Cosa è successo alle criptovalute questa settimana

A gennaio, Mike Novogratz, una rock star degli hedge fund diventata un investitore e padrone di criptovalute, ha twittato l’immagine di un nuovo tatuaggio di notevoli dimensioni sulla spalla sinistra. Presentava l’immagine di un lupo che ululava alla luna e uno striscione che diceva “Luna”, una criptovaluta poi scambiata a 78 dollari ma Noi abbiamo sempre precisato che è meglio non investire in crypto ecco perchè.

“Sono ufficialmente un pazzo!!!” ha entusiasmato l’ex investitore macro presso il gruppo di hedge fund Fortress, e ora fondatore e CEO di Galaxy Digital, una società di gestione degli investimenti con l’ambizione di essere “la Goldman Sachs delle criptovalute”. All’inizio di aprile, luna ha raggiunto il picco di $ 116 dopo essere stata acquistata da acquirenti tra cui entusiasti investitori al dettaglio.

Ma questa settimana, Luna ha perso tutto. Il suo valore è sceso a zero dopo che terraUSD, un token gemello, è crollato di valore, nonostante sia stato progettato per tracciare il valore del dollaro USA.

Il CEO di Galaxy, che ha investito nell’azienda dietro i token, non ha risposto a diverse richieste di commento. Ma la scomparsa di Luna e Terra ha lasciato un segno sul mercato globale delle criptovalute da 1,3 trilioni di dollari . Le monete vanno e vengono: migliaia di persone sono morte da quando è stato inventato il bitcoin nel 2009. Ma il fallimento di Terra ha avuto successo. È stato progettato per essere un cosiddetto stablecoin, un token serio e noioso che traccia semplicemente il dollaro.

Leggi anche:

La sua morte improvvisa, in un momento in cui le valutazioni delle criptovalute stavano già scivolando, ha suscitato seri interrogativi sul funzionamento dell’intero mercato delle criptovalute. In una sola settimana, la valutazione dell’exchange Coinbase è crollata, i prezzi dei bitcoin sono scesi sotto i $ 30.000 per la prima volta dalla scorsa estate e tether, la più grande stablecoin simile alla Federal Reserve, non è riuscita a mantenere il suo ancoraggio al dollaro.

Molti mercati finanziari sono crollati nelle ultime settimane, poiché gli investitori sono stati spaventati dall’aumento dell’inflazione e dalla prospettiva di forti rialzi dei tassi di interesse. Ma il crollo delle criptovalute è stato ancora più drammatico.

La loro performance ha minato le affermazioni secondo cui le risorse crittografiche possono fornire una copertura contro l’inflazione o comportarsi come una forma di oro digitale, per non parlare delle grandi vanterie dei partigiani delle criptovalute sul potenziale per i token digitali di diventare il pilastro di un nuovo sistema finanziario globale.

Mike Novogratz, CEO di Galaxy Investment Partners, a gennaio ha twittato l’immagine di un nuovo tatuaggio con l’immagine di un lupo che ulula alla luna e uno striscione con la scritta “Luna” © Mike Novogratz/Twitter
La società di ricerca CryptoCompare ha affermato che la luna è stata “la più grande distruzione di ricchezza in questo lasso di tempo in un singolo progetto nella storia delle criptovalute”.

Il fallimento di Luna è “una delle più grandi catastrofi che le criptovalute abbiano mai visto”, sostiene Ran Neuner, un importante trader di criptovalute e schietto entusiasta dei token. È un “vero campanello d’allarme” che i prezzi delle criptovalute possano scendere a zero, ha detto venerdì in una trasmissione online a migliaia di trader di asset digitali.

Cosa è successo alle criptovalute questa settimana
Cosa è successo alle criptovalute questa settimana

Ritornare a terra

Molti di coloro che sono fedeli al progetto delle criptovalute – il suo presunto potenziale per sostituire il dollaro nel commercio globale, il suo scisma libertario dall’establishment finanziario tradizionale – crederanno sempre. “In media, un governo distruggerà la propria valuta ogni 27 anni”, ha affermato Michael Sonnenshein, amministratore delegato della società di investimento in criptovalute Grayscale, a un evento FT a fine aprile. “Gli investitori o i cittadini si stanno svegliando e vedono il loro potere d’acquisto eroso dall’oggi al domani, a volte oltre il 10 per cento”.

Un cliente utilizza un bancomat di criptovaluta in un centro commerciale a Madrid, in Spagna © Angel Navarrete/Bloomberg
Ma il tumulto degli ultimi giorni ha messo in evidenza come coloro che cercano di fare fortuna con le criptovalute stiano prendendo una scommessa rischiosa.

Il modello di TerraUSD era sperimentale. In genere, gli operatori di stablecoin affermano di essere supportati uno per uno con riserve basate sul dollaro. Terra, al contrario, è stata supportata da un algoritmo collegato al suo token gemello, luna, per tenere sotto controllo il suo dollaro. Ma il valore di $ 1 di terra ha iniziato a scendere lunedì quando la fiducia in quel modello è svanita, finendo la giornata a circa 90 centesimi. È sceso ulteriormente fino a raggiungere meno di 15 centesimi venerdì. Vari sforzi di salvataggio dei sostenitori sono falliti e giovedì la blockchain di Terra è stata temporaneamente interrotta, anche se i sostenitori nutrono ancora speranze che possa essere rianimata.

Il prezzo della criptovaluta più antica e più grande, il bitcoin, è sceso dell’11% lunedì, del 12% questa settimana ed è sceso di oltre il 50% da novembre 2021. Il più ampio sell-off del mercato è uno dei motivi del calo del suo valore . Ma anche il fallimento di terra, una volta una delle prime cinque stablecoin, ha fatto male.

Le dimensioni relativamente ridotte di Terra significano che la sua scomparsa non è sistemica per il più ampio mercato delle criptovalute. Ciò che conta di più è che l’episodio ha rinnovato le preoccupazioni su potenziali crepe in altre stablecoin, incluso il più grande di tutti, tether, mettendo in discussione le basi dietro l’industria delle criptovalute.

Giovedì, anche il peg one-to-one del dollaro di Tether è inciampato , con il prezzo del token che è sceso a 95,11 centesimi. Tether differisce da terra per un aspetto importante: anziché essere basato su un algoritmo, i suoi operatori affermano che il suo ancoraggio al dollaro viene mantenuto attraverso riserve basate sul dollaro, sufficienti per eguagliare i token in circolazione.

“I contanti dovrebbero essere contanti. Quando non lo è, come quando i mercati monetari si sono congelati durante la crisi finanziaria, ne deriva un puro panico”, afferma Andrew Beer, membro dirigente della società di investimento statunitense Dynamic Beta.

“Terra è stato come mettere i tuoi soldi in una banca iraniana che offriva un tasso di interesse del 20% e poi improvvisamente ha chiuso i battenti”, aggiunge. “Buona fortuna per recuperare i tuoi soldi o anche per capire cosa è successo.”

Paolo Ardoino, chief technology officer di Tether, ha giurato di difendere il dollaro “a tutti i costi”. Questa settimana ha detto di essere pronto a vendere parte della “tonnellata” di debito del governo statunitense che Tether ha accumulato in questo sforzo. Ma i dettagli sulla composizione di queste riserve sono scarsi. Ardoino questa settimana ha rifiutato di dire al FT di più sui suoi 40 miliardi di dollari in titoli di debito del governo statunitense, dicendo che voleva proteggere la “salsa segreta” dell’azienda.

Leggi anche:

Un fallimento più profondo nel tether peg sarebbe probabilmente catastrofico per il più ampio mercato delle criptovalute, poiché alcune stime suggeriscono che fino al 70% degli acquisti di bitcoin vengono effettuati utilizzando questa alternativa al dollaro nativo della blockchain.

“Se Tether smettesse di riscattare un tether per un dollaro, ovvero la rottura del peg, ciò avrebbe un enorme impatto su tutti i mercati scambiati con tether”, afferma Ingo Fiedler, professore affiliato alla Concordia University di Montreal che gestisce il Blockchain Research Lab .

Ma Ilan Solot, partner dell’hedge fund di criptovalute Tagus Capital, afferma che il mercato delle criptovalute questa settimana ha dovuto affrontare critiche indebite. “Quello che mi ha infastidito è stato il turbine di accuse infondate. . . teorie cospirazioniste . . . e scavare terra”, dice.

Crede che tether sia più robusto del suo rivale fallito. “Tether ha più di quel potenziale. . . essere come un momento Lehman, una cascata di conseguenze che sarebbe così ampia”, ha detto. “[Ma] è molto meno probabile che tether vada a zero rispetto a terra.” Anche così, ha affermato che il potenziale di “rischio sistemico” derivante dal legame è un valido motivo di preoccupazione.

Non sono solo le oscillazioni dei prezzi delle monete e i pioli delle stablecoin ad aver afflitto il mercato negli ultimi tempi.

Questa settimana Europol ha ricordato le truffe e le frodi che hanno invaso il mercato, quando ha inserito Ruja Ignatova , l’inventore di onecoin, nella sua lista dei “fuggitivi più ricercati”, dicendo di aver “indotto gli investitori di tutto il mondo a investire in [una] ‘valuta’ effettivamente senza valore”. Le perdite sul suo piano probabilmente ammontano a diversi miliardi di dollari, ha affermato Europol.

Martedì, l’exchange di criptovalute Coinbase ha dichiarato nel suo rapporto sugli utili del primo trimestre che gli utenti delle transazioni mensili, il volume degli scambi e gli asset sulla piattaforma sono tutti diminuiti rispetto al trimestre precedente, suggerendo che i prezzi delle criptovalute più deboli non stanno attirando gli investitori al dettaglio nella misura in cui hanno fatto in il passato.

Le azioni di Coinbase ora hanno perso più dell’80% dal debutto sul mercato lo scorso anno e sono scese del 38% questa settimana a $58 venerdì © Michael Nagle/Bloomberg

Le azioni di Coinbase hanno perso circa tre quarti del loro valore dal debutto sul mercato lo scorso anno e sono scese del 32% questa settimana a $72 venerdì. “Non siamo sicuri che questo titolo valga più del denaro contante o di $ 33 per azione”, afferma David Trainer, amministratore delegato della società di ricerca sugli investimenti New Constructs.

Coinbase è tutt’altro che solo. L’indice Nasdaq, ricco di tecnologia, è sceso del 27% quest’anno e altri titoli non crittografici ad alta quota come Netflix e Peloton sono scesi rispettivamente del 71% e del 63%.

Alcuni dei cali simultanei dei prezzi delle criptovalute e dei titoli tecnologici potrebbero essere auto-rinforzanti. “Molti detentori di criptovalute possiedono anche azioni tecnologiche e hanno perso molti soldi. Questi ragazzi stanno vendendo alcune delle loro partecipazioni in preda al panico, ed è questo che sta spingendo il mercato al ribasso”, afferma Edouard Hindi, chief investment officer di Tyr Capital, asset manager digitale.

Il calo dei prezzi delle criptovalute sta danneggiando anche i grandi titolari. Forse il più notevole tra questi è il governo di El Salvador, il cui presidente appassionato di criptovalute, Nayib Bukele, ha introdotto bitcoin come moneta a corso legale l’anno scorso. Questa settimana, ha condiviso le immagini su Twitter del suo modello in scala d’oro di una Bitcoin City pianificata e finanziata da criptovalute.

Anche a fronte di un calo dei prezzi dei bitcoin questa settimana, Bukele ha fatto scorta di più criptovaluta, effettuando l’ultimo acquisto da parte del governo di 500 bitcoin a un prezzo medio di $ 30.744 ciascuno. “Potrei vendere [queste] monete in questo momento e guadagnare quasi un milione di dollari in sole 11 ore, ma ovviamente no”, ha twittato il giorno dopo.

Bitcoin ha corso legale a settembre. Secondo le stime di FT, El Salvador ha speso oltre $ 100 milioni in bitcoin e, entro questa settimana, le riserve crittografiche del paese erano scese a circa $ 72 milioni.

“Vale la pena questa scommessa? Al momento, non lo sappiamo davvero”, afferma Hector Torres, senior partner dello studio legale Torres in El Salvador. “Perché investi in bitcoin quando ci sono scuole che falliscono, o strade che non sono state costruite o ponti che devono essere riparati?” Aggiunge. “Questo è il commento standard delle persone che sono contrarie alla decisione del presidente”.

I mercati delle criptovalute hanno dimostrato una straordinaria capacità di resistenza e sono sopravvissuti a diverse esperienze di pre-morte in passato, incluso un calo del 30% in un giorno lo scorso anno in reazione a una repressione normativa in Cina.

Tuttavia, è improbabile che l’ultima volatilità convinca gli investitori istituzionali già reticenti a intervenire. “Le ragioni per l’adozione istituzionale sembrano diminuire di giorno in giorno, con lo spazio che non offre rifugio sicuro e solo una diversificazione negativa tramite rischi idiosincratici”, analisti di UBS detto questa settimana.

L’ultima volatilità suggerisce che, invece di tracciare un percorso verso la costruzione di un nuovo sistema finanziario decentralizzato, è probabile che le criptovalute siano destinate a rimanere una scommessa per arricchirsi rapidamente per gli investitori altamente tolleranti al rischio.

“Riteniamo che le criptovalute troveranno molto difficile sostenere il futuro sistema monetario”, ha affermato il mese scorso Hyun Shin, che guida il dipartimento monetario ed economico della Bank for International Settlements. “Penso che [crypto] abbia più attributi degli asset speculativi.”

 

Fonte: Financial Times

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *