Migliori Banche Italiane 2024: Banche più Solide in Italia

Quali sono le migliori banche italiane del 2024? Continuando a leggere questo articolo troverai l’elenco degli istituti di credito più affidabili fatta su diversi parametri.

Per rispondere a questa domanda che tutti Noi ci facciamo quando vogliamo cambiare conto corrente o sentiamo di qualche crisi bancaria, rispondiamo con una classifica delle migliori banche italiane fatta in base ad alcuni parametri che riteniamo molto utili e cioè:

  1. La solvibilità ( la liquidità che hanno) determinata dal parametro CET1 Ratio e le analisi SREP che la BCE fa ormai ogni anno.
  2. I Credit Default Swaps ( CDS) di ogni banca
  3. La capitalizzazione ( la grandezza)  dell’istituto di credito ( vai alla sezione “banche sistemiche“)
  4. Le opinioni dei clienti
  5. La fruibilità delle App online e dell’internet banking,
  6. La possibilità di fare investimenti tramite C/C ( come comprare e vendere azioni e obbligazioni)
  7. Assistenza ai clienti e numeri sportelli aperti .

Apri un C/C con Fineco

la Migliore Banca italiana VAI QUI

Classifica Migliori Banche Italiane del 2024

Le Banche Italiane più sicure del 2024, secondo il CET1 Ratio
Nome Banca CET1 Ratio
Finecobank 20,8%
Banca Mediolanum 20,7%
Icrea Banca 19,2%
BCC Roma18,96%
Banca Sella 18,63%
BFF Bank 16,90%
Banca Generali 16,30%
Fideuram 15,8%
Monte dei Paschi di Siena 15,6%
Popolare di Sondrio15,4%
Banca Ifis 15,1 %
Banca Desio 15,1%
Unicredit 14,9%
ING Group 14,5%
Mediobanca14,0%
Credem 13,72%
Intesa Sanpaolo 13,5%
Banco BPM 13,3%
Banca Sistema 12,6%
BPER 14,0%
Banca Ifis
IFF
15,21%

Ultime notizie delle banche italiane ed europee:

Il 20 dicembre 2023 la BCE ha rilasciato il SREP per le banche italiane ed europee per il 2024, ecco cosa ne è uscito:

Il processo di revisione e valutazione prudenziale (SREP) del 2023 per le banche vigilate dalla BCE si è svolto durante un periodo di incertezza sia sulle prospettive economiche che sulle dinamiche dei mercati finanziari.

Il punteggio SREP complessivo medio degli istituti di credito italiani è stato positivo e stabile a 2,6 .

In linea con gli orientamenti dell’ABE sullo SREP, il punteggio SREP complessivo, che varia da 1 a 4, riflette la valutazione complessiva della sostenibilità dell’ente da parte dell’autorità di vigilanza: punteggi più elevati riflettono rischi più elevati per la sostenibilità dell’ente derivanti da una o più caratteristiche del suo profilo di rischio.

In particolare, le banche che hanno ottenuto un punteggio SREP più elevato sono quelle che:

  • hanno una maggiore esposizione al rischio di credito;
  • hanno una minore capacità di generare reddito;
  • hanno una minore liquidità.

Requisiti patrimoniali

I requisiti patrimoniali complessivi e le linee guida sono aumentati leggermente, raggiungendo in media il 15,5% delle attività ponderate per il rischio (RWA), dal 15,1% del ciclo SREP .

Questo aumento è stato determinato dai seguenti fattori:

  • i cambiamenti nei profili di rischio e nella carenza di esposizioni deteriorate (NPE);
  • la reintroduzione o l’aumento delle riserve di capitale anticicliche (CCyB) da parte di diversi Stati membri.

Il P2R nel capitale totale è leggermente aumentato e si attesta al 2,25% rispetto al 2,15% dell’anno scorso.

Sei banche hanno ricevuto un requisito del Pilastro 2 relativo alla maggiorazione del coefficiente di leva finanziaria (P2R-LR) e otto banche hanno ricevuto una maggiorazione del finanziamento con leva finanziaria (LF).

Sette banche hanno ricevuto linee guida sul rischio di leva finanziaria eccessiva.

In conclusione, il settore bancario dell’area euro ha dimostrato una notevole resilienza di fronte alle sfide economiche e finanziarie del 2023.

Tuttavia, la BCE ha ritenuto necessario aumentare i requisiti patrimoniali per alcune banche, al fine di mitigare i rischi di leva finanziaria e di credito.

Per il 2024, la vigilanza bancaria della BCE ha detto che i miglioramenti sono continuati e ha messo altri “livelli” per aumentare ancora di più la sicurezza del sistema bancario che ha superato a pieni voti anche gli ultimi Stress Test  SREP, cioè un caocolo di eventuali gravi difficoltà finanziarie internazionali e anche quest’anno tutte le banche operanti in UE le hanno superate. Questi test non sono fatti “giusto per fare” e sono i più rigidi del mondo da superare per una banca, così complessi e difficili non ci sono neppure negli Stati Uniti ( per non parlare di altri sistemi bancari).

Precedenti test su banche della BCE

A Luglio scorso,  la BCE ha condotto nuovi Stress test su 98 banche che fanno parte dei paesi che utilizzano l’euro come moneta, di cui 57 grandi e 42 piccole. Gli stress test sono andati tutti bene e hanno fatto vedere che in caso di gravi problemi finanziari le banche europee possono resistere bene per almeno 3 anni.

La pubblicazione degli stress test la trovate QUI con tutti i parametri necessari. L’unica cosa da dire di importante è che non solo tutte le banche italiane hanno superato gli Stress test ma che una banca molto in difficoltà come era Monte dei Paschi fra 3 anni se non ci saranno ulteriori crisi mondiali avrà un CET1 Ratio tra i più alti ( quindi migliore) tra le grandi banche italiane,

Apri un C/C con Fineco

la Banca italiana più sicura Vai QUI

Situazione generale delle banche italiane ed europee

Negli ultimi anni ci sono stati diversi scandali e dei veri e propri default di banche italiane, ma anche americane ed europee dovute alla crisi finanziaria e il fallimento di Lehman Brothers. Da lì molte leggi sono cambiate e ora le banche che operano in Europa ed in Italia sono molto più sicure in quanto devono rispettare dei parametri che sono pubblici e riescono a stilare una classifica delle banche più sicure sotto questo aspetto.La recente pandemia e relativa crisi economica ha riportato al centro degli interessi dei clienti di banca questa preoccupazione, che è relativa ai  miliardi di euro di NPL cioè di crediti inesigibili che le banche italiane non potranno più avere indietro a causa di mutui e prestiti che non verranno più pagati da imprese e cittadini in difficoltà. Per il momento si pensa di ovviare a questi problemi tramite fusioni bancarie. Ma va detto che l’ultima revisione della BCE sulle banche europee , proprio per sondare quali erano state le conseguenze della pandemia, è stata molto positiva, infatti in questi anni la media degli NPL nella pancia della banche europee è calata dal 7% al 2%.

A fine novembre Banca d’Italia ha pubblicato la lista delle banche sistemiche del Nostro paese. Per banca sistemica si intende una banca che è così grande e/o ha così grandi legami con le altre che se andasse in default destabilizzerebbe tutto il sistema creditizio di una nazione. Per questo devono tenere delle riserve di denaro molto più alte delle altre e peer questo, in caso di gravissime crisi finanziarie come quelle del 2011 lo Stato italiano e la BCE per non farle fallire prenderebbero misure straordinarie.

Le precedenti crisi bancarie

Le recenti vicende come quella della  Popolare di Bari  , fanno capire che scegliere un istituto di credito sicuro per i Nostri risparmi è fondamentale.

Da qui bisogna sapere quali sono le banche più affidabili in Italia, e questo ce lo dicono gli stress test della BCE e della Eba i cui risultati sono vengono resi noti ogni volta che vengono rifatti.Una volta che conosco quali sono gli istituti di credito che sicuramente non falliranno, a quel punto posso scegliere dove  aprire un conto corrente, o Dove posso aprire un deposito di risparmio, tenere lì i miei soldi e stare tranquillo che magari la banca non ci sarà un default e nemmeno un prelievo forzoso dai conti correnti .

I piccoli risparmiatori, più che i piccoli investitori, sono quelli che temono per i propri soldi. Dopo una vita di sacrifici in cui è già difficile trovare un lavoro, mantenerlo, farsi pagare, riuscire a risparmiare qualcosa, veder sparire il frutto del proprio sudore è ormai diventato un incubo.

Apri un C/C con Fineco

la Banca italiana più Apprezzata dai Clienti QUI

Migliori banche italiane 2024 per rating, quali sono?

Classifica secondo il parametro CET 1 Ratio

  1. Banca Profilo 22,7%
  2. Mediolanum 20,7%
  3. Fineco 20,3%
  4. Banca Sella 18,6%
  5. Illimity Bank 17,7%
  6. Credit Agricole 17,2%
  7. Credito Emiliano 13,72%
  8. Intesa Sanpaolo 12,7%
  9. Unicredit 11,8%
  10. Monte dei Paschi di Siena 8,8%

Classifica secondo il P2R di cui CET1 (Quanto capitale ogni banca dovrebbe crescere per essere molto solida per rispettare il parametro CET1):

  1. Credem 1% (0,56%)
  2. Credit Agricole 1,50% (0,84%)
  3. Banca Mediolanum 1,50% (0,84%)
  4. Mediobanca 1,68% (0,94%)
  5. Intesa Sanpaolo 1,70% (0,97%)
  6. FinecoBank 1,75% (0,98%)
  7. Unicredit 2% (1,13%)
  8. Bper Banca 2,30% (1,29%)
  9. BPM Banca 2,57% (1,45%)
  10. Monte dei Paschi di Siena 2,75% (1,55%)

1. La sicurezza di una banca è data dalla sua solvibilità in caso di crisi internazionale e il CET1 Ratio è il parametro più importante per valutare una banca

Monitorato dalla Banca Centrale Europea, il CET1 Ratio è il parametro più importante per la valutazione di salute e solidità delle banche, quindi anche delle loro azioni e obbligazioni. Il suo nome è l’acronimo di Common Equity Tier1 Ratio e rappresenta il rapporto tra capitale ordinario versato dalla banca (CET1) e le sue attività ponderate al rischio, ossia quelle che presentano rischi impliciti.

Considerando tali attività, nel CET1 Ratio sono inclusi gli effetti negativi causati da:

  • Crediti deteriorati
  • Inadempienze probabili
  • Sofferenze

Il CET1, definito dagli Accordi di Basilea 1988 e 2004, è invece costituito da capitale versato, riserve e utili non distribuiti, escludendo azioni in portafoglio, avviamento, beni immateriali e perdite di bilancio.

Secondo le disposizioni BCE, il CET1 Ratio di una banca deve essere superiore all’8%: più elevato sarà, maggiore sarà la sua solidità; al contrario, se inferiore all’8%, la banca dovrà necessariamente rafforzare il patrimonio per non essere inserita in amministrazione straordinaria o sottoposta a bail-in, ossia prelievo forzato della liquidità dei suoi correntisti.

Appare nelle comunicazioni di bilancio trimestrali, semestrali o annuali degli istituti ed è uno strumento indispensabile per conoscere il loro rating e valutare in modo tangibile e matematico la solidità e la serietà di una banca. Per questo motivo Noi di Finanza Economia-Italia.com lo abbiamo inserito come il primo parametro  di valutazione di una banca.

2. Credit Default Swaps ( CDS)

banche italiane più solide credit default swaps
Banche italiane più solide secondo i credit default swaps

E’ uno dei parametri tecnici, i Credit default Swaps o CDS sono uno strumento finanziario molto chiacchierato in quanto piuttosto rischioso e complicato da capire, ma che è utilissimo a rendersi conto se un asset è rischioso oppure no.

Si tratta infatti dei soldi che si pagano all’assicurazione rispetto il rischio dell’asset stesso. Più soldi dovrò pagare rispetto al valore dell’asset più quell’asset sarà rischioso. L’esempio che abbiamo messo qui sotto con la crisi di Credit Agricole che fa aumentare il prezzo del suo CDS in tempo di crisi, fino al possibile default, spiega meglio di tante parole come funziona questo importante indicatore.

Nel momento in cui un CDS ha un prezzo superiore a quello medio del rendimento dell’asset, questa azione non sarà più conveniente da acquistare.

3. Banche sistemiche BCE e capitalizzazione di mercato

banche sistemiche in italia
Clicca per allargare l’immagine

Le banche italiane riconosciute sistemiche dalla BCE è praticamente impossibile che falliscano.

Spieghiamo meglio: nel 2021 la BCE diede mandato alle banche nazionali, cioè da Noi Bankitalia di fare una lista in base ad alcuni parametri che non staremo qui a spiegare in quanto troppo complicati e non utili ai fini dell’articolo.

In breve, le banche sistemiche sono banche che sono il cuore stesso del sistema finanziario ed economico di una nazione. Sono banche che sono molto radicate nel territorio, hanno moltissimi clienti che hanno molti investimenti in altre banche nazionali e che hanno concesso prestiti a tante aziende.

Queste banche sono così importanti che se ne dovesse fallire una potrebbe portare a far fallire tutta una nazione.

Ecco perchè vengono chiamate “sistemiche” cioè reggono il Nostro sistema economico, finanziario e in pratica di stile di vita.

Per questo è stato chiesto loro di soddisfare dei parametri molto alti in campo di sostenibilità monetaria e solidità finanziaria. Già questo dovrebbe scansare ogni possibile crisi, ma nel caso ci fosse, ecco che lo Stato solo per queste banche potrebbe intervenire a salvarle come ha fatto con Monte Paschi in Italia, in deroga al regolamento per cui le banche in Unione Europea non possono essere salvate ( Bail-In )

Apri un C/C con

la Migliore Banca italiana Vai QUI

 

4. Le opinioni dei clienti

Noi di Finanza Economia-italia.com abbiamo pensato di inserire questa qualità cioè “La classifica degli Istituti di credito in base all’opinione dei clienti”  tra i parametri di valutazione più importanti per una banca. Queste opinioni si possono trovare online su vari siti specializzati.

Premesso che non si tratta di un parametro che possiamo considerare “scientifico” come quello del CET1 Ratio che è solo una questione matematica di calcoli, va detto che ci sono siti specializzati in recensioni, che fanno recensire solo utenti verificati e che quindi non possono fare più di una recensione.

Facendo una media delle recensioni che si possono trovare su Trustpilot, la pagina Google Mybusiness di una banca e andando a leggere altre recensioni su siti e forum specializzati, anche qui abbiamo trovato Fineco tra le banche più apprezzate dagli italiani.

5. La fruibilità dell’internet banking e delle App della banca

Noi di Finanza Economia-Italia.com abbiamo discusso parecchio riguardo questo parametro. E’ vero che è un parametro basato su di un giudizio piuttosto soggettivo, ma non sono soggettive le segnalazioni che si trovano online sulla mancanza di funzionamento di un sito bancario e delle decine di recensioni che abbiamo fatto riguardo i vari conti correnti in questi anni.

Questa classifica l’abbiamo stilata in base al funzionamento, alla fluidità dell’esperienza utente sul sito internet banking ed App bancaria, sui servizi offerti ( quindi non solo possibilità di pagare le utenze) ma possibilità di Log In con riconoscimento facciale e impronta digitale, che ne facilitano l’utilizzo, conferma di secondo livello per i pagamenti online, pagamenti di tasse, C-BILL, possibilità di interconnessione con telefonino e smartwatch per i pagamenti elettronici attraverso i vari Google Pay, Apple Pay, Android Pay, Satispay, e servizi simili.

Costo dei bonifici per l’Italia e l’estero, minore interruzione possibile per il servizio, aiuto online di operatori reali e non robot che ti rispondono in caso di problemi.

6. La possibilità di fare investimenti semplicemente dal Conto Corrente

Ecco un parametro che ha influito molto sulla classifica delle migliori banche che abbiamo stilato, una funzione che non tutte le banche offrono con il loro conto corrente titoli: la possibilità di fare investimenti in borsa.

Si tratta di un servizio che tutti Noi dovremmo avere. Qui gli istituti di credito con i migliore conto titoli.

Così come posso pagare un bollettino online, dovrei avere la possibilità di poter comprare le azioni di quella azienda italiana di cui si parla tanto nei giornali stamattina.

Le banche che non lo offrono o che lo offrono in modo molto superficiale e difficile da usare, secondo Noi andrebbero subito escluse da una lista di “banche migliori”.

7. Assistenza al Cliente e numero di sportelli aperto.

Un tempo la banca era un bell’ufficio in un grande palazzo in Centro della città. Oggi la banca la identifichiamo in una App per smartphone.

Proprio così: i tempi sono cambiati e stanno cambiando, quello che non cambia è però il bisogno dei clienti di sentirsi ascoltati, capiti e accompagnati verso la risoluzione dei problemi.

Questo si fa o attraverso sportelli bancari con operatori  gentili e disponibili, oppure per le Banche Online o quelle che non sono presenti nel territorio si fa con un servizio di assistenza che risponde a tutte le ore, è fatto di persone in carne ed ossa anche qui gentili, pazienti e preparate.

Secondo Noi di Finanza Economia-Italia.com le banche che fanno rispondere a dei robot sbagliano e sbagliano di grosso, per uesto abbiamo ritenuto opportuno inserire questo ultimo parametro nella valutazione di una banca.

Dopo tutti i soldi che si pagano per i servizi bancari , magari mi devo sentire rispondere un robot che mi dice clicca il tasto numero X poi torna indietro poi torna avanti poi nel frattempo mi sono perso un passaggio è inaccettabile.

L’assistenza è una cosa importante per una banca e gli istituti di credito che non la offrono nel migliore dei modi, non faranno altro che allontanare i propri clienti.

Apri un C/C con Fineco

la Banca italiana più solida, Clicca QUI

 

Banche italiane migliori classifica

Approfondimenti

Come riconoscere se una banca è migliore di un’altra:

Per riconoscere la banca migliore, cioè per capire se una banca è più sicura di un’altra lo si capisce dal livello di patrimonializzazione, proprio come una azienda qualsiasi.

  1. Per facilitare questo impegnativo calcolo ecco il CET 1 RATIO, ( o Tier 1 o Tier 1 Capital Ratio) espressa in percentuale: più la percentuale è alta, più la banca è in buona salute. Si considera una banca in difficoltà quando il Cet 1 Ratio inizia ad essere intorno al 10%, anche se poi qui subentrano anche altri fattori.
  2. Devono seguire i requisiti del 2° pilastro ( Pillar 2 requirements) o P2R.

Quali sono le migliori banche italiane per CET1 Ratio Pillar 2 Requirement

Dopo l’istituzione del Fondo Atlante 1 e 2 nel 2016 per intervenire sulle crisi bancarie italiane dei crediti deteriorati e il fallimento di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca liquidate poi dal d.l. 99/2017, il CET1 Ratio è tornato argomento di discussione per valutare salute e solidità degli istituti di credito italiani.

Nell’analisi dei profili di rischio bancari SREP (Supervisory Review and Evaluation Process) si tiene conto di 2 parametri fondamentali:

  • CET1, che indica capitale ordinario, riserve e utili non distribuiti
  • CET1 Ratio, rapporto tra CET1 e attività a rischio implicito

In collaborazione con EBA (European Banking Authority), la BCE effettua degli stress test periodici per esaminare le banche del continente e capire come queste potrebbero reagire a eventuali scenari di crisi. In questo modo vengono valutate anche le migliori banche italiane per rating, che secondo gli ultimi stress test SREP 2023 sono tra i nomi più importanti a livello nazionale.,

Secondo la BCE TUTTE le banche italiane ed operanti in Italia hanno superato gli stress test anche per il 2024.

Finalmente una buona notizia per i correntisti e tutti i clienti , dopo che per anni siamo stati tutti un po’ in apprensione proprio per le tante crisi bancarie che si sono susseguite dopo la grande recessione del 2008/2009.

La classifica delle migliori banche italiane. la percentuale che vedete è la percentuale di capitale aggiuntivo. La banca che deve aggiungere al proprio capitale meno soldi ( secondo il parametro Pillar 2 requirement requisiti del 2° pilastro )  è più solida, quelle che hanno una percentuale più alta sono meno solide. Va detto che rispetto alle altre banche europee, quelle italiane risultano tra le più solide. Quella messa un po’ peggio è come al solito Monte dei Paschi, che però a questo punto ha una richiesta di “solo” il 3% di bilancio aggiuntivo, decisamente una cifra più bassa rispetto a prima e più bassa di molte altre banche europee.

Risorse Utili: Banca Dove Puoi Aprire un Conto Corrente

Informazioni del terzo pilastro

Ogni anno la BCE pubblica anche informazioni selezionate del terzo pilastro per le singole banche sui seguenti argomenti.

  • Coefficienti di solvibilità, leva finanziaria, copertura della liquidità e coefficienti netti di finanziamento stabile, pubblicati dagli enti significativi ai sensi della parte otto del regolamento sui requisiti patrimoniali (regolamento (UE) n. 575/2013).
  • Modelli selezionati dai requisiti di informativa del pilastro 3. Per la data di riferimento di fine 2021, la BCE ha pubblicato i modelli EU CCR1, EU CCR2, EU CCR5, EU CCR6 e EU CCR8 dei modelli informativi a copertura del rischio di credito di controparte. La comunicazione delle informazioni sull’esposizione di un ente al rischio di controparte è definita dall’articolo 439 del regolamento sui requisiti patrimoniali nonché dal regolamento di esecuzione (UE) 2021/637 della Commissione del 15 marzo 2021 (in particolare nell’allegato XXV e nell’allegato XXVI) , che stabilisce norme tecniche di attuazione in materia di comunicazione al pubblico da parte degli enti delle informazioni di cui ai titoli II e III della parte ottava del regolamento sui requisiti patrimoniali.

La pubblicazione include anche commenti specifici della banca a seguito di un esercizio di riconciliazione delle informazioni selezionate sopra menzionate e dei dati di segnalazione regolamentare. L’esercizio della BCE per la data di riferimento di fine 2021 ha portato a miglioramenti nella coerenza tra le informazioni selezionate del pilastro 3 e le segnalazioni regolamentari. A riprova di ciò, nel 2022 55 istituti significativi soggetti alla vigilanza bancaria europea hanno ripubblicato le loro relazioni del terzo pilastro per includere le correzioni ai dati divulgati.

Come leggere i parametri che la BCE da alle banche europee ed italiane

Dato che non è facile districarsi con i termini con i quali la BCE da dei veri e propri “voti di affidabilità e serietà” alle banche operanti in Europa, abbiamo pensato di darvi una spiegazione dei termini usati. Sappiate che al correntista o investitore medio non è indispensabile conoscerli ,però abbiamo pensato di inserirli in modo di dare una informazione più completa e corretta possibile su un tema così complicato.

Risorse Utili: Banca Dove Puoi Aprire un Conto Corrente

Cos’è il CET1 Ratio

Il CET1 Ratio, chiamato anche Common Equity Tier 1 Ratio, è una misura di solvibilità utilizzata per valutare la stabilità finanziaria delle banche. È definito come il rapporto tra il capitale di base di una banca, ovvero il capitale di migliore qualità e più stabile, e il totale degli attivi ponderati per il rischio (Risk Weighted Assets, RWA). Il CET1 Ratio è utilizzato per determinare se una banca ha abbastanza capitale per assorbire eventuali perdite e continuare a funzionare durante periodi di stress finanziario.

La Banca Centrale Europea (BCE) è responsabile della supervisione delle banche all’interno della zona dell’euro e impone requisiti minimi di CET1 Ratio per garantire la stabilità finanziaria delle istituzioni bancarie. Il requisito minimo di CET1 Ratio imposto dalla BCE per le banche europee è del 4,5%, ma spesso viene richiesto un valore maggiore in base alle specifiche circostanze di una banca.

Tuttavia, è importante notare che il CET1 Ratio è solo uno degli indicatori di solvibilità utilizzati dalla BCE e dalle altre autorità di vigilanza bancaria. Altri indicatori includono il Tier 1 Capital Ratio e il Total Capital Ratio, che tengono conto di altre forme di capitale oltre al CET1.

Cos’è il Tier 1 Capital Ratio 

Il Tier 1 Capital Ratio è un altro indicatore di solvibilità utilizzato per valutare la stabilità finanziaria delle banche. È definito come il rapporto tra il capitale di primo livello (Tier 1) di una banca e il totale degli attivi ponderati per il rischio (Risk Weighted Assets, RWA). Il capitale di primo livello è composto dal Common Equity Tier 1 (CET1) e dal capitale aggiuntivo di Tier 1 (AT1).

Il CET1 comprende principalmente azioni ordinarie, riserve e utili trattenuti, mentre l’AT1 è costituito da strumenti finanziari ibridi, come obbligazioni convertibili contingenti (CoCos), che possono essere convertiti in azioni ordinarie o subire cancellazioni in determinate condizioni.

La Banca Centrale Europea (BCE) è responsabile della supervisione delle banche all’interno della zona dell’euro e impone requisiti minimi di Tier 1 Capital Ratio per garantire la stabilità finanziaria delle istituzioni bancarie. Il requisito minimo di Tier 1 Capital Ratio imposto dalla BCE per le banche europee è del 6%. Questo requisito assicura che le banche abbiano un cuscinetto di capitale di alta qualità sufficiente per assorbire eventuali perdite e continuare a funzionare durante periodi di stress finanziario.

Tuttavia, come nel caso del CET1 Ratio, il Tier 1 Capital Ratio è solo uno degli indicatori di solvibilità utilizzati dalla BCE e dalle altre autorità di vigilanza bancaria. Altri indicatori includono il CET1 Ratio e il Total Capital Ratio, che tengono conto di altre forme di capitale oltre al Tier 1.

Cos’è il Total Capital Ratio 

Il Total Capital Ratio, noto anche come Capital Adequacy Ratio, è un ulteriore indicatore di solvibilità utilizzato per valutare la stabilità finanziaria delle banche. È definito come il rapporto tra il capitale totale di una banca e il totale degli attivi ponderati per il rischio (Risk Weighted Assets, RWA). Il capitale totale è composto dal capitale di Tier 1 (CET1 e AT1) e dal capitale di Tier 2.

Il capitale di Tier 1 è il capitale di migliore qualità e più stabile, composto principalmente da azioni ordinarie, riserve e utili trattenuti (CET1), oltre a strumenti finanziari ibridi come obbligazioni convertibili contingenti (AT1). Il capitale di Tier 2 è un tipo di capitale di qualità inferiore rispetto al Tier 1 e include principalmente strumenti subordinati a lungo termine e riserve generali per rischi creditizi.

La Banca Centrale Europea (BCE) è responsabile della supervisione delle banche all’interno della zona dell’euro e impone requisiti minimi di Total Capital Ratio per garantire la stabilità finanziaria delle istituzioni bancarie. Il requisito minimo di Total Capital Ratio imposto dalla BCE per le banche europee è dell’8%. Questo requisito assicura che le banche abbiano un cuscinetto di capitale sufficiente per assorbire eventuali perdite e continuare a funzionare durante periodi di stress finanziario.

È importante notare che il Total Capital Ratio è solo uno degli indicatori di solvibilità utilizzati dalla BCE e dalle altre autorità di vigilanza bancaria. Altri indicatori includono il CET1 Ratio e il Tier 1 Capital Ratio, che tengono conto di diverse forme di capitale.

Cos’è lo SREP 

Lo SREP, chiamato anche Supervisory Review and Evaluation Process, è un processo di valutazione e revisione condotto dalla Banca Centrale Europea (BCE) per le banche nell’area dell’euro. Lo scopo dello SREP è valutare la solidità finanziaria e la gestione dei rischi delle banche per garantire che esse operino in modo sicuro e sostenibile. Il processo di revisione viene svolto annualmente e considera vari aspetti del funzionamento delle banche, tra cui la qualità del capitale, la liquidità, la governance interna e la gestione dei rischi.

In base ai risultati dello SREP, la BCE può imporre requisiti di capitale e liquidità aggiuntivi alle banche, al di sopra dei requisiti minimi stabiliti dalla regolamentazione prudenziale. Questi requisiti aggiuntivi vengono definiti come Pillar 2 Requirements (P2R) per il capitale e Pillar 2 Guidance (P2G) per la liquidità. Il processo SREP consente alla BCE di identificare eventuali debolezze nelle banche e di richiedere loro di adottare misure correttive per mitigare i rischi e rafforzare la loro posizione finanziaria.

È importante notare che lo SREP è complementare ai requisiti minimi di CET1 Ratio, Tier 1 Capital Ratio e Total Capital Ratio che la BCE impone alle banche europee. Insieme, questi indicatori e processi di valutazione aiutano a garantire la stabilità finanziaria delle istituzioni bancarie e a ridurre il rischio di crisi bancarie.

QUI: Ultimo SREP fatto dalla BCE.

Cosa significano Pillar 2 Requirement e Pillar 2 Guidance

I termini Pillar 2 Requirement (P2R) e Pillar 2 Guidance (P2G) si riferiscono a requisiti e raccomandazioni aggiuntive imposti alle banche nell’ambito del processo di Supervisory Review and Evaluation Process (SREP) condotto dalla Banca Centrale Europea (BCE) e dalle altre autorità di vigilanza bancaria.

Pillar 2 Requirement (P2R):

Il P2R è un requisito di capitale aggiuntivo che una banca deve mantenere al di sopra dei requisiti minimi di capitale stabiliti dalla regolamentazione prudenziale (CET1 Ratio, Tier 1 Capital Ratio e Total Capital Ratio). Il P2R viene calcolato individualmente per ogni banca, in base alla valutazione dei rischi specifici, alla qualità del capitale, alla gestione dei rischi nonchè alla governance della banca. L’obiettivo del P2R è garantire che le banche abbiano un cuscinetto di capitale sufficiente per affrontare rischi specifici non coperti dai requisiti minimi di capitale.

Pillar 2 Guidance (P2G):

Il P2G è una raccomandazione di liquidità aggiuntiva fornita alle banche in seguito alla valutazione SREP. Il P2G tiene conto dei rischi specifici di liquidità che una banca potrebbe affrontare e fornisce una guida su quanto capitale aggiuntivo la banca dovrebbe detenere per far fronte a questi rischi. A differenza del P2R, il P2G non è un requisito vincolante, ma una raccomandazione che le banche sono incoraggiate a seguire per garantire una gestione adeguata dei rischi di liquidità.

In sintesi, il P2R e il P2G sono strumenti utilizzati dalle autorità di vigilanza bancaria per garantire la stabilità finanziaria delle banche e per indirizzarle verso una gestione più efficace dei rischi di capitale e liquidità. Essi sono complementari ai requisiti minimi di capitale e fanno parte di un quadro di vigilanza più ampio volto a garantire la solidità e la resilienza del sistema bancario.

Perchè le banche italiane hanno avuto rating positivi?

A sostegno dei settori più colpiti dall’epidemia, quello italiano è tra i governi europei che hanno annunciato una serie di misure d’emergenza, tra queste il Decreto Cura Italia (d.l. 18/2020) e il Decreto Liquidità (d.l. 23/2020): nonostante il primo abbia messo gli istituti nazionali ad elevata esposizione al credito deteriorato a causa della possibile inadempienza dei clienti, col secondo le banche faranno da tramite per finanziamenti statali a fondo perduto per le PMI.

Con lo stanziamento di 200 miliardi di euro, la misura del Decreto Liquidità rafforza quella già in corso del Decreto Cura Italia, favorendo l’accesso alle garanzie statali e semplificando i requisiti per le agevolazioni. Altra priorità è il potenziamento del Fondo di Garanzia per PMI. I prestiti erogati saranno disponibili per aziende fino a 499 dipendenti:

  • Fino a 30.000 euro con garanzia al 100% e nessuna valutazione
  • Fino a 800.000 euro con garanzia al 90% e valutazione di merito
  • Fino a 5 milioni di euro con garanzia al 90% e valutazione di merito e andamentale/bancaria

I medesimi finanziamenti saranno disponibili anche per grandi aziende, con garanzia variabile:

  • Al 90% e con procedura semplificata d’accesso per imprese con meno di 5.000 dipendenti e fatturato inferiore a 1,5 miliardi di euro
  • All’80% per imprese con più di 5.000 dipendenti e fatturato tra 1,5 e 5 miliardi di euro
  • Al 70% per imprese con più di 5.000 dipendenti e fatturato oltre i 5 miliardi di euro

A conti fatti, si può notare che nei risultati delle migliori banche italiane per rating vi sono i più importanti istituti nazionali, che forti di storia e solidità sarebbero in grado di resistere a scenari particolarmente critici con abbastanza capitale in eccesso.

Risultati in linea con quelli del resto d’Europa che, eccetto piccole realtà di Grecia, Portogallo, Cipro e paradossalmente Germania, secondo gli analisti mostrerà una certa resilienza anche nel 2021: sebbene non ci sia la certezza matematica che gli scenari drammatici degli stress test si possano concretizzare, le criticità dell’epidemia CoViD-19 sono alle spalle.

Banche italiane per risparmio raccolto

Al primo posto abbiamo Intesa Sanpaolo con oltre 555 miliardi di euro, seguita da Unicredit con 412 miliardi di euro, Banco BPM con oltre 132 miliardi di euro, BPER con 101 miliardi di euro, Monte dei Paschi di Siena con oltre 90 miliardi di euro, Credit Agricole con oltre 74 miliardi di euro e altre.

Si tratta dei soldi delle famiglie italiane che sono stati messi in conti correnti, conti deposito ed obbligazioni bancarie.

Banche Italiane con più sportelli aperti nel territorio

Il numero degli sportelli bancari con il tempo andrà sempre più diminuendo grazie alla tecnologia digitale, ma non si azzereranno mai perchè ci sarà sempre bisogno di valutare le richieste dei clienti in modo personale.

Denominazione Banca e Link per iscrizione

Numero ABI

 Numero delle Succursali

   1. Intesa Sanpaolo 03069 3.010
   2. Unicredit 02008 2.312
   3. BPER Banca 05387 1.617
   4. Banco Bpm 05034 1.470
   5. Banca Monte dei Paschi di Siena 01030 1.368
   6. Crédit Agricole Italia 06230 1.137
   7. Banca Nazionale del Lavoro 01005 684
   8. Banca Popolare di Sondrio 05696 484
   9. Credito Emiliano 03032 445
 10. Banco di Sardegna 01015 308
 11. Banca Sella 03268 285
 12. Deutsche Bank 03104 277
 13. Banco di Desio e della Brianza 03440 232
 14. Banca Popolare di Bari 05424 226
 15. Cassa di Risparmio di Asti 06085 210
 16. BCC di Roma 08327 187
 17. Compass Banca 19275 178
 18. Banca Popolare dell’Alto Adige 05856 168
 19. Intesa Sanpaolo Private Banking 03239 146
 20. Banca Popolare di Puglia e Basilicata 05385 118

 

I 10 principali gruppi bancari italiani per capitalizzazione

1. Intesa Sanpaolo

Nata dalla fusione Banca Intesa-Sanpaolo IMI da gennaio 2007 a Torino, vede le sue origini nel lontano 1563, con una crescita portata da acquisizioni e fusioni, di cui la più importante con UBI Banca nel 2020. I suoi prodotti sono mirati a piccoli risparmiatori e investitori, PMI e aziende maggiori.

Principale azionista è Compagnia di San Paolo al 6,26%, vanta un CET1 Ratio al 12,7%, una capitalizzazione di mercato di 47,12 miliardi.

2. Unicredit

Nata come Unicredito Italiano dalla fusione Credito Italiano-Unicredito nel 1998 a Milano, dispone di una grande rete internazionale con filiali e sportelli in 18 paesi nel mondo, tra cui Spagna, Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti e Cina. I suoi prodotti sono mirati principalmente a privati, investitori e PMI.

Principale azionista è Gruppo Blackrock al 5,94%, vanta un CET1 Ratio al 15,4%, una capitalizzazione di mercato di 35,96 miliardi.

3. Finecobank

Fondata nel 1999 a Milano, è una banca diretta che offre servizi finanziari con oltre 390 filiali e 2.570 consulenti, punti di forza sono efficienza, innovazione e trasparenza, per un’esperienza cliente sempre ottimale. La sua offerta comprende strumenti completamente digitali tra operatività base, credito al consumo e soluzioni d’investimento. La FinecoBank, è una Spa fondata nel 199 con sede a Milano, faceva parte dell’universo Unicredit ed è famosa in quanto offre un servizio broker per fare trading online tra i più rinomati in Italia.

Principale azionista è Wellington Management Co. al 5,01%, vanta un CET1 Ratio al 20,4%, una capitalizzazione di mercato di 10,11 miliardi.

4. Mediobanca

Fondata nel 1946 a Milano dall’iniziativa dei banchieri Raffaele Mattioli ed Enrico Cuccia, presenta circa 16 partecipate tra cui Compass e CheBanca!, con una radicata presenza estera con sedi a Parigi, Madrid, Londra e New York. Offre servizi personalizzati e consulenza professionale per privati, PMI e professionisti.

Principale azionista è Gruppo Delfin al 19,80%, vanta un CET1 Ratio al 15,7%, una capitalizzazione di mercato di 8,73 miliardi.

5. Banca Mediolanum

Fondata nel 1997 a Basiglio dalla conversione di Programma Italia Investimenti SIM e integrata nel Gruppo Mediolanum, è una banca diretta con oltre 13.000 filiali, che fornisce un’efficiente operatività tecnologica e consulenza dedicata, offrendo conti correnti, carte, mutui, prestiti e soluzioni d’investimento e assicurative dedicandosi a privati e aziende.

Principale azionista è la famiglia Doris al 40,39%, vanta un CET1 Ratio al 20,7%, una capitalizzazione di mercato di 6,81 miliardi.

6. Banco BPM

Fondato nel 2017 a Milano, è un gruppo bancario d’origine cooperativa con forte radicamento nel nord Italia, ma presenta anche uffici di rappresentanza all’estero a Mumbai e Hong Kong. Tra i principali servizi offerti vi sono conti correnti, carte, finanziamenti, soluzioni mobilità, assicurative e d’investimento, rivolgendosi a ogni categoria di clientela.

Principale azionista è Credit Agricole al 9,18%, vanta un CET1 Ratio al 13,83%, una capitalizzazione di mercato di 6,20 miliardi.

7. Banca Generali

Nata nel 1998 da Assicurazioni Generali a Milano, è una banca dedicata a gestione patrimoniale e consulenza finanziaria grazie a servizi dedicati, con oltre 2.150 consulenti, 45 filiali e 142 agenzie in Italia, oltre a presenza radicata in Francia, Spagna, Germania, Stati Uniti, Brasile, Sudafrica e Cina. La sua offerta è rivolta principalmente a piccoli risparmiatori.

Principale azionista è Assicurazioni Generali al 50,17%, vanta un CET1 Ratio al 15,60%,  una capitalizzazione di mercato di 3,94 miliardi.

8. BPER Banca

Fondata nel 1867 a Modena e conosciuta precedentemente come Banca Popolare dell’Emilia-Romagna, è una banca che opera principalmente con strumenti finanziari come conti correnti, finanziamenti e strumenti assicurativi e d’investimento, con circa 1.500 sedi principalmente in nord e centro Italia. La clientela di riferimento sono privati e piccoli risparmiatori.

Principale azionista è Gruppo Unipol al 19,90%, vanta un CET1 Ratio al 14,70%, una capitalizzazione di mercato di 3,66 miliardi.

9. Monte dei Paschi di Siena

Fondata come monte di pietà a Siena nel 1472, è la banca in attività più antica e longeva al mondo, con più di 1.700 sportelli in Italia e una presenza estera a Tunisi, Algeri, Mosca, Shanghai, Pechino e Mumbai. La sua attività riguarda operatività tradizionale e soluzioni d’investimento, ma anche strumenti digitali e servizi dedicati alle imprese.

Principale azionista è il MEF al 64,23%, vanta un CET1 Ratio al 15,60%,una capitalizzazione di mercato di 2,99 miliardi.

10. Credito Emiliano

Fondata come Banca Agricola Commerciale di Reggio Emilia nel 1910, è una banca dalle origini territoriali che si espande a livello nazionale grazie ad una serie di importanti acquisizioni, adottando il suo attuale nome nel 1983, abbreviato in Credem. Con soluzioni di risparmio, finanziamenti, assicurative e previdenziali, si rivolge principalmente a privati e PMI.

Principale azionista è Credito Emiliano Holding al 78,83%, vanta un CET1 Ratio al 13,72%, un fatturato 2022 di 1,43 miliardi di euro e una capitalizzazione di mercato di 2,76 miliardi.

Precedenti risultati degli stress test sugli istituti di credito italiani

( non i dati di tutte le banche italiane sono stati pubblicati dalla BCE l’ultima volta che ha fatto gli stress test di Agosto 2017, solo i dati di quelle banche ritenute le più importanti) .

Va comunque specificato che ormai le banche italiane stanno cercando di avere più liquidità e di togliersi i crediti inesigibili, quindi questi dati dovrebbero migliorare con il passare dei mesi, da non confondersi con la NPE Ratio, cioè la Non Perfoming Exposure delle banche.

Come si può vedere, Fineco, Banco di Sardegna, Mediolanum, Banca Fideuram, sono messe abbastanza bene; peggio Veneto,  Banco Popolare,( ora fuso con Popolare di Milano) , Popolare di Vicenza, Nuova Etruria e Nuova Marche, uscite da poco dal famoso scandalo che le ha viste coinvolte, che ancora si devono riprendere, nonostante abbiano cambiato nome.

  • Deutsche Bank: 8,14% ( la più grande banca tedesca sotto stress)
  • Societé Génerale: 7,61% ( la più grande banca francese sotto stress)
  • La Banque Postale: 7,22% ( la banca delle poste francesi, di proprietà di Poste francesi)

Barklays: 7,28% ( una delle più importanti banche britanniche che, anche se non fa più parte di UE, ha enormi interessi ed investimenti in UE)

STRESS TEST EBA  LUGLIO 2021

  1. Mediobanca  Cet1 fully loaded ratio 14,51% di fine 2020 passa al 9,73% del 2023;
  2. Intesa Sanpaolo Cet1 fully loaded 14,04% del 2020 passa al 9,38%, del 2023
  3. Unicredit Cet1 ratio 15,14% del 2020 al 9,22% del 2023;
  4. Banco Bpm Cet1 fully loaded  13,23% 2020 al 7,02% a fine 2023. .
  5. BMps Cet1 fully loaded  9,86% del 2020 a -0,1% del 2023

CET 1 RATIO BANCHE OPERANTI IN ITALIA Ad Ottobre 2020

 

Tassazione Banche italiane: la ritenuta d’acconto

In Italia, la ritenuta d’acconto del 26% sugli interessi positivi e le plusvalenze generate dai conti broker o bancari è una forma di tassazione applicata alla fonte su certi tipi di reddito da capitale e plusvalenze. Questa tassazione è conosciuta anche come “tassazione sostitutiva” perché sostituisce l’applicazione delle normali aliquote dell’imposta sul reddito.

La ritenuta d’acconto del 26% si applica a vari tipi di reddito da capitale, tra cui:

  1. Interessi: Gli interessi derivanti da conti di risparmio, obbligazioni e altri strumenti simili sono soggetti a una ritenuta d’acconto del 26%. Questo significa che il 26% degli interessi guadagnati viene trattenuto dalla banca o dal broker e versato alle autorità fiscali italiane.
  2. Plusvalenze: Le plusvalenze realizzate dalla vendita di azioni, obbligazioni, o altri strumenti finanziari sono anch’esse soggette a una ritenuta d’acconto del 26%. Questo include i profitti realizzati dalla differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita di un titolo.
  3. Dividendi: I dividendi ricevuti da azioni sono soggetti alla stessa ritenuta d’acconto del 26%.
  4. Altri Redditi da Capitale: Questo può includere anche altri tipi di redditi da capitale, come i proventi da fondi comuni di investimento.

È importante notare che questa ritenuta d’acconto agisce come una tassazione definitiva. Ciò significa che una volta che la ritenuta è stata applicata, non è necessario segnalare ulteriormente questi redditi nella dichiarazione dei redditi, poiché l’imposta è già stata pagata.

Le banche operanti in Italia che usano la ritenuta d’acconto

In Italia, la ritenuta d’acconto del 26% sugli interessi positivi e le plusvalenze (tassazione sostitutiva) è una norma fiscale che si applica a tutte le banche e istituti finanziari che operano nel Paese. Pertanto, qualsiasi banca o istituto finanziario che offre conti di risparmio, investimenti o altri strumenti finanziari simili è tenuto per legge ad applicare la ritenuta d’acconto sugli interessi, dividendi e plusvalenze realizzate dai clienti.

Questo include sia le banche italiane tradizionali che le filiali o sussidiarie di banche straniere operanti in Italia, così come le piattaforme di trading e broker online.

Alcune delle banche e istituti finanziari che operano in Italia includono:

  1. UniCredit
  2. Intesa Sanpaolo
  3. Banco BPM
  4. Banca Monte dei Paschi di Siena (MPS)
  5. BPER Banca
  6. UBI Banca
  7. Mediobanca
  8. Credito Emiliano (Credem)
  9. ING
  10. CheBanca! (Gruppo Mediobanca)
  11. FinecoBank
  12. Banca Sella

Anche le piattaforme di trading e broker online che operano in Italia, come:

  1. eToro
  2. DEGIRO
  3. Trading 212

sono tenuti ad applicare la ritenuta d’acconto secondo le leggi fiscali italiane.

È importante notare che la normativa fiscale può cambiare, e come tale, è sempre una buona pratica consultare un esperto in materia fiscale o un commercialista per ottenere informazioni aggiornate e specifiche sulla propria situazione fiscale.

Altri articoli di approfondimento sulle banche :

Le normative che regola le banche che operano in Italia

La normativa bancaria italiana è composta da un insieme di leggi, regolamenti e disposizioni emanate da enti pubblici e privati. Il testo fondamentale è il Testo Unico Bancario (TUB), decreto legislativo n. 385 del 1993, che disciplina le attività degli intermediari bancari e finanziari, le relazioni con i clienti e la vigilanza da parte della Banca d’Italia.

Legge n. 385 del 1993

Il TUB è stato modificato e integrato diverse volte nel corso degli anni, l’ultima delle quali con il decreto legislativo n. 14 del 2019. Il testo attuale è disponibile sul sito della Banca d’Italia, al seguente link:

  • Testo Unico Bancario (TUB)

Altre leggi e regolamenti

Oltre al TUB, la normativa bancaria italiana comprende anche le seguenti leggi e regolamenti:

  • Legge n. 262 del 2005, che disciplina il sistema di risoluzione delle banche
  • Regolamento (UE) n. 575/2013, che stabilisce i requisiti prudenziali per le banche
  • Regolamento (UE) n. 910/2014, che disciplina la PSD2, la direttiva sui servizi di pagamento
  • Regolamento (UE) n. 2016/679, che disciplina il GDPR, il regolamento generale sulla protezione dei dati

La Banca d’Italia, inoltre, emana disposizioni di vigilanza per disciplinare aspetti specifici delle attività bancarie e finanziarie. Tali disposizioni sono pubblicate sul sito della Banca d’Italia, al seguente link:

  • Disposizioni di vigilanza

Link alle varie leggi

Di seguito sono riportati i link alle varie leggi e regolamenti citati nel presente documento:

Fondatore di Economia-Italia.com nel 2014 trader e pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Ha collaborato con diverse testate online, in cui ha scritto di economia e finanza fin dal 2007.

5 commenti

  1. Perchè sono tabelle che vengono fatte dalla UE , circa 2 volte all’anno e controllano solo banche molto grandi, per questo vengono aggiornate poco di frequente.

  2. Ci sono tabelle una diversa dalla’altra, parametri di differenziazione uno diverso dall’altro. Praticamente nessuna di queste tabelle dice la verità.
    Cercasi una vera classificazione di solidità delle banche.
    Unicredit e ISP, ma anche tante altre, sono banche stravalutate, come organizzazione e efficienza sono carentissime, sembra siano rimaste nel medioevo, sono rigide, antiquate.
    Non ci deve infatti basare solo sul patrimonio di una banca, ma anche su ben altre cose.

    1. proprio per dare una visione a 360 gradi, abbiamo inserito valutazioni in base a vari tipi di parametri.
      Quella della grandezza della banca è solo una
      Poi c’è quella del CET 1 Ratio
      Poi quella dell’ultimo SREP fatto dalla BCE
      Poi quella delle recensioni dei clienti
      Infine la Nostra, che cerca di raccogliere tutte queste tabelle in una.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.