Stablecoin Migliori 2022: Cosa Sono e Perchè investire in Stablecoin

La crescente volatilità del mercato delle criptovalute sta guidando la crescita delle stablecoin.

La tecnologia ha avuto un impatto su quasi tutte le nostre attività quotidiane, comprese le finanze. Ogni giorno sempre più persone optano per le modalità di pagamento digitali. Questo è uno dei principali fattori che contribuiscono alla crescita degli investimenti in criptovalute . I nuovi investitori preferiscono principalmente le stablecoin, poiché riducono al minimo la volatilità del mercato. Questi cripto-asset sono per lo più ancorati al valore del denaro fiat. Nel corso degli anni, le stablecoin hanno suscitato sempre più una tempesta nello spazio crittografico. Di recente, sempre più asset sono stati utilizzati per il backup delle stablecoin.

Per contrastare questa problematica arrivano le stablecoin, valute digitali legate ad altri asset, il cui obiettivo è ridurre le forti oscillazioni, caratteristica intrinseca delle criptovalute, e la paura di perdere ricchezze. In futuro adatte anche al commercio quotidiano, offriranno maggiore protezione, ma cosa sono nel dettaglio le stablecoin?

Leggi anche: Migliori Criptovalute da Comprare

stablecoin migliori, ust stablecoin, stablecoin graph, stablecoin binance, stablecoin rischio, stablecoin list, stablecoin euro, stablecoin 2022
stablecoin migliori, ust stablecoin, stablecoin graph, stablecoin binance, stablecoin rischio, stablecoin list, stablecoin euro, stablecoin 2022

Cosa sono le stablecoin e quali tipi esistono?

Chiamate impropriamente anche anti-Bitcoin, le stablecoin sono criptovalute di nuova generazione destinate ad avere un prezzo stabile e che non soffrono della volatilità delle altre criptovalute, poiché ancorate ad altri asset d’investimento. Ve ne sono tre categorie:

  • Ancorate alle valute fiat o a una materia prima, in rapporto 1:1, che acquisiscono stabilità attraverso il deposito di una somma di garanzia in euro, dollaro o sterlina in un conto bancario
  • Ancorate ad altre criptovalute, in modo diversificato e rapporto 1:1,5 o superiore, per minimizzare i rischi di volatilità fruendo della garanzia delle risorse crittografate
  • Fiat (non collateralizzate), non ancorate ad alcun asset e al pari di una moneta fisica circolante, poiché regolate da una banca centrale criptata che gestisce domanda e offerta

Acquisendo stabilità e immuni alle oscillazioni di prezzo, rappresentano il punto d’unione tra criptovaluta e moneta fisica: il loro obiettivo ideale è infatti quello di diventare un sistema di cassa peer-to-peer internazionale al pari di ogni altra modalità di pagamento, rispecchiando l’ideale missione di Satoshi Nakamoto, l’inventore dei Bitcoin, le criptovalute più celebri che al contrario sono soggette a forti fluttuazioni; similmente a queste e altre criptovalute, però, il loro scambio avviene attraverso transazioni criptate e istantanee con sistema blockchain.

A cosa servono le stablecoin?

Grazie alla loro forte stabilità, le stablecoin si possono considerare la controparte virtuale di oro e altri beni rifugio: sono in grado di proteggere il potere d’acquisto degli investitori contro l’inflazione, dovuta spesso a inefficienza dei servizi bancari o instabilità politiche; in questo abbinano la loro semplicità d’utilizzo alla stabilità degli asset a cui sono legate.

Tra i principali vantaggi delle stablecoin vi sono:

  • Nessun bisogno di conto bancario
  • Facilità di trasferimento
  • Veloce elaborazione
  • Commissioni ridotte
  • Certezza del valore
  • Accessibilità online 24/7
  • Programmabilità grazie alla loro natura digitale

Gli impieghi più comuni che si potranno avere con le stablecoin saranno invece:

  • Acquisto online e offline in esercizi abilitati
  • Risparmio e investimento
  • Trasferimento in tutto il mondo

Infine, attraverso la finanza decentralizzata, che non richiede intermediari, si possono fornire prestiti direttamente in stablecoin, guadagnando dagli interessi maturati senza il rischio di svalutazione.

Quali sono le stablecoin più diffuse?

Al momento sono presenti più di 200 stablecoin sul mercato (tra cui Italian Lira, che omaggia il vecchio conio italiano). Tuttavia, secondo CoinMarketCap, sono 6 le valute più diffuse e scambiate quotidianamente:

  • Tether (USDT), successore di Realcoin e dalle origini tuttora ignote
    • Valore: 1,00 dollaro
    • Capitalizzazione: 75,59 miliardi di dollari
    • Scambi giornalieri: 82,17 miliardi di dollari
  • USD Coin (USDC), gestita da Circle e Coinbase
    • Valore: 0,99 dollari
    • Capitalizzazione: 40,67 miliardi di dollari
    • Scambi giornalieri: 6,12 miliardi di dollari
  • Binance USD (BUSD), creata e gestita da Binance & Paxos
    • Valore: 0,99 dollari
    • Capitalizzazione: 13,52 miliardi di dollari
    • Scambi giornalieri: 6,41 miliardi di dollari
  • Terra USD (UST), criptovaluta algoritmica derivante da Terra ed Ethereum
    • Valore: 1,00 dollaro
    • Capitalizzazione: 8,20 miliardi di dollari
    • Scambi giornalieri: 213,29 milioni di dollari
  • DAI, creata da MakerDAO
    • Valore: 0,99 dollari
    • Capitalizzazione: 6,44 miliardi di dollari
    • Scambi giornalieri: 1,02 miliardi di dollari
  • TrueUSD (TUSD), sostenuta da TrustToken
    • Valore: 1,00 dollaro
    • Capitalizzazione: 1,26 miliardi di dollari
    • Scambi giornalieri: 164,03 milioni di dollari

Stando ai dati della stessa società, a dicembre 2021 la capitalizzazione totale delle stablecoin è di 152,02 miliardi di dollari, +516,7% rispetto allo stesso periodo 2020 e quasi +3.000% rispetto a dicembre 2019, mentre gli scambi totali giornalieri sono di circa 97,16 miliardi di dollari.

Quali problemi ci sono con le stablecoin

Come avvenuto in precedenza con altre criptovalute, anche le stablecoin sono state oggetto di controversie e attacchi da parte di enti istituzionali internazionali, come ad esempio Federal Reserve e Dipartimento del Tesoro: non sono soggette al controllo di banche centrali e governi.

Nonostante la maggiore stabilità, regolamentazione è ciò che è stato chiesto al Congresso degli Stati Uniti, che assieme al presidente Joe Biden a novembre 2021 ammette il potenziale di queste criptovalute, al fine di mantenerne il valore nel tempo e renderle sempre più simili a valute tradizionali. Questo perchè all’utilizzo crescente corrisponderà maggiore rischio, comi quello di:

  • Difetti strutturali
  • Bolle speculative
  • Frodi informatiche

Verso la regolamentazione sono previsti prossimamente provvedimenti per garantire il potere d’acquisto e controllo delle stablecoin, che verranno effettuati da Biden stesso qualora non intervenga il Congresso.

 

Elenco di 10 stablecoin che stanno guadagnando terreno e che dovrebbero essere tenute d’occhio per il 2022.

 

Tether

  • Capitalizzazione di mercato: 73,829 miliardi di dollari USA

Tether è una delle prime stablecoin che ha guadagnato molta popolarità grazie al suo valore di $ 1. A causa delle Cryptos’ comportamenti volatili drammatica, molti investitori perdono perdono interesse per il mercato. Le stablecoin come Tether riducono al minimo questa volatilità. Tether è stato creato per rimanere a 1 USD, con 1 USD di riserve per ogni Tether rilasciato. La moneta si descrive come una piattaforma progettata per facilitare virtualmente l’uso delle valute legali.

 

Binance USD

  • Capitalizzazione di mercato: 13.051 miliardi di dollari USA

Binance ha lanciato la sua stablecoin nel 2019, il che lo rende relativamente un nuovo arrivato nello spazio crittografico. BUSD è stato offerto come un’offerta interessante ai suoi nuovi utenti che cercano di entrare nel mondo delle criptovalute in modo sicuro e protetto. Binance USD si è ancorato al dollaro USA, il che ne migliora la stabilità. BUSD è uno dei più grandi exchange di criptovalute che continuerà a crescere nel 2022.

True USD

  • Capitalizzazione di mercato: 1.209 miliardi di dollari USA

True USD è stato lanciato nel 2018 ed è una stablecoin supportata al 100% dal dollaro sul mercato. È trasparente, affidabile e molti lo considerano perfetto da utilizzare come copertura contro la volatilità del mercato. Il token presenta un rapporto di 1:1 rispetto al dollaro. Inoltre, i suoi creatori non partecipano al trasferimento e non hanno accesso ad esso.

 

USD Coin

  • Capitalizzazione di mercato: 34,423 miliardi di dollari USA

USD Coin ancora il suo valore al dollaro e opera su vari blockchain come algorand, ethereum e Solana, solo per citarne alcuni. Funziona sulla tecnologia CENTER, che è apparsa come uno sforzo congiunto di Coinbase e Circle. Inoltre, si tratta di un cripto stablecoin emessi a fronte. Le sue riserve in fondi rimangono nelle banche statunitensi assicurate dalla FDIC.

 

Pax Dollar

  • Capitalizzazione di mercato: 9,45 milioni di dollari USA

Pax Dollar, precedentemente noto come Paxos Standard, era una stablecoin sostenuta dal dollaro che operava sulla blockchain di ethereum. Gli esperti ritengono che sia uno dei migliori token collateralizzati fiat in termini di eliminazione delle commissioni sulle transazioni transfrontaliere. I regolatori di Wall Street accettano ampiamente questo token e lo considerano una risorsa crittografica affidabile . Aiuta anche a migliorare l’industria finanziaria tradizionale.

 

TerraKRW

  • Cap. di mercato: 36 milioni di dollari USA

Il protocollo Terra sottostante che esegue TerraKRW è una rete collaudata nello spazio delle stablecoin. Terra utilizza il suo token di criptovaluta LUNA per mantenere bilanciate le sue stablecoin utilizzando un sistema interessante. Tra tutte le diverse valute, Terra utilizza il Won coreano. Ciò è in parte dovuto al fatto che la società Terra è stata fondata in Corea del Sud, sapendo così come soddisfare il proprio pubblico locale.

 

Digix Gold

  • Cap di mercato: 3,41 milioni di dollari USA

Digix gold è una stablecoin supportata da oro fisico. I singoli token sono responsabili della creazione di un token DGX per preservare l’identità del lingotto d’oro ad esso collegato. È gestito tramite uno smart contract coinvolto nella creazione del token. Qualsiasi proprietario di DGX può incassare i propri token sotto forma di lingotti d’oro fisici in base al valore specificato.

 

Dai

  • Capitalizzazione di mercato: 6,481 miliardi di dollari USA

Dai è una stablecoin basata su ethereum. Il suo prezzo è ancorato al dollaro USA ed è garantito da un mix di altre criptovalute. La sua emissione e sviluppo sono gestiti dal protocollo maker e dall’organizzazione autonoma decentralizzata makerDAO.

 

Goldcoin

  • Capitalizzazione di mercato: 5 milioni di dollari USA

È un’altra stablecoin supportata dall’oro e funziona sulla blockchain di ethereum. Consente agli investitori di acquistare e mantenere l’asset utilizzando la criptovaluta. Dalla sua creazione, diversi investitori e programmatori che credono nella promozione della libertà economica sono stati coinvolti nel suo sviluppo.

 

Reserve Rights

  • Cap. di mercato: 4,63 milioni di dollari USA

Il diritto di riserva è una piattaforma stablecoin a doppio token. La moneta mira a creare una stablecoin resistente alla censura e una rete di gateway fiat decentralizzata. La criptovaluta è supportata da un paniere di asset gestiti da contratti intelligenti.

Le stablecoin sono davvero affidabili?

Concludendo quest’analisi, si nota come le stablecoin siano perfettamente in grado di sostituire Bitcoin e altre criptovalute grazie alla loro stabilità sul mercato, dovuta agli aspetti intrinsechi che riducono drasticamente la loro volatilità: hanno il potenziale per diventare nuovi strumenti di pagamento semplici, veloci e sicuri, ma anche nuovi asset d’investimento che non perdano di valore, come oro e beni rifugio in generale.

A conti fatti, uno scenario assolutamente positivo si potrebbe aprire per le stablecoin, che attualmente risulta però ancora fuori portata, complici le criticità geo-politico-finanziarie internazionali dovute in parte anche all’emergenza CoViD-19. A rendere più difficile la situazione sono gli ammonimenti degli organi governativi mondiali, specialmente dagli Stati Uniti, davanti ai potenziali rischi della mancata regolamentazione.

In ogni caso, con volume di quasi 100 miliardi di dollari scambiati quotidianamente, le stablecoin aprono un nuovo panorama finanziario a tutti gli effetti, che porterà a nuovi flussi di denaro e nuovi investimenti. Ciò che occorre, come in ogni altro campo, saranno attento studio, responsabilità, giudizio e consapevolezza.

 

STABLECOIN: DOMANDE E RISPOSTE

Cos’è una stablecoin?

  • Ricapitolando: Il termine non è definito legalmente, ma generalmente si riferisce a un tipo di risorsa digitale emessa da una società privata e trasferita tramite la tecnologia di contabilità distribuita, nota anche come blockchain.
  • La differenza tra una stablecoin e asset crittografici fluttuanti come Bitcoin è che l’emittente di stablecoin tenta di stabilizzare il suo valore collegando il suo prezzo a un altro asset, come il dollaro USA. Per una stablecoin fissata al dollaro, qualcuno scambierebbe $ 1 per 1 stablecoin.
  • Gli stablecoin sono usati come mezzo di pagamento, riserva di valore o utilità. Ad esempio, le stablecoin sono spesso utilizzate come ponte tra le criptovalute più volatili e le valute legali; i possessori di criptovalute convertono Bitcoin o Ether in una stablecoin e quindi in una valuta fiat come il dollaro USA, il che può rendere più facile spendere i propri fondi.
  • Stabilizzare il suo valore rende più probabile l’utilizzo di stablecoin nel commercio quotidiano rispetto alle criptovalute fluttuanti. Ma non è così semplice. Uno dei principali problemi in sospeso per le stablecoin riguarda proprio il modo in cui mantengono quel cosiddetto valore stabile, ovvero i meccanismi con cui questi pioli sono controllati e come il valore è supportato dal valore reale.

OK, ma allora cos’è una risorsa digitale?

  • “Risorsa digitale” è un termine generico utilizzato per una varietà di monete e token digitali realizzati per rappresentare una qualche forma di valore o diritti contrattuali. Le risorse digitali possono includere criptovalute private, stablecoin e persino valute digitali della banca centrale (CBDC – ne parleremo più avanti). Il termine può anche riferirsi a NFT , o token non fungibili, che possono assumere la forma di arte digitale, oggetti da collezione o altri tipi di ricordi digitali.

Una stablecoin può essere agganciata ad altri asset?

  • Sì. Delle oltre 200 stablecoin in circolazione, la maggior parte è collegata al dollaro USA, ma ce ne sono altre ancorate a materie prime come oro o petrolio, altre criptovalute o un paniere di valuta fiat o criptovalute. Alcuni emittenti di stablecoin utilizzano un algoritmo per adeguare la propria offerta in base alla domanda per aiutare a mantenere stabili i prezzi. Sebbene la matematica sia complessa, essenzialmente vengono emesse più monete quando il prezzo sale e bruciate quando il prezzo scende.

Quindi… è davvero stabile?

  • I regolatori generalmente deridono il termine ” stablecoin ” per promuovere la presunzione che i valori degli asset siano intrinsecamente stabili, il che ha il potenziale per fuorviare consumatori e investitori. Piuttosto, i regolatorifare riferimento a queste criptovalute come “cosiddette stablecoin”, perché la stabilità del loro valore dipende in ultima analisi dalla struttura e dal design del loro modello di supporto e governance. Affinché rimangano veramente stabili, l’emittente deve assumere un impegno esecutivo a emettere e riacquistare la stablecoin al valore corrente dell’attività a cui è ancorata, nonché a detenere come garanzia le attività a supporto delle stablecoin in circolazione in modo che possono essere riscattati in qualsiasi momento. Il rischio che potrebbero rappresentare per i consumatori o per i mercati in generale se non sono adeguatamente garantiti è una delle principali preoccupazioni per le autorità di regolamentazione.

Collateralizzato… che significa?

  • La collateralizzazione è davvero importante. Assicura che una stablecoin possa essere riscattata in qualsiasi momento. Collateralizzazione significa che un emittente di stablecoin ha essenzialmente riserve sufficienti — dollari USA o oro, per esempio — nel caso in cui un’ondata di suoi clienti decida di vendere le proprie stablecoin. Non è diverso da una banca che ha abbastanza contanti nella sua cassaforte in caso di banca gestita dai suoi clienti. Questo rischio ha portato a un movimento all’interno del settore delle criptovalute intorno alla “prova delle riserve” o “PoR”, ma non esiste ancora uno standard per farlo.

Come vengono regolamentate le stablecoin oggi?

  • Negli ultimi anni, l’approccio attendista da parte dei regolatori è cambiato radicalmente. Non battere ciglio o ti perderai un nuovo regolatore che pesa o aggiorna la loro posizione. Come nel più ampio settore degli asset digitali, la regolamentazione delle stablecoinè estremamente frammentato. A seconda del design e della funzione prevista delle monete, potrebbe essere vietato l’uso di stablecoin per determinate funzioni come i pagamenti (Turchia) o le banche (India, Cina, Indonesia). Sempre più spesso, le risorse digitali vengono regolamentate dalle normative bancarie esistenti, trasmissione di denaro, pagamenti e titoli/futures (USA), e molti regolatori hanno modificato o stanno cercando di modificare le regole esistenti per coprire le attività che coinvolgono le risorse digitali (Stati Uniti, Regno Unito, Singapore, Sud Africa). In alcune circostanze, i legislatori hanno emanato nuovi regolamenti specifici per le risorse digitali (Svizzera, Gibilterra) o stanno cercando di farlo (UE).
  • Cercare di navigare in questo puzzle di regolamentazione rende incredibilmente difficile innovare con certezza giuridica. Molti mercati, inclusi gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’UE, stanno intensificando i loro sforzi normativi e la Banca centrale europea ha già affermato che gli emittenti di stablecoin dovrebbero essere soggetti a “rigorosi requisiti di liquidità” – essenzialmente richiedendo molte riserve di liquidità – e ritiene che dovrebbe avere potere di veto sulle stablecoin nella zona euro.

Aspetta, quelle stesse banche centrali non stanno pensando di emettere le proprie valute digitali?

  • Sì. Molte banche centrali hanno guardato con preoccupazione all’aumento sia delle criptovalute fluttuanti che delle stablecoin perché la maggior parte crede che, se non regolamentate, le stablecoin abbiano il potenziale per destabilizzare un sistema finanziario e rischiare un’altra recessione mondiale come quella che abbiamo vissuto nel 2008. Se le stablecoin sono non adeguatamente regolamentato, i governi temono che possano anche consentire a criminali e truffatori fiscali.
  • Le valute digitali della banca centrale equivarrebbero in valore alla moneta a corso legale di un paese (banconote in dollari, ad esempio) e sono progettate per essere utilizzate allo stesso modo, come mezzo di scambio per acquistare e vendere beni e servizi, proprio come le stablecoin private. Ma a differenza delle stablecoin private, le CBDC sarebbero emesse dalla banca centrale di un paese (come le banconote in dollari) e avrebbero la stessa garanzia della valuta cartacea.

Le stablecoin sembrano come il denaro digitale che uso già nella mia app bancaria. Qual è la differenza?

  • È una bella domanda, e purtroppo la risposta non è ancora chiara. In un certo senso, le stablecoin potrebbero agire esattamente come la moneta digitale oggi, per acquistare beni e servizi.
  • Ma ci sono alcune differenze importanti che le stablecoin potrebbero portare sul tavolo. In primo luogo, diritti e protezioni: le stablecoin possono fornire un insieme completamente diverso di diritti sulla possibilità di riscattare e quali tutele dei consumatori sono in atto se improvvisamente non possono essere riscattate. In secondo luogo, la trasparenza: consente agli utenti di vedere tutte le transazioni. E infine, la programmabilità: la possibilità di aggiungere nuove funzionalità o automazione poiché le stablecoin sono software, non solo una forma digitalizzata di carta moneta.
  • Regolatori e legislatori di tutto il mondo stanno valutando se le stablecoin rientrino in una categoria preesistente simile al denaro o se le stablecoin rappresentino un tipo di denaro totalmente nuovo che necessita di un nuovo quadro normativo.

Chi sono i principali attori nel mondo delle stablecoin?

  • Le stablecoin più popolari per valore totale — Tether, USDC e Binance — sono state emesse da società e progetti criptocentrici. Alcuni credono che questo cambierà presto, con le istituzioni finanziarie più tradizionali che dovrebbero lanciare le proprie stablecoin, che potrebbero essere solo nuove versioni digitali dei depositi commerciali che esistono oggi. Ci sono già segnali che questo potrebbe essere il caso negli Stati Uniti , in Canada e in Russia . Ma anche se le banche non emettono le proprie stablecoin, è probabile che ci sarà una crescente integrazione dei servizi relativi alle stablecoin all’interno delle banche tradizionali tramite partnership di cripto-banca.

Ho sentito di problemi con Tether. Cosa sta succedendo?

  • Tether è di gran lunga la stablecoin più popolare, con una capitalizzazione di mercato di oltre $ 68 miliardi. Tuttavia, sono emerse molte notizie sulla mancanza di trasparenza di Tether e della sua società madre e se Tether abbia effettivamente sostenuto la sua stablecoin con risorse reali.
  • In risposta, Tether ha compiuto sforzi per pubblicizzare gli audit delle sue riserve per dimostrare che non ha semplicemente creato nuovi token dal nulla e ha abbastanza riserve nel caso in cui le persone vogliano riconvertire il proprio Tether in una valuta fiat come il dollaro USA.
  • Indipendentemente da ciò, la situazione mette in evidenza quanto sia ancora nuovo il settore delle stablecoin e perché i regolatori continuano a esaminare attentamente queste risorse e come alla fine vengono sostenute. E questo sta spingendo altri emittenti ad aumentare la trasparenza sulle riserve a sostegno delle rispettive stablecoin.

Che dire del lavoro di Facebook su una stablecoin, chiamata Diem (ex Libra)?

  • Nel 2019, Facebook ha annunciato i suoi piani per lanciare una valuta digitale universale legata a un paniere di valute nazionali attraverso la Libra Association, che includeva membri di banche, elaborazione dei pagamenti, venture capital, organizzazioni non profit e giganti delle piattaforme tecnologiche. Ma ha subito subito un notevole controllo normativo e politico e molte aziende che avrebbero dovuto unirsi a Libra hanno lasciato il progetto.
  • Alla fine del 2020, Facebook ha rinominato Libra come Diem e da allora ha ridimensionato i suoi piani per una valuta globale unica. Ora prevede di lanciare una stablecoin ancorata al dollaro USA con Silvergate Bank, con sede in California. Notizie recenti indicano che l’iniziativa continua ad affrontare sfide normative, quindi lo stato del lancio della stablecoin Diem è sconosciuto. Nel frattempo, sembra che Facebook stia caricando in avanti attraverso la sua controllata Novi , che si è posizionata per essere il portafoglio Facebook per le stablecoin.

 

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.