Previsioni Mercati Finanziari e Borse Valori Settembre Ottobre 2018

Previsioni Mercati Finanziari per le Borse Valori, Nel 2018 la tendenza alla crescita economica dell’Italia e dell’economia mondiale dovrebbe aiutare ad avere una crescita del mercato azionario. Ma cerchiamo di capire: cosa succederà nel 2018 alla Borsa, agli indici azionari, ai mercati finanziari, all’inflazione? Sono molte le domande cui piacerebbe dare risposte certe, sin da oggi, per arrivare preparati e poter parare ogni colpo!
Purtroppo, possiamo solo limitarci a fare previsioni su cosa porterà il 2018 per i mercati finanziarie, e per ogni aspetto economico – finanziario collegato.

Previsioni mercati finanziari Settembre Ottobre  2018

E’ sempre Trump a tenere sul chi va là gli investitori, i suoi tweet ormai rimarranno nella storia come i pericoli più temuti di un investitore. Un vero e proprio ciclone di idee, provocazioni, soluzioni ma pure nuovi problemi.

E’ Trump, ma finora l’economia gli sta dando ragione e pure la finanza statunitense è in attivo grazie alle sue politiche da quelle fiscali a quelle sui dazi. Quanto durerà la luna di miele TRUMP con mercati ed economia reale?

Chi ha paura della grande guerra commerciale dei dazi di Trump? Sembra che non siano le borse mondiali.

La risposta alla decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di andare avanti la prossima settimana con la riscossione delle tariffe del 10% su altri $ 200 miliardi di merci cinesi, a cricchetto fino al 25% a gennaio, è stata insolita e inaspettata martedì.

Inizialmente ha colpito le azioni USA, i titoli del Tesoro e il dollaro, mentre ha stimolato una ripresa delle azioni cinesi [.SS] e dello yuan.

La Cina ha poi confermato che avrebbe reagito, ma i commercianti si sono rifiutati di sussultare.

I titoli europei hanno fatto un balzo verso il terzo giorno di guadagni, i futures hanno indicato un rimbalzo da parte di Wall Street ESc1 [.N] e persino il rame e il dollaro australiano AUD = D3 , che sono stati molto sensibili alle tensioni commerciali, mantenuti saldi.

“In un certo senso è straordinario che il mercato regga così bene”, ha affermato il capo della strategia macroeconomica di Rabobank, Elwin de Groot.

“Questo è chiaramente un ulteriore aumento della guerra commerciale e ora ci stiamo avvicinando a una situazione in cui si può quasi parlare di una vera e propria guerra commerciale. Chiaramente non è positivo. ”

Una teoria per la reazione pacata era che la mossa degli Stati Uniti da $ 200 miliardi era stata in gran parte fissata sui mercati dopo settimane di rapporti e speculazioni sui social media.

Le azioni cinesi erano inizialmente diminuite mentre l’Asia aveva digerito i dettagli, ma poi si sono radunate al punto in cui l’indice CSI blue-chip .CSI300 ha chiuso il 2%. Alcuni abitanti del luogo scommettevano sul fatto che Pechino aumentasse gli investimenti infrastrutturali per mantenere viva l’economia.

Anche il giapponese Nikkei .N225 ha chiuso in rialzo dell’1.4 percento e l’indice dei mercati emergenti di 24 paesi di MSCI è salito per il quarto giorno negli ultimi cinque come guadagni dell’1 percento in Polonia. WIG20, Russia .IRTS e Turchia .XU100 aggiunto al rimbalzo dell’Asia.

L’annuncio di Trump “è in gran parte coerente con le affermazioni fatte in precedenza”, hanno detto gli analisti di Citi in una nota, stimando una resistenza di 33 punti base alla crescita economica della Cina dalla tariffa del 10%.

La banca olandese ING, nel frattempo, stimava che il 2,5% del commercio mondiale fosse ora influenzato dalle tariffe e sarebbe il 4% se Trump avrebbe minacciato di metterle sul resto delle importazioni cinesi, a meno che Pechino non soddisfi le sue richieste.

“Sebbene questa percentuale possa sembrare piccola, le tariffe interromperanno le catene di approvvigionamento sino-americane e potrebbero quindi triplicare gli effetti sul commercio mondiale”, ha avvertito ING.

 

CORTI DI LIQUIDAZIONE
La promessa della Cina di rispondere alle nuove tariffe statunitensi è arrivata anche quando il quotidiano The South China Morning Post ha riferito che Pechino stava rivedendo i piani per inviare una delegazione guidata dal vice premier Liu He a Washington per i colloqui commerciali.

Il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang ha detto in un briefing quotidiano che i passi degli Stati Uniti hanno portato “nuova incertezza” ai colloqui tra i due paesi.

“La Cina ha sempre sottolineato che l’unico modo corretto per risolvere il problema del commercio Cina-USA avviene tramite colloqui e consultazioni tenute in condizioni di parità, sincero e reciprocamente rispettoso. Ma in questo momento, tutto ciò che gli Stati Uniti non danno l’impressione di sincerità o benevolenza “, ha aggiunto.

Nelle valute, il dollaro è stato sostanzialmente piatto a 94.438 .DXY anche se su base individuale è stata una frazione più solida rispetto allo yen giapponese, a un passo dal 112 JPY = .

Allo stesso tempo era leggermente in calo rispetto allo yuan cinese nei mercati “offshore” CNH = D3 . Anche il sensibile dollaro australiano AUD = D3 è salito dello 0,4 percento a $ 0,7212, essendo anche stato inizialmente colpito quando i dettagli tariffari si sono interrotti.

Dato che i partecipanti alla FX guardano con diffidenza che le autorità di Pechino potrebbero rapidamente intervenire sui mercati in qualsiasi momento, gli investitori hanno liquidato “spontaneamente” le loro posizioni corte in yuan, ha detto un trader presso una banca cinese.

“La Cina rischia di respingere l’invito del Tesoro degli Stati Uniti per il nuovo round di scambi commerciali”, ha detto in una nota l’OCBC Bank martedì.

I prezzi del petrolio sono crollati a causa delle crescenti tensioni commerciali che potrebbero intaccare la domanda globale di greggio.

I futures sul greggio statunitensi CLc1 sono scesi di 21 cent a $ 68,70 al barile, mentre il benchmark internazionale Brent sui futures LCOc1 ha perso 35 cent a $ 77,70 al barile.

Anche l’oro era più debole, con i prezzi spot XAU = in calo dello 0,1 percento a $ 1,199.2 l’oncia.

 

In questo primo periodo dell’anno, dopo l’ubriacatura delle criptovalute e l’esplosione della bolla del bitcoin, i mercati non hanno smesso di crescere, in special mondo la Borsa di Milano, che sta facendo degli importanti record di crescita, complice una leggera crescita dell’economia, e in cui ci sono sempre delle azioni da comprare molto interessanti.

All’inizio dell’anno i problemi con le azioni Facebook, hanno inizialmente portato problemi anche alle altre azioni legate ad internet, ma poi tutto è continuato come prima, cioè queste aziende hanno continuato tranquillamente la loro crescita, basti vedere le quotazioni azioni Google e quotazioni azioni AMAZON.

previsioni borse mondiali
La borsa di Francoforte – Reuters

Previsioni mercati finanziari: l’Italia

L’Italia pende dalle labbra del nuovo Governo e la monovra finanziaria per il 2019 sarà il banco di prova del Governo Conte.

Riusciranno a fare una manovra finanziaria realizzabile, o inizieranno a chiedere l’impossibile all’Unione Europea, picconando anche questa istituzione? Vedremo cosa succederà nei punti salienti e molto dispendiosi, tipo la riforma pensioni.

In questo inizio 2018 sembra proprio essere la Borsa di Milano quella più interessante. Azioni come le Ferrari, BNL, FCA, Luxottica, ma anche ENI, Technogym, Telecom,  sembrano tutte in discreta crescita.

Fare previsioni in ambito finanziario pone alcuni problemi: ci troviamo di fronte a dati passati certi, e dati futuri da elaborare e comprendere. Ci troviamo di fronte al desiderio di voler proteggere e/o ottimizzare il nostro investimento di fronte a molteplici variabili economiche. Lo scenario geopolitico internazionale è complesso e mutevole, anche rapidamente, ed i mercati finanziari sappiamo ne risentono.

Cominciamo con il considerare alcuni temi che influiscono sull’andamento dei mercati finanziari.

L’inflazione si stima rimarrà bassa anche per tutto il 2018. Se la stima si concretizzerà pienamente, in un contesto di crescita economica globale simile all’anno appena concluso, ci troveremo di fronte ad uno scenario positivo per molti assets finanziari.

Qualora la stima dovesse improvvisamente cambiare direzione, ad esempio in caso di ripresa dell’inflazione, molte cose cambierebbero. Molte Banche Centrali adotterebbero una politica monetaria più restrittiva con riposizionamento dei tassi di interesse verso l’alto. Di fronte a tale scenario molti assets diverrebbero più rischiosi non potendo contare su un basso tasso di sconto.
Considerando tali due scenari, attualmente le previsioni propendono nel sostenere uno scenario inflazionistico ancora molto contenuto anche per il 2018.

Previsioni Borse valori 2018

I rendimenti del mercato azionario sono stati molto positivi nel 2017: appare abbastanza difficile ipotizzare una crescita ulteriore, e sostenuta, anche per il 2018 sintomo di un rafforzamento complessivo dell’economia globale.
Considerando tale premessa, una previsione ben ponderata vede un 2018 con correzioni in corso sul prezzo delle azioni. Molti prezzi sono alti, ed è abbastanza complesso ipotizzare ulteriori rialzi. Lo scenario internazionale a livello geopolitico potrebbe avere un impatto maggiore di quanto occorso nel 2017, con ovvie ripercussioni negative. Ad oggi, si propende a prevedere un anno con rendimenti bassi, o addirittura negativi sul mercato azionario, con consiglio di valutare investimenti di medio, lungo termine.

Volatilità dei mercati.

Lo scenario dei mercati finanziari, nell’anno appena concluso, ha visto una bassa volatilità, o se vogliamo moderata. Il nuovo anno si apre con una volatilità ancora in sordina, se accompagnata da un contesto economico globale stabile. Molti analisti ipotizzano una stretta sulla politica monetaria generalizzata, accompagnata da un grado di profittabilità delle imprese buono: la volatilità dovrebbe collocarsi al di sotto del valore medio, in uno scenario di medio – lungo periodo.
Qualora tale scenario fosse bruscamente interrotto, con inflazione in aumento, profitti delle aziende in calo, aumento dei rischi geopolitici bisognerebbe rivalutare ogni previsione sulla volatilità. Un investitore con propensione al rischio medio, o basso, deve tenere conto di tali possibilità, e qualora si abbiano obiettivi di lungo periodo, è opportuno concentrarsi su investimenti di lungo termine.

Questa una prima carrellata per le previsioni sui mercati finanziari per il 2018.
Proviamo ad aggiungere altre considerazioni.

Previsioni Mercati Finanziari e Borse Valori 2018: indici di borsa
Indice S&P 500 degli ultimi 5 anni. I dati non lasciano dubbi: nel lungo periodo, l’indice è in continuo aumento.

Previsioni di alcune grandi banche d’affari per il 2018

Gli analisti di molte banche d’affari internazionali si sono già espressi in merito al 2018, con relativi previsioni sui mercati finanziari: siamo solo agli inizi di Gennaio del nuovo anno!

Alcune delle previsioni che considereremo sono in contrasto tra di loro, sintomo di come ogni previsione venga suffragata da motivazioni probabilistiche che si scontrano con scenari socio – economici ancora incerti.

Vediamo alcune di queste previsioni.

Goldman Sachs

Goldman Sachs considera preliminarmente, per ogni previsioni sui mercati finanziari, la riforma fiscale in corso negli Stati Uniti: tale riforma porterà ottimi benefici, con conseguenti ritorni a livello di performance. Gli analisti di tale banca prevedono un indice Standard and Poor a quota 2850 punti al termine del 2018 (rialzo sostenuto rispetto ai valori attuali).
Tali previsioni sono supportate da una crescita economica mondiale ancora sostenuta, dagli andamenti generali di politica monetaria, e dai forti benefici della riforma fiscale voluta dal Presidente Trump.
A livello di utili per le società, gli analisti prevedono un 2018 in crescita ulteriore (oltre il 15%).
I rischi,dovuti ad una riforma fiscale ancora da perfezionare, sono legati alle decisioni politiche, e nello specifico, del Congresso. Se tale scenario dovesse verificarsi, ossia una mancata adozione di una piena riforma fiscale, l’indice S&P 500 potrebbe essere in ritirata.
Tuttavia, gli analisti di Goldman Sachs propendono per uno scenario pienamente positivo, con il settore industriale e finanziario in forte ripresa.

Morgan Stanley

Le previsioni degli analisti di Morgan Stanley sono più cauti rispetti a quelli di Goldman Sachs: la volatilità dei mercati tornerà a farsi sentire nel corso del 2018.
Fino ad oggi, tassi di interesse bassi, andamento dei mercati valutari buono, dati economici globali soddisfacenti hanno fatto da traino ai mercati finanziari. Il 2018 pare non rispettare pienamente tali indicatori positivi, specie per le previsioni sull’indice S&P in calo generale.
Gli analisti consigliano forte prudenza.

Well Fargo

Le previsioni degli analisti di Wells Fargo hanno un atteggiamento ancora meno ottimista degli analisti di Morgan Stanley.
Le previsioni sui mercati finanziari per il 2018 vedono un indice S&P 500 in forte flessione, ipotizzando una chiusura a 2500 punti circa. Tali dati poco confortanti sono legati ad un indebitamento globale troppo forte, e alle fortissime incertezze geopolitiche.

Credit Suisse

Di diverso avviso, completamente, le previsioni di Credit Suisse che vede in forte rialzo l’indice S&P 500, stimato ad un + 15% circa a fine 2018. Gli analisti prevedono che tale dato sia supportato dal forte incremento degli utili aziendali anche per questo anno.
I settori che maggiormente risentiranno di tali previsioni favorevoli sono il finanziario con valutazione positiva per il tecnologico.

John Bogle

Concludiamo considerando le previsioni di John Bogle sui mercati finanziari per il 2018 (John Bogle ha creato il primo Fondo comune di investimento indicizzato – Vanguard 500 I.F.).
Bogle ritiene che la forza imprenditoriale degli USA avrà ripercussioni positive sul mercato azionario americano tali da renderlo il più sicuro su scala globale. Previsione, forse, prematura ma vediamone le motivazioni.
Alla base di tali previsioni vengono considerati i rendimenti elevati che il mercato finanziario americano ha portato agli investitori, supportati, ad oggi, da dati concreti. In aggiunta, viene considerato come l’indice S&P 500, negli ultimi dieci anni, sia cresciuto dell’8% mediamente, mentre altri mercati internazionali si sono fermati (media) attorno al 2% (decennale).

previsione borse valori e mercati azionari 2018
L’indice FTSE MIB della Borsa di Milano degli ultimi 5 anni. Come si può vedere, dopo il forte calo del 2016, dovuto sia alla crisi economica che alla crisi del comparto bancario italiano, l’indice ha ripreso a crescere con una ottima performance nel 2017.

 

Cosa è accaduto finora:

Nel 2016, dopo un anno di vera passione gli esperti ci dicevano dell’esistenza di fattori di criticità molto importanti – come le banche italiane a rischio default – che preoccupano e che avrebbero potuto innescare un’altra crisi finanziaria, parliamo in primis il pericolo default di MPS, il tutto è stato debellato grazie al Decreto Banche, cioè una legge che ha aiutato in pratica ‘comprando’ alcune quote di banche come MPS.

Dall’altra parte invece c’è chi sostiene che anche in Italia la borsa riprenderà  in cui tanti fattori influiscono sull’andamento dei mercati azionari, come l’ influenza di Trump Presidente USA, delle importanti IPO  come l’accordo USA-Iran e il petrolio dei persiani che ora è sul mercato occidentale darà un altro scossone al prezzo del petrolio già ai minimi storici le borse dei paesi arabi hanno già chiuso con pesanti perdite?

Ottobre 2016: è la situazione Deutsche Bank che ha preso posto nelle prime pagine dei giornali finanziari di tutto il mondo e che preoccupa tutti gli operatori di borsa.
In estrema sintesi, la Deutsche Bank non ha superato i recenti stress test dell’Unione Europea  e ha rilevato un CET 1 RATIO di appena 10 punti a causa dei suoi prodotti finanziari derivati che oggi sono carta straccia, si parla di decine di miliardi di euro di derivati, non si sa nemmeno bene la cifra esatta per quanti siano e questo mette ancora più insicurezza, tanto che il titolo continua la sua caduta libera. Tutte le dichiarazioni di politici e responsabili dicono che la situazione si risolverà ma ad oggi non si sa bene nè come nè quando e la realtà è che la più grande banca europea potrebbe causare un vero e proprio terremoto finanziario mondiale molto più forte di quello del 2008.

Ad influenzare l’aria negativa c’è anche il Venezuela che è nell’orlo di un vero e proprio default, e lo sanno bene molti investitori italiani che fino a pochi mesi fa hanno allegramente comprato bond Venezuelani perchè davano quasi un 10% di interessi, anche se questa notizia è ormai conosciuta dal 2014.

Mercati Finanziari influenzati da un possibile effetto Brexit:

Giugno 2016: tutti i mercati finanziari sono molto instabili a causa di una possibile uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, il cosiddetto effetto Brexit, tutti gli analisti sono allo studio su quello che potrebbe accadere in caso che il 23 Giugno i cittadini inglesi, tramite il referendum decidessero per un eventuale “Leave” invece di un “Remain”. Nel caso in cui decidessero per restare, i contraccolpi sarebbero solo politici ed interni, nel caso in cui invece dovessero lasciare importanti accordi commerciali internazionali salterebbero automaticamente, mettendo in difficoltà non solo la Gran Bretagna, ma l’intera UE, l’America e ovviamente anche l’Italia.7
In questo articolo troverete approfondimenti riguardo questa vicenda.

A Maggio 2016: i Mercati Finanziari tornano a respirare:

Acquistare ad Halloween e vendere in Maggio, recita una regola degli investimenti, ma questo Maggio sembra segnato da altro.
Innanzitutto va detto che dopo il crollo in borsa delle banche italiane, sembra che la ripresa sia riniziata, grazie all’accordo del Fondo Salva banche Atlante, a notizie come la restituzione agli obbligazionisti di parte dei risparmi disattesi, la quotazione in Borsa di Banca Popolare.
In questo inizio 2016, si è visto un rinnovato interesse verso gli investimenti in oro , nel mercato immobiliare , in Buoni Fruttiferi ed Obbligazioni di Stato o obbligazioni straniere, cosa scontata se si vuole continuare a mettere i soldi al sicuro, al riparo di grandi fluttuazioni come sono avvenute ad inizio anno.
D’altronde se si deve scegliere tra investimenti a lungo termine ed investimenti a breve termine, prima bisogna pianificare quanto capitale abbiamo da investire e per quanto tempo, POI si deciderà come diversificare.
Chi ha invece deciso di fare gli investimenti più redditizi, sta guardando le obbligazioni High Yeld, le obbligazioni dei paesi emergenti come il Brasile, è concentrato sul Forex e altri investimenti ad alto rischio quali le opzioni binarie.

La crisi dei primi mesi del 2016 delle borse fa tornare gli investimenti sui beni rifugio:

La crisi della finanza mondiale ed europea in particolare, sembra non avere fine, e sembra che le più nere delle previsioni si stiano realizzando, le persone stanno tornando ad investire sui beni rifugio addirittura, nonostante ancora l’inflazione sia praticamente ferma, un fuggi fuggi generale dall’azionariato delle banche europee in crisi, ma anche dalle Banche italiane in difficoltà, spingono piccoli e grandi azionisti a trovare lidi sicuri quali mercato immobiliare, oro, e obbligazioni, preferibilmente obbligazioni di Stato esteri convenienti.

Alcuni analisti pensano che il 2016 porterà una perdita delle Borse dal 20% al 25% di  media. In particolare è l’analista di JP Morgan Chase, Marko Kolanovic , lo stesso che ha previsto il crollo delle borse asiatiche, il quale sostiene che dopo 6,5 anni di guadagni medi del 205%, il ciclo del Toro delle borse è finito e che ora si entrerà per qualche periodo in un ciclo dell’Orso ( cioè un periodo di tempo in cui l’indice borsistico sarà negativo).

Gli operatori di borsa ottimisti e i pessimisti:
gli ottimisti continuano a dire che il calo dell’economia cinese e il calo del petrolio dovrebbero mettere le ali alle borse, ma la realtà è che a tutt’oggi , cioè alla 3a settimana di Gennaio si continua a vendere.

Il rischio di false notizie per influenzare i mercati:
Certo è che se Soros e la Banca di Scozia dicono che ‘conviene non rischiare e comprare obbligazioni invece che azioni’, la cosa fa pensare a notizie atte destabilizzare i mercati e a specularci; in effetti dall’oggi al domani le borse potrebbero riprendere a crescere, perchè in fin dei conti l’economia cinese comunque è in crescita ( anche se meno del previsto), perchè l’economia americana è in crescita e perchè il prezzo della materia prima per eccellenza cioè il petrolio è ai minimi storici, il che corrisponde ad un prodotto finito che costa meno alle aziende e – sostanzialmente – a guadagni più importanti per le aziende i cui prodotti sono legati al petrolio.

Noi una piccola idea ce la siamo fatta, cioè che la paura dei piccoli risparmiatori europei per l’entrata in vigore del Bail In e in particolare la difficoltà del risparmiatore italiano a mettere i propri soldi nella banca italiana più sicura, è riuscita a far nascere un sentimento di sfiducia per tutto quello che riguarda le banche e la finanza, con la conseguenza di una corsa alla vendita di tutti gli investimenti a rischio per mettere tutto il denaro in investimenti sicuri al 100% che spesso però non danno praticamente nessun rendimento.

La borsa di Shanghai chiude a -7%, solo dopo che i titoli sono stati sospesi per eccesso di ribasso, però, un nuovo meccanismo quello di Shanghai che si chiama “circuit breakers” e che automaticamente fa sospendere le contrattazioni nel caso che l’indice medio scenda al di sotto del -7%.

Milano, il primo giorno di apertura chiude con un -3,2%, la Ferrari al primo giorno di quotazione chiude con un buon 0,5%, il 5 Gennaio la mattinata inizia bene, in quanto il crollo delle borse asiatiche sembra finito.

La Borsa di Milano alle 11:15 perde il 2,37%, peccato per il debutto delle azioni Ferrari a Milano, quotazione che cercheremo di seguire in questi giorni.
Anche la Borsa di Tokyo stamattina ha chiuso a -3,1% e quella di Wall Street aveva chiuso l’ultimo giorno del 2015 negativamente.
Borse internazionali 2016, cosa succede?

Previsioni Mercati Finanziari e Borse Valori 2018: consigli degli esperti

 

Andamento dei Mercati Finanziari

 

Se il 2016 è stato l’anno della fine della crisi economica in Italia e di una lenta e morbida ripresa, questa comunque difficilmente supererà il + 1% del PIL ( ad essere ragionevolmente ottimisti) , quello che accadrà nell’economia mondiale però è tutto da scoprire ed influenzerà in maniera decisiva sia la Nostra Borsa Valori di Milano, che la Nostra economia.
Diffidate di chi fa facili previsioni per il futuro, è una cosa estremamente difficile riuscire a farle esatte, a meno che non si abbiano sotto mano dei dati che ci indichino una precisa tendenza; quindi cerchiamo di capire cosa sta succedendo ora nel mondo, quei fattori cioè che potrebbero influire sulla finanza e l’economia mondiale.

  1. Aumento del costo del denaro in USA; la Fed ha giùà iniziato il previsto aumento del costo del denaro.
  2. Questo inizio 2016 si apre subito con la crisi politica tra Cina e Arabia Saudita, che ha portato già alle prime notizie ad un aumento dei prezzi del petrolio e delle materie prime.
  3. L’economia cinese ha avuto una contrazione nella crescita della produzione manifatturiera, questo per il 10° mese di seguito, segno che il Drago cinese sta perdendo colpi, come ormai tutti dicono da tempo, d’altronde non si può crescere a grandi numeri per sempre, inoltre tra poco scade il bando di vendita di partecipazioni azionarie dei grandi azionisti che dopo i problemi di questa estate.
  4. Banche italiane ed europee in crisi: troppi debiti per le banche italiane e troppi investimenti in fuffa per le banche europee, leggi non uguali per tutte ed ecco che la fiducia nel sistema bancario europeo è ai minimi storici , ovviamente il mercato ne risente, e molto.

APPROFONDIMENTI:

 , sia per avere aggiornamenti sulle migliori azioni del momento , che altri aggiornamenti per i tuoi investimenti più redditizi , che possono aiutarti a conoscere anche quali sono i metodi di risparmio più sicuri, o conoscere i nuovi buoni postali o quello di cui tutti parlano ( e pochi ci hanno investito), cioè le criptovalute.Per sapere accadrà nei prossimi mesi iscriviti alla Nostra Pagina Facebook

Collaboratore di Economia Italia dal 2012, scrive di economia, finanza e politica dal 2007. Diplomato in ragioneria, è pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli Studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *