Dividendi Unicredit 2023 Record: 5,25 Miliardi di Euro agli Azionisti

La banca UniCredit SpA prevede di distribuire 5,25 miliardi di euro agli azionisti nei prossimi mesi, 1,5 miliardi di euro in più rispetto all’anno precedente, dopo che la banca è passata in utile nel quarto trimestre e ha registrato ricavi ben superiori a quelli delle previsioni degli analisti previsti.

La banca italiana UCG, ( + 7.80% martedì ), ha dichiarato che la distribuzione, soggetta all’approvazione del consiglio di sorveglianza e degli azionisti, consisterebbe in un dividendo in contanti di 1,91 miliardi di euro e un riacquisto di azioni proprie di 3,34 miliardi di euro. Una prima tranche del riacquisto del valore di circa 2,34 miliardi di euro verrà lanciata una volta approvata dall’assemblea generale annuale della società alla fine di marzo, seguita da un’altra tranche di circa 1 miliardo di euro nella seconda metà dell’anno.

Dividendo Unicredit: 5,25 Miliardi di Euro agli Azionisti dopo Utile Record
Dividendo Unicredit: 5,25 Miliardi di Euro agli Azionisti dopo Utile Record

UniCredit ha registrato un utile netto di 2,46 miliardi di euro per il trimestre da ottobre a fine dicembre, rispetto a una perdita di 883 milioni di euro nel quarto trimestre del 2021. Il risultato ha portato l’utile netto annuale della banca a 6,46 miliardi di euro da 2 0,10 miliardi nel 2021, con l’amministratore delegato Andrea Orcel che lo ha definito il miglior risultato in oltre un decennio.

Nel quarto trimestre, gli accantonamenti per perdite su crediti sono scesi a 528 milioni di euro da 810 milioni di euro, mentre i ricavi sono aumentati del 29% a 5,72 miliardi di euro.

Gli analisti avevano previsto un utile netto trimestrale di 1,16 miliardi di euro, accantonamenti di 851 milioni di euro e entrate di 5,15 miliardi di euro, secondo un consenso compilato dalla società.

La crescita dei ricavi è stata guidata da un forte slancio commerciale, tassi di interesse più elevati e sforzi di riduzione dei costi, ha affermato Orcel.

Il margine di interesse trimestrale di UniCredit – la differenza tra ciò che i prestatori guadagnano dai prestiti e pagano per i depositi, e un motore di profitto chiave per le banche retail – è salito a 3,43 miliardi di euro da 2,40 miliardi di euro.

Le commissioni nette del periodo sono scese a 1,62 miliardi di euro da 1,70 miliardi di euro, con proventi netti da negoziazione a 613 milioni di euro da 202 milioni di euro.

La banca ha affermato di essere entrata nel 2023 con un forte slancio ed è preparata per le sfide macroeconomiche. Sono in programma ulteriori aumenti dei tassi, ha affermato, e prevede che il prodotto interno lordo nell’eurozona ristagnerà quest’anno e aumenterà dell’1,3% nel 2024.

Per il 2023, UniCredit prevede ricavi netti superiori a 18,5 miliardi di euro e un utile netto sostanzialmente in linea con il 2022.

Questi risultati potrebbero riaprire il discorso della fusione Unicredit-BMPS di cui alcuni mesi fa si parlava.

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.