Obbligazioni AT1 Credit Suisse: Arriva la Causa per 17 Miliardi di Euro

Gli obbligazionisti di Credit Suisse preparano una causa dopo una controversa svalutazione di 17 miliardi di dollari dei loro Bond.

L’autorità di regolamentazione svizzera FINMA ha annunciato che gli AT1, ampiamente considerati investimenti relativamente rischiosi, saranno svalutati a zero, mentre gli investitori azionari riceveranno pagamenti come parte dell’acquisizione.

La società di contenzioso globale con sede in California Quinn Emanuel Urquhart & Sullivan, ha annunciato lunedì di aver messo insieme un “team multi-giurisdizionale di avvocati provenienti da Svizzera, Stati Uniti e Regno Unito” per discutere “possibili azioni legali” con gli obbligazionisti del Credit Suisse.

Obbligazioni Credit Suisse: Arriva la Causa per 17 Miliardi di Euro

Cosa sta succedendo agli obbligazionisti di Credit Suisse:

Gli obbligazionisti hanno dichiarato martedì che stavano prendendo in considerazione un’azione legale dopo che 17 miliardi di dollari di obbligazioni aggiuntive di primo livello (AT1) della banca sono state spazzate via come parte della sua vendita in emergenza a UBS.

Il regolatore svizzero FINMA ha annunciato domenica che gli AT1, ampiamente considerati investimenti relativamente rischiosi, saranno ridotti a zero, mentre gli investitori azionari riceveranno pagamenti come parte dell’acquisizione , facendo arrabbiare gli obbligazionisti.

David Benamou, chief investment officer di Axiom Alternative Investments e detentore di obbligazioni Credit Suisse AT1, ha dichiarato martedì alla CNBC che si sarebbe unito alla causa insieme, immaginava, “probabilmente alla maggior parte degli obbligazionisti”.

Lo studio legale californiano Quinn Emanuel Urquhart & Sullivan ha dichiarato lunedì di aver messo insieme un “team multi-giurisdizionale di avvocati provenienti da Svizzera, Stati Uniti e Regno Unito” in seguito all’accordo di salvataggio.

“Quel team sta già discutendo con un certo numero di detentori delle obbligazioni AT1 di Credit Suisse, che rappresentano una percentuale significativa del valore nozionale totale degli strumenti AT1 emessi da Credit Suisse, sulle possibili azioni legali che potrebbero essere a loro disposizione alla luce di l’annuncio della fusione tra UBS e Credit Suisse”, ha affermato la società.

L’azienda ha precedentemente rappresentato gli obbligazionisti in seguito alla vendita della banca spagnola Banco Popular a Banco Santander per 1 euro nel 2017 , che ha visto anche gli AT1 svalutati a zero.

La società ha affermato che mercoledì prevede di convocare un appello per gli obbligazionisti per discutere di “potenziali vie di ricorso”.

Credit Suisse stava fallendo?

Normalmente, in caso di fallimento di una banca, gli AT1, noti anche come convertibili contingenti o “CoCo”, avrebbero la priorità rispetto agli azionisti .

Le obbligazioni sono state create dopo la crisi finanziaria globale come mezzo per deviare il rischio di crisi dai contribuenti. La svalutazione del Credit Suisse rappresenta la più grande perdita mai inflitta agli investitori AT1 dal loro inizio.

La decisione delle autorità svizzere di ribaltare le norme consolidate e colpire gli obbligazionisti AT1 rispetto agli investitori azionari è stata criticata per aver danneggiato la fiducia nell’asset class, creando potenzialmente un effetto di ricaduta sui mercati globali

Lunedì l’autorità di vigilanza bancaria della BCE, il Comitato di risoluzione unico (SRB) e l’Autorità bancaria europea (EBA) hanno rilasciato una dichiarazione congiunta cercando di rassicurare gli investitori sul fatto che l’accordo con Credit Suisse è una tantum. La Svizzera non fa parte dell’Unione Europea e quindi non è soggetta ai regolamenti del blocco.

“In particolare, gli strumenti di common equity sono i primi ad assorbire le perdite e solo dopo il loro pieno utilizzo sarà necessario svalutare l’Additional Tier 1”, hanno insistito le autorità Ue.

Decisione di cancellare le obbligazioni del Credit Suisse probabilmente motivata politicamente, asseriscono gli obbligazionisti 

“Questo approccio è stato applicato in modo coerente in casi passati e continuerà a guidare le azioni della vigilanza bancaria dell’SRB e della BCE negli interventi di crisi. Il Tier 1 aggiuntivo è e rimarrà una componente importante della struttura del capitale delle banche europee”.

Alla fine del 2022, Credit Suisse disponeva di un coefficiente patrimoniale Common Equity Tier 1 (CET 1), una misura della solvibilità bancaria del 14,1% e un coefficiente di copertura della liquidità del 144%. Queste cifre suggeriscono che la banca fosse solvibile e disponesse di ampia liquidità, portando Benamou di Axiom a chiedersi se la banca dovesse essere considerata “in fallimento” nel senso tradizionale del termine.

La banca ha perso la fiducia degli investitori e dei depositanti nelle ultime due settimane, con conseguente caduta libera del prezzo delle azioni e massicci deflussi netti di attività, e domenica la FINMA ha specificato che c’era il rischio che il Credit Suisse potesse diventare illiquido, anche se non fosse insolvente.

Contesto politico

Uno dei catalizzatori della più recente capitolazione del prezzo delle azioni del Credit Suisse è stato l’annuncio del principale investitore, la Saudi National Bank, che non sarebbe stato in grado di offrire ulteriore assistenza finanziaria.

L’ acquisizione della sua quota del 9,9% in ottobre ha svolto un ruolo importante nel finanziamento della massiccia revisione strategica del Credit Suisse , mentre la Qatar Investment Authority è diventata il secondo maggiore azionista della banca dopo aver raddoppiato la sua quota al 6,8% alla fine dell’anno scorso.

Alla domanda se pensasse che ci fosse una motivazione politica dietro la decisione di assicurarsi le azioni davanti agli obbligazionisti AT1, data la portata degli azionisti di riferimento del Credit Suisse, Benamou ha affermato che quella era “l’unica spiegazione logica”.

Un portavoce della FINMA non è stato immediatamente disponibile per un commento.

Le obbligazioni AT1 del Credit Suisse hanno offerto rendimenti più elevati rispetto a molti asset comparabili, in alcuni casi quasi il 10%, riflettendo il rischio intrinseco che gli investitori stavano assumendo.

Contenevano anche una clausola che consentiva loro di essere svalutati a zero dalle autorità svizzere nel caso in cui la banca non fosse più redditizia, indipendentemente dal fatto che anche gli azionisti fossero stati spazzati via.

Le persone hanno ragione a rivedere le loro opinioni in alcuni AT1 e obbligazioni “CoCo”: società di servizi finanziari

Benamou ha riconosciuto che il rendimento rifletteva il rischio di fallimento o “non redditività”, ma ha respinto il suggerimento che la svalutazione fosse coperta dalla clausola esistente.

“In realtà domenica hanno cambiato la legge per permettere alla FINMA di annotare l’AT1 senza alcun vincolo. Naturalmente, c’è un certo grado di flessibilità nei prospetti, ma se cambiano la legge domenica, è perché non avevano abbastanza flessibilità per azzerare gli AT1”, ha detto.

Tuttavia Mark Yallop, presidente del Financial Markets Standards Board del Regno Unito ed ex CEO di UBS UK, ha dichiarato alla CNBC che è plausibile che la FINMA abbia preso una “decisione tecnica” basata sulla sua interpretazione della suddetta clausola di svalutazione.

“Questa è un’interpretazione legale di quel documento e sono sicuro che sarà discussa in tribunale a tempo debito, ma penso che non sia giusto vedere questo come una soluzione politica per soddisfare necessariamente alcuni detentori di azioni”, ha detto. disse.

“Penso che ci siano motivi per ritenere che la FINMA abbia probabilmente ritenuto di avere il diritto di insistere su questo risultato”.

I prodotti finanziari in tutto il settore sono diventati più tossici, afferma un azionista di Credit Suisse

Gli specialisti di contenzioso britannici Stewarts hanno suggerito che, lungi dall’essere uno “scherzo ingiustificato”, l’autorità di regolamentazione svizzera e le parti interessate avrebbero probabilmente chiesto consulenza legale prima di eliminare gli obbligazionisti AT1.

“Data la posta in gioco, potrebbero aver ritenuto che il rischio di un futuro contenzioso sia migliore dell’alternativa, anche se c’è qualche precedente nell’acquisizione del Banco Popular da parte di Santander nel 2017, organizzata dall’unità di supervisione della BCE, quando i suoi AT1 sono stati spazzati via”, il studio legale ha detto in un comunicato.

Alcuni azionisti di Credit Suisse hanno anche reagito con rabbia all’uso delle “misure di emergenza” da parte delle autorità per affrettare l’operazione senza voto.

I detentori di azioni riceveranno pagamenti solo al valore dell’acquisizione di UBS, una frazione del loro valore prima dell’operazione.

Vincent Kaufmann, CEO della Ethos Foundation, che detiene oltre il 3% delle azioni della banca, ha dichiarato lunedì alla CNBC che l’organizzazione consulterà i suoi avvocati su una possibile azione legale.

Ethos, che comprende 246 programmi pensionistici svizzeri e fondazioni di pubblica utilità, accusa le autorità svizzere di utilizzare i loro poteri di emergenza per approvare due atti legislativi chiave senza l’approvazione degli azionisti.

 

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *