Dove Investire Oggi: Azioni Giapponesi per il 2024

Dove investire oggi? E’ giunto il momento di investire in azioni giapponesi, come tanti analisti sostengono? Le nuove politiche favorevoli agli azionisti dovrebbero dare impulso ai titoli giapponesi.

Dove investire oggi: perchè le azioni giapponesi sono da considerare

L’ultima volta che le azioni giapponesi hanno davvero sfrigolato, potevi comprare un francobollo americano per 25 centesimi (meno della metà del costo attuale) e George Bush (il primo) era alla Casa Bianca. La media delle azioni Nikkei è scesa di oltre il 75% dal suo picco di dicembre 1989 fino a settembre 2012 e viene ancora scambiato al di sotto del suo massimo di 34 anni.

Ma molti investitori esperti, tra cui Warren Buffett , stanno tornando sul mercato, segno che potrebbe essere giunto il momento per gli investitori statunitensi di riscoprire quello che, dopo tutto, è il secondo mercato azionario più grande del mondo e la terza più grande economia. Soprattutto ora, “il Giappone dovrebbe far parte del tuo portafoglio”, afferma Matt Lamphier, direttore della ricerca per First Eagle Investments , una società di gestione degli investimenti.

Le anime coraggiose che hanno acquistato dieci anni fa hanno tratto grandi profitti. I 225 titoli del Nikkei hanno reso più dell’11% annualizzato, in media, circa il doppio del rendimento dell’indice MSCI EAFE delle società con sede nei paesi sviluppati al di fuori degli Stati Uniti. E dall’inizio di quest’anno, il rendimento totale del 28,3% del Nikkei è battendo facilmente il 20,7% dell’S&P 500 (prezzi, rendimenti e altri dati sono aggiornati al 31 luglio, se non diversamente specificato.)

 

L’economia del Sol Levante

Lo slancio dovrebbe continuare, afferma Jeffrey Kleintop, capo stratega degli investimenti globali presso Charles Schwab . È vero che l’invecchiamento demografico del Giappone probabilmente manterrà la crescita economica modesta. Ma il lungo sforzo del governo per rafforzare l’economia e fermare la deflazione sembra finalmente funzionare. I prezzi e i salari in Giappone hanno iniziato a salire. Il prodotto interno lordo ( PIL ) del paese è destinato ad aumentare dell’1,4% quest’anno. Gli sforzi per ampliare le catene di approvvigionamento globali oltre la Cina stanno stimolando nuovi investimenti esteri in Giappone. E molte aziende giapponesi stanno finalmente rispondendo alle pressioni degli investitori e dei supervisori della borsa affinché restituiscano maggiori profitti agli azionisti.

Sbloccare il valore delle azioni giapponesi

Schwab stima che, in un paese in cui le obbligazioni a 10 anni pagano meno dello 0,6% e il rendimento delle obbligazioni a due anni è leggermente negativo, le aziende dispongono di 2,5 trilioni di dollari in contanti. I bassi prezzi delle azioni e le grandi riserve di liquidità fanno sì che molte azioni giapponesi – più del 40% di esse, afferma Schwab – siano scambiate a prezzi che ammontano a meno del valore contabile dell’azienda. (Il valore contabile misura le attività materiali di una società e rappresenta il valore che gli azionisti riceverebbero se la società dovesse essere liquidata. Le azioni dell’indice S&P 500 vengono scambiate a un prezzo medio pari a quattro volte il loro valore contabile.)

A gennaio, la Borsa di Tokyo ha annunciato che avrebbe chiesto alle società con titoli al di sotto del valore contabile di sviluppare una strategia per migliorare la gestione del capitale. Di conseguenza, “c’è un nuovo impegno a restituire più valore agli azionisti”, afferma Kleintop. “Questo è il principale fattore di rialzo delle azioni giapponesi quest’anno.” Molte aziende hanno ripristinato o aumentato i dividendi e i riacquisti di azioni proprie hanno raggiunto un nuovo record nel primo trimestre del 2023, osserva Kleintop.

Come dovrebbero gli investitori ritornare in Giappone? Accuratamente. Sebbene le azioni giapponesi siano, in media, ancora un affare se giudicate rispetto a diverse misurazioni dei prezzi azionari statunitensi, il recente rialzo ha portato il prezzo medio delle azioni giapponesi vicino allo storico multiplo prezzo-utili medio del paese pari a 15,5 volte gli utili attesi. Osserva i cali o acquista nel tempo per sfruttare la volatilità. E, dice Kleintop, “questo è il momento di essere ampiamente diversificati”.

Potresti già avere una certa esposizione in Giappone. Le azioni giapponesi costituiscono, ad esempio, il 22% dell’indice MSCI EAFE, un punto di riferimento popolare per i fondi indicizzati globali e internazionali. Ma a causa della storia di sottoperformance dei titoli giapponesi, molti fondi internazionali gestiti hanno ridotto al minimo i loro investimenti in Giappone. Se sei interessato ad aggiungere alcuni fondi specifici per il Giappone al tuo portafoglio, considera questi quattro.

4 modi per investire in azioni giapponesi

Nel complesso, il modo più semplice e a basso costo per investire in un paniere diversificato di azioni giapponesi è attraverso un fondo che replica un indice di azioni giapponesi. Il fondo focalizzato sul Giappone con la migliore performance negli ultimi anni è stato il WisdomTree Japan Hedged Equity ( DXJ ). Questo fondo quotato in borsa ha un patrimonio di 2,7 miliardi di dollari e addebita un rapporto spese dello 0,48%. WisdomTree utilizza un indice proprietario che si concentra su fattori quali la distribuzione dei dividendi e i ricavi delle esportazioni piuttosto che sulle dimensioni dell’azienda. Di conseguenza, il portafoglio detiene una quota del 19% in imprese di piccole e medie dimensioni.

Il fondo è noto anche per la copertura delle oscillazioni valutarie, proteggendo gli investitori statunitensi dalle perdite quando il valore dello yen scende rispetto al dollaro. Poiché la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse statunitensi e la Banca del Giappone ha mantenuto bassi i tassi di interesse per stimolare l’inflazione e l’attività economica, il valore dello yen è crollato da circa 1 centesimo a metà del 2020 a circa 0,7 centesimi nel 2020. mezza estate. Di conseguenza, secondo la società di ricerca Morningstar, il fondo con copertura valutaria di WisdomTree ha sovraperformato notevolmente i suoi concorrenti senza copertura, classificandosi nell’1% più ricco della sua categoria (fondi azionari giapponesi) per il 2021, 2022 e finora nel 2023 . Negli ultimi cinque anni ha registrato un rendimento medio dell’11,8%, più del triplo della media della categoria.

Naturalmente, le coperture valutarie potrebbero smorzare i rendimenti rispetto ai fondi senza copertura se il dollaro inizia a scendere rispetto allo yen. Ma la copertura consente agli investitori di eliminare le oscillazioni valutarie dall’equazione e concentrarsi solo sul potenziale di rendimento delle azioni.

WisdomTree Japan Hedged SmallCap Equity

Le azioni delle piccole imprese giapponesi attraggono gli investitori stranieri grazie alle valutazioni relativamente basse, agli elevati rendimenti da dividendi e ai rendimenti costanti, afferma Jeff Weniger, responsabile della strategia azionaria di WisdomTree. “Tutti danno per scontato che investire all’estero sia più rischioso. Ciò non è stato confermato.” Storicamente, afferma, la volatilità dei titoli a piccola capitalizzazione giapponesi è stata inferiore alla volatilità delle small cap statunitensi. Le partecipazioni di WisdomTree Japan Hedged SmallCap Equity ( DXJS ) vengono scambiate a una media di appena l’80% del valore contabile, molte delle quali con riserve di liquidità che fanno ben sperare per i prossimi dividendi o riacquisti, afferma Weniger.

Japan Hedged SmallCap Equity è una delle più ampie offerte di titoli a piccola capitalizzazione disponibili per i singoli investitori. È composto da 739 titoli con utili positivi e valori di mercato che vanno da circa 100 milioni di dollari a oltre 4 miliardi di dollari. Secondo Morningstar, il fondo ha un rapporto di spesa dello 0,58% e ha reso più del 27% nei primi sette mesi del 2023, collocandolo nel primo 18% dei fondi simili. Si colloca nel 20% dei migliori negli ultimi uno, tre, cinque e dieci anni.

Fidelity Japan

Uno dei fondi comuni di investimento focalizzati sul Giappone (disponibili per investitori individuali) a gestione attiva con le migliori performance negli ultimi tre e cinque anni è Fidelity Japan ( FJPNX ). Il forte investimento del gestore di portafoglio Kirk Neureiter in titoli tecnologici (23% del patrimonio) ha beneficiato della ricerca da parte del settore tecnologico di fornitori con sede al di fuori della Cina. Tuttavia, osserva, le aziende tecnologiche giapponesi vengono generalmente scambiate a multipli prezzo-utili inferiori rispetto ad aziende tecnologiche simili negli Stati Uniti. Ad esempio, la società di semiconduttori Renesas Electronics ( RNECY) è una delle cinque principali partecipazioni del fondo. Il titolo viene scambiato anche negli Stati Uniti come ricevuta di deposito americana. L’ADR è raddoppiato negli ultimi 12 mesi, ma viene scambiato a circa 19 volte gli utili attesi, rispetto a una media di 31 volte per i titoli dell’indice S&P Semiconductor.

Neureiter afferma che si sta impegnando con i dirigenti per sostenere politiche più favorevoli agli azionisti. Per la maggior parte degli ultimi 25 anni, i dirigenti hanno difeso le riserve di denaro sostenendo che era necessario pianificare le emergenze. “Direbbero: ‘Non si sa mai quando il Monte Fuji erutterà'”, ricorda Neureiter. “Ma i dirigenti stanno ora accogliendo il messaggio” di restituire più denaro agli investitori. “Siamo molto entusiasti” del potenziale di rendimenti aggiuntivi, afferma.

Il fondo Fidelity si è classificato nella metà superiore della sua categoria per quattro degli ultimi cinque anni interi. Ha reso una media del 4,3% annuo negli ultimi cinque anni, collocandosi nel 21% dei fondi simili più importanti. Si applica un rapporto spese dell’1,13%.

T. Rowe Price Giappone

Il fondo comune T. Rowe Price Japan ( PRJPX ) è rimasto indietro rispetto ai suoi concorrenti dal 2021, in parte a causa della sua attenzione alle aziende orientate alla crescita in un momento in cui i prezzi convenienti tendono a sovraperformare. Il manager Archibald Ciganer mantiene circa il 70% del portafoglio in titoli che ritiene abbiano buone prospettive di crescita degli utili per azione. La partecipazione principale del fondo è Keyence ( KYCCF ), che fornisce automazione alle fabbriche. Gli analisti prevedono che gli utili per azione aumenteranno a un tasso annualizzato dell’8% nei prossimi tre-cinque anni. Sebbene il fondo detenga azioni giapponesi, le azioni vengono scambiate negli Stati Uniti come ADR e hanno reso quasi il 16% nell’ultimo anno.

Il resto del portafoglio, circa il 30%, è investito in società le cui azioni sono destinate a beneficiare dei cambiamenti nelle politiche di governance aziendale per restituire maggiori profitti agli azionisti, afferma Dan Hurley, portavoce del fondo. Hitachi ( HTHIY ), una delle prime 10 holding , un conglomerato diversificato con 8,7 miliardi di dollari in liquidità, ha aumentato il suo dividendo del 20% a maggio. L’ADR ha reso più del 18% negli ultimi tre mesi. La possibilità di guadagni in denaro “crea molta eccitazione”, afferma Hurley.

Il fondo addebita l’1,02% delle spese. Nell’ultimo anno ha registrato un rendimento del 7,0%, poco meno della metà della media della categoria. Ma vale la pena considerare il fondo per gli investitori pazienti.

 

Dove Investire Oggi: Azioni Giapponesi per il 2024

ARTICOLI CORRELATI:

 

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.