Previsioni Borsa Wall Street 2024 dei Principali Analisti di Borsa

Le azioni sono salite la scorsa settimana, con l’S&P 500 in rialzo dello 0,8% per chiudere a 4.594,63. L’indice è ora in rialzo del 19,7% da inizio anno, in rialzo del 28,4% rispetto al minimo di chiusura del 12 ottobre 2022 di 3.577,03, e in calo del 4,2% rispetto al massimo di chiusura record del 3 gennaio 2022 di 4.796,56.

È quel periodo dell’anno in cui i migliori strateghi di Wall Street dicono ai clienti dove vedono il mercato azionario nell’anno a venire . In genere, la previsione media per il gruppo prevede che l’indice S&P 500 salga di circa il 10%, in linea con le medie storiche .

Quest’anno gli strateghi offrono una gamma piuttosto ampia di punti di vista. Alcuni vedono debolezza. Alcuni vedono la forza. Gli obiettivi vanno da 4.200 a 5.500. Ciò implica rendimenti compresi tra -8,5% e +19,7% dalla chiusura di venerdì. Per quello che vale, le previsioni non sono così distorte al ribasso come lo erano l’anno scorso .

Prima di andare avanti, metterei in guardia dal dare troppo peso agli obiettivi di un anno. È estremamente difficile prevedere con precisione i movimenti a breve termine del mercato. Pochi a Wall Street sono riusciti a farlo con successo. Ritengo tuttavia che la ricerca, l’analisi e i commenti alla base di queste previsioni possano essere informativi.

Previsioni Borsa Wall Street 2024 dei Principali Analisti di Borsa

Detto questo, ecco cosa guida le opinioni di Wall Street per il 2024:

Gli economisti con cui lavorano questi esperti di previsione del mercato azionario sono divisi sulla possibilità che l’economia statunitense entrerà in recessione in qualche momento dell’anno, il che ha implicazioni, tra le altre cose, sulle entrate. Coloro che si aspettano una continua espansione si aspettano una crescita modesta, mentre coloro che si aspettano una recessione si aspettano che qualsiasi rallentamento sia breve e superficiale. (Scorrere verso il basso per: prospettive economiche statunitensi di Wall Street per il 2024 )

È interessante notare che la maggior parte degli strateghi prevede ancora una crescita degli utili dell’indice S&P 500 nel 2024, nonostante le previsioni poco brillanti sulla crescita del PIL. Ciò potrebbe avere a che fare con l’ aspettativa che la spesa dei consumatori si sposti nuovamente verso i beni dai servizi e con il fatto che l’S&P ha una maggiore esposizione al settore dei beni, mentre il PIL degli Stati Uniti ha una maggiore esposizione al settore dei servizi. Gli analisti prevedono utili record nel 2024. Fonte: FactSet )

Grazie al miglioramento dell’efficienza operativa, molti – ma non tutti – gli strateghi si aspettano che i margini di profitto rimangano elevati, il che potrebbe contribuire ad amplificare la crescita degli utili anche con una crescita modesta dei ricavi. I margini di profitto hanno resistito. (Fonte: BMO)

Mentre la maggior parte delle società S&P 500 hanno bassi tassi di interesse sui propri debiti bloccati per anni , sempre più aziende dovranno comunque rifinanziarsi a tassi di mercato, che continuano ad attestarsi ai livelli più alti degli ultimi anni. L’aumento della spesa per interessi rappresenta un ostacolo alla crescita degli utili. Grazie all’attività di rifinanziamento quando i tassi erano bassi, gli interessi pagati dalle grandi aziende rimangono bassi. (Fonte: BofA)

La maggior parte degli strateghi concorda sul fatto che il peggio della crisi inflazionistica è ormai alle nostre spalle . Ciò significa che qualora le condizioni economiche dovessero peggiorare in modo significativo, la Federal Reserve potrebbe ritrovarsi ancora una volta ad allentare le condizioni finanziarie con tagli dei tassi di interesse. Anche se una recessione economica sarebbe sgradita, è comunque una buona notizia che la Fed sembri avere spazio per stimolare l’economia.

Gli strateghi sono inoltre divisi sulla questione se le valutazioni siano ragionevoli o se siano un po’ ricche. Questo dibattito non si esaurirà presto poiché le valutazioni storicamente hanno segnalato molto poco sui movimenti del mercato a breve termine . Mentre la maggior parte degli strateghi concorda sul fatto che le valutazioni sono elevate, non tutti credono che ciò impedirà ai prezzi di salire. (Fonte: Deutsche Bank)

Per quanto riguarda le valutazioni, almeno uno stratega sostiene che l’entusiasmo per le tecnologie di intelligenza artificiale potrebbe persistere nel nuovo anno e che il mercato potrebbe trovarsi nelle prime fasi di una bolla.

Previsioni Borsa Wall Street 2024

Gli obiettivi di prezzo dell’S&P 500 per il 2024.

Di seguito è riportato un riepilogo di 12 di queste previsioni per il 2024 per l’S&P 500, compresi i punti salienti dei commenti degli strateghi.

  • JPMorgan: 4.200 , 225 dollari per azione (al 29 novembre) “Con un rallentamento della crescita economica il prossimo anno (la crescita degli Stati Uniti rallenterà allo 0,7% su base annua nel 4Q24 dal 2,8% del 4Q23), erodendo l’eccesso di risparmio e liquidità delle famiglie e restringendo il credito, riteniamo irrealistica una crescita dell’11% dell’EPS nel 2024… Il sentiment aziendale negativo dovrebbe fungere da catalizzatore per stime nettamente inferiori all’inizio del prossimo anno”.
  • Morgan Stanley: 4.500 , EPS a 229 dollari ( al 13 novembre ) “L’incertezza a breve termine dovrebbe lasciare il posto a una ripresa degli utili… La nostra stima dell’EPS per il 2024 [di 229 dollari] è coerente con i risultati dei nostri principali modelli di utili, che mostrano un ripresa della crescita il prossimo anno così come le aspettative di crescita dei nostri economisti per il prossimo anno… Il 2025 rappresenta un contesto di forte crescita degli utili (+16% su base annua) poiché la leva operativa positiva e la crescita della produttività (AI) guidata dalla tecnologia portano all’espansione dei margini. Sul fronte delle valutazioni, prevediamo un multiplo P/E forward di 17,0x alla fine del prossimo anno (il P/E medio a 20 anni è 15,6x; attualmente 18,1x).”
  • UBS: 4.600 , EPS a 228 dollari ( all’8 novembre ) “Il nostro obiettivo per il 2024 si basa su un multiplo YE 2024E di 18,5x (una contrazione multipla di -0,7x) applicato all’EPS 2025E di 249 dollari. Mentre UBS prevede un forte calo rendimenti in questo periodo, premi per il rischio azionario più elevati dovrebbero compensare questo vantaggio.”
  • Wells Fargo: 4.625 , $ 235 EPS (al 27 novembre) “Con il VIX basso, gli spread creditizi ridotti, le azioni in rialzo e il costo del capitale più alto/volatile, è tempo di scendere. Aspettatevi un SPX volatile e in definitiva piatto nel 2024 (4625 ), poiché la valutazione limita il rialzo e l’incertezza dei tassi aumenta il rischio di ribasso.”
  • Goldman Sachs: 4.700 , 237 dollari per azione ( al 15 novembre ) “La nostra ipotesi di base per il prossimo anno è che l’economia statunitense continui ad espandersi a un ritmo modesto ed eviti una recessione, che gli utili aumentino del 5% e che la valutazione delle azioni mercato è pari a 18x, vicino all’attuale livello P/E. La nostra previsione è leggermente inferiore al rendimento tipico dell’8% durante gli anni delle elezioni presidenziali.
  • Société Générale: 4.750 , 230 dollari per azione (al 20 novembre) “L’S&P 500 dovrebbe essere in territorio ‘buy-the-dip’, poiché gli indicatori anticipatori dei profitti continuano a migliorare. Tuttavia, il viaggio verso la fine dell’anno dovrebbe sarà tutt’altro che tranquillo, poiché prevediamo una lieve recessione a metà anno, una svendita del mercato del credito nel 2° trimestre e un continuo inasprimento quantitativo”.
  • Barclays: 4.800 , 233 dollari (al 28 novembre) “Che sia ‘nuova normalità’ o ‘vecchia’, le montagne russe del 2023 hanno dimostrato che questo ciclo è tutt’altro. Ci aspettiamo che le azioni statunitensi forniscano rendimenti a una cifra l’anno prossimo grazie all’allentamento dell’inflazione è controbilanciato da una modesta decelerazione economica.”
  • Bank of America: 5.000 , 235 dollari per azione ( al 21 novembre ) “Il premio per il rischio azionario potrebbe scendere ulteriormente, soprattutto nel settore tecnologico: abbiamo superato il livello massimo di incertezza macroeconomica. Il mercato ha già assorbito shock geopolitici significativi e la buona notizia è che “stiamo parlando delle cattive notizie. I segnali macroeconomici sono confusi, ma l’alfa idiosincratico è aumentato quest’anno. Siamo ottimisti non perché ci aspettiamo che la Fed tagli, ma per ciò che la Fed ha realizzato. Le aziende si sono adattate (come sono solite fare) fare) a tassi più alti e inflazione.”
  • RBC: 5.000 , EPS 232 dollari ( al 22 novembre ) “Sebbene il rally di novembre abbia probabilmente anticipato alcuni dei guadagni del 2024, rimaniamo costruttivi sul mercato azionario statunitense per il prossimo anno. Il nostro lavoro di valutazione e sentiment sta inviando segnali costruttivi, parzialmente controbilanciati dagli ostacoli derivanti da un’economia stagnante e dall’incertezza intorno alle elezioni presidenziali del 2024. Il nostro lavoro suggerisce inoltre che la maggiore attrattiva delle obbligazioni potrebbe finire per smorzare i rendimenti del mercato azionario statunitense, ma non necessariamente un deragliatore degli stessi”.
  • Deutsche Bank: 5.100 , $250 ( al 27 novembre ) “Le valutazioni sono elevate? Noi non la pensiamo così. Se l’inflazione ritorna al 2%, come previsto dagli economisti e viene scontata in tutte le classi di asset, mentre i rapporti di pagamento rimangono elevati, è giusto” Il valore nella nostra lettura è 18x, con un range di 16x-20x, in cui sono stati negli ultimi 2 anni. Se la crescita degli utili continua a riprendersi come da noi previsto, le valutazioni rimarranno ben supportate.”
  • BMO: 5.100 , $ 250 EPS (al 27 novembre) “[C] crediamo che le azioni statunitensi otterranno un altro anno di rendimenti positivi nel 2024, anche se dimostrando prestazioni più ottimistiche, ampiamente distribuite e definite a livello fondamentale rispetto all’ultimo decennio o così. In altre parole, normale e tipico.”
  • Capital Economics: 5.500 (al 1 dicembre) “Ancora tempo per l’S&P 500 di festeggiare come se fosse il 1999… ha fatto molta strada ultimamente, grazie sia ad un aumento della sua valutazione che ad un aumento delle aspettative per gli utili futuri. …Ciò riflette in parte l’entusiasmo degli investitori nei confronti della tecnologia dell’intelligenza artificiale. …se l’entusiasmo per l’intelligenza artificiale sta gonfiando una bolla nell’S&P 500, si tratta di una bolla che è ancora nelle sue fasi iniziali. Riteniamo quindi che l’indice potrebbe ottenere ulteriori guadagni: la nostra previsione per la fine del 2024 è 5.500, circa il 20% al di sopra del livello attuale.”

Due cose sugli obiettivi di prezzo a un anno

La maggior parte degli strateghi azionari seguiti da TKer producono ricerche incredibilmente rigorose e di alta qualità che riflettono una profonda comprensione di ciò che guida i mercati. Di conseguenza, le cose più preziose che questi professionisti hanno da offrire hanno poco a che fare con gli obiettivi di un anno. (E nei miei anni di interazione con molte di queste persone, almeno ad alcune di loro non interessa l’esercizio di pubblicare obiettivi annuali. Lo fanno perché è popolare tra i clienti.)

Quindi, prima di tutto, non respingere il loro lavoro solo perché il loro obiettivo di un anno è fuori luogo.

In secondo luogo, ripeterò quello che dico sempre quando discuto le previsioni a breve termine per il mercato azionario:

È incredibilmente difficile prevedere con precisione dove sarà il mercato azionario tra un anno. Oltre all’innumerevole numero di variabili da considerare, ci sono anche sviluppi totalmente imprevedibili che si verificano lungo il percorso. Gli strateghi spesso rivedono i loro obiettivi man mano che arrivano nuove informazioni. In effetti, alcuni dei numeri che vedi sopra rappresentano revisioni di precedenti previsioni. Per la maggior parte di voi, probabilmente è sconsiderato rivedere l’intera strategia di investimento sulla base di una previsione del mercato azionario a un anno. Tuttavia, può essere divertente seguire questi obiettivi. Ti aiuta a farti un’idea del livello di rialzista o ribassista delle varie aziende di Wall Street.

Buona fortuna per il 2024!

Prospettive economiche statunitensi nel 2024 di Wall Street
Di seguito è riportato un esempio di ciò che Wall Street dice sull’economia nel 2024.

  • JPMorgan : “Sebbene l’economia sia apparentemente riuscita a sfuggire alla recessione quest’anno, riteniamo che il rischio di una recessione nel 24 rimanga elevato. L’attenuarsi dei fattori favorevoli post-pandemia, la creazione di ostacoli monetari e la diminuzione delle compensazioni fiscali dovrebbero tutti contribuire a mantenere la crescita al di sotto del trend , e prevediamo che il PIL reale crescerà dello 0,7% nel prossimo anno (4Q/4Q).”
  • Morgan Stanley : “Tassi elevati per un periodo prolungato causano un freno persistente, più che compensare l’impulso fiscale e portare la crescita in modo sostenibile al di sotto del potenziale dal 3Q24. Manteniamo la nostra convinzione che la Fed otterrà un atterraggio morbido, ma l’indebolimento della crescita manterrà vivi i timori di recessione. Prevediamo che il PIL rallenterà da una stima del 2,5% 4Q/4Q (2,4% Y) nel 2023 all’1,6% (1,9%) nel 2024, e all’1,4% (1,4%) nel 2025”.
  • UBS : “Prevediamo un forte rallentamento della crescita economica nei prossimi trimestri, con una lieve contrazione pari a mezzo punto percentuale a metà anno.”
  • Wells Fargo : “Ci sono già alcune crepe che stanno cominciando ad apparire nell’economia, e queste tensioni probabilmente si intensificheranno nei prossimi mesi man mano che resteranno in vigore le restrizioni monetarie. Il nostro scenario di base è che il PIL reale si contrarrà modestamente a partire dalla metà del 2024″ .”
  • Goldman Sachs : “Con i problemi più scoraggianti in gran parte risolti, le condizioni affinché l’inflazione ritorni al livello target, e i colpi più pesanti derivanti dalla stretta monetaria e fiscale ben alle spalle, ora vediamo solo una probabilità storicamente media di recessione del 15% nel corso del periodo.” prossimi 12 mesi.”
  • Société Générale : “Negli Stati Uniti, la recessione a lungo prevista, a nostro avviso, si materializzerà tardivamente nel 2024, molto probabilmente durante i trimestri centrali dell’anno, anche se sarà breve e superficiale.”
  • Barclays : “Caso base: atterraggio morbido”
  • BofA : “Consideriamo un atterraggio morbido – un periodo di crescita positiva ma inferiore al trend – come lo scenario più probabile”
  • RBC : “I dati sull’inflazione sono sulla strada giusta. I crescenti venti contrari dovrebbero portare ad una crescita più lenta e ad un mercato del lavoro più debole, ma arrestarsi prima della recessione.”
  • BMO : “Ma se [una recessione] dovesse verificarsi, prenderemmo in prestito un acronimo dal lessico politico per descriverne la probabile gravità – RINO o recessione solo di nome, poiché i dati del mercato del lavoro continuano a rimanere notevolmente resilienti e i livelli di occupazione sono ciò che quasi sempre determinano quanto vanno bene o male le cose nell’economia dal nostro punto di vista”.
  • Deutsche Bank : “La nostra previsione di una lieve recessione nel primo semestre del 2024 è quindi poco cambiata rispetto al nostro ultimo aggiornamento di ottobre.”

Ci sono alcuni dati importanti e sviluppi macroeconomici della scorsa settimana da considerare:

Tassi di inflazione in calo . L’ indice dei prezzi della spesa per consumi personali (PCE) in ottobre è aumentato del 3,0% rispetto a un anno fa, in calo rispetto all’aumento del 3,4% di settembre. L’indice dei prezzi PCE core – la misura dell’inflazione preferita dalla Federal Reserve – è aumentato del 3,5% durante il mese dopo essere salito del 3,7% nel mese precedente.

Su base mensile, l’indice dei prezzi PCE core è aumentato dello 0,16%. Se si annualizzassero i dati mobili di tre e sei mesi, l’indice dei prezzi PCE core è aumentato rispettivamente del 2,4% e del 2,5%.

Quindi cosa accadrà?

Continuiamo ad avere prove che potremmo vedere uno scenario rialzista di atterraggio morbido “Riccioli d’oro” , in cui l’inflazione si raffredda a livelli gestibili senza che l’economia debba sprofondare nella recessione .

Ciò avviene mentre la Federal Reserve continua ad impiegare una politica monetaria molto restrittiva nel suo continuo sforzo di ridurre l’inflazione . Anche se è vero che la Fed ha assunto un tono meno aggressivo nel 2023 rispetto al 2022 , e che la maggior parte degli economisti concorda sul fatto che l’ultimo rialzo dei tassi di interesse del ciclo sia già avvenuto o sia vicino, l’inflazione deve comunque raffreddarsi maggiormente e rimanere tale per un po’ di tempo prima che la banca centrale si senta a suo agio con la stabilità dei prezzi.

Dovremmo quindi aspettarci che la banca centrale mantenga una politica monetaria restrittiva , il che significa che dovremmo essere preparati al protrarsi di condizioni finanziarie restrittive (ad esempio, tassi di interesse più elevati, standard di prestito più severi e valutazioni azionarie più basse). Tutto ciò significa che la politica monetaria sarà per il momento ostile ai mercati e il rischio che l’ economia scivoli in recessione sarà relativamente elevato.

Allo stesso tempo, sappiamo anche che le azioni sono meccanismi di sconto, il che significa che i prezzi avranno toccato il fondo prima che la Fed segnali un’importante svolta accomodante nella politica monetaria .

Inoltre, è importante ricordare che, sebbene i rischi di recessione possano essere elevati, i consumatori provengono da una posizione finanziaria molto forte . I disoccupati trovano lavoro e quelli che hanno un lavoro ottengono aumenti.

Allo stesso modo, le finanze aziendali sono sane poiché negli ultimi anni molte aziende hanno bloccato i loro debiti con tassi di interesse bassi . Anche se incombe la minaccia di un aumento dei costi per il servizio del debito, gli elevati margini di profitto danno alle aziende spazio per assorbire costi più elevati.

A questo punto, è improbabile che qualsiasi recessione si trasformi in una calamità economica, dato che la salute finanziaria dei consumatori e delle imprese rimane molto forte .

E come sempre, gli investitori a lungo termine dovrebbero ricordare che le recessioni e i mercati ribassisti sono solo una parte del gioco quando si entra nel mercato azionario con l’obiettivo di generare rendimenti a lungo termine. Sebbene i mercati abbiano attraversato un paio d’anni piuttosto difficili , le prospettive a lungo termine per le azioni rimangono positive .

Fonte: TKER by Sam Ro

Rielaborazione: Economia-Italia.com

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.