Disinflazione: significato della parola che ha fatto innamorare i mercati azionari

DISINFLAZIONE: il suo significato in economia indica un calo dell’inflazione grazie ad un calo del tasso di inflazione.  Disinflazione è la parola che ha usato il Capo della FED nell’ultima conferenza stampa di ieri.

Non meno di una dozzina di volte mercoledì il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha pronunciato la parola “disinflazione” durante la sua ultima conferenza stampa.

E la ripetuta discussione di Powell su questa dinamica ha contribuito a potenziare un rally del mercato azionario dopo la decisione della banca centrale mercoledì di aumentare i tassi di interesse di un altro 0,25%.

Quando è suonata la campanella di chiusura a Wall Street, il Nasdaq ad alto contenuto tecnologico era in rialzo del 2%.

Disinflazione: significato
Disinflazione: significato

Disinflazione: significato della parola che ha fatto innamorare i mercati finanziari

La citazione chiave di Powell è arrivata a circa 20 minuti dalla sua conferenza stampa , quando, in risposta a una domanda di Howard Schneider di Reuters, Powell ha detto, in parte: “Ora possiamo dire, per la prima volta, che il processo disinflazionistico è iniziato . Possiamo vederlo.”

A differenza dell’inflazione (prezzi che salgono) o della deflazione (prezzi che scendono) – entrambe temute dagli economisti in grandi quantità – la disinflazione significa che i prezzi salgono a un ritmo più lento. L’IPC principale, ad esempio, è aumentato del 6,5% rispetto all’anno precedente a dicembre, dopo essere balzato fino al 9,1% rispetto all’anno precedente a luglio. Questa decelerazione del ritmo degli aumenti dei prezzi è la disinflazione.

Questi sono i dati che arrivano dagli Stati Uniti ma anche i dati in Europa riflettono questo stato di cose: siamo in dinsinflazione.

Per dare un ulteriore passo avanti all’importanza dei commenti di Powell, la disinflazione suggerisce che la Fed potrebbe essere in grado di completare l’attuale ciclo di aumento dei tassi di interesse ed evitare una grave recessione dell’economia.

Dopotutto, ciò che la Fed ha sperato di ottenere è un “atterraggio morbido” in cui la crescita economica rallenta e l’inflazione scende, ma si evitano licenziamenti di massa e una recessione.

Le stesse previsioni della Fed suggerivano che nel 2023 sarebbe probabilmente seguita una recessione a seguito degli aumenti dei tassi del 2022 , ma a un mese dall’inizio dell’anno la visione sia degli investitori che del presidente della Fed sembra suggerire un crescente ottimismo sull’evitare questo scenario, proprio grazie a questa tendenza verso una disinflazione.

“Penso che la maggior parte delle previsioni direbbe che la disoccupazione probabilmente aumenterà un po’” dal suo attuale livello del 3,5%, ha detto Powell mercoledì. “Ma … continuo a pensare che ci sia un percorso per riportare l’inflazione al 2% senza un declino economico davvero significativo o un aumento significativo della disoccupazione”.

“Penso che molti, molti meteorologi direbbero che non è il risultato più probabile”, ha aggiunto Powell. “Ma direi che c’è una possibilità.”

Secondo Powell, l’attuale ondata di inflazione è stata confermata da una “collisione tra una domanda molto forte e forti vincoli di offerta”. Poiché entrambi i lati di questa equazione si sono moderati, la disinflazione a cui stiamo assistendo nei beni e nel mercato immobiliare, come due esempi, ha seguito.

E data la natura unica di questo ciclo economico, Powell ha affermato mercoledì che dinamiche simili emergeranno in tutta l’economia.

La lettura positiva del mercato sui commenti di mercoledì, tuttavia, non dovrebbe mettere in ombra l’importanza dell’attuale programma della Fed.

Con il suo ultimo aumento dei tassi, la Fed ha aumentato il suo tasso di riferimento del 4,5% da marzo 2022 e il tasso sui Fed funds è ora al livello più alto da ottobre 2007.

Guardando al mercato azionario sopportato dagli investitori nel 2022, gli effetti negativi di questa campagna sono stati evidenti. E sebbene l’aumento dei tassi di mercoledì abbia segnato un altro superlativo nell’attuale ciclo della Fed, gli investitori stanno guardando a quali potrebbero essere le prossime mosse della Fed.

Powell è stato esplicito nel dire che non crede che una diminuzione dei tassi sarà necessaria nel 2023. nonostante la disinflazione, Ma i crescenti segnali che gli impatti peggiori dell’inflazione sono già stati avvertiti e ormai tutti pensano che siano passati pare essere un concetto assodato tra i vari grandi investitori.

 

Glossario Finanziario: le parole “segrete” della finanza che TUTTI dovrebbero conoscere:

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.