Truffa di Criptovalute con Ronaldo: a Rischio di 1 MLD di $ di Risarcimenti

In questi giorni è uscita la notizia che anche Ronaldo, CR7 il famoso calciatore portoghese conosciuto in tutto il mondo, sarebbe coinvolto in una truffa di criptovalute  internazionale e che alcune persone che sono state truffate gli avrebbero chiesto 1 miliardo di $ di risarcimento in quanto lui faceva pubblicità a questa azienda, ma cerchiamo di capire meglio.

Ronaldo CR7 denunciato 

Cristiano Ronaldo, il calciatore più famoso al mondo, è stato citato in giudizio in una class action negli Stati Uniti per aver pubblicizzato Binance, il più grande exchange di criptovalute al mondo.

I querelanti sostengono che la pubblicità di Ronaldo ha portato le persone a investire in criptovalute, inclusi i token non fungibili (NFT) di Binance, che hanno perso valore dopo essere stati acquistati.

I querelanti affermano che Ronaldo non ha rivelato quanto veniva pagato per la promozione di Binance, in violazione della legge statunitense.

La causa chiede un risarcimento danni da più di un miliardo di dollari, cifra richiesta alla società Binance, ma nel risarcimento potrebbe essere coinvolto in parte anche il calciatore portoghese.

La causa solleva una serie di questioni controverse, tra cui:

  • Il ruolo delle celebrità nella promozione di investimenti rischiosi.
  • La responsabilità delle celebrità per le perdite subite dagli investitori.
  • La regolamentazione delle criptovalute negli Stati Uniti.

La causa è ancora in corso e non è chiaro quale sarà l’esito. Tuttavia, è un segnale che le celebrità che promuovono investimenti rischiosi potrebbero essere ritenute responsabili delle perdite subite dagli investitori.

Truffa di Criptovalute: Ronaldo Restituisca 1 MLD di $ , Chiedono gli Investitori
Sopra: la pubblicità che Ronaldo fece a Binance, ancora presente nell’account Twitter di questa azienda di exchange

Cos’è Binance e perchè si trova in mezzo a cause giudiziarie

Binance è un exchange di criptovalute con sede a Malta. È il più grande exchange di criptovalute al mondo per volume di scambi, con una capitalizzazione di mercato di oltre 90 miliardi di dollari.

Binance è stata fondata nel 2017 da Changpeng Zhao, un imprenditore cinese. L’azienda ha rapidamente guadagnato popolarità, attirando milioni di utenti in tutto il mondo.

Tuttavia, Binance è stata anche oggetto di una serie di controversie. Nel 2021, l’azienda è stata multata per 3,3 milioni di dollari dalla Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito per aver operato senza licenza.

Nel 2022, Binance è stata citata in giudizio dalla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti per aver operato illegalmente nel paese. La SEC sostiene che Binance non si sia registrata come broker-dealer e che abbia offerto titoli non registrati.

Binance ha respinto le accuse della SEC, sostenendo di essere conforme alla legge statunitense.

Oltre alla causa della SEC, Binance è stata anche citata in giudizio in una class action negli Stati Uniti da un gruppo di investitori che sostengono che la pubblicità di Cristiano Ronaldo ha portato a loro perdite finanziarie.

Questa causa solleva una serie di questioni controverse, tra cui:

  • Il ruolo delle celebrità nella promozione di investimenti rischiosi.
  • La responsabilità delle celebrità per le perdite subite dagli investitori.
  • La regolamentazione delle criptovalute negli Stati Uniti.

È ancora presto per dire come si concluderanno queste cause, ma è chiaro che Binance è sotto la lente d’ingrandimento delle autorità di regolamentazione.

Cosa sono gli NTF e perchè non è consigliabile investirci soldi

Gli NFT, acronimo di Non-Fungible Token, sono token digitali che rappresentano la proprietà di un bene unico, come un’opera d’arte, una canzone o un video. Gli NFT sono registrati su una blockchain, una tecnologia di registro distribuito che garantisce l’autenticità e l’unicità del bene.

Gli NFT hanno guadagnato popolarità negli ultimi anni, in particolare nel settore dell’arte digitale. Nel 2021, un’opera d’arte NFT di Beeple è stata venduta per 69,3 milioni di dollari da Christie’s, una delle più importanti case d’aste del mondo.

Tuttavia, gli NFT sono anche un investimento rischioso. Il loro valore è volatile e può essere influenzato da una serie di fattori, tra cui la domanda e l’offerta, le notizie e gli eventi globali.

Inoltre, gli NFT sono spesso associati a progetti fraudolenti. Nel 2022, ad esempio, un gruppo di truffatori ha raccolto oltre 1,2 miliardi di dollari in un’offerta iniziale di token (ICO) per un progetto NFT chiamato Frosties. Il progetto si è rivelato essere una truffa e gli investitori hanno perso tutti i loro soldi.

Ecco alcuni dei motivi per cui gli NFT hanno fatto perdere molti soldi agli investitori:

  • Volatilità dei prezzi: Il valore degli NFT può fluttuare notevolmente, sia al rialzo che al ribasso. Questo può portare a perdite significative per gli investitori che acquistano NFT a prezzi elevati.
  • Rischio di frode: Gli NFT sono spesso associati a progetti fraudolenti. Gli investitori devono fare attenzione a non investire in progetti che non sono ben regolamentati o che non hanno una buona reputazione.
  • Mancanza di regolamentazione: Gli NFT sono un prodotto relativamente nuovo e non sono ancora regolamentati in molti paesi. Questa mancanza di regolamentazione può rendere difficile per gli investitori recuperare le perdite in caso di frode o di calo del valore degli NFT.

È importante ricordare che gli NFT sono un investimento rischioso. Gli investitori dovrebbero fare le proprie ricerche prima di acquistare NFT e dovrebbero essere consapevoli dei potenziali rischi.

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.