NFT Cosa Sono e Come Investire in Arte o Altri Assett di Lusso con i NFT

Che cos’è un Non-Fungible Token ( NFT ) I token non fungibili o NFT sono asset crittografici su blockchain con codici di identificazione univoci e metadati che li distinguono gli uni dagli altri. A differenza delle criptovalute , non possono essere scambiate o scambiate all’equivalenza. Questo differisce dai token fungibili come le criptovalute, che sono identiche tra loro e, quindi, possono essere utilizzate come mezzo per le transazioni commerciali. Sono utilizzare per fare investimenti in arte, come vedrete in seguito.

RIASSUNTO DEGLI NFT

  • Gli NFT sono token crittografici unici che esistono su una blockchain e non possono essere replicati.
  • Gli NFT possono essere utilizzati per rappresentare oggetti del mondo reale come opere d’arte ed immobili.
  • Il “tokeninzing” di questi beni tangibili del mondo reale consente loro di essere acquistati, venduti e scambiati in modo più efficiente riducendo la probabilità di frode.
  • Le NFT possono essere utilizzate anche per rappresentare le identità delle persone, i diritti di proprietà e altro ancora.

La struttura distinta di ogni NFT ha il potenziale per diversi casi d’uso. Ad esempio, sono un veicolo ideale per rappresentare digitalmente beni fisici come immobili e opere d’arte. Poiché sono basati su blockchain, gli NFT possono essere utilizzati anche per rimuovere intermediari e connettere artisti con il pubblico o per la gestione dell’identità. Le NFT possono rimuovere intermediari, semplificare le transazioni e creare nuovi mercati.

All’inizio di marzo un gruppo di Beeple NFT è stato venduto per oltre $ 69 milioni.
La vendita ha stabilito un precedente e un record per le opere d’arte digitale più costose vendute finora.
L’opera d’arte era un collage composto dai primi 5.000 giorni di lavoro di Beeple.

Gran parte dell’attuale mercato degli NFT è incentrato su oggetti da collezione, come opere d’arte digitali, carte sportive e rarità. Forse lo spazio più pubblicizzato è NBA Top Shot , un luogo in cui raccogliere momenti NBA tokenizzati non fungibili in una forma di carta digitale. Alcune di queste carte sono state vendute per milioni di dollari. Recentemente, il CEO di Twitter, Jack Dorsey, ha twittato un collegamento a una versione tokenizzata del primo tweet mai scritto in cui ha scritto “solo impostando il mio twttr”. La versione NFT del primo tweet in assoluto è già stata offerta fino a 2,5 milioni di dollari.

Dogecoins conviene investire? 

NFT Cosa Sono e Come Investire in Arte o Altri Assett di Lusso con i NFT
Immagine sopra: NFT stilizzato

Cosa sono gli NFT

Come il denaro fisico, le criptovalute sono fungibili, ovvero possono essere scambiate o scambiate l’una con l’altra. Ad esempio, un Bitcoin ha sempre un valore uguale a un altro Bitcoin. Allo stesso modo, una singola unità di Ether è sempre uguale a un’altra unità. Questa caratteristica di fungibilità rende le criptovalute adatte all’uso come mezzo di transazione sicuro nell’economia digitale.

Gli NFT cambiano il paradigma crittografico rendendo ogni token unico e insostituibile, rendendo così impossibile che un token non fungibile sia uguale a un altro. Sono rappresentazioni digitali di risorse e sono state paragonate a passaporti digitali perché ogni token contiene un’identità univoca e non trasferibile per distinguerla dagli altri token. Sono anche estensibili, il che significa che puoi combinare un NFT con un altro per “generare” un terzo NFT unico.

Proprio come Bitcoin , anche gli NFT contengono dettagli sulla proprietà per una facile identificazione e trasferimento tra i possessori di token. I proprietari possono anche aggiungere metadati o attributi relativi alla risorsa negli NFT. Ad esempio, i gettoni che rappresentano i chicchi di caffè possono essere classificati come commercio equo. Oppure, gli artisti possono firmare la propria opera d’arte digitale con la propria firma nei metadati.

Gli NFT si sono evoluti dallo standard ERC-721. Sviluppato da alcune delle stesse persone responsabili dello smart contract ERC-20, ERC-721 definisce l’interfaccia minima – dettagli di proprietà, sicurezza e metadati – richiesta per lo scambio e la distribuzione di token di gioco. Lo standard ERC-1155 porta ulteriormente il concetto riducendo i costi di transazione e di archiviazione necessari per gli NFT e raggruppando più tipi di token non fungibili in un unico contratto.

Forse il caso d’uso più famoso per gli NFT è quello dei cryptokitties. Lanciati a novembre 2017, i cryptokitties ( criptogattini ) sono rappresentazioni digitali di gatti con identificazioni univoche sulla blockchain di Ethereum. Ogni gattino è unico e ha un prezzo in etere. Si riproducono tra di loro e producono nuova prole, che ha attributi e valutazioni diversi rispetto ai loro genitori. Nel giro di poche settimane dal lancio, i cryptokitties hanno accumulato una base di fan che ha speso 20 milioni di dollari per acquistarli,  e nutrirli. Alcuni appassionati hanno persino speso più di 100.000 dollari per questo sforzo.

Mentre il caso d’uso dei cryptokitti può sembrare banale, quelli successivi hanno implicazioni aziendali più serie. Ad esempio, le NFT sono state utilizzate in transazioni di private equity e in affari immobiliari. Una delle implicazioni dell’abilitazione di più tipi di token in un contratto è la capacità di fornire l’escrow per diversi tipi di NFT, dalle opere d’arte agli immobili, in un’unica transazione finanziaria.

Perché i token non fungibili sono importanti?

I token non fungibili sono un’evoluzione rispetto al concetto relativamente semplice di criptovalute. I sistemi finanziari moderni sono costituiti da sofisticati sistemi di negoziazione e prestito per diversi tipi di asset, che vanno dagli immobili ai contratti di prestito alle opere d’arte. Consentendo rappresentazioni digitali di risorse fisiche, le NFT rappresentano un passo avanti nella reinvenzione di questa infrastruttura.

A dire il vero, l’idea di rappresentazioni digitali di risorse fisiche non è nuova né l’uso dell’identificazione univoca. Tuttavia, quando questi concetti vengono combinati con i vantaggi di una blockchain antimanomissione di contratti intelligenti, diventano una potente forza per il cambiamento.

Forse, il vantaggio più evidente delle NFT è l’efficienza del mercato. La conversione di un asset fisico in uno digitale semplifica i processi e rimuove gli intermediari. Gli NFT che rappresentano opere d’arte digitali o fisiche su una blockchain eliminano la necessità di agenti e consentono agli artisti di connettersi direttamente con il proprio pubblico. Possono anche migliorare i processi aziendali. Ad esempio, un NFT per una bottiglia di vino renderà più facile per i diversi attori in una catena di approvvigionamento interagire con essa e aiuterà a tracciarne la provenienza, la produzione e la vendita durante l’intero processo. La società di consulenza Ernst & Young ha già sviluppato una tale soluzione per uno dei suoi clienti.

I token non fungibili sono eccellenti anche per la gestione delle identità. Considera il caso dei passaporti fisici che devono essere esibiti in ogni punto di ingresso e di uscita. Convertendo i singoli passaporti in NFT, ciascuno con le proprie caratteristiche identificative univoche, è possibile snellire i processi di ingresso e uscita per le giurisdizioni. Ampliando questo caso d’uso, gli NFT possono essere utilizzati anche per la gestione delle identità all’interno del regno digitale.

Le NFT possono anche democratizzare gli investimenti frazionando asset fisici come gli immobili. È molto più facile dividere un bene immobiliare digitale tra più proprietari che uno fisico. Quell’etica della tokenizzazione non deve essere limitata al settore immobiliare; può essere esteso ad altre risorse, come le opere d’arte. Pertanto, un dipinto non necessita sempre di un unico proprietario. Il suo equivalente digitale può avere più proprietari, ciascuno responsabile di una frazione del dipinto. Tali accordi potrebbero aumentarne il valore e le entrate.

La possibilità più interessante per le NFT risiede nella creazione di nuovi mercati e forme di investimento. Considera un pezzo di proprietà immobiliare suddiviso in più divisioni, ognuna delle quali contiene caratteristiche e tipi di proprietà diversi. Una delle divisioni potrebbe essere vicino a una spiaggia mentre un’altra è un complesso di intrattenimento e, un’altra ancora, è un quartiere residenziale. A seconda delle sue caratteristiche, ogni pezzo di terra è unico, ha un prezzo diverso e rappresentato con un NFT. Il trading immobiliare, un affare complesso e burocratico, può essere semplificato incorporando i metadati pertinenti in ogni NFT univoco.

Decentraland, una piattaforma di realtà virtuale sulla blockchain di Ethereum, ha già implementato un tale concetto. Man mano che le NFT diventano più sofisticate e sono integrate all’interno dell’infrastruttura finanziaria, potrebbe diventare possibile implementare lo stesso concetto di pezzi di terra tokenizzati, diversi per valore e posizione, nel mondo fisico.

Previsioni Ethereum

Conviene investire in NFT?

Inizieremo con una citazione, di Keld Van Schreven, un collezionista d’arte e co-fondatore di KR1 Europe, la principale società di investimenti in asset digitali del continente. “Gli NFT sono un’opzione molto interessante per i collezionisti d’arte poiché stai acquistando e investendo in una nuova rivoluzione oltre che nell’arte stessa. Gli NFT stravolgeranno il sistema artistico tanto quanto Bitcoin ed Ethereum cambieranno il panorama finanziario.

“Dopo aver acquistato un NFT, rivendere il lavoro acquistato non potrebbe essere più facile. Esistono diversi mercati in cui è possibile acquistare e vendere NFT e hanno una buona liquidità. Gli NFT disintermediano completamente il sistema di gallerie. Gli NFT sono un punto di svolta per artisti e collezionisti in quanto offrono agli artisti nuova liquidità e un supporto di memorizzazione a prova di manomissione con royalties automatiche sulle vendite future “.

Come sottolinea Van Schreven, uno dei problemi con il mondo dell’arte esistente è la difficoltà di vendere la tua arte. Vendere velocemente o lanciare è disapprovato e gli artisti non ottengono una riduzione del prezzo di rivendita nella maggior parte dei casi. Infine, i guardiani delle grandi gallerie limitano l’accesso ai migliori artisti e vendono prima ai loro migliori collezionisti e amici. Il mercato dell’arte NFT elimina questi controlli tradizionali proprio come fa la criptovaluta con la valuta consolidata.

Come tutti gli investimenti, tuttavia, è necessario ricercare il mercato. Non tutte le piattaforme che vendono NFT sono sicure o affidabili come altre. I tassi di commissione sono alti, in alcuni casi il 5%, mentre ci sono stati casi di persone che vendono opere d’arte di altre persone come propria e furto di “portafogli” contenenti NFT e criptovaluta. Proprio come se stessi acquistando un Rembrandt, se vuoi entrare nel mercato NFT, hai bisogno di buona tecnologia e sicurezza.

I potenziali investitori, tuttavia, non dovrebbero essere scoraggiati. Ci sono 4-5 piattaforme di trading artistico NFT ben note e ben gestite, come Nifty Gateway, Super Rare e Foundation, e se ti attieni a queste, la maggior parte di questi problemi dovrebbe essere coperta. Il mercato è anche molto trasparente. Puoi vedere i dati di trading precedenti per singole opere, artisti e, ancora più utile, collezionisti. Se ancora non sei sicuro, puoi anche fare come un collezionista interessato consigliato e investire in Ethereum: la “valuta” su cui sono coniati tutti questi NFT.

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *