Prezzo Gas Naturale: i fattori che ne determinano il prezzo

I prezzi del gas naturale sono una funzione della domanda e dell’offerta di mercato
L’aumento dell’offerta di gas naturale si traduce generalmente in prezzi più bassi del gas naturale e le diminuzioni dell’offerta tendono a portare a prezzi più alti. L’aumento della domanda generalmente porta a prezzi più alti e le diminuzioni della domanda tendono a portare a prezzi più bassi. A loro volta, i prezzi più alti tendono a moderare o ridurre la domanda e incoraggiare la produzione, mentre i prezzi più bassi tendono ad avere gli effetti opposti.

Prezzo Future Gas Naturale OTT 22 Aggiornato

Altri importanti indici da conoscere:

Tre fattori principali dal lato dell’offerta influiscono sui prezzi:

  1. Quantità di produzione di gas naturale
  2. Livello di gas naturale in deposito
  3. Volumi di importazioni ed esportazioni di gas naturale

LEGGI ANCHE: Come Investire in Gas Naturale

prezzo gas naturale, prezzo del gas, quanto costa il gas
prezzo gas naturale, prezzo del gas, quanto costa il gas

Tre fattori principali dal lato della domanda influiscono sui prezzi:

  1. Variazioni nel clima invernale ed estivo
  2. Livello di crescita economica
  3. Disponibilità e prezzi di altri combustibili

A causa dei vincoli delle infrastrutture di approvvigionamento del gas naturale e delle limitazioni nella capacità di molti consumatori di gas naturale di cambiare rapidamente combustibile, aumenti a breve termine della domanda e/o riduzioni dell’offerta possono causare grandi variazioni dei prezzi del gas naturale, soprattutto durante l’orario invernale.

La produzione nazionale di gas naturale negli USA è aumentata negli ultimi anni

Gli Stati Uniti producono la maggior parte del gas naturale che consumano. La produzione annuale di gas naturale secco negli Stati Uniti è generalmente aumentata dal 2005 al 2019 e i prezzi del gas naturale negli Stati Uniti sono generalmente diminuiti nello stesso periodo e sono stati meno volatili dal 2010.

La crescita economica può influenzare la domanda e i prezzi del gas naturale

La forza dell’economia influenza i mercati del gas naturale. Durante i periodi di crescita economica, l’aumento della domanda di beni e servizi dai settori commerciale e industriale può aumentare il consumo di gas naturale. L’aumento dei consumi legato all’economia può essere particolarmente forte nel settore industriale, che utilizza il gas naturale come combustibile e materia prima per realizzare molti prodotti come fertilizzanti e prodotti farmaceutici.

prezzo gas naturale, prezzo del gas, quanto costa il gas
Immagine sopra: dove si estrae il gas naturale

Il maltempo può interrompere l’approvvigionamento

Gli uragani e altre condizioni meteorologiche avverse possono influire sulla fornitura di gas naturale. I prezzi del gas naturale sono stati influenzati quando gli uragani hanno interrotto la produzione di gas naturale nel Golfo del Messico, come nel 2005 con gli uragani Katrina e Rita. Negli ultimi anni, le interruzioni nella produzione del Golfo del Messico tendono a incidere sui prezzi meno che in passato perché la quota della produzione totale di gas naturale secco statunitense dal Golfo del Messico è scesa da circa il 25% nel 2001 al 2% nel 2020. Molto freddo il tempo può anche interrompere la produzione di gas naturale . Se queste interruzioni dell’approvvigionamento si verificano quando la domanda di gas naturale è elevata, i prezzi potrebbero aumentare più del previsto.

Il clima invernale influenza fortemente la domanda residenziale e commerciale

Durante i mesi freddi, la domanda di gas naturale per il riscaldamento da parte dei consumatori residenziali e commerciali generalmente aumenta la domanda complessiva di gas naturale e può esercitare pressioni al rialzo sui prezzi. Se si verifica un freddo o un clima rigido inaspettati, l’effetto sui prezzi può intensificarsi perché l’offerta spesso non è in grado di reagire rapidamente agli aumenti a breve termine della domanda. L’effetto delle condizioni meteorologiche sui prezzi del gas naturale potrebbe essere maggiore se il sistema di trasporto del gas naturale (condutture) funziona già a piena capacità o quasi. Le forniture di gas naturale in deposito possono aiutare ad attutire l’impatto dell’elevata domanda durante la stagione fredda.

Il caldo clima estivo può aumentare la domanda di energia elettrica per il gas naturale

Le elevate temperature estive possono avere effetti diretti e indiretti sui prezzi del gas naturale. Il caldo tende ad aumentare la domanda di aria condizionata nelle case e negli edifici, il che generalmente aumenta la domanda di gas naturale da parte del settore energetico. Durante i periodi di forte domanda, i prezzi del gas naturale sul mercato spot possono aumentare notevolmente se le fonti di approvvigionamento di gas naturale sono relativamente basse o limitate. Inoltre, l’aumento del consumo di gas naturale da parte del settore elettrico durante l’estate può portare a immissioni di gas naturale negli stoccaggi inferiori al normale e in inverno a una riduzione dei volumi di stoccaggio disponibili, con possibili ripercussioni sui prezzi.

Le forniture di gas naturale in deposito svolgono un ruolo chiave nel soddisfare i picchi di domanda

Il livello di gas naturale nei giacimenti sotterranei ha una grande influenza sull’offerta complessiva. Lo stoccaggio aiuta a soddisfare gli aumenti stagionali e improvvisi della domanda, che la produzione interna e le importazioni potrebbero altrimenti non soddisfare. Quando la domanda è inferiore, lo stoccaggio assorbe l’offerta interna in eccesso. Lo stoccaggio supporta anche le operazioni di pipeline e i servizi hub commerciali. I livelli di gas naturale in stoccaggio in genere aumentano da aprile a ottobre , quando la domanda complessiva di gas naturale è inferiore. Tuttavia, negli ultimi anni, le iniezioni di gas naturale negli stoccaggi sono spesso proseguite fino alla prima metà di novembre. I livelli di gas naturale in stoccaggio in genere diminuiscono da novembre a marzo, quando la domanda di gas naturale per il riscaldamento è generalmente elevata.

La concorrenza con altri combustibili può influenzare i prezzi del gas naturale

Alcuni consumatori di carburante di grandi volumi come centrali elettriche e fabbriche di ferro, acciaio e carta possono passare da gas naturale, carbone e petrolio, a seconda del costo di ciascun combustibile. Quando i costi degli altri combustibili diminuiscono, la domanda di gas naturale può diminuire, il che può ridurre i prezzi del gas naturale. Quando i prezzi dei combustibili concorrenti aumentano rispetto al prezzo del gas naturale, il passaggio da tali combustibili al gas naturale può aumentare la domanda e i prezzi del gas naturale. Tuttavia, la capacità del settore manifatturiero statunitense di cambiare combustibile è diminuita negli ultimi decenni . I prezzi favorevoli del gas naturale negli ultimi anni hanno contribuito all’aumento del consumo di gas naturale da parte del settore dell’energia elettrica .

prezzo gas naturale, prezzo del gas, quanto costa il gas
Illustrazione sopra: la filiera del gas naturale, dall’estrazione, alla lavorazione, alla spedizione e stoccaggio agli utenti finali.

Come funziona il prezzo del gas nell’Unione Europea rispetto le decisioni prese contro la Russia

Nell’UE, ogni paese dell’UE determina in che modo prendere energia , nel rispetto delle regole del mercato UE e tenendo conto delle ambizioni climatiche dell’UE. L’obiettivo principale è quello di avere sempre energia e la più sostenibile possibile.

Azione e misure dell’UE

Nella seconda metà del 2021, l’UE ha registrato un aumento significativo dei prezzi all’ingrosso dell’energia. Tra i motivi alla base, il principale motore è stato l’impennata della domanda, in particolare da parte dell’ Asia, dopo la ripresa dal Covid. Ciò ha portato a una fornitura più stretta, con conseguente, ad esempio, volumi inferiori di importazioni di gas liquefatto.

Nella stessa fase, una combinazione di minori forniture di gas, una stagione invernale più lunga, eolico e solare europeo fermo per le condizioni cliatiche avverse,  hanno contribuito all’aumento del prezzo del carbone nell’ambito del sistema di scambio di quote di emissione (ETS) ha contribuito alla situazione sfavorevole del mercato.

Cassetta degli attrezzi delle misure

L’impennata dei prezzi all’ingrosso ha suscitato preoccupazioni per i suoi effetti sugli utenti finali, in particolare sui consumatori più vulnerabili. Per chiarire quali misure sono possibili in base alle norme dell’UE esistenti, il 13 ottobre 2021 la Commissione ha pubblicato la comunicazione ” Affrontare l’aumento dei prezzi dell’energia: uno strumento per agire e sostenere ” il 13 ottobre 2021. Documenta una serie di iniziative a breve e medio termine che I paesi dell’UE possono adottare nell’ambito del quadro legislativo esistente e altre potenziali risposte nell’ambito del mandato della Commissione.

repower eu
repower eu

REPowerEU

Come reazione immediata all’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio 2022, che ha amplificato la tensione sui mercati energetici, la Commissione ha pubblicato l’8 marzo la comunicazione “ REPowerEU: azione congiunta dell’UE per un’energia più accessibile, sicura e sostenibile ” . Afferma l’intenzione dell’UE di eliminare gradualmente la sua dipendenza dai combustibili fossili russi, delineando una serie di misure per realizzare questa ambizione, alcune delle quali integrano gli strumenti per il 2021 sui prezzi dell’energia e guardano alla sicurezza dell’approvvigionamento dell’UE.

Il 18 maggio 2022 è stato pubblicato il piano REPowerEU , che presenta un insieme dettagliato e completo di azioni e risorse per raggiungere gli obiettivi delineati nella comunicazione di marzo. Le sue misure e proposte mirano a ridurre ulteriormente la dipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi, aumentando nel contempo la resilienza del sistema energetico dell’UE. Basandosi sulle proposte del Green Deal europeo, il piano REPowerEU propone una serie aggiuntiva di azioni per risparmiare energia, diversificare le forniture e sostituire i combustibili fossili accelerando l’introduzione delle energie rinnovabili. Si prevede che l’aumento del risparmio e dell’efficienza energetica e l’aumento progressivo delle energie rinnovabili allevieranno la pressione sui prezzi dell’energia, promuovendo al contempo la transizione verde nell’UE.

Sicurezza dell’approvvigionamento e prezzi dell’energia accessibili

Poco dopo aver pubblicato la comunicazione REPowerEU, i leader dell’UE hanno adottato la dichiarazione di Versailles . Condanna l’aggressione della Russia contro l’Ucraina e sottolinea come l’UE possa ridurre la sua dipendenza dalle importazioni di energia russe e costruire un sistema energetico più robusto.

Il 23 marzo la Commissione ha pubblicato la comunicazione ” Sicurezza dell’approvvigionamento e prezzi dell’energia accessibili: opzioni per misure immediate e preparazione per il prossimo inverno “. Descrive idee per azioni europee collettive per affrontare le cause del problema nel mercato del gas e garantire la sicurezza dell’approvvigionamento di gas a prezzi ragionevoli per i cittadini e le imprese, in particolare rifornendo gli impianti di stoccaggio del gas.

Fai la tua parte

Insieme all’Agenzia internazionale per l’energia (AIE), la Commissione ha pubblicato una serie di azioni che i cittadini possono intraprendere per ridurre il proprio consumo di energia, risparmiare denaro e allo stesso tempo sostenere l’Ucraina riducendo la dipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi. Il rapporto Giocare la mia parte suggerisce 9 azioni individuali, che, se implementate da molti, possono fare la differenza..

  1. Un grado di aria condizionata fa la differenza
  2. Regola bene e tieni in ordine la caldaia
  3. Lo smart working fa risparmiare
  4.  Limita l’uso dell’auto se puoi andare al lavoro o uscire di casa con la bici o a piedi o con un mezzo pubblico
  5. Guidare piano fa risparmiare più di quello che puoi pensare.
  6. La domenica vai a piedi o in bici: è salutare e fa la differenza
  7. Andare in bici o a piedi dove possibile, fa un’enorme differenza, anche per la tua salute
  8. E’ così conveniente prender emezzi pubblici?
  9. Se vai sull’app di Trenitalia scoprirai che viaggiare in treno è incredibilmente economico e comodo, anche per le vacanze brevi e in tutta Europa, oltre che in Italia

Il ruolo dell’efficienza energetica per i prezzi dell’energia

L’efficienza energetica mira a una progressiva riduzione dei consumi energetici in tutti i settori ed è una precondizione necessaria per la transizione verso l’energia pulita. Soprattutto nel contesto dei prezzi elevati dell’energia, le misure e gli investimenti per l’efficienza energetica svolgono un ruolo importante

Rafforzare la resilienza del mercato energetico dell’UE

mitigare gli impatti macroeconomici e sociali degli alti prezzi dell’energia, in particolare rischiando di trascinare molte famiglie nella povertà energetica
ridurre il consumo di energia e ridurre al minimo la nostra dipendenza dalle importazioni di energia
Investire nell’efficienza energetica è il modo più conveniente per risparmiare energia e ridurre le bollette energetiche per le autorità pubbliche, i cittadini e le imprese. Il piano REPowerEU propone di aumentare l’ambizione della proposta della Commissione per il 2021 sull’obiettivo dell’efficienza energetica dell’UE per garantire una riduzione del 13% (anziché del 9%) del consumo di energia entro il 2030, rispetto alle proiezioni dello scenario di riferimento per il 2020. REPowerEU include anche un piano di risparmio energetico volto a ridurre il consumo energetico complessivo.

È importante progredire nell’adozione sia delle misure di efficienza energetica che dei relativi investimenti, poiché le misure a medio e lungo termine contribuiranno a ridurre i prezzi dell’energia, fornire energia pulita e a prezzi accessibili alle famiglie e alle imprese e, in generale, aumentare la resilienza del sistema energetico dell’UE e mercato interno dell’energia.

I paesi dell’UE hanno attualmente pianificato una serie di tali azioni, nell’ambito dei loro piani di ripresa e resilienza . La necessità di accelerare gli investimenti nell’efficienza energetica non è solo la chiave per mitigare l’impatto dei prezzi elevati dell’energia, ma è anche economicamente vantaggioso per sfruttare il tempo di ritorno dell’investimento ridotto per l’efficienza energetica e gli investimenti di ristrutturazione degli edifici. Molte banche commerciali locali in tutta l’UE offrono mutui per l’efficienza energetica e prodotti di prestito finanziario con rischio di credito e tassi di interesse inferiori.

Come funziona il mercato dell’energia in Europa e come si calcola il prezzo finale

  • Il mercato nella UE è un sistema di prezzi marginali, noto anche come mercato pay-as-clear , in cui tutti i produttori di elettricità ottengono lo stesso prezzo per l’energia che stanno vendendo in un dato momento.
  • I produttori di elettricità (dalle utilities nazionali ai privati ​​che generano la propria energia rinnovabile e la vendono in rete) fanno offerte sul mercato: stabiliscono il loro prezzo in base al loro costo di produzione.
  • Le fonti di energia rinnovabile sono prodotte a costo zero e sono quindi per definizione sempre le più economiche.
  • L’offerta va dalla fonte di energia più economica a quella più costosa.
  • L’elettricità più economica viene acquistata per prima, seguono le prossime offerte in linea.
  • Una volta soddisfatta l’intera domanda, ognuno ottiene il prezzo dell’ultimo produttore da cui è stata acquistata l’elettricità.

Questo modello fornisce efficienza, trasparenza e incentivi per mantenere i costi il ​​più bassi possibile. Vi è un consenso generale sul fatto che il modello marginale sia il più efficiente per i mercati dell’elettricità liberalizzati. In effetti, è stato utilizzato dalla maggior parte dei paesi dell’UE prima di essere ancorato alla legislazione dell’UE.

L’alternativa non fornirebbe prezzi più convenienti. Nel modello pay-as-bid , i produttori (comprese le energie rinnovabili a basso costo) farebbero semplicemente un’offerta al prezzo che si aspettano che il mercato venga liberato, non a zero o ai loro costi di generazione.

Nel complesso, è meglio che i consumatori dispongano di un modello trasparente che riveli i veri costi dell’energia e fornisca incentivi affinché le persone diventino attive nella generazione della propria elettricità.

Le più importanti aziende italiane di energia:

Fonti:

EIA – (US Energy Information Administration) – European Commission – Energy

 

Leggi anche:

Come risparmiare gas in casa 

 

Come Investire in Energia Nucleare tramite Azioni ed ETF

Investire in Energia Nucleare tramite Azioni ed ETF

L’energia nucleare ha una cattiva reputazione. In effetti, la maggior parte dei fondi comuni ambientali,…

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *