Migliori ETF Mercati Emergenti 2023 – Quotazioni Tempo Reale

I fondi dei mercati emergenti offrono agli investitori la possibilità di beneficiare potenzialmente della crescita delle imprese nei paesi in via di sviluppo.

Tuttavia, sebbene i rendimenti possano essere maggiori, questi mercati spesso presentano più rischi rispetto ai normali investimenti in fondi dei mercati sviluppati.

Quindi, leggi la mia guida per scoprire alcuni dei migliori fondi dei mercati emergenti e alcune cose da considerare quando investi.

10 dei migliori fondi dei mercati emergenti in cui considerare di investire

  1. JPMorgan Emerging Markets
  2. iShares Corse MSCI Emerging Markets ETF (IEMG)
  3. iShares MSCI India ETF (INDA)
  4. Templeton Emerging Markets Investment Trust
  5. iShares MSCI Brazil ETF (EWZ)
  6. iShares MSCI China ETF (MCHI)
  7. VinaCapital Vietnam Opportunity
  8. Aubrey Global Emerging Markets Opportunities RC1 GBP
  9. Redwheel Global Emerging Markets Fund Class R GBP
  10. Utilico Emerging Markets Trust

Leggi di più su ciascuno di questi fondi di seguito.

1. JPMorgan Emerging Markets

JPMorgan ( JPM ) è una rinomata banca d’investimento e società di gestione di fondi e il suo fondo per i mercati emergenti è uno dei più popolari nel settore.

Il gigante bancario ha un grande team di investimento, con 92 membri nei suoi team dei mercati emergenti e delle azioni dell’Asia-Pacifico.

Quando si tratta di mercati emergenti, JPMorgan sembra adottare un approccio avverso al rischio nelle sue decisioni di investimento. Ciò è dovuto al suo focus su asset premium di qualità garantita.

Inoltre, mira a settori che presentano un rischio esterno limitato, con posizioni di mercato caratterizzate da una buona generazione di flussi di cassa e da bilanci solidi.

Per questo motivo, il fondo è tradizionalmente privo di titoli energetici o di materiali, poiché questi asset possono essere facilmente influenzati da fattori esterni.

A giugno 2022, il fondo gestiva 38 miliardi di dollari di asset.

Fonte:  Morningstar

2. iShares Core MSCI Emerging Markets ETF (IEMG)

IiShares Core MSCI ETF sui mercati emergenti
IEMG42,21
-0,64/-1,49%
Gamma
42.18 – 43.13
Intervallo di 52 settimane
41.55 – 64.46
Volume
17,21 milioni
Azioni in circolazione
1.15B
Capitalizzazione di mercato
48,58 miliardi

iShares Emerging Markets ETF è un altro fondo popolare nel settore dei mercati emergenti.

Uno dei tanti ETF ( exchange-traded fund ) di iShares, il fondo gestisce oltre 50 miliardi di dollari di asset, quotando oltre 2.500 titoli da tutto il mondo.

Sebbene presenti titoli di tutto il mondo, si concentra principalmente su titoli dell’Asia orientale, come Samsung, Alibaba e Tencent.

Al 5 ottobre 2022, la performance media annua del fondo è dell’11,75%.

Poiché il prodotto interno lordo (PIL) cinese ha registrato una rapida crescita negli ultimi anni, l’ampia esposizione del fondo all’economia cinese lo ha aiutato a crescere di oltre il 60% solo nell’ultimo anno.

La maggior parte di questi fondi richiederà il pagamento di commissioni per compensare i gestori del fondo, i professionisti qualificati che supervisionano il fondo e prendono decisioni di investimento.

Questo fondo ha un rapporto di spesa relativamente basso dello 0,09%, il che significa che l’accesso è abbastanza economico.

Fonte:  BuyShares

3. iShares MSCI India ETF (INDA)

IiShares MSCI India ETF
INDA40,32
-0,49/-1,20%
Gamma
40.29 – 40.99
Intervallo di 52 settimane
38.58 – 50.85
Volume
2,20 milioni
Azioni in circolazione
Capitalizzazione di mercato

iShares MSCI India è un ETF che vale la pena considerare per gli investitori che desiderano rivolgersi a un determinato mercato emergente, con questo fondo che detiene esclusivamente società indiane.

L’India è uno dei mercati emergenti più veloci al momento, con la sua economia in rapida crescita. È una delle contee più popolose del pianeta, con oltre 1,48 miliardi di persone che vivono lì, seconda solo alla Cina.

L’ETF iShares contiene 96 società con sede in India, inclusi giganti del settore globale come Reliance Industries, Infosys e Tata Consultancy Services.

Il fondo controlla un totale di $ 5 miliardi di asset, offrendo un rendimento medio in 5 anni del 10,1% e opera con un rapporto di spesa dello 0,69%, che alcuni potrebbero ritenere leggermente elevato per un fondo passivo.

Fonte:  BuyShares

4. Templeton Emerging Markets Investment Trust

Fin dalla sua creazione nel 1989, il fondo Emerging Markets di Templeton ha sviluppato una lunga storia di investimenti professionali.

Nei tre decenni successivi, il fondo si è concentrato sui titoli tecnologici e da allora è diventato il più grande fondo dei mercati emergenti IT al mondo, controllando 1,8 miliardi di sterline di asset.

Il fondo può anche investire in società private o altre società che devono ancora essere quotate in borsa. Ciò significa che un investimento in questo fondo può offrirti l’accesso ad attività che altrimenti non saresti in grado di fare.

Questo sembra funzionare bene per l’azienda poiché, negli ultimi 10 anni, il fondo ha restituito il 52,4%.

Fonte:  Trustnet

5. iShares MSCI Brazil ETF (EWZ)

EiShares MSCI Brasile ETF
EWZ30,61
-0,97/-3,07%
Gamma
30.56 – 31.65
Intervallo di 52 settimane
25.22 – 39.59
Volume
25,97 milioni
Azioni in circolazione
200,55 milioni
Capitalizzazione di mercato
6,14 miliardi

Il Brasile è un altro paese che ha registrato un forte aumento del suo PIL nella storia recente, che ha portato molti economisti a considerarlo un mercato emergente.

Questo fondo è l’opzione di iShares per i mercati emergenti brasiliani, comprese solo le società con sede nel paese sudamericano. Paul Whitehead è il gestore del fondo da gennaio 2022.

Anche se potrebbe non avere le stesse cifre di crescita esponenziale di Cina e India, è ancora un paese con un’economia in rapida crescita.

Questo fondo persegue una strategia di investimento più mirata e specifica rispetto ad altri fondi dei mercati emergenti. Ad esempio, ha una posizione importante a Vale, la più grande compagnia mineraria del paese e una delle più grandi al mondo. Questo rende Vale abbastanza influente sul successo del fondo.

L’ETF iShares Brazil ha rendimenti annualizzati quinquennali del 7,1% e ha prodotto rendimenti del 44,9% solo nell’ultimo anno. Il fondo ha un rapporto di spesa dello 0,59%.

Fonte:  BuyShares

6. iShares MSCI China ETF (MCHI)

MiShares MSCI China ETF
MCHI39,96
-0,49/-1,21%
Gamma
39.94 – 41.10
Intervallo di 52 settimane
39.21 – 73.47
Volume
5,51 milioni
Azioni in circolazione
Capitalizzazione di mercato

Il PIL cinese è cresciuto enormemente dall’inizio del secolo e potrebbe essere in qualche modo un caso di studio che spiega il potenziale dell’investimento nei mercati emergenti.

Questo fondo tiene traccia solo di società cinesi e si concentra sulle più grandi imprese del paese. Gli esempi includono Alibaba e Tencent, che rappresentano il 30% delle partecipazioni del fondo.

Nonostante ciò, ci sono ancora quasi 600 altri titoli cinesi inclusi nel fondo. In totale, controlla oltre 6,7 miliardi di dollari di asset.

Nell’ultimo anno, la performance del fondo è stata forte, con un rendimento del 42,8%, mentre ha ottenuto un rendimento medio del 15,4% negli ultimi cinque anni.

Fonte:  BuyShares

7. VinaCapital Vietnam Opportunity

Il Vietnam è un altro mercato emergente che potresti voler prendere di mira, quindi il fondo Vietnam Opportunity di VinaCapital potrebbe essere l’opzione giusta per te.

Questo fondo di investimento elenca esclusivamente società vietnamite, con il  sito web di VinaCapital  che riporta il valore netto delle sue attività di oltre 1 miliardo di sterline, la maggior parte delle quali è investita in azioni quotate.

Questo fondo ha anche la capacità di detenere azioni private e non quotate. Si tratta di caratteristiche che alcuni investitori potrebbero ritenere interessanti poiché non sono comuni tra i fondi dei mercati emergenti.

Il fondo VinaCapital Vietnam Opportunity ha ottenuto buoni risultati sin dal suo inizio nel 2003, con un rendimento del 1.550,7%.

Fonte:  Trustnet

8. Aubrey Global Emerging Markets Opportunities RC1 GBP

Aubrey è una società di gestione del capitale fondata da un team di investitori esperti nel 2006.

Il suo fondo sui mercati emergenti globali si concentra sulla crescita dei consumi e dei servizi nei mercati emergenti, invece di cercare un potenziale per esportazioni a basso costo.

Infatti, tra il 50-60% del suo patrimonio viene investito in beni non essenziali in previsione di un accresciuto potere d’acquisto tra i cittadini dei mercati emergenti.

Inoltre, il fondo dei mercati emergenti di Aubrey investe in comunicazione e servizi finanziari. Aubrey utilizza un sistema in base al quale le società in cui investe devono avere un minimo del 15% di crescita degli utili per azione, il 15% di ritorno sul capitale proprio e il 15% di ritorno in contanti sugli asset.

Ha circa il 36% delle sue attività investite in società indiane, a giugno 2022, e controlla attività totali per un valore di £ 214 milioni con un rapporto di spesa dello 0,95%.

Fonte:  Forbes

9. Redwheel Global Emerging Markets Fund Class R GBP

Il fondo dei mercati emergenti di Redwheel comprende paesi di tutto il mondo ed è gestito da un team di 23 membri.

Ha un’interessante capacità di investire in mercati di frontiera, cioè in fasi di sviluppo molto precedenti, come Zimbabwe, Argentina e Vietnam. Ciò significa che potrebbe trovare opportunità di investimento in aree che devono ancora diventare attori principali nei mercati globali.

Tuttavia, ciò potrebbe anche significare che il fondo comporta un rischio maggiore, a causa della natura instabile dei mercati di frontiera.

Quando prende decisioni in merito al suo fondo per i mercati emergenti, Redwheel utilizza condizioni economiche più ampie insieme a considerazioni politiche per discernere quali potrebbero essere le migliori opzioni.

Oltre a ciò, include le valutazioni ambientali, sociali e di governance (ESG) come parte fondamentale del suo processo di ricerca.

Le aree di investimento focalizzate di Redwheel includono:

  • Tecnologia distruttiva
  • L’inclusione finanziaria
  • Telecomunicazioni 5G
  • Nuova tecnologia automobilistica.

Complessivamente, il fondo controlla 211 milioni di sterline di attività e ha un rapporto di spesa totale dell’1,25%.

Fonte:  Forbes

10. Utilico Emerging Markets Trust

Il fondo dei mercati emergenti di Utilico è quotato alla Borsa di Londra (LSE) e investe in azioni e obbligazioni quotate, nonché in alcuni titoli non quotati.

Le azioni costituiscono circa un terzo del suo portafoglio e la sua maggiore esposizione geografica è in Brasile, che rappresenta un quinto del suo patrimonio.

Questo fondo si concentra su utilities e servizi nei mercati emergenti, tra cui:

  • Acqua
  • Liquame
  • Elettricità
  • Gas
  • Porti
  • Aeroporti
  • Linee ferroviarie.

I maggiori investimenti del fondo dei mercati emergenti di Utilico sono nella logistica e nelle infrastrutture, che sono probabilmente le questioni primarie che i paesi in via di sviluppo devono affrontare nella speranza di modernizzare le loro economie.

Ha un portafoglio di 437 milioni di sterline e un rapporto di spesa totale dell’1,19%.

Fonte:  Forbes

Che cos’è un mercato emergente?

Il termine “mercato emergente” è stato creato dagli economisti negli anni ’80 per definire gli investimenti effettuati nei paesi in via di sviluppo. Nonostante sia ampiamente utilizzato, non esiste una definizione concreta che sia stata concordata.

In generale, la maggior parte degli esperti concorderà sul fatto che la frase rappresenti paesi con economie in via di sviluppo che stanno attraversando una rapida crescita economica. Tale stato può essere individuato con una formula che utilizza il PIL e il PIL pro capite come variabili.

Alcuni esempi recenti di paesi ancora in una fase iniziale di sviluppo mentre stanno vivendo una rapida crescita economica sono Brasile, Russia, India e Cina.

Quindi, le azioni dei mercati emergenti sono società pubbliche che si trovano sul mercato azionario in paesi che soddisfano i criteri “emergenti”. Questi potrebbero essere di difficile accesso per i singoli investitori, quindi alcune società di investimento offrono fondi che ne monitorano la performance.

È importante ricordare che avere un mercato emergente non significa che il paese sia povero: la Corea del Sud, ad esempio, è un mercato emergente ma ha un gran numero di consumatori e un’economia ricca.

I fondi dei mercati emergenti sono un buon investimento?

Il fatto che i fondi dei mercati emergenti siano un buon investimento o meno sarà diverso per ciascun investitore, a seconda della propensione al rischio e degli obiettivi di investimento.

Investire nel settore dei mercati emergenti globali può spesso comportare rischi maggiori rispetto ai fondi tradizionali. Detto questo, è possibile che possano fornire rendimenti più elevati sui tuoi investimenti in cambio di questo rischio maggiore.

I mercati emergenti possono essere più rischiosi di quelli delle nazioni sviluppate, come il Regno Unito o gli Stati Uniti, per una serie di motivi. Ad esempio, alcune economie in via di sviluppo possono essere soggette a instabilità politica, con conseguenti modifiche drastiche alle politiche interne o alle leggi finanziarie che potrebbero mettere a rischio i portafogli.

Quindi, dipende se puoi sopportare il rischio o meno. Se sai che non gestisci molto bene il rischio, forse i fondi nelle economie sviluppate potrebbero essere un investimento migliore per te.

Nel frattempo, se riesci a tollerare il rischio, i fondi dei mercati emergenti potrebbero essere un buon modo per ottenere esposizione a una gamma ancora più ampia di titoli internazionali.

Indipendentemente da ciò, è importante non pensare a nessun investimento come buono o cattivo finché non lo hai considerato in linea con la tua strategia di investimento o le tue circostanze personali.

Ricorda: non investire mai tutti i tuoi soldi o più di quanto puoi permetterti di perdere: non hai rendimenti garantiti. Dovresti considerare di calcolare la tua tolleranza al rischio come parte del tuo processo di investimento.

I mercati emergenti sono ad alto rischio?

Sebbene tutti gli investimenti comportino un certo grado di rischio, si può spesso sostenere che l’acquisto di azioni nei mercati emergenti comporti un rischio maggiore rispetto ai metodi di investimento più tradizionali, come le società nei mercati sviluppati.

Ciò è dovuto principalmente ai rischi politici, economici e valutari che devono affrontare i paesi con economie in via di sviluppo.

Ad esempio, l’instabilità politica o la leadership instabile possono causare circostanze imprevedibili a cui è difficile reagire per gli investitori. Ciò potrebbe far perdere valore al tuo portafoglio a causa di eventi semplicemente imprevedibili.

Anche altri rischi, come le debolezze economiche, possono essere più diffusi nei paesi in via di sviluppo. Questi potrebbero essere rischi relativi a manodopera e materie prime insufficienti, inflazione o deflazione elevata, mancanza di regolamentazione e politiche monetarie poco pratiche.

Il rischio valutario è un altro fattore che potrebbe rappresentare un pericolo per i tuoi investimenti. È più probabile che i paesi con economie in via di sviluppo abbiano valute volatili rispetto a quelle globali come il dollaro o la sterlina, valute in cui è probabile che tu tragga profitto.

Ciò significa che i tuoi guadagni potrebbero essere compensati dall’azione volatile dei prezzi delle valute o, d’altra parte, le tue perdite potrebbero essere peggiorate.

È responsabilità di ciascun investitore gestire la propria gestione del rischio come parte del proprio processo di investimento e capire se possono a) sostenere il rischio e se b) vedere i benefici come vantaggiosi.

I mercati emergenti sono un buon investimento per il 2023?

Alcuni mercati emergenti hanno ottenuto ottimi risultati nell’ultimo decennio, come quelli esposti alle azioni cinesi . Tuttavia, è importante ricordare che le prestazioni passate non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri.

Ciò significa che, solo perché un fondo ha ottenuto buoni risultati fino al punto in cui hai investito, non indica che ciò continuerà.

Il 2022 è stato in gran parte un anno di significativa volatilità del mercato, in particolare i mercati del Regno Unito. A seguito delle recenti fluttuazioni della sterlina e dei turbolenti movimenti dei prezzi nell’ottobre 2022, i mercati emergenti potrebbero rappresentare un’opportunità più interessante per gli investitori britannici.

Allo stesso modo, alcuni economisti ipotizzano se tassi di interesse più elevati causeranno un leggero rallentamento del PIL dei mercati sviluppati. Ciò potrebbe offrire vantaggi competitivi ai mercati emergenti, presentando un’opportunità di crescita con queste posizioni di mercato forti rispetto alle economie sviluppate.

Nonostante ciò, dovresti sempre considerare come i tuoi investimenti potrebbero influenzare la tua situazione finanziaria prima di prendere decisioni.

Chiedere consiglio a un consulente finanziario è spesso un modo sensato per valutare il rischio rispetto alla propria posizione prima di prendere una decisione di investimento.

Domande frequenti sui fondi per i migliori mercati emergenti 

Posso investire nei mercati emergenti dall’Italia?

Sì, puoi investire nei mercati emergenti del Regno Unito. Piattaforme come eToro e IG offrono conti per investitori al dettaglio che ti consentono di investire in fondi dei mercati emergenti nel Regno Unito.

È sicuro investire in fondi dei mercati emergenti?

Ogni tipo di investimento comporta un certo grado di rischio, quindi i fondi dei mercati emergenti non dovrebbero essere considerati sicuri, in quanto tali. Si ritiene che comportino un rischio maggiore rispetto ai mercati sviluppati, ma ciò dipende in definitiva dalla tolleranza al rischio personale di ogni singolo investitore. Si tenga presente che la performance storica di un fondo non è un indicatore dei risultati futuri.

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.