY ) hanno chiuso attorno a livelli di prezzo simili rispettivamente di  107,29 e 106,89 $ per azione. Tuttavia, uno sguardo ai loro movimenti di prezzo nell’ultimo mese (settembre) indica che TXN (Grafico blu) ha avuto oscillazioni dei prezzi molto più ampie rispetto a LLY (Grafico arancione). TXN ha mostrato una volatilità più elevata rispetto a LLY nell’arco di un mese.

Indice VIX: cos'è e come si usa nel Trading per Investire in Borsa
Grafico da: Trading view

L’estensione del periodo di osservazione agli ultimi tre mesi (da luglio a settembre) inverte la tendenza: LLY ha avuto una gamma molto più ampia di oscillazioni dei prezzi rispetto a quella di TXN, che è completamente diversa dall’osservazione precedente fatta in un mese. LLY ha avuto una volatilità più elevata rispetto a TXN durante il periodo di tre mesi.

La volatilità tenta di misurare tale entità dei movimenti dei prezzi che uno strumento finanziario subisce in un determinato periodo di tempo. Più drammatiche sono le oscillazioni dei prezzi in quello strumento, maggiore è il livello di volatilità e viceversa.

Come viene misurata la volatilità

La volatilità può essere misurata utilizzando due diversi metodi. Il primo si basa sull’esecuzione di calcoli statistici sui prezzi storici in un determinato periodo di tempo. Questo processo comporta il calcolo di vari numeri statistici, come media (media), varianza e infine la deviazione standard sui set di dati storici dei prezzi. Il valore risultante della deviazione standard è una misura del rischio o della volatilità. Nei programmi per fogli di calcolo come MS Excel, può essere calcolato direttamente utilizzando la funzione STDEVP () applicata sull’intervallo dei prezzi delle azioni. Tuttavia, il metodo di deviazione standard si basa su molte ipotesi e potrebbe non essere una misura accurata della volatilità. Poiché si basa sui prezzi passati, il dato risultante è chiamato “volatilità realizzata” o “volatilità storica (HV) . “Per prevedere la volatilità futura per i prossimi X mesi, un approccio comunemente seguito è quello di calcolarlo negli ultimi X mesi e aspettarsi che seguirà lo stesso modello.

Il secondo metodo per misurare la volatilità consiste nel dedurre il suo valore come implicito dai prezzi delle opzioni . Le opzioni sono strumenti derivati ​​il cui prezzo dipende dalla probabilità che il prezzo corrente di un determinato titolo si muova abbastanza da raggiungere un determinato livello (chiamato prezzo di esercizio o prezzo di esercizio ). Ad esempio, supponiamo che le azioni IBM siano attualmente negoziate a un prezzo di 151 $ per azione. C’è un’opzione di chiamata su IBM con un prezzo d’esercizio di  160 $ e ha un mese di scadenza. Il prezzo di tale opzione call dipenderà dalla probabilità percepita dal mercato che il prezzo delle azioni IBM si sposti dal livello attuale di  151 $ a sopra il prezzo di esercizio di  160 $ entro il mese rimanente alla scadenza. Poiché la possibilità che tali movimenti di prezzo si verifichino entro un determinato periodo di tempo sono rappresentati dal fattore di volatilità, vari metodi di determinazione del prezzo delle opzioni (come il modello Black Scholes ) includono la volatilità come parametro di input integrale. Poiché i prezzi delle opzioni sono disponibili nel mercato aperto, possono essere utilizzati per derivare la volatilità del titolo sottostante (titoli IBM in questo caso).Tale volatilità, come implicita o dedotta dai prezzi di mercato, è chiamata in prospettiva ” volatilità implicita (IV) “.

Sebbene nessuno dei metodi sia perfetto in quanto entrambi hanno i loro pro e contro, nonché varie ipotesi sottostanti, entrambi danno risultati simili per il calcolo della volatilità che si trovano in un intervallo ristretto.

Estensione della volatilità a livello di mercato

Nel mondo degli investimenti, la volatilità è un indicatore di quanto grande (o piccolo) si muova un prezzo delle azioni, un indice settoriale specifico o un indice a livello di mercato, e rappresenta la quantità di rischio associata al particolare titolo, settore o mercato. L’esempio sopra specifico di azioni di TXN e LLY può essere esteso a livello di settore o di mercato. Se si applica la stessa osservazione sulle variazioni di prezzo di un indice settoriale specifico, ad esempio l’indice NASDAQ Bank (BANK) che comprende oltre 300 titoli bancari e di servizi finanziari, si può valutare la volatilità realizzata dell’intero settore bancario. Estendendolo alle osservazioni sui prezzi dell’indice di livello di mercato più ampio, come l‘indice S & P 500, offrirà una sbirciatina nella volatilità del mercato più ampio. Risultati simili possono essere ottenuti deducendo la volatilità implicita dai prezzi delle opzioni dell’indice corrispondente.

Avere una misura quantitativa standard per la volatilità semplifica il confronto tra le possibili variazioni di prezzo e il rischio associato a diversi titoli, settori e mercati.

L’indice VIX è il primo indice di riferimento introdotto dal CBOE per misurare le aspettative del mercato sulla volatilità futura. Essendo un indice lungimirante, è costruito utilizzando le volatilità implicite sulle opzioni dell’indice S&P 500  (SPX) e rappresenta l’aspettativa del mercato della volatilità futura a 30 giorni dell’indice S&P 500 che è considerato il principale indicatore dell’ampia borsa americana. Introdotto nel 1993, l’indice VIX è ora un indicatore consolidato e riconosciuto a livello globale della volatilità del mercato azionario statunitense. Viene calcolato in tempo reale in base ai prezzi in tempo reale dell’indice S&P 500. Vengono eseguiti i calcoli e i valori vengono trasmessi durante le 2:15 am CT e le 8:15 am CT e tra le 8:30 am CT e le 15:15 CT. CBOE ha iniziato la diffusione dell’Indice VIX al di fuori dell’orario di negoziazione degli Stati Uniti ad aprile 2016.

Calcolo dei valori dell’indice VIX

I valori dell’indice VIX vengono calcolati utilizzando le opzioni SPX standard negoziate CBOE (che scadono il terzo venerdì di ogni mese) e utilizzando le opzioni SPX settimanali (che scadono tutti gli altri venerdì). Sono considerate solo quelle opzioni SPX il cui periodo di scadenza è compreso tra 23 giorni e 37 giorni.

Mentre la formula è matematicamente complessa, teoricamente funziona come segue. Stima la volatilità attesa dell’indice S&P 500 aggregando i prezzi ponderati di più put e call SPX su una vasta gamma di prezzi di esercizio. Tutte queste opzioni ammissibili dovrebbero avere un’offerta valida diversa da zero e chiedere prezzi che rappresentino la percezione del mercato di quali prezzi di esercizio delle opzioni saranno colpiti dal sottostante durante il tempo rimanente alla scadenza. Per i calcoli dettagliati con l’esempio, si può fare riferimento alla sezione “Calcolo dell’indice VIX: procedura dettagliata” del white paper di VIX .

Evoluzione di VIX

Durante la sua origine nel 1993, VIX è stata calcolata come una misura ponderata della  volatilità implicita  di otto opzioni put  e  call S&P 100 at-the-money  , quando il mercato dei derivati ​​aveva un’attività limitata ed era in fase di crescita. Con la maturazione dei mercati dei derivati, dieci anni dopo, nel 2003, CBOE ha collaborato con Goldman Sachs e ha aggiornato la metodologia per calcolare VIX in modo diverso. Ha quindi iniziato a utilizzare una serie più ampia di opzioni basate sull’indice S&P 500 più ampio, un’espansione che consente una visione più accurata delle aspettative degli investitori sulla futura volatilità del mercato. La metodologia allora adottata continua a rimanere in vigore e viene anche utilizzata per calcolare varie altre varianti dell’indice di volatilità.

Esempio reale del VIX

Il valore della volatilità, la paura degli investitori e i valori dell’indice VIX aumentano quando il mercato sta cadendo. Il contrario è vero quando il mercato avanza: i valori dell’indice, la paura e la volatilità diminuiscono.

Uno studio comparativo del mondo reale sui record passati dal 1990 rivela diversi casi in cui il mercato complessivo, rappresentato dall’indice S&P 500 (Orange Graph), ha fatto impennare portando i valori VIX (Blue Graph) a scendere nello stesso periodo, e viceversa.

indice vix esempio

Si dovrebbe anche notare che il movimento VIX è molto più di quello osservato nell’indice. Ad esempio, quando S&P 500 è diminuito del 15% circa tra il 1 agosto 2008 e il 1 ottobre 2008, il corrispondente aumento di VIX è stato di quasi il 260%.

In termini assoluti, i valori VIX superiori a 30 sono generalmente collegati a una grande volatilità derivante da una maggiore incertezza, rischio e paura degli investitori. I valori VIX inferiori a 20 corrispondono generalmente a periodi stabili e privi di stress nei mercati.

Come fare trading con l’indice VIX

L’indice VIX ha spianato la strada all’utilizzo della volatilità come attività negoziabile, sebbene attraverso prodotti derivati.  Nel marzo 2004, CBOE ha lanciato il primo contratto futures negoziato in borsa e basato su VIX , seguito dal lancio delle opzioni VIX nel febbraio 2006. Tali strumenti collegati a VIX consentono una pura esposizione alla volatilità e hanno creato una nuova classe di attività. I trader attivi, i grandi investitori istituzionali e i gestori di hedge fund utilizzano i titoli collegati a VIX per la diversificazione del portafoglio , poiché i dati storici dimostrano una forte correlazione negativa della volatilità con i rendimenti del mercato azionario, vale a dire quando i rendimenti delle azioni diminuiscono, la volatilità aumenta e viceversa .

Oltre all’indice VIX standard, CBOE offre anche diverse altre varianti per misurare l’ampia volatilità del mercato. Altri indici simili includono l’indice di volatilità Cboe ShortTerm (VXSTSM), che riflette la volatilità attesa a 9 giorni dell’indice S&P 500, l’indice di volatilità a 3 mesi Cboe S&P 500 (VXVSM) e l’indice di volatilità a 6 mesi C&E S&P 500 (VXMTSM ). I prodotti basati su altri indici di mercato includono l’indice di volatilità Nasdaq-100 (VXNSM), l’indice di volatilità Cboe DJIA (VXDSM) e l’indice di volatilità Cboe Russell 2000 (RVXSM). Opzioni e futures basati su RVXSM sono disponibili per il trading su piattaforme CBOE e CFE, rispettivamente.

Come tutti gli indici, non è possibile acquistare direttamente VIX. Invece, gli investitori possono prendere posizione in VIX tramite contratti futures o opzioni o tramite prodotti negoziati in borsa basati su VIX (ETP) . Ad esempio, ETF Futures a breve termine ProShares VIX ( VIXY ), Serie iPath B S&P 500 VIX Futures a breve termine ETN (VXXB) e ETN (VXB) a lungo termine VelocityShares Daily Long VIX ( VIIX ) sono molte di queste offerte che tracciano un determinato indice della variante VIX e assumere posizioni in contratti futures collegati.

I trader attivi che adottano le proprie strategie di trading e algoritmi avanzati  utilizzano i valori VIX per valutare i derivati ​​basati su titoli beta elevati. Beta rappresenta quanto un determinato prezzo delle azioni può muoversi rispetto alla variazione dell’indice di mercato più ampio. Ad esempio, un titolo con un beta di +1,5 indica che è teoricamente più volatile del 50% rispetto al mercato. I trader che fanno scommesse attraverso opzioni di tali titoli beta elevati utilizzano i valori di volatilità VIX in proporzione appropriata per valutare correttamente le loro negoziazioni di opzioni.