Analisi Tecnica Azioni Saipem Febbraio 2024. Cosa è Successo

Ieri  si è registrata una performance particolarmente negativa per l’azienda di servizi e soluzioni nel settore dell’energia e delle infrastrutture, che registra un significativo calo del 12,72%.

La giornata è iniziata con un’apertura debole a 1.459 Euro, sotto i minimi della sessione precedente, portando ad un persistente indebolimento per tutta la giornata e chiudendo a 1.325 vicino ai minimi della sessione.

La performance di Saipem ( BIT: SPM )durante la settimana, rispetto al FTSE MIB, indica una minore forza relativa del titolo, rendendolo potenzialmente vulnerabile ai venditori che cercano di trarre vantaggio da potenziali debolezze.

L’analisi tecnica rivela un chiaro deterioramento dello stato e del quadro tendenziale, con livelli di supporto stimati intorno a 1.259 e un livello polarizzante per maggiori deflussi a 1.456. Il calo della società di ingegneria italiana è sottolineato dal crossover ribassista della media mobile a 5 giorni con la media mobile a 34 giorni, suggerendo la possibilità di ulteriori ribassi a breve termine, con obiettivo 1.193.

Il sentiment degli investitori appare teso e altamente incerto, poiché le rapide decisioni di acquisto e vendita contribuiscono a far sì che la volatilità intraday raggiunga 2,525.

I volumi di scambi giornalieri sono intensi a 303.387.840, superando il volume medio mobile di un mese di 47.910.757. L’accresciuto nervosismo tra gli investitori riflette un approccio cauto, con un rischio significativo di ulteriori cali del mercato.

Cosa è successo a Saipem: l’incidente con la posatubi

L’incidente sulla nave posatubi Castorone, di proprietà del gruppo Saipem, al largo delle coste australiane, è avvenuto nella mattinata di martedì 30 gennaio 2023.

Secondo quanto riportato da Saipem, l’incidente è avvenuto durante le normali operazioni di posa del gasdotto del progetto Scarborough, un impianto di estrazione di gas naturale liquefatto (GNL) situato al largo della costa di Pilbara, nello Stato dell’Australia Occidentale.

L’incidente ha causato un danno localizzato alla “trunkline”, la linea principale del gasdotto, che sarà riparata. La nave Castorone non ha subito danni gravi e i 267 lavoratori a bordo sono stati evacuati in sicurezza.

L’incidente ha avuto un impatto negativo sulle azioni di Saipem, che hanno perso il 12,7% in Borsa il giorno dell’incidente.

Negli ultimi giorni, Saipem ha fornito ulteriori informazioni sull’incidente. In particolare, la società ha confermato che l’incidente è stato causato da un problema al sistema di alimentazione della nave.

Saipem ha inoltre avviato un’indagine interna per determinare le cause precise dell’incidente.

L’incidente è un duro colpo per Saipem, che è già in difficoltà finanziarie. La società è stata costretta a chiedere al governo italiano un prestito di 2 miliardi di euro per evitare il fallimento.

L’incidente potrebbe avere anche un impatto sul progetto Scarborough, che è uno dei più grandi progetti di estrazione di GNL al mondo.

La società Woodside Petroleum, che sta sviluppando il progetto, ha dichiarato che l’incidente non avrà un impatto significativo sul programma di sviluppo del progetto. Tuttavia, la società ha affermato che l’incidente potrebbe ritardare la messa in servizio del progetto.

L’incidente è ancora oggetto di indagine e non è chiaro quali saranno le sue conseguenze finali.

Saipem in breve

Saipem è una società per azioni costituita nel 1956 e operante nel settore della prestazione di servizi per il settore dell’energia e delle infrastrutture. È una delle maggiori società di ingegneria e costruzioni al mondo, con sede in Italia.

Saipem offre una vasta gamma di servizi, tra cui:

  • Progettazione, realizzazione e installazione di impianti e infrastrutture offshore e onshore per il settore dell’energia, tra cui piattaforme petrolifere e gasifere, unità galleggianti di produzione, stoccaggio e scarico (FPSO), condotte e oleodotti.
  • Fornitura di apparecchiature e materiali per l’industria petrolifera e del gas.
  • Servizi di perforazione offshore e onshore.
  • Servizi di ingegneria, procurement e costruzione (EPC) per progetti infrastrutturali, tra cui strade, ponti, tunnel, centrali elettriche e impianti di trattamento delle acque.

Il portafoglio ordini di Saipem è legato per il 76% a progetti nel settore del gas, delle rinnovabili e della transizione energetica.

In particolare, Saipem è impegnata nello sviluppo di tecnologie innovative per la produzione di energia da fonti rinnovabili, come l’eolico offshore e l’energia solare. La società sta inoltre investendo nella cattura e lo stoccaggio della CO2, una tecnologia chiave per la decarbonizzazione dell’industria energetica.

Saipem è presente in oltre 70 paesi nel mondo e impiega circa 70.000 persone.

[table id=15 /]

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *