Previsioni Mercati Finanziari Maggio 2024: Outlook Borse Valori

I dati sull’inflazione sono positivi sia in Italia che negli Stati Uniti e questo ha fatto ripartire il rally azionario di fine anno.

Cerchiamo di capire aiutandoci con quello ci dicono i dati dei migliori analisti di Wall Street delle più grandi banche di affari, rielaborate dal Centro Studi Economia-Italia.com. Ricordando sempre che non esistono previsioni accurate al 100% e che nessuno ha la sfera di cristallo .

Ribadendo come al solito che NESSUNO CONOSCE IL FUTURO e che ogni previsione sui mercati va presa con la dovuta cautela, cerchiamo di capire – in base ai dati a Nostra disposizione oggi e grazie ad un riassunto di quello che dicono i più autorevoli analisti di Wall Street  – quali potrebbero essere i trend del 2023, cioè se ci sarà un mercato ribassista/ orso o un mercato rialzista/toro o come dicono in tanti ci sarà proprio una recessione economica oppure insieme alla decrescita rimarrà un’inflazione che scaturirà in stagflazione, cioè un aumento dei prezzi, una diminuzione del valore del denaro e una diminuzione/stagnazione del PIL? Scopriamolo insieme.

Inizia ad Investire con Fineco la Banca N. 1 in Italia >>> CLICCA QUI

Gli indici che devi tenere sempre presente:

Grafico interattivo Indice FTSE MIB

Previsioni Mercati Azionari 2024 per JPM

  • I Global Investment Strategists  ritengono che, sebbene l’economia statunitense possa registrare un rallentamento della crescita nella prima metà del 2024, probabilmente eviterà una recessione.
  • Rendimenti obbligazionari più elevati e valutazioni azionari ragionevoli fanno sì che i rendimenti futuri sembrino più promettenti di quanto non lo siano stati da oltre un decennio.
  • Altri temi per il 2024 includono un potenziale aumento della produttività grazie all’intelligenza artificiale (AI) e gli incentivi dei governi per le industrie politicamente importanti.

Mentre controlli le tue finanze in vista del nuovo anno, potresti trovare una buona notizia: la recessione che tutti si aspettavano nel 2023 non si è mai materializzata. Guardando al 2024, i nostri strateghi ora si aspettano che, sebbene sia probabile che l’economia statunitense rallenti, eviti la recessione. La minore probabilità di una dolorosa recessione economica dovrebbe essere di buon auspicio per il tuo portafoglio di investimenti e per il processo decisionale finanziario nel nuovo anno.

Detto questo, la riduzione del rischio di recessione è solo uno degli elementi in un panorama finanziario in costante cambiamento. Mentre l’economia è emersa dalla pandemia di COVID-19 negli ultimi anni, lo sviluppo più importante nei mercati è stato l’aumento storico dei rendimenti obbligazionari. Quando si pianifica l’anno a venire, è fondamentale riconoscere l’impatto dei tassi di interesse più elevati.

Nel loro rapporto Outlook 2024 (PDF) , i Global Investment Strategists di JP Morgan si concentrano su cosa potrebbe significare un tasso di interesse mondiale del 5% per l’economia, i mercati finanziari e il tuo portafoglio. I nostri strateghi ritengono che questo ambiente unico abbia aperto tasche di opportunità per gli investitori nel prossimo anno. Ciò ti darà maggiore flessibilità nella scelta di diversi tipi di veicoli di investimento in linea con i tuoi obiettivi specifici.

Punti salienti degli Stati Uniti

  • I nostri strateghi ritengono che, sebbene potremmo assistere a un rallentamento della crescita nella prima metà del 2024, la crescita dovrebbe riprendere nella seconda metà dell’anno. Hanno fissato al 25% la probabilità di una profonda recessione.
  • La riduzione del divario tra opportunità di lavoro e lavoratori disoccupati negli Stati Uniti – così come un rallentamento della crescita dei salari statunitensi a meno del 5% da un picco superiore al 7% – suggeriscono che la Federal Reserve sta facendo progressi nella sua lotta per ridurre l’inflazione.
  • Il nostro team di strateghi stima che la Fed potrebbe iniziare a tagliare i tassi di interesse nella seconda metà del 2024. Se i tagli dei tassi arriveranno in risposta a un’inflazione normalizzata piuttosto che a una recessione, il ciclo di taglio sarà probabilmente più lento di quello che abbiamo visto durante i primi mesi. Anni 2000, Grande Crisi Finanziaria (GFC) e pandemia di COVID-19.
  • Il disegno di legge bipartisan sulle infrastrutture, il CHIPS Act e l’Inflation Reduction Act hanno contribuito a un’impennata senza precedenti nell’edilizia manifatturiera negli ultimi due anni.

Punti salienti globali

  • A seguito degli aumenti dei tassi di interesse da parte delle banche centrali di tutto il mondo, l’inflazione globale si è attenuata dal suo picco vicino al 10% nell’estate del 2022 a un ritmo attuale inferiore al 5%. Sebbene la geopolitica e i prezzi dell’energia rappresentino un rischio, i nostri strateghi ritengono che a pesare sull’inflazione sia più la gravità che la vivacità che la spinge al rialzo.
  • Pur offrendo oggi agli investitori il lusso della scelta, i rendimenti più elevati hanno anche rappresentato un ostacolo per l’economia globale in generale. I portafogli multi-asset globali non hanno guadagnato molto terreno da novembre 2020 e il debito investment grade ha registrato rendimenti totali negativi per tre anni consecutivi. In altre parole, i tassi elevati possono essere vantaggiosi in qualche modo, ma il prezzo è stato in gran parte pagato dagli investitori che di conseguenza hanno visto rendimenti relativamente deludenti nei loro portafogli globali.
  • L’intelligenza artificiale (AI) potrebbe vedere un potenziale aumento della produttività, con i governi che incentivano alcuni settori come quello finanziario, quello aereo e quello sanitario.
  • I governi di tutto il mondo stanno inoltre incentivando gli investimenti in settori importanti come la sicurezza nazionale, la transizione energetica, i semiconduttori, le infrastrutture e le catene di approvvigionamento.

Azioni e obbligazioni nel 2024

Un grande impatto dell’aumento dei tassi di interesse è che le obbligazioni sono ora competitive rispetto alle azioni come lo erano da prima della crisi finanziaria globale. Con le obbligazioni che offrono rendimenti così promettenti, potresti chiederti se gli investimenti a reddito fisso meritano una quota maggiore del tuo portafoglio.

I nostri strateghi stimano che le obbligazioni aggregate statunitensi dovrebbero offrire rendimenti superiori al 5% nei prossimi 10-15 anni con solo un quarto della volatilità dei titoli a grande capitalizzazione. In cambio della maggiore volatilità, secondo il nostro team i titoli azionari statunitensi a grande capitalizzazione dovrebbero premiare gli investitori con rendimenti del 7% nello stesso arco di tempo.

Il modo migliore per affrontare questo compromesso, grazie alla ritrovata flessibilità degli investimenti, dipende dalla situazione e dagli obiettivi personali.

Se la tua priorità è ridurre il rischio di ribasso e limitare la gamma di risultati potenziali, potrebbe avere senso spostarsi verso una maggiore esposizione obbligazionaria. Ma se miri a massimizzare il tuo potenziale di rialzo, potresti voler mantenere il tuo portafoglio orientato verso le azioni.

E i contanti?

Il contesto di rendimento più elevato potrebbe anche farti considerare se valga la pena detenere i tuoi asset in contanti fino al prossimo anno e oltre.

Sebbene la liquidità abbia un posto nel piano di ogni investitore e sembri ancora più attraente oggi, i nostri strateghi prevedono che nel 2024 la liquidità sottoperformerà la maggior parte delle classi di attività.

Anche se non c’è nulla di sbagliato nel detenere liquidità (e dal 2021 i clienti hanno più che raddoppiato la loro allocazione in liquidità nei conti di investimento), è importante considerare se la liquidità ha le caratteristiche giuste per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. Piuttosto che esagerare con la liquidità del tuo portafoglio, il nostro team consiglia di adottare un approccio intenzionale definendo un obiettivo e quindi finanziando un pool di capitale progettato per raggiungerlo.

E se l’inflazione fosse destinata a durare?

L’inflazione negli Stati Uniti è scesa tra il 3,5% e il 4% su base annua, in calo rispetto ai massimi di oltre l’8% dell’estate del 2022. I nostri strateghi prevedono che l’inflazione continuerà a scendere verso l’obiettivo della Fed, attestandosi probabilmente tra 2 e 2. % e 2,5%. Un atteggiamento “rialzista più a lungo” da parte della Fed (ovvero, quando determinati prezzi o salari mirano a mantenere l’inflazione al di sopra del tasso obiettivo), un mercato del lavoro normalizzato e un impatto minore delle oscillazioni dei prezzi energetici sul paniere dei prezzi complessivo dovrebbero aiutare a mantenere inflazione sotto controllo.

Un continuo raffreddamento dell’inflazione sarà probabilmente una buona notizia, ma ci sono ancora alcuni punti di pressione inflazionistica da tenere d’occhio. Per prima cosa, la politica industriale e la transizione verso l’energia pulita potrebbero sostenere l’aumento dei prezzi delle materie prime. È anche possibile che lo shock inflazionistico del 2021 e del 2022 possa avere eco nelle aspettative di inflazione dei consumatori.

Considerazioni

In vista del 2024, gli strateghi del mercato globale di JP Morgan ritengono che tu abbia più opzioni per il tuo portafoglio che in qualsiasi momento precedente alla crisi finanziaria globale. Potresti essere in grado di trarre vantaggio da tassi di interesse più elevati per raggiungere i tuoi obiettivi assumendoti meno rischi di quanto avresti ritenuto possibile solo due anni fa.

Mentre consideri il tuo percorso da seguire in un mondo di tassi di interesse del 5%, vale sempre la pena parlare con un consulente finanziario del modo migliore per allineare il tuo portafoglio ai tuoi obiettivi.

Previsioni 2024 degli esperti di Morgan Stanley

  • Il mercato azionario offrirà agli investitori una “opportunità più ricca” il prossimo anno, ha affermato Morgan Stanley.
  • Questo perché “il mercato è stato efficiente nel premiare e punire i titoli giusti per le giuste ragioni fondamentali”.
  • Gli analisti prevedono che l’indice S&P 500 chiuderà il 2024 a quota 4.500, in aumento di circa il 2% rispetto ai livelli attuali.
  • Gli analisti di Morgan Stanley vedono un rialzo del mercato azionario relativamente contenuto nel 2024, ma ci sono ancora guadagni da ottenere per gli investitori più esigenti.

Secondo le prospettive azionarie della banca per il 2024, gli analisti vedono l’indice S&P 500 che chiuderà il 2024 al livello di 4.500, circa il 2% rispetto ai 4.400 su cui si aggirava lunedì. E questa non è una notizia del tutto negativa.

“Riteniamo che il rischio specifico per i titoli rimanga elevato, il che dovrebbe supportare un contesto di selezione dei titoli e indicativo di opportunità più ricche nascoste sotto la superficie del mercato, dove le valutazioni sono più convincenti di quanto lo siano a livello dell’indice ponderato in base alla capitalizzazione,” hanno scritto lunedì gli analisti.

Ciò avviene in un insolito cocktail di fattori micro e macro, come utili aziendali più deboli e un’economia forte del previsto, secondo Morgan Stanley.

Ciò significa che, sebbene il titolo medio non sia andato così bene quest’anno, soprattutto rispetto ai cosiddetti giganti tecnologici dei Magnifici Sette, alcune sacche del mercato sono più mature per i rendimenti rispetto ad altre.

“Il rischio specifico dei titoli è aumentato durante tutto l’anno, un’indicazione che il mercato è stato efficiente nel premiare e punire i titoli giusti per le giuste ragioni fondamentali”, hanno detto gli analisti.

Per Morgan Stanley, questi frutti verranno raccolti in due aree del mercato. Gli analisti sono rimasti fedeli al loro mantra di investire in titoli difensivi in ​​crescita (sanità, servizi di pubblica utilità e beni di prima necessità) e titoli ciclici di fine ciclo (industriali ed energia).

Nel breve termine, le azioni si trovano ad affrontare ostacoli derivanti da un mercato biforcato che ha visto enormi guadagni nel settore tecnologico e non molto altrove, riflettendo “dinamiche degli utili impegnative”. Con solo sette titoli che hanno contribuito maggiormente ai guadagni dell’S&P 500 quest’anno, gli analisti affermano che la performance del mercato è stata la “più ristretta mai registrata”.

“Riteniamo che queste dinamiche probabilmente persisteranno fino all’inizio del 2024 prima che prenda piede una ripresa sostenibile degli utili (alla fine prevediamo una crescita degli utili del +7% l’anno prossimo)”, hanno scritto gli analisti.

“La domanda per gli investitori in questa fase è se i leader riusciranno a trascinare i ritardatari al loro livello di performance o se i ritardatari finiranno per sopraffare la capacità dei leader di continuare a fornire risultati in questo difficile contesto macroeconomico”.

Ricordiamo che il piccolo risparmiatore italiano ha sempre la possibilità di affidarsi agli investimenti di Stato, oppure puntare su qualche singola azione che questo anno ha dato le sue soddisfazioni.

In questo articolo troverete le Migliori azioni del periodo su cui investire.

 

previsione mercati azionari
previsione mercati azionari

Risorse utili:

Previsioni Mercati finanziari 2024 in breve: 

Principali fattori di rischio

  • Guerra in Ucraina
  • Rallentamento della crescita cinese
  • Instabilità finanziaria
  • Crisi climatica

Conseguenze per l’Italia

  • Rallentamento della crescita
  • Aumento dell’inflazione
  • Aumento della disoccupazione
  • Deterioramento del debito pubblico

Conclusioni

Le previsioni economiche per il 2024 sono state in generale negative fino a dicembre 2024, quando cioè si è accorti che invece3 i mercati finaniari sono cresciuti come poche volte e anche l’economia se l’è cavata piuttosto bene.

Outlook e previsioni sono diventate così importanti che abbiamo aperto una sezione apposita.

Autore

  • Massy Biagio

    Fondatore di Economia-Italia.com nel 2014 trader e pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Ha collaborato con diverse testate online, in cui ha scritto di economia e finanza fin dal 2007.

    Visualizza tutti gli articoli

3 commenti

  1. Sono consapevole che in questo momento è molto difficile programmare investimenti nell’azionario e prendere decisioni,ci sono molte incertezze su vari settori, per diversi motivi è problematico.

    1. chi ha soldi investiti in azioni che da inizio anno ad oggi (settembre) hanno perso il 20% non ha alternative che aspettare. Ma quanto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *