Cos’è una correzione?

Nell’investimento, una correzione è un calo del 10% o più del prezzo di un titolo dal suo picco più recente. Le correzioni possono essere apportate a singole attività, come una singola azione o obbligazione, o un indice che misura un gruppo di attività.

Un’attività, un indice o un mercato possono subire una correzione brevemente o per periodi prolungati: giorni, settimane, mesi o anche più a lungo. Tuttavia, la correzione media del mercato è di breve durata e dura da tre a quattro mesi.

Investitori, trader e analisti utilizzano metodi di creazione di grafici per prevedere e tenere traccia delle correzioni. Molti fattori possono innescare una correzione. Da uno spostamento macroeconomico su larga scala ai problemi nel piano di gestione di una singola azienda, le ragioni alla base di una correzione sono tanto varie quanto le azioni, gli indici oi mercati che influenzano.

NB: il termine “correzione” viene usato anche impropriamente quando un titolo o un indice sale improvvisamente di molti punti durante un periodo in cui sta calando.

Come funziona una correzione

Le correzioni sono come quel ragno sotto il tuo letto. Sai che è lì, in agguato, ma non sai quando farà la sua prossima apparizione. Anche se potresti perdere il sonno per quel ragno, non dovresti perdere il sonno per la possibilità di una correzione.

Secondo un rapporto della CNBC del 2018 , la correzione media per l’S & P 500 è durata solo quattro mesi ei valori sono scesi di circa il 13% prima di riprendersi. Tuttavia, è facile capire perché l’investitore individuale o inesperto possa preoccuparsi di un aggiustamento al ribasso del 10% o superiore al valore delle proprie attività in portafoglio durante una correzione. Non l’hanno visto arrivare e non sanno per quanto tempo durerà la correzione. Per la maggior parte degli investitori, nel mercato a lungo termine, una correzione è solo una piccola buca sulla strada del risparmio previdenziale. Il mercato alla fine si riprenderà, quindi non dovrebbero farsi prendere dal panico.

Ovviamente, una correzione drastica che si verifica nel corso di una sessione di trading può essere disastrosa per un trader a breve termine o giornaliero e per quei trader che sono estremamente indebitati. Questi trader potrebbero registrare perdite significative durante i periodi di correzione.

Nessuno può individuare quando una correzione inizierà, finirà o dire quanto drastico sarà il calo dei prezzi fino a quando non sarà terminato. Ciò che analisti e investitori possono fare è esaminare i dati delle correzioni passate e pianificare di conseguenza.

COSE DA SAPERE

  • Una correzione è un calo del 10% o più del prezzo di un titolo, asset o mercato finanziario.
  • Le correzioni possono durare da giorni a mesi o anche di più.
  • Sebbene dannosa a breve termine, una correzione può essere salutare, aggiustando i prezzi degli asset sopravvalutati e offrendo opportunità di acquisto.

Tracciare una correzione

A volte le correzioni possono essere proiettate utilizzando l’analisi di mercato e confrontando un indice di mercato con un altro. Utilizzando questo metodo, un analista potrebbe scoprire che un indice sottoperformante può essere seguito da vicino da un indice simile che è anch’esso sottoperformante. Una tendenza costante di queste somiglianze può essere un segno che una correzione del mercato è imminente.

L’analisi tecnica esamina il supporto dei prezzi dei livelli di resistenza per aiutare a prevedere quando un’inversione o un consolidamento possono trasformarsi in una correzione. Le correzioni tecniche si verificano quando un asset o l’intero mercato viene gonfiato eccessivamente. Gli analisti utilizzano la creazione di grafici per tenere traccia dei cambiamenti nel tempo in un asset, indice o mercato. Alcuni degli strumenti che utilizzano includono l’uso di bande di Bollinger, canali di inviluppo e linee di tendenza per determinare dove aspettarsi supporto e resistenza dei prezzi.

Preparazione degli investimenti per una correzione

Prima di una correzione del mercato, le singole azioni possono essere forti o addirittura sovraperformanti. Durante un periodo di correzione, le singole attività spesso registrano prestazioni scadenti a causa delle condizioni di mercato avverse. Le correzioni possono creare un momento ideale per acquistare beni di alto valore a prezzi scontati. Tuttavia, gli investitori devono ancora soppesare i rischi associati agli acquisti, poiché potrebbero benissimo vedere un ulteriore calo mentre la correzione continua.

Proteggere gli investimenti dalle correzioni può essere difficile, ma fattibile. Per far fronte al calo dei prezzi delle azioni, gli investitori possono impostare ordini stop-loss o ordini stop-limit . Il primo viene attivato automaticamente quando un prezzo raggiunge un livello preimpostato dall’investitore. Tuttavia, la transazione potrebbe non essere eseguita a quel livello di prezzo se i prezzi scendono rapidamente. Il secondo ordine stop imposta sia un prezzo target specificato che un prezzo limite esterno per l’operazione. Lo stop-loss garantisce l’esecuzione dove lo stop-limit garantisce il prezzo. Gli ordini stop dovrebbero essere monitorati regolarmente, per garantire che riflettano le attuali situazioni di mercato e i veri valori delle attività. Inoltre, molti broker permetteranno che gli ordini di stop scadano dopo un periodo.

Come investire durante una correzione

Sebbene una correzione possa interessare tutte le azioni, spesso colpisce alcune azioni più duramente di altre. I titoli a capitalizzazione più bassa e ad alta crescita in settori volatili, come la tecnologia, tendono a reagire in modo più forte. Altri settori sono più tamponati. Le azioni di beni di prima necessità, ad esempio, tendono ad essere a prova di ciclo economico, poiché implicano la produzione o la vendita al dettaglio di beni di prima necessità. Quindi, se una correzione è causata da o si approfondisce in una recessione economica, questi titoli continuano a funzionare.

La diversificazione offre anche protezione, se coinvolge risorse che funzionano in opposizione a quelle che vengono corrette o quelle che sono influenzate da fattori diversi. Ad esempio, obbligazioni e veicoli di reddito sono stati tradizionalmente un contrappeso alle azioni. I beni reali o tangibili, come le materie prime o gli immobili, sono un’altra opzione per gli asset finanziari come le azioni.

Sebbene le correzioni di mercato possano essere impegnative e un calo del 10% possa danneggiare in modo significativo molti portafogli di investimento, le correzioni a volte sono considerate salutari sia per il mercato che per gli investitori. Per il mercato, le correzioni possono aiutare a riadattare e ricalibrare le valutazioni degli asset che potrebbero essere diventate insostenibilmente elevate. Per gli investitori, le correzioni possono offrire sia l’opportunità di trarre vantaggio dai prezzi delle attività scontati sia di apprendere lezioni preziose su quanto rapidamente possono cambiare gli ambienti di mercato.

Fattori positivi di una correzione

Fattori negativi di una correzione

  • Può portare al panico, alle vendite eccessive
  • Danneggia gli investitori a breve termine, i trader con leva finanziaria
  • Può trasformarsi in un declino prolungato

 

Esempi di correzione nel mondo reale

Le correzioni di mercato si verificano relativamente spesso. Tra il 1980 e il 2018, i mercati statunitensi hanno subito 37 correzioni. Durante questo periodo, l’S & P 500 è sceso in media del 15,6%. Dieci di queste correzioni hanno portato a mercati ribassisti , che sono generalmente indicatori di recessioni economiche. Gli altri sono rimasti o sono tornati ai mercati rialzisti , che di solito sono indicatori di crescita economica e stabilità.

Prendi l’anno 2018, ad esempio. Nel febbraio 2018, due dei principali indici, l’indice Dow Jones Industrial Average (DJIA) e Standard & Poor’s 500 (S&P 500), hanno entrambi subito correzioni, in calo di oltre il 10%. Anche il Nasdaq  e l’S & P 500 hanno subito correzioni alla fine di ottobre 2018.

Ogni volta, i mercati sono rimbalzati. Poi un’altra correzione si è verificata il 17 dicembre 2018 e sia il DJIA che l’S & P 500 sono scesi di oltre il 10%: l’S & P 500 è sceso del 15% dal suo massimo storico. Il calo è continuato all’inizio di gennaio con previsioni che gli Stati Uniti avrebbero finalmente posto fine a un mercato ribassista.

I mercati hanno iniziato a recuperare, cancellando tutte le perdite dell’anno entro la fine di gennaio. A metà aprile 2019, l’S & P 500 era aumentato di circa il 20% dai giorni bui di dicembre. Analisti ottimisti dicono che il mercato rialzista ha ancora gambe per correre, anche se alcuni pessimisti temono che la ripresa potrebbe essere un rally del mercato ribassista di breve durata o, per usare un’altra metafora animale, un rimbalzo del gatto morto .