Bear Market / Mercato Orso / Recessione Mercati Finanziari: 10 Cose da Sapere per i Tuoi Investimenti

Anche gli atleti d’élite hanno bisogno di giorni di riposo per mantenersi in salute. A volte anche i mercati finanziari devono ripristinare la performance da record. Ecco cosa devi sapere sui mercati ribassisti o ribassisti.

 

Leggi anche: Strategie di investimento in caso di mercato ribassista

 

Bear Market / Mercato Orso / Recessione Mercati Finanziari: 10 Cose da Sapere per i Tuoi Investimenti
Sopra: in molti dicono che entreremo per un periodo nel Mercato Orso ribassista a causa di Putin e della sua invasione dell’Ucraina
    • Fai attenzione al 20%: i cicli di mercato vengono misurati dal picco al minimo, quindi un indice azionario raggiunge ufficialmente il territorio ribassista quando il prezzo di chiusura scende di almeno il 20% dal suo massimo più recente (mentre una correzione è un calo del 10%-19,9%) . Un nuovo mercato rialzista inizia quando il prezzo di chiusura guadagna il 20% dal suo minimo.
    • Le azioni perdono in media il 36% in un mercato ribassista. 1 Al contrario, le azioni guadagnano in media il 114% durante un mercato rialzista.
    • I mercati ribassisti sono normali. Ci sono stati 26 mercati ribassisti nell’indice S&P 500 dal 1928. Tuttavia, ci sono stati anche 27 mercati rialzisti e le azioni sono aumentate in modo significativo nel lungo termine.
    • I mercati ribassisti tendono ad essere di breve durata. La durata media di un mercato ribassista è di 289 giorni, ovvero circa 9,6 mesi. È significativamente più breve della durata media di un mercato rialzista, che è di 991 giorni o 2,7 anni.
    • Ogni 3,6 anni: questa è la frequenza media a lungo termine tra i mercati ribassisti. Sebbene molti considerino il mercato rialzista terminato nel 2020 come il più lungo mai registrato, il rialzo che è andato dal dicembre 1987 fino al crollo delle dot-com nel marzo 2000 è tecnicamente il più lungo (un calo del 19,9% nel 1990 ha quasi fatto deragliare quel toro, ma ho appena mancato la soglia dell’orso).
    • I mercati ribassisti sono stati meno frequenti dalla seconda guerra mondiale. Tra il 1928 e il 1945 c’erano 12 mercati ribassisti, ovvero uno ogni 1,4 anni circa. Dal 1945 ce ne sono stati 14, uno ogni 5,4 anni circa.
    • La metà dei giorni più forti dell’indice S&P 500 negli ultimi 20 anni si è verificata durante un mercato ribassista. Un altro 34% dei giorni migliori del mercato si è verificato nei primi due mesi di un mercato rialzista, prima che fosse chiaro che era iniziato un mercato rialzista. 2 In altre parole, il modo migliore per superare una flessione potrebbe essere quello di rimanere investiti poiché è difficile programmare la ripresa del mercato.
    • Un mercato ribassista non indica necessariamente una recessione economica. Ci sono stati 26 mercati ribassisti dal 1929, ma solo 15 recessioni durante quel periodo. 3 I mercati ribassisti spesso vanno di pari passo con un rallentamento dell’economia, ma un mercato in declino non significa necessariamente che una recessione sia incombente.
    • Supponendo un orizzonte di investimento di 50 anni, puoi aspettarti di vivere attraverso circa 14 mercati ribassisti, tra dare o avere. Anche se può essere difficile assistere al calo del tuo portafoglio con il mercato, è importante tenere a mente che le flessioni sono sempre state una parte temporanea del processo.
  • I mercati ribassisti possono essere dolorosi, ma nel complesso i mercati sono positivi per la maggior parte del tempo. Degli ultimi 92 anni di storia del mercato, i mercati ribassisti hanno costituito solo circa 20,6 di quegli anni. In altre parole, le azioni sono aumentate il 78% delle volte.

 

Leggi anche :

Mercati ribassisti / orsi / Bear Market nella storia:

Data di inizio e di fine % di calo dei prezzi Lunghezza in giorni
7/9/1929–13/11/1929 -44.67 67
4/10/1930–12/16/1930 -44.29 250
24/02/1931–2/6/1931 -32.86 98
27/06/1931–5/10/1931 -43.10 100
9/11/1931–1/6/1932 -61.81 205
9/7/1932–2/27/1933 -40.60 173
18/7/1933–21/10/1933 -29.75 95
2/6/1934–3/14/1935 -31.81 401
06/03/1937–31/03/1938 -54.50 390
11/9/1938–4/8/1939 -26.18 150
25/10/1939–10/6/1940 -31.95 229
9/11/1940–28/4/1942 -34.47 535
29/5/1946–17/5/1947 -28.78 353
15/06/1948–13/06/1949 -20.57 363
2/8/1956–22/10/1957 -21.63 446
12/12/1961–26/6/1962 -27.97 196
2/9/1966–10/7/1966 -22.18 240
29/11/1968–26/5/1970 -36.06 543
1/11/1973–10/3/1974 -48.20 630
28/11/1980–12/8/1982 -27.11 622
25/08/1987–4/12/1987 -33.51 101
24/03/2000–21/9/2001 -36.77 546
1/4/2002–10/9/2002 -33.75 278
9/10/2007–20/11/2008 -51.93 408
1/6/2009–3/9/2009 -27.62 62
19/02/2020–23/03/2020 -33.92 33
Media -35.62 289

Le performance passate non garantiscono risultati futuri.  Gli investitori non possono investire direttamente in un indice. A partire dal 15/12/21. Fonte: Ned Davis Research, 21/12.

Fonte: Hart Funds

Cos’è lo Spread

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *