Reddito da Investimento – Definizione e Spiegazione

Che cos’è il reddito da investimento?

Il reddito da investimenti è denaro ricevuto in pagamenti di interessi, dividendi , plusvalenze realizzate con la vendita di azioni o altre attività e qualsiasi profitto aggiuntivo realizzato attraverso un veicolo di investimento . Gli interessi guadagnati sui conti bancari, i dividendi ricevuti da azioni di proprietà di fondi comuni di investimento e i profitti sulla vendita di monete d’oro sono tutti considerati reddito da investimento. I proventi degli investimenti a lungo termine sono soggetti a un trattamento fiscale diverso e spesso preferenziale, che varia a seconda del paese e della località.

DA RICORDARE

  • Il reddito da investimenti è il profitto che si ottiene da investimenti come immobili e vendite di azioni.
  • Anche i dividendi delle obbligazioni sono redditi da investimenti.
  • Il reddito da investimenti è tassato con un’aliquota diversa rispetto al reddito da lavoro.
  • I profitti derivanti dalla vendita di monete d’oro o di vino pregiato potrebbero essere considerati redditi da investimento
  • Se hai un conto di risparmio, gli interessi che guadagni su di esso sono considerati reddito da investimento.

Reddito da Investimento – Definizione e Spiegazione

 

Capire il reddito da investimento

I proventi da investimenti si riferiscono esclusivamente agli utili finanziari superiori al costo originario dell’investimento. La forma che assume il reddito, come il pagamento di interessi o dividendi, è irrilevante per essere considerato reddito da investimento fintanto che il reddito è generato da un investimento precedente. Inoltre, i redditi da investimenti possono essere ricevuti in un’unica soluzione o in rate di interessi regolari pagati nel tempo.

In generale, la maggior parte delle persone guadagna la maggior parte del proprio reddito netto ogni anno attraverso un reddito da lavoro regolare. Tuttavia, il risparmio disciplinato e l’investimento nei mercati finanziari possono far crescere risparmi moderati in ampi portafogli di investimento, producendo nel tempo un considerevole reddito da investimento annuale per un investitore .

Le aziende spesso hanno reddito da investimenti. Nei conti economici delle società quotate in borsa è comunemente elencata una voce chiamata reddito o perdite da investimenti. È qui che la società riporta la parte del suo reddito netto ottenuto attraverso investimenti realizzati con liquidità in eccesso invece di essere guadagnata nella sua normale linea di attività. Per un’azienda, ciò può includere tutto quanto sopra, nonché gli interessi guadagnati o persi sulle proprie obbligazioni che sono state emesse, riacquisti di azioni proprie, scissioni aziendali e acquisizioni.

Reddito da investimento reso semplice

Gli interessi maturati su un conto di risparmio di base sono considerati reddito da investimento. L’interesse viene guadagnato in aggiunta agli investimenti originali, che sono i depositi depositati sul conto. Ciò rende il conto una fonte di reddito.

Opzioni, azioni e obbligazioni possono anche generare reddito da investimento. Sia attraverso il pagamento regolare di interessi o dividendi sia tramite la vendita di un titolo a un prezzo superiore a quello pagato per esso, i fondi al di sopra del costo originario dell’investimento si qualificano come reddito da investimento.

Reddito da investimenti e tasse

La maggior parte ma non tutti i redditi da investimenti sono soggetti a un trattamento fiscale preferenziale quando il reddito viene realizzato. L’aliquota fiscale associata si basa sulla forma di investimento che produce il reddito e altri aspetti della situazione di un singolo contribuente.

Molti conti pensionistici, come un 401 (k) o un IRA tradizionale, sono soggetti a tassazione una volta prelevati i fondi.  Alcuni investimenti fiscalmente favorevoli, come un investimento in BOT, o Buoni Postali ( cioè strumenti dello Stato italiano) , hanno una tassazione inferiore alle normale rendite da capitale privato e sono tassati del 12,5% .

Reddito da investimenti da proprietà

Anche le transazioni immobiliari possono essere considerate reddito da investimento e alcuni investitori scelgono di acquistare immobili specificamente come un modo per generare reddito da investimento, dai flussi di cassa generati dagli affitti o da eventuali plusvalenze realizzate durante la vendita della proprietà.

Una volta che il costo originario della proprietà è stato rimborsato dall’investitore e i canoni di locazione ricevuti non vengono utilizzati per coprire altre spese relative alla proprietà, il reddito si qualifica come reddito da investimento.

 

Esempio di reddito da investimento

Supponiamo che un investitore acquisti azioni della società X per 50 euro. Due settimane dopo, l’investitore li vende per 70 euro, ottenendo un profitto di  20 euro. Questo è un investimento a breve termine, quindi il profitto è tassato in base alla normale aliquota dell’imposta sul reddito da lavoro dell’investitore. Di solito questa tassa si paga immediatamente tramite il Conto Trading online se si è operato su azioni quotate alla borsa di Milano.

Supponiamo che lo stesso individuo investa 500.000 in proprietà immobiliari. L’investitore vende la proprietà per  1,5  milioni di euro 3 anni dopo. L’investimento è classificato come reddito da investimento a in quanto considerata speculazione e deve essere tassato con l’IRPEF oppure tramite una imposta sostitutiva al momento dell’atto notarile.

In Italia se si ha una plusvalenza sulla vendita di un immobile che abbiamo avuto in proprietà per più di 5 anni, non bisogna pagarci le tasse, in quanto non viene considerata una operazione speculativa.

 

Termini finanziari utili da conoscere per operare in borsa

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *