Previsioni Prezzo Energia: Petrolio in Difficoltà Causa Attacchi in Mar Rosso

Finora, gli attacchi alle spedizioni marittime nel Mar Rosso da parte dei militanti Houthi nello Yemen hanno innervosito i mercati petroliferi globali, ma non hanno causato un aumento significativo dei prezzi. 

Il Mar Rosso è una via d’acqua vitale per il commercio globale, compresi il petrolio e il gas che viaggiano dal Medio Oriente al Canale di Suez. La decisione di molti armatori di far percorrere alle proprie navi un lungo percorso attorno alla punta meridionale dell’Africa per evitare potenziali attacchi missilistici e droni aggiunge tempo e costi considerevoli a qualsiasi spedizione, e quindi potrebbe far salire un po’ i prezzi del petrolio.

Il rischio reale è che la situazione attuale possa aggravarsi e causare maggiori interruzioni alle spedizioni di energia via acqua. Navi da guerra degli Stati Uniti e di altri paesi sono state costrette a sorvegliare il Mar Rosso, ad abbattere missili e droni Houthi e, più recentemente, a lanciare attacchi contro le posizioni Houthi nello Yemen. Se questi scontri peggiorassero e coinvolgessero l’Iran, il principale sostenitore degli Houthi, le enormi spedizioni di petrolio che passano attraverso il Golfo Persico potrebbero essere minacciate.

Previsioni Prezzi Energia: Petrolio in Difficoltà Causa Attacchi in Mar Rosso
Sopra: il prezzo del petrolio negli ultimi 5 anni, da quasi zero durante la pandemia a 120 $ al barile due anni fa dopo la ripresa e l’invasione russa dell’Ucraina

Secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, lo Stretto di Hormuz, la stretta apertura nel Golfo Persico, è la rotta di trasporto petrolifero più critica al mondo . Ogni giorno vi scorre circa un quinto del petrolio mondiale, con enormi petroliere che transitano a poche miglia dalla costa iraniana. Se lo volesse, l’Iran potrebbe effettivamente interrompere quel flusso di petrolio prendendo di mira le petroliere con il suo ampio arsenale di missili antinave avanzati.

Non si può dire come si evolverà l’attuale conflitto. Ma per il momento aspettatevi molta volatilità sui mercati petroliferi. E anche senza una forte escalation, riteniamo che i prezzi del petrolio probabilmente tenderanno al rialzo nei prossimi mesi. Dopo il calo dello scorso autunno, il petrolio greggio di riferimento West Texas Intermediate si è stabilizzato in un range compreso tra 70 e 75 dollari al barile. La domanda è debole stagionalmente al momento, ma aumenterà con l’avvicinarsi della primavera, a condizione che l’economia statunitense rimanga sana e i consumatori continuino a recarsi al lavoro e per le vacanze nella stagione calda. La produzione petrolifera statunitense è cresciuta abbastanza recentemente da compensare i tagli alla produzione da parte dell’OPEC e dei suoi alleati. Ma se la domanda di petrolio rimane forte, sarà difficile per i produttori americani continuare a soddisfarla senza che i prezzi aumentino. Quindi, ci aspettiamo che il WTI raggiunga un range compreso tra 75 e 80 dollari entro la fine dell’inverno o l’inizio della primavera. Se una guerra più ampia minacciasse il Medio Oriente, i prezzi del petrolio potrebbero aumentare considerevolmente.

I prezzi della benzina si mantengono stabili, ma potrebbero aver toccato il fondo per l’inverno. Il prezzo medio nazionale della benzina normale senza piombo è di 3,07 dollari al gallone, in calo di un centesimo rispetto a un mese fa. Il prezzo alla pompa di solito tocca un punto basso in pieno inverno e poi tende a salire con l’avvicinarsi della primavera. La domanda inizia ad aumentare con il mercurio nei termometri e le raffinerie devono passare a miscele di gas estive più costose. Quindi, ci aspettiamo che il prezzo medio nazionale della normale benzina senza piombo salga almeno un po’, forse verso i 3,25 dollari al gallone entro la fine dell’inverno.

I prezzi del gas naturale sono volatili a causa della grave epidemia di freddo in corso in gran parte degli Stati Uniti. La domanda aumenta durante queste ondate di freddo e le scorte di gas in stoccaggio diminuiscono, quindi i trader aumentano i prezzi del gas. Tuttavia, è difficile sapere quando l’andamento del freddo si attenuerà e consentirà alla domanda di tornare alla normalità, quindi i prezzi del gas possono scendere drasticamente se le previsioni meteorologiche suggeriscono una tendenza al riscaldamento. Il contratto futures sul gas di riferimento è stato recentemente scambiato a 2,96 dollari per milione di unità termiche britanniche. Si tratta di un valore in calo rispetto alla settimana scorsa, ma superiore ai prezzi del gas scambiati fino a poche settimane fa. Se l’inverno porterà ulteriori periodi di aria artica nelle prossime settimane, prevediamo che i prezzi del gas si spingano verso i 3,50 dollari per MMBtu o più.

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.