3 Azioni da Comprare con l’Impeachment di Trump

Quali azioni da comprare nel caso in cui ci sia un Impeachment del Presidente Trumpo? Ce lo suggerisce un sito di finanza di Wall Street. Il 21 agosto, Michael Cohen, ex procuratore personale di Donald Trump, si è reso colpevole di due violazioni delle finanze della campagna elettorale, mettendo in moto una catena di eventi che potrebbero portare all’impeachment del presidente Donald Trump insieme a diversi “azioni da comprare nel caso di un impeachment Trump” da considerare.

Per quanto ne so, se il presidente dovesse essere rimosso dall’incarico dal Congresso, Mike Pence, il vicepresidente, sarebbe il nuovo leader.

In un tale scenario, è possibile che le politiche economiche della Casa Bianca non cambino molto, quindi l’idea di trarre benefici da Donald Trump per essere spogliata della sua presidenza e raccomandare tre azioni da comprare un’accusa a Trump, potrebbe essere un punto controverso.

Detto questo, non vedo Mike Pence  combattivo contro gli alleati americani come lo è Trump, il che significherebbe un ritorno a relazioni diplomatiche ed economiche più normali. Questa è una buona notizia per qualsiasi azienda che attualmente soffre delle tariffe protezionistiche dell’amministrazione Trump.

L’America potrebbe andare bene oggi, ma molti esperti suggeriscono che a lungo termine le politiche commerciali di Trump fanno male alle imprese.

7 titoli di crescita da acquistare ora

Quindi, senza ulteriori ritardi, questi sono i tre titoli che ritengo possano trarre maggiori benefici dall’allontanamento di Trump dall’ufficio:

3 Azioni da Comprare con l'Impeachment di Trump

1- Le azioni da comprare in caso di Impeachment di Trump: Harley Davidsons

Non penso ci sia alcun dubbio sul fatto che Harley Davidson (NYSE: HOG ) trarrebbe beneficio da chiunque tranne Donald Trump che gestisce il paese.

Il fatto che il presidente sosterrebbe il boicottaggio di un marchio così iconico solo perché l’azienda sceglie di far avvicinare alcune delle sue biciclette ai suoi mercati in crescita in Europa e altrove è la prova del fallimento dell’uomo nel cogliere semplici affari.

“Molti proprietari di @harleydavidson intendono boicottare l’azienda se la produzione si sposta all’estero. Grande! ” Ha twittato Trump il 12 agosto . “La maggior parte delle altre aziende stanno venendo nella nostra direzione, compresi i concorrenti di Harley. Una mossa davvero brutta! Gli Stati Uniti avranno presto parità di condizioni, o meglio. ”

La verità è che le aziende che scelgono di produrre negli Stati Uniti lo fanno, non perché l’America produce i prodotti meglio di chiunque altro, ma perché vogliono essere più vicini ai loro clienti.

Ha poco senso vendere una bicicletta a Praga realizzata nel Wisconsin. Detto questo, se Trump non avesse implementato le tariffe in acciaio e alluminio, l’UE non avrebbe schiaffeggiato una tariffa del 31% sulle motociclette statunitensi , e Harley probabilmente non sarebbe stata altrettanto veloce nel trasferire parte della sua produzione oltreoceano.

Non so se Mike Pence capisca meglio l’economia, ma immagino che a Harley piacerebbe scoprirlo.

LEGGI SU FINANZA ECONOMIA ITALIA>>> Crollo azioni Nasdaq: finito il Toro?

2 – Azioni da comprare nel caso di Impeachment a Trump: FCA ed industria automobilistica

Questo non è tanto un titolo specifico quanto è un settore particolare: quello automobilistico

Il presidente sembra desideroso di annullare tutto ciò che è stato creato o realizzato dall’amministrazione Obama . Ama le parole “Abbassa la politica di Obama”, quasi quanto MAGA. Per diamine con le conseguenze.

Recentemente, uno dei grandi amministratori delegati del business moderno, Sergio Marchionne, è morto all’età di 66 anni. Il Presidente Trump potrebbe non piacere a sentirlo, ma se non fosse per Obama andare contro alcuni dei consigli dei suoi consiglieri e optare per un salvataggio , Fiat Chrysler Automobiles (NYSE: FCAU ) potrebbe non esistere oggi.

Basta chiedere alle brave persone di Windsor, in Ontario, dove fanno un sacco di veicoli Chrysler, cosa pensano di Marchionne e le lodi sono tutte quelle che sentirai.

“C’è stata una grande recessione, la gente aveva perso fiducia in Chrysler come azienda”, ha detto il sindaco di Windsor Drew Dilkens dopo la morte di Marchionne il 25 luglio. “Ma lui ha detto: ‘Sai una cosa, vedo una possibilità’. Così, fece un salto che non molti altri erano disposti a prendere e prese Chrysler. ”

L’altra cosa che la gente dimentica è che la Fiat non stava esattamente canticchiando quando Marchionne propose la fusione. Allora, cosa vuole fare Mr. Trump? Vuole sborsare una tariffa del 25% sulle auto provenienti dal Canada e altrove .

Sia i fornitori di ricambi auto canadesi che quelli americani soffrirebbero di una simile tassa come la Fiat Chrysler e il resto delle case automobilistiche di Detroit. E Windsor, in Ontario? Sarebbe menomato.

3 – azioni da comprare in caso di Impeachment di Trump: AMAZON

La terza azienda che beneficerà di un impeachment di Trump, potrebbe essere Amazon (NASDAQ: AMZN ); Non che abbia bisogno di aiuto perché gli attacchi aggressivi del presidente contro il gigante dell’e-commerce lo hanno messo sotto i riflettori per tutte le ragioni sbagliate.

“Solo pazzi, o peggio, stanno dicendo che il nostro ufficio postale che perde soldi fa soldi con Amazon. PERDONO UNA FORTUNA, e questo cambierà “, ha scritto su Twitter Trump il 2 aprile . “Inoltre, i nostri rivenditori che pagano le tasse stanno chiudendo negozi in tutto il paese … non a parità di condizioni!”

Hmm … Amazon non è la stessa azienda che apre una seconda sede negli Stati Uniti che impiegherà fino a 50.000 dipendenti a un costo previsto di $ 5 miliardi?

Sono abbastanza sicuro che il VP non sarebbe altrettanto duro con la compagnia di Seattle sapendo che impiega più di 9.000 persone nello stato di Indiana dell’Inghilterra di Pence. E aggiunge posti di lavoro nei suoi cinque centri di adempimento nello stato.

Pensavo che Trump amasse le aziende che creano posti di lavoro in America!

Liberamente tratto da: Investorplace

Collaboratore di Economia Italia dal 2012, scrive di economia, finanza e politica dal 2007. Diplomato in ragioneria, è pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli Studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *