Investire nel 2023: Meglio le Azioni o gli ETF su Obbligazioni?

Secondo Goldman Sachs, i rendimenti obbligazionari nel 2023 supereranno i dividendi azionari. Questo non accadeva dal culmine della Grande Recessione nel 2008, secondo il loro rapporto. Gli investitori stanno trovando valore nelle obbligazioni per la prima volta in un decennio poiché i tassi di interesse più elevati rendono redditizio il reddito fisso, secondo Bob Michele di JPMorgan Chase & Co., come citato su Bloomberg.

Il rapporto Goldman ha affermato che l’indice S&P 500 delle azioni statunitensi ha un rendimento da dividendi di solo circa l’1,7% e un rendimento degli utili corretto per il ciclo vicino al 4%. Il divario nei rendimenti tra azioni e obbligazioni si è notevolmente ridotto dalla crisi del COVID-19 ed è ora relativamente basso.

Investire nel 2023: meglio le Azioni o gli ETF su Obbligazioni?
Investire nel 2023: meglio le Azioni o gli ETF su Obbligazioni?

 

Le obbligazioni producono un reddito corrente migliore rispetto ai dividendi

Fermo restando che in tempo di crisi grande volatilità finanziaria a causa di inflazione e recessione ci possono comunque essere titoli di grande interesse che possono fare guadagnare tanto, gli investitori in reddito possono semplicemente raccogliere guadagni migliori attraverso le obbligazioni. I rendimenti obbligazionari sono fissi. Se gli investitori detengono un ETF obbligazionario fino alla scadenza, possono evitare l’incertezza e godere di un solido reddito corrente. FlexShares Credit-Scored US Long Corporate Bond Index Fund LKOR addebita commissioni di 25 punti base e il rendimento agevolato SEC è del 5,86% annuo. LKOR è aumentato dell’1,5% il mese scorso (al 27 dicembre 2022).

Al 27 dicembre 2022, il rendimento più elevato (4,75%) è stato fornito dai buoni del tesoro statunitensi a un anno. D’altra parte, Global X SuperDividend US ETF DIV ha perso il 2,1% nell’ultimo mese e ha reso il 5,29% annuo.

Risorse Utili:

Gli ETF obbligazionari se la passano meglio in mezzo all’incertezza

Poiché l’incertezza sulla recessione persiste, le attività a reddito fisso di qualità superiore, come il debito societario investment grade, i titoli garantiti da attività e i titoli garantiti da ipoteca, potrebbero essere investimenti interessanti il ​​prossimo anno, afferma Mueller-Glissmann di Goldman Sachs. In mezzo alla recessione, le azioni appaiono come una scommessa incerta. “[E] le azioni”, ha detto Goldman, “e il debito ad alto rendimento sono particolarmente esposti a un rallentamento economico o recessione”.

L’inflazione scenderà nel 2023?

Spesso i prezzi delle azioni e i dividendi tendono a muoversi ciclicamente con il valore del denaro. Pertanto, gli investitori possono aspettarsi che i rendimenti azionari combinati seguano l’inflazione in una certa misura. D’altra parte, le attività a reddito fisso tendono a generare rendimenti bassi rispetto all’inflazione elevata. Tuttavia, l’inflazione sta mostrando segni di rallentamento in ritardo a causa delle banche centrali aggressive. La maggior parte degli analisti prevede che l’inflazione diminuirà nel 2023. Questo è positivo per gli investimenti obbligazionari.

Per gli amanti delle obbligazioni, di seguito evidenziamo alcune strategie ETF che potrebbero essere vincenti.

 

meglio le Azioni o gli ETF su Obbligazioni?
meglio le Azioni o gli ETF su Obbligazioni?

ETF ad alto rendimento con copertura degli interessi

Gli ETF ad alto rendimento con copertura degli interessi si prendono cura dei crescenti rischi di tasso fornendo allo stesso tempo un solido reddito corrente. Questo ETF ha dimostrato di essere piuttosto resiliente nelle turbolenze di quest’anno.

ProShares High Yield-Interest Rate Hedged ETF HYHG comprende posizioni lunghe in obbligazioni societarie ad alto rendimento denominate in USD e posizioni corte in titoli del Tesoro USA o obbligazioni di durata approssimativamente equivalente. L’ETF rende il 5,58% annuo.

ETF su obbligazioni convertibili

Le obbligazioni convertibili sono quelle che possono essere scambiate, se il detentore lo desidera, con un numero specifico di azioni privilegiate o ordinarie se il prezzo delle azioni della società supera il suddetto prezzo di conversione durante il mandato dell’obbligazione. La principale differenza dell’asset con le obbligazioni tradizionali è che le obbligazioni convertibili offrono agli investitori il diritto di convertire le proprie partecipazioni obbligazionarie in azioni di una società a discrezione del detentore.

First Trust SSI Strategic Convertible Securities ETF FCVT investe almeno l’80% del proprio patrimonio netto in un portafoglio diversificato di titoli convertibili statunitensi e non statunitensi. Rende il 3,71% annuo e addebita 95 bps di commissioni.

ETF sui prestiti senior

I prestiti senior sono strumenti a tasso variabile e forniscono protezione dall’aumento dei tassi di interesse. In poche parole, un’opportunità di rendimento relativamente elevato unita alla protezione dall’incombente aumento dei tassi di interesse dovrebbe aiutare il fondo a ottenere risultati migliori.

Highland/iBoxx Senior Loan ETF SNLN potrebbe quindi essere una buona scelta per le prossime giocate. Rende circa il 4,88% annuo e addebita commissioni per 56 punti base.

ETF obbligazionari a tasso variabile

I titoli a tasso variabile sono obbligazioni investment grade che non pagano un tasso fisso agli investitori ma hanno tassi cedolari variabili che sono spesso legati a un indice sottostante (come il LIBOR) più uno spread variabile a seconda del rischio di credito degli emittenti. Poiché le cedole di queste obbligazioni vengono adeguate periodicamente, sono meno sensibili a un aumento dei tassi rispetto alle obbligazioni tradizionali. iShares Floating Rate Bond ETF FLOT potrebbe essere una scommessa intrigante.

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.