Investire in NFT: Cosa Sono, Perché si Collezionano e Come Guadagnarci

Che cos’è un Non-Fungible Token ( NFT ) I token non fungibili o NFT sono asset crittografici su blockchain con codici di identificazione univoci e metadati che li distinguono gli uni dagli altri. A differenza delle criptovalute , non possono essere scambiate o scambiate all’equivalenza. Questo differisce dai token fungibili come le criptovalute, che sono identiche tra loro e, quindi, possono essere utilizzate come mezzo per le transazioni commerciali. Sono utilizzare per fare investimenti in arte, come vedrete in seguito.

RIASSUNTO DEGLI NFT

  • Gli NFT sono token crittografici unici che esistono su una blockchain e non possono essere replicati.
  • Gli NFT possono essere utilizzati per rappresentare oggetti del mondo reale come opere d’arte ed immobili.
  • Il “tokeninzing” di questi beni tangibili del mondo reale consente loro di essere acquistati, venduti e scambiati in modo più efficiente riducendo la probabilità di frode.
  • Le NFT possono essere utilizzate anche per rappresentare le identità delle persone, i diritti di proprietà e altro ancora.

La struttura distinta di ogni NFT ha il potenziale per diversi casi d’uso. Ad esempio, sono un veicolo ideale per rappresentare digitalmente beni fisici come immobili e opere d’arte. Poiché sono basati su blockchain, gli NFT possono essere utilizzati anche per rimuovere intermediari e connettere artisti con il pubblico o per la gestione dell’identità. Le NFT possono rimuovere intermediari, semplificare le transazioni e creare nuovi mercati.

All’inizio di marzo un gruppo di Beeple NFT è stato venduto per oltre $ 69 milioni.
La vendita ha stabilito un precedente e un record per le opere d’arte digitale più costose vendute finora.
L’opera d’arte era un collage composto dai primi 5.000 giorni di lavoro di Beeple.

Gran parte dell’attuale mercato degli NFT è incentrato su oggetti da collezione, come opere d’arte digitali, carte sportive e rarità. Forse lo spazio più pubblicizzato è NBA Top Shot , un luogo in cui raccogliere momenti NBA tokenizzati non fungibili in una forma di carta digitale. Alcune di queste carte sono state vendute per milioni di dollari. Recentemente, il CEO di Twitter, Jack Dorsey, ha twittato un collegamento a una versione tokenizzata del primo tweet mai scritto in cui ha scritto “solo impostando il mio twttr”. La versione NFT del primo tweet in assoluto è già stata offerta fino a 2,5 milioni di dollari.

Dogecoins conviene investire? 

NFT Cosa Sono e Come Investire in Arte o Altri Assett di Lusso con i NFT
Immagine sopra: NFT stilizzato

Cosa sono gli NFT

Come il denaro fisico, le criptovalute sono fungibili, ovvero possono essere scambiate o scambiate l’una con l’altra. Ad esempio, un Bitcoin ha sempre un valore uguale a un altro Bitcoin. Allo stesso modo, una singola unità di Ether è sempre uguale a un’altra unità. Questa caratteristica di fungibilità rende le criptovalute adatte all’uso come mezzo di transazione sicuro nell’economia digitale.

Gli NFT cambiano il paradigma crittografico rendendo ogni token unico e insostituibile, rendendo così impossibile che un token non fungibile sia uguale a un altro. Sono rappresentazioni digitali di risorse e sono state paragonate a passaporti digitali perché ogni token contiene un’identità univoca e non trasferibile per distinguerla dagli altri token. Sono anche estensibili, il che significa che puoi combinare un NFT con un altro per “generare” un terzo NFT unico.

Proprio come Bitcoin , anche gli NFT contengono dettagli sulla proprietà per una facile identificazione e trasferimento tra i possessori di token. I proprietari possono anche aggiungere metadati o attributi relativi alla risorsa negli NFT. Ad esempio, i gettoni che rappresentano i chicchi di caffè possono essere classificati come commercio equo. Oppure, gli artisti possono firmare la propria opera d’arte digitale con la propria firma nei metadati.

Gli NFT si sono evoluti dallo standard ERC-721. Sviluppato da alcune delle stesse persone responsabili dello smart contract ERC-20, ERC-721 definisce l’interfaccia minima – dettagli di proprietà, sicurezza e metadati – richiesta per lo scambio e la distribuzione di token di gioco. Lo standard ERC-1155 porta ulteriormente il concetto riducendo i costi di transazione e di archiviazione necessari per gli NFT e raggruppando più tipi di token non fungibili in un unico contratto.

Forse il caso d’uso più famoso per gli NFT è quello dei cryptokitties. Lanciati a novembre 2017, i cryptokitties ( criptogattini ) sono rappresentazioni digitali di gatti con identificazioni univoche sulla blockchain di Ethereum. Ogni gattino è unico e ha un prezzo in etere. Si riproducono tra di loro e producono nuova prole, che ha attributi e valutazioni diversi rispetto ai loro genitori. Nel giro di poche settimane dal lancio, i cryptokitties hanno accumulato una base di fan che ha speso 20 milioni di dollari per acquistarli,  e nutrirli. Alcuni appassionati hanno persino speso più di 100.000 dollari per questo sforzo.

Mentre il caso d’uso dei cryptokitti può sembrare banale, quelli successivi hanno implicazioni aziendali più serie. Ad esempio, le NFT sono state utilizzate in transazioni di private equity e in affari immobiliari. Una delle implicazioni dell’abilitazione di più tipi di token in un contratto è la capacità di fornire l’escrow per diversi tipi di NFT, dalle opere d’arte agli immobili, in un’unica transazione finanziaria.

Perché i token non fungibili sono importanti?

I token non fungibili sono un’evoluzione rispetto al concetto relativamente semplice di criptovalute. I sistemi finanziari moderni sono costituiti da sofisticati sistemi di negoziazione e prestito per diversi tipi di asset, che vanno dagli immobili ai contratti di prestito alle opere d’arte. Consentendo rappresentazioni digitali di risorse fisiche, le NFT rappresentano un passo avanti nella reinvenzione di questa infrastruttura.

A dire il vero, l’idea di rappresentazioni digitali di risorse fisiche non è nuova né l’uso dell’identificazione univoca. Tuttavia, quando questi concetti vengono combinati con i vantaggi di una blockchain antimanomissione di contratti intelligenti, diventano una potente forza per il cambiamento.

Forse, il vantaggio più evidente delle NFT è l’efficienza del mercato. La conversione di un asset fisico in uno digitale semplifica i processi e rimuove gli intermediari. Gli NFT che rappresentano opere d’arte digitali o fisiche su una blockchain eliminano la necessità di agenti e consentono agli artisti di connettersi direttamente con il proprio pubblico. Possono anche migliorare i processi aziendali. Ad esempio, un NFT per una bottiglia di vino renderà più facile per i diversi attori in una catena di approvvigionamento interagire con essa e aiuterà a tracciarne la provenienza, la produzione e la vendita durante l’intero processo. La società di consulenza Ernst & Young ha già sviluppato una tale soluzione per uno dei suoi clienti.

I token non fungibili sono eccellenti anche per la gestione delle identità. Considera il caso dei passaporti fisici che devono essere esibiti in ogni punto di ingresso e di uscita. Convertendo i singoli passaporti in NFT, ciascuno con le proprie caratteristiche identificative univoche, è possibile snellire i processi di ingresso e uscita per le giurisdizioni. Ampliando questo caso d’uso, gli NFT possono essere utilizzati anche per la gestione delle identità all’interno del regno digitale.

Le NFT possono anche democratizzare gli investimenti frazionando asset fisici come gli immobili. È molto più facile dividere un bene immobiliare digitale tra più proprietari che uno fisico. Quell’etica della tokenizzazione non deve essere limitata al settore immobiliare; può essere esteso ad altre risorse, come le opere d’arte. Pertanto, un dipinto non necessita sempre di un unico proprietario. Il suo equivalente digitale può avere più proprietari, ciascuno responsabile di una frazione del dipinto. Tali accordi potrebbero aumentarne il valore e le entrate.

La possibilità più interessante per le NFT risiede nella creazione di nuovi mercati e forme di investimento. Considera un pezzo di proprietà immobiliare suddiviso in più divisioni, ognuna delle quali contiene caratteristiche e tipi di proprietà diversi. Una delle divisioni potrebbe essere vicino a una spiaggia mentre un’altra è un complesso di intrattenimento e, un’altra ancora, è un quartiere residenziale. A seconda delle sue caratteristiche, ogni pezzo di terra è unico, ha un prezzo diverso e rappresentato con un NFT. Il trading immobiliare, un affare complesso e burocratico, può essere semplificato incorporando i metadati pertinenti in ogni NFT univoco.

Decentraland, una piattaforma di realtà virtuale sulla blockchain di Ethereum, ha già implementato un tale concetto. Man mano che le NFT diventano più sofisticate e sono integrate all’interno dell’infrastruttura finanziaria, potrebbe diventare possibile implementare lo stesso concetto di pezzi di terra tokenizzati, diversi per valore e posizione, nel mondo fisico.

Conviene investire in NFT?

Inizieremo con una citazione, di Keld Van Schreven, un collezionista d’arte e co-fondatore di KR1 Europe, la principale società di investimenti in asset digitali del continente. “Gli NFT sono un’opzione molto interessante per i collezionisti d’arte poiché stai acquistando e investendo in una nuova rivoluzione oltre che nell’arte stessa. Gli NFT stravolgeranno il sistema artistico tanto quanto Bitcoin ed Ethereum cambieranno il panorama finanziario.

“Dopo aver acquistato un NFT, rivendere il lavoro acquistato non potrebbe essere più facile. Esistono diversi mercati in cui è possibile acquistare e vendere NFT e hanno una buona liquidità. Gli NFT disintermediano completamente il sistema di gallerie. Gli NFT sono un punto di svolta per artisti e collezionisti in quanto offrono agli artisti nuova liquidità e un supporto di memorizzazione a prova di manomissione con royalties automatiche sulle vendite future “.

Come sottolinea Van Schreven, uno dei problemi con il mondo dell’arte esistente è la difficoltà di vendere la tua arte. Vendere velocemente o lanciare è disapprovato e gli artisti non ottengono una riduzione del prezzo di rivendita nella maggior parte dei casi. Infine, i guardiani delle grandi gallerie limitano l’accesso ai migliori artisti e vendono prima ai loro migliori collezionisti e amici. Il mercato dell’arte NFT elimina questi controlli tradizionali proprio come fa la criptovaluta con la valuta consolidata.

Come tutti gli investimenti, tuttavia, è necessario ricercare il mercato. Non tutte le piattaforme che vendono NFT sono sicure o affidabili come altre. I tassi di commissione sono alti, in alcuni casi il 5%, mentre ci sono stati casi di persone che vendono opere d’arte di altre persone come propria e furto di “portafogli” contenenti NFT e criptovaluta. Proprio come se stessi acquistando un Rembrandt, se vuoi entrare nel mercato NFT, hai bisogno di buona tecnologia e sicurezza.

I potenziali investitori, tuttavia, non dovrebbero essere scoraggiati. Ci sono 4-5 piattaforme di trading artistico NFT ben note e ben gestite, come Nifty Gateway, Super Rare e Foundation, e se ti attieni a queste, la maggior parte di questi problemi dovrebbe essere coperta. Il mercato è anche molto trasparente. Puoi vedere i dati di trading precedenti per singole opere, artisti e, ancora più utile, collezionisti. Se ancora non sei sicuro, puoi anche fare come un collezionista interessato consigliato e investire in Ethereum: la “valuta” su cui sono coniati tutti questi NFT.

nft non fungibile token
opra il simbolo di un NFT, un non fungibile token

Domande e risposte sui NFT: Cosa Sono a Cosa Servono e Investimenti in NFTs

So che NFT sta per token non fungibile. Ma cosa significa in realtà?

Cominciamo dalle parole stesse. In economia, “fungibile” è un termine usato per cose che possono essere scambiate con altre esattamente dello stesso tipo. Il dollaro USA è fungibile, perché tu e un amico potete scambiare banconote da 1 dollaro e ognuno di voi avrà sempre lo stesso identico potere di spesa. Anche la maggior parte delle criptovalute sono fungibili: un Bitcoin è un Bitcoin e non importa quale Bitcoin hai.

Ma la maggior parte degli oggetti nel mondo fisico, come automobili e case, non sono fungibili, il che significa che hanno qualità uniche e non puoi semplicemente scambiarli con altri dello stesso tipo. (Potresti essere disposto a scambiare la tua Honda Civic 2020 con un’altra Honda Civic 2020, ma le auto non sarebbero esattamente le stesse e vorresti sapere in che condizioni si trovava l’altra macchina prima di accettare lo scambio .)

I token, in criptovalute, sono unità di valore memorizzate su una blockchain. Le criptovalute come Bitcoin, Ether e Dogecoin sono token, ma non tutti i token sono pensati per essere usati come denaro. I token possono essere collegati a beni tangibili – Nike, ad esempio, sta sperimentando token crittografici collegati alla proprietà di scarpe fisiche – ma possono anche rappresentare beni immateriali, come l’accesso a una chat room privata o uno spazio di archiviazione su un server cloud .

Quindi i token non fungibili sono un po’ come le criptovalute, tranne per il fatto che hanno qualità uniche e non sono necessariamente usati come denaro. Perché è importante?

Bene, fino a poco tempo fa, i beni non fungibili non esistevano davvero su Internet.

Internet funziona essenzialmente come una gigantesca fotocopiatrice: qualsiasi file digitale può essere duplicato un numero infinito di volte e ogni copia è esattamente la stessa dell’originale.

L’infinita qualità di copia di Internet è stata ottima per rendere abbondanti gli oggetti digitali. Ma era orribile per averli resi rari. Se fossi un artista che voleva realizzare solo 100 “prime edizioni” della tua opera d’arte digitale, o un atleta professionista che voleva vendere figurine digitali ai tuoi fan (e fare in modo che quelle carte mantengano il valore allo stesso modo delle carte collezionabili fisiche) , le tue opzioni non erano eccezionali.

Diversi anni fa, le persone si sono rese conto che le blockchain (i database condivisi e decentralizzati che alimentano Bitcoin e altre criptovalute) potevano essere utilizzati per creare file digitali unici e non copiabili. E poiché questi file erano semplicemente voci su un database pubblico, chiunque poteva verificare chi li possedeva o seguirli mentre passavano di mano.

Quella realizzazione ha spinto alla creazione dei primi NFT.

Ma la maggior parte degli NFT non sono solo file JPEG che puoi copiare facendo clic con il pulsante destro del mouse e salvandoli sul tuo computer? Come risolve il problema della copia dei file?

Se può essere d’aiuto, puoi pensare agli NFT come al certificato di autenticità che potresti ottenere se acquistassi una scultura costosa. La scultura potrebbe essere copiata o contraffatta, oppure qualcuno potrebbe entrare in casa tua e rubarla, ma poiché hai il certificato di autenticità, puoi dimostrare di essere il proprietario dell’originale.

Sto iniziando a capirlo. Quindi le NFT sono fondamentalmente un modo per rivendicare la proprietà di un file digitale?

Sì. Il che potrebbe non sembrare un grosso problema. (E forse non sarà così!) Ma le persone a cui piacciono le NFT pensano che questa idea di poter rivendicare la proprietà dei file digitali sia un concetto radicalmente importante.

Sostengono che la scarsità è ciò che dà il loro valore a molti oggetti nel mondo offline. E portare questa qualità su Internet attraverso gli NFT, credono, sbloccherà un mercato completamente nuovo per i beni digitali scarsi.

Posso capire perché gli NFT sono una tecnologia interessante. Ma perché qualcuno dovrebbe pagare milioni di dollari per uno? Puoi almeno guidare un’auto elegante o apprezzare un dipinto di Picasso appeso al muro: non puoi guidare un JPEG.

È vero che la maggior parte degli NFT non ha valore perché è utile. E nella fascia alta del mercato – come il Bored Ape Yacht Club, o le collezioni NFT messe all’asta da Sotheby’s per milioni di dollari – gran parte del valore si riduce a speculazioni e diritti di vanteria.

Ma una difesa degli NFT che ho sentito da persone del settore – o, almeno, una spiegazione per la loro popolarità – è che gli NFT non sono unici nella loro inutilità. Le persone spendono soldi in oggetti senza valore pratico tutto il tempo, forse per sentirsi bene, forse per mettersi in mostra con i loro amici, forse per segnalare l’appartenenza a un gruppo. Alcuni oggetti che acquistiamo sono tangibili (abiti firmati, gioielli costosi) e alcuni sono oggetti digitali (skin Fortnite, nomi utente Instagram brevi). Gli imperi sono stati costruiti vendendo lussi inutili a persone ricche e, anche se tutto ciò che gli NFT rappresentavano fosse una nuova classe di beni digitali di lusso, varrebbe comunque la pena prenderli sul serio come settore emergente.

E cos’è con tutte queste scimmie e pinguini dei cartoni animati che vedo usare le persone crittografiche come avatar di Twitter?

Questi sono quelli che sono noti come NFT di comunità o pfp (immagine del profilo). Fondamentalmente, sono una serie di NFT unici ma tematicamente correlati, rilasciati in lotti limitati.

Una volta rilasciati o “coniati”, questi NFT diventano una specie di oggetto da collezione digitale e una tessera associativa a un club esclusivo. Molti gruppi NFT hanno le proprie chat room sull’app di messaggistica Discord, dove i proprietari si ritrovano e parlano tra di loro. Alcuni progetti NFT della comunità organizzano persino eventi e feste offline, a cui puoi partecipare solo dimostrando di possedere uno dei loro NFT.

Questi NFT della community segnalano una sorta di stato all’interno del gruppo ed è diventata consuetudine per i proprietari mostrarli come immagine del profilo Twitter, contrassegnandosi come Bored Ape o Cool Cat, o altro. E tutti nel mondo delle criptovalute sanno che gli NFT delle collezioni più preziose vendono per milioni di dollari ciascuno, motivo per cui vedi celebrità come Jay-Z e Snoop Dogg che mostrano i loro su Twitter.

Ma gli NFT sono solo Beanie Babies digitali, giusto? La maggior parte di loro non finirà per essere senza valore?

Questa è la domanda da un milione di dollari. (O, per essere più precisi, la domanda da 40 miliardi di dollari .) È possibile che le persone che investono in NFT abbiano ragione: che siamo sull’orlo di una rivoluzione nel modo in cui i beni digitali vengono acquistati e venduti e che i primi NFT lo faranno un giorno diventeranno preziosi come Picasso e Monet originali.

Ma il mercato NFT sembra essersi raffreddato in questi giorni , con valori di transazione in calo e aste annullate di NFT ad alto dollaro. Anche alcuni zelanti sostenitori di NFT sono preoccupati che il mercato sia diventato eccessivamente saturo. Gary Vaynerchuk, il marketer online e lui stesso un magnate della NFT, ha recentemente previsto che il 98 percento degli NFT avrebbe perso denaro.

98 per cento!

Sì. Gli NFT sono controversi, anche all’interno della comunità crittografica. Alcuni investitori non si avvicinano a loro, mentre altri li trattano come scommesse speculative o li acquistano solo per divertimento.

E all’interno del mondo NFT, ora c’è una crescente attenzione all'”utilità” – fondamentalmente, raggruppare altre cose con un acquisto NFT (come biglietti per concerti, cimeli firmati o accesso anticipato a versioni future) per garantire che ci sia qualcosa di valore incluso, anche se il il valore dell’NFT stesso va a zero.

Suona ancora un po’ ombroso. Ci sono molte truffe negli NFT? E il riciclaggio di denaro?

Sì, ci sono tonnellate di truffe negli NFT. I “tappeti” – quando uno sviluppatore di criptovalute abbandona bruscamente un progetto e scappa con i soldi degli acquirenti – sono un’esperienza comune. Diversi progetti pubblicizzati si sono rivelati essere un’attrazione, tra cui Evolved Apes, uno schema NFT il cui creatore è scomparso insieme a $ 2,7 milioni.

Inoltre, molti progetti sono corrotti da una pratica chiamata “whitelisting”, in cui alcune persone sono invitate ad acquistare i loro NFT prima che siano disponibili al pubblico. Whitelisting significa che molti profitti fluiscono verso insider ben collegati, che ottengono i loro NFT a uno sconto e possono venderli per di più una volta che vengono rilasciati pubblicamente. Uno studio di Chainalysis ha rilevato che gli utenti autorizzati che hanno rivenduto i loro NFT hanno realizzato un profitto il 75% delle volte, contro il 20% delle volte per gli utenti non autorizzati.

Riciclaggio di denaro, wash trading – uno schema che prevede la vendita di qualcosa a te stesso al fine di gonfiare il suo valore percepito – e altre pratiche losche si stanno quasi certamente verificando anche nel mercato NFT. Non è chiaro con quale frequenza ciò avvenga, ma è un rischio abbastanza grande che le autorità di regolamentazione finanziaria di diversi paesi, inclusa la Cina, abbiano messo in guardia sul potenziale utilizzo di NFT e altre criptovalute per il riciclaggio di denaro.

Naturalmente, un fan di NFT potrebbe sostenere che le truffe e il riciclaggio di denaro si verificano anche nell’economia normale. (Il mercato dell’arte tradizionale, ad esempio, è pieno di riciclaggio di denaro, ha rilevato un’indagine del Senato .) Le criptovalute potrebbero semplicemente renderlo più semplice.

Torniamo indietro per un minuto, perché ho ancora domande sugli NFT e su come funzionano. Ho visto un thread su Twitter che confrontava gli NFT con quei regali da collezione “dai un nome a una stella”, in cui tutto ciò che ottieni è una voce in un database che dice che una stella porta il tuo nome, non alcuna pretesa ufficiale sulla stella stessa. Gli NFT includono effettivamente la proprietà oi diritti di utilizzo?

Non necessariamente. In molte vendite NFT, ciò che ottiene l’acquirente è semplicemente la voce univoca nel database blockchain che lo identifica come il proprietario del bene digitale: il token, piuttosto che la cosa che il token rappresenta.

La persona che ha acquistato il famoso Nyan Cat NFT , ad esempio, in realtà non possiede i diritti d’autore sull’immagine di Nyan Cat, o il diritto di trasformarla in merce Nyan Cat. Il suo creatore, Chris Torres, si è riservato questi diritti. Tutto ciò che l’acquirente NFT ha ottenuto, in sostanza, era una copia “ufficiale” dell’immagine firmata crittograficamente dal signor Torres.

I creatori di NFT possono scegliere di includere diritti aggiuntivi in ​​una vendita NFT. Ma non devono. E ci sono già state controversie sul copyright di alto profilo sugli NFT, come la causa intentata dalla Miramax contro Quentin Tarantino l’anno scorso, dopo che Tarantino ha annunciato che avrebbe messo all’asta brani inediti dalla sceneggiatura di “Pulp Fiction” come NFT.

Ho anche sentito dire che gli NFT vengono rubati molto. È vero?

Sì, negli ultimi mesi si sono verificati numerosi furti di NFT, poiché il prezzo dei popolari NFT è aumentato. I ladri hanno recentemente preso di mira diversi membri del Bored Ape Yacht Club – i cui cartoni animati NFT di scimmie stanche spesso vendono a sei o sette cifre ciascuno – inducendoli a rinunciare alle password dei loro portafogli crittografici. E gli hacker hanno recentemente rubato 1,7 milioni di dollari di NFT agli utenti di OpenSea, la più grande piattaforma di trading NFT.

È comune anche un altro tipo di furto, il tipo che comporta la creazione di NFT da materiale protetto o protetto da copyright. Molti artisti si sono lamentati del fatto che il loro lavoro sia stato trasformato in NFT e venduto come versioni “ufficiali” senza il loro permesso. E mentre molte piattaforme hanno cercato di reprimere la vendita di NFT rubati, alcuni furti sono probabilmente inevitabili data la mancanza di supervisione del mercato.

Se le NFT sono così imperfette, perché così tante persone sembrano ossessionate da loro? Qual è la visione ottimistica che mi sfugge?

Ho passato molto tempo a parlare con i creatori e i collezionisti di NFT e la loro argomentazione pro-NFT generalmente si riduce ad alcuni punti principali:

Internet esistente è troppo centralizzato e le NFT potrebbero aiutare a decentralizzarlo. In questo momento, la maggior parte delle persone che realizzano media su Internet (artisti, musicisti, streamer di videogiochi, ecc.) mettono il loro lavoro su piattaforme giganti come Spotify, YouTube e Facebook. Quelle piattaforme sono ottime per creare un pubblico, ma non sono ottime per fare soldi. Gli NFT, dicono, consentono ai creatori di vendere oggetti digitali unici direttamente ai loro fan, mantenendo per sé una fetta molto più grande delle entrate. Un artista come 3LAU potrebbe vendere un album NFT a un superfan per 3,6 milioni di dollari, e fare più soldi di quanti ne farebbero con un’intera vita di stream Spotify. Stiamo entrando nell’era del metaverso, un’era in cui la maggior parte delle nostre interazioni ed esperienze quotidiane si svolgerà all’interno di mondi digitali immersivi, piuttosto che in spazi fisici offline . Proprio come molti bambini oggi spendono soldi veri in skin Fortnite e accessori Roblox, gli adulti che trascorrono più delle loro giornate interagendo in spazi virtuali acquisteranno tutti i tipi di oggetti digitali per migliorare le loro vite e molti di questi oggetti assumeranno la forma di NFT. Gli NFT sono ancora una tecnologia nuova di zecca e non possiamo ancora vedere tutti i modi in cui verranno utilizzati. La scarsità digitale è un concetto davvero importante che aprirà un’economia completamente nuova di beni digitali unici e dovremmo essere pazienti e di mentalità aperta mentre aspettiamo di vedere cosa verrà costruito con essi.

Non abbiamo sentito molte cose di questa “economia dei creatori” anni fa, quando le persone erano ottimiste su come piattaforme come YouTube e Twitter avrebbero reso possibile a tutti questi vlogger, giocatori e musicisti di fare soldi online? Il mercato NFT non potrebbe finire per consolidarsi sotto poche grandi aziende, come hanno fatto i social media?

È certamente vero che ci sono grandi piattaforme nel mondo NFT. (Il più grande, OpenSea, ha un valore di $ 13,3 miliardi .) E alcuni fan delle criptovalute hanno criticato queste piattaforme per aver adottato comportamenti che minano le loro pretese di decentramento, come la decisione di OpenSea di rimuovere alcuni NFT che ritiene rubati o fraudolenti.

È anche vero che la proprietà di NFT è relativamente centralizzata, nel senso che un piccolo numero di persone sembra controllare la maggior parte delle NFT di alto valore.

Ma un mercato con una proprietà concentrata è diverso da un mercato basato su una tecnologia centralizzata. E ci sono alcune forze strutturali che potrebbero rendere più difficile per le grandi aziende prendere il controllo del mercato NFT.

Per cominciare, gli NFT sono proprietà personale, in un modo in cui la maggior parte degli altri beni digitali non lo sono. Quando carichi un video su YouTube, YouTube ospita quel video sui suoi server e prende tutte le decisioni relative a quel video, se viola le linee guida della community, se è idoneo a pubblicare annunci, se viene consigliato dall’algoritmo e così via su. Ma gli NFT vivono nei portafogli crittografici dei loro proprietari, che non sono incatenati a nessuna piattaforma particolare, e possono usarli in qualsiasi modo scelgano.

C’è anche l’idea di interoperabilità. Una caratteristica degli NFT è che possono essere resi interoperabili, ovvero, a differenza dell’acquisto di una skin in Fortnite che può essere utilizzata solo all’interno di Fortnite, teoricamente puoi portare gli NFT con te da un ambiente virtuale all’altro. Una spada NFT che acquisti in un videogioco potrebbe tornare utile in un altro gioco. Oppure un animale dei cartoni animati che hai acquistato come NFT potrebbe diventare il tuo avatar in un’app VR metaverse. E se ti arrabbi con OpenSea, puoi facilmente prendere i tuoi NFT (che vivono nel tuo portafoglio crittografico, non sui server di OpenSea) e scambiarli su una piattaforma diversa.

Questo genere di cose non accade nei social media. Se hai un canale YouTube, non puoi semplicemente trasferire i tuoi iscritti su TikTok quando ne hai voglia.

Ottengo i vantaggi teorici degli NFT. Ma niente di tutto questo è in realtà così profondo, giusto? Ad esempio, nessuno usa NFT nei videogiochi: li stanno solo comprando e sperando che il prezzo salga.

Non direi “nessuno”. Ci sono alcuni grandi giochi basati su NFT, come Axie Infinity , che consentono ai giocatori di guadagnare soldi veri vincendo battaglie nel gioco usando i loro personaggi NFT.

Ma è ragionevole concludere che la maggior parte dell’attività NFT odierna è speculativa e che se un altro tipo di risorsa digitale rendesse regolarmente le persone ricche (o dando loro comunità divertenti di persone che la pensano allo stesso modo a cui unirsi), alcune persone potrebbero smettere di fare trading di NFT e andarsene scambia invece quegli oggetti.

In definitiva, il grande punto di forza degli NFT non è che rendono il commercio di beni digitali facile ed economico (non lo fanno), o che sono permanenti e indistruttibili (i token possono esserlo, ma i file digitali a cui si collegano in genere sono ‘t ), o addirittura che rappresentino il futuro della proprietà intellettuale (avremo ancora bisogno di avvocati per risolvere le controversie sui diritti d’autore).

È che consentono alle persone di creare e scambiare oggetti digitali scarsi, nel bene e nel male.

Domande e Risposte sugli NFT

1. Cos’è un token non fungibile?✔️

  • I token non fungibili sono token unici che possono essere assegnati a beni materiali e immateriali. Questi NFT sono diversi l’uno dall’altro, il che li rende unici e rari. Anche loro sono indivisibili.

2. Differenza tra token fungibile e token non fungibile?✔️

  • I Token Fungible non sono diversi tra loro e possono essere separati ma i Token Non Fungible sono unici e indivisibili. Lo standard token che seguono sarà anche diverso dove NFT segue ERC-721 o un altro standard simile, mentre il fungibile segue ERC-20.

3. Che cos’è un mercato NFT?✔️

  • NFT Marketplace è il luogo in cui vengono coniate le NFT e vengono mostrate o elencate per le persone che intendono acquistare la propria NFT per loro.
  • Questi mercati NFT hanno la propria integrazione con il portafoglio per fornire servizi di transazione facili all’utente.

4. Quali sono i vantaggi di un mercato NFT?✔️

  • I mercati NFT hanno vari vantaggi poiché ci sono numerosi vantaggi, i principali vantaggi saranno elencati di seguito,
  • La natura decentralizzata aiuterà il mercato a salvaguardare l’anonimato dell’utente
  • I server immutabili si assumeranno la responsabilità della sicurezza delle risorse
  • I mercati NFT forniscono liquidità istantanea agli utenti.

5. Come costruire un mercato NFT?✔️

  • Lo sviluppo del mercato NFT non riguarda solo la creazione di un’interfaccia utente con pochi collegamenti per il reindirizzamento, ma include l’integrazione di vari componenti. Dovrebbero essere costruiti con reti blockchain e dovranno essere integrati anche componenti aggiuntivi come dashboard e pannelli di amministrazione. Sarà richiesto un elevato stack tecnico per costruire un mercato NFT.

6. Quanto costa costruire un mercato NFT?✔️

  • Il costo per costruire il mercato NFT è completamente basato sul tipo di mercato NFT che desideri costruire, ci sono vari livelli e diversi tipi nella costruzione di un mercato NFT. Ad esempio, un mercato NFT di base avrà un costo all’incirca uguale o equivalente al tasso di mercato. Ma aggiornandoli con le funzionalità, l’add-on aumenterà il costo in base alla funzionalità e agli sviluppatori.

7. Che cos’è l’NFT multi-catena?✔️

  • NFT multi-catena riguarda la costruzione di NFT su diverse piattaforme blockchain, il conio NFT è stato fatto principalmente su una o due principali piattaforme blockchain, per cambiare questa situazione distorta Il mercato NFT su Multichain sarà un inizio rivoluzionario.

8. Che cos’è l’NFT frazionario?✔️

  • Gli NFT frazionari sono la versione divisa o divisa degli NFT. Sappiamo che gli NFT non possono essere facilmente divisi o separabili, tenendo presente che gli NFT sono avvolti in un contratto intelligente e quel particolare contratto intelligente sarà tokenizzato in ERC-20 in questo modo l’NFT può essere frazionato per formare un NFT frazionario.

9. Come funziona l’NFT frazionario?✔️

  • Il Fractional NFT è un ottimo modo per possedere NFT a NFT minimi, i Fractional NFT sono separabili e, cosa più importante, hanno la capacità di reintegrarsi con la funzione esclusiva chiamata opzione Buy-out.

10. Perché NFT nei giochi?✔️

  • I token non fungibili nel mondo dei giochi sono un concetto rivoluzionario in cui l’efficienza del mercato è aumentata vigorosamente. Le NFT in-game consentono all’utente di vendere e coniare le risorse in-game come NFT nei marketplace NFT. Hanno persino aperto la strada alla creazione di un universo e NFT fa evolvere l’industria dei giochi alla fase successiva in cui i giocatori verranno pagati anche per giocare a giochi basati su NFT.

11. Che cos’è l’NFT fisico?✔️

  • Gli NFT fisici sono gli asset che vengono sviluppati in base agli asset disponibili nel mondo reale, possono essere qualsiasi cosa, dall’asset immobiliare a qualsiasi tipo di oggetto nel mondo reale, la versione digitale dell’asset verrà assegnata con un token che rappresenta l’asset fisico.

12. Posso vendere articoli fisici come NFT?✔️

  • Sì, puoi, gli elementi fisici che vengono convertiti come risorsa genereranno la replica digitale e aggiungeranno l’ID univoco in essi. In questo modo le risorse fisiche possono essere vendute nel mercato NFT come le risorse digitali.

13. Perché il marketing NFT?✔️

  • Lo spazio NFT sta diventando sempre più popolato di giorno in giorno, molte nuove istanze e molte nuove ideologie vengono create nella routine quotidiana. Il marketing NFT sarà una parte essenziale della carriera aziendale NFT. Per mantenere la tua risorsa come il culmine del mercato NFT.

14. Come commercializzare il mio progetto NFT?✔️

  • Le agenzie di marketing NFT sono una buona soluzione per commercializzare i tuoi NFT poiché hanno l’esperienza e i professionisti per svolgere il lavoro. Ma se vuoi fare un marketing senza un soldo, allora dovresti fare varie strategie di marketing come influencer marketing, social media marketing e altri simili per mantenere il tuo prodotto sotto i riflettori.

Approfondimenti:

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *