Credit Default Swap CDS: come sono diventati delle truffe legalizzate per investitori

Ecco un esempio di come uno strumento finanziario, i Credit default Swap ( CDS) siano diventati delle vere e proprie truffe legalizzate per investitori. I credit default swap sono una forma di assicurazione contro le inadempienze obbligazionarie.

In questa storia, appaiono come strumenti di inganno piuttosto che come “armi di distruzione di massa”, l’etichetta una volta applicata a tutti i derivati ​​da Warren Buffett. Puoi speculare sul fatto che gli investitori siano stati ingannati dai loro stessi istinti o da altri fattori. Questo non cambia la storia, o le sue conclusioni.

Il prezzo dei CDS di Deutsche Bank è salito durante il pomeriggio di giovedì 23 marzo e la mattina seguente. Boaz Weinstein, fondatore dell’hedge fund Saba ed esperto di CDS che un tempo lavorava per Deutsche, lo ha evidenziato in un tweet. “[Sto] sentendo che è in parte dovuto alla copertura della controparte”, ha scritto, “ma la mossa è davvero violenta”.

Credit Default Swap CDS: come sono diventati delle truffe legalizzate per investitori
Credit Default Swap CDS: come sono diventati delle truffe legalizzate per investitori

 

CDS: come i Credit Default Swap sono diventati uno strumento per ingannare gli investitori

 

Altri esperti si sono preoccupati. Sentivano odore di sangue. Deutsche ha alcune caratteristiche comuni con Credit Suisse in difficoltà, che i funzionari svizzeri avevano bloccato insieme a UBS giorni prima. “La rovina bancaria è tornata in Europa”, ha twittato uno. “I mercati valutano la probabilità di insolvenza del 31% per le obbligazioni subordinate DB.”

Le azioni Deutsche sono scese di oltre il 14%. Ciò ha generato grandi guadagni per i venditori allo scoperto. Avevano venduto in anticipo circa il 3% delle azioni di Deutsche, secondo i documenti.

La colonna Lex del FT, che non è affatto divertente in un panico di mercato, ha scritto che Deutsche non sarebbe fallita. Quel fine settimana, la burocrazia tedesca non ha bloccato Deutsche insieme a Commerzbank oa chiunque altro per salvare. Le azioni Deutsche hanno recuperato le perdite nei giorni successivi.

Il pregiudizio di conferma è la tendenza umana a utilizzare nuove informazioni per giustificare le convinzioni esistenti. Gli investitori erano già preoccupati per Deutsche. È una banca nordeuropea famosa e con prestazioni inferiori, come il Credit Suisse, anche se il suo periodo di cattiva gestione dell’assunzione di rischi risale a molto tempo fa. I CDS del Credit Suisse erano aumentati notevolmente prima che le autorità svizzere intervenissero.

Ma i CDS sono pessimi barometri del fatto che una banca sia in difficoltà. “Questo è un piccolo mercato bizzarro”, dice un capo commerciale. “È illiquido e il reporting commerciale è irregolare”. Negli Stati Uniti, le nuove transazioni di CDS coprono obbligazioni societarie per un valore di circa 3 miliardi di dollari al giorno a un costo molto inferiore a quella cifra. Ciò si confronta con transazioni del valore di quasi $ 50 miliardi nelle obbligazioni sottostanti.

Inoltre, i trader affermano che solo un quarto dei CDS coinvolge investitori preoccupati che si assicurano contro le inadempienze obbligazionarie. Le banche, ad esempio, spesso acquistano CDS sulle proprie obbligazioni per mantenere l’esposizione al rischio dei propri portafogli di negoziazione entro i limiti regolamentari.

È abbastanza semplice calcolare un rischio di insolvenza di uno su tre da un alto prezzo dei CDS a cinque anni, come hanno fatto gli habitué di Twitter. Ma la somma ha due difetti fatali. In primo luogo, include una stima dell’importo che i debitori potrebbero recuperare in caso di insolvenza di un emittente. Ma i regolatori finanziari dell’UE e della Germania sarebbero intervenuti prima che Deutsche si trovasse in tali gravi difficoltà. In secondo luogo, la somma non compensa l’illiquidità di un mercato in cui i piccoli affari esercitano una forte influenza sui prezzi.

I derivati ​​sono strumenti ad ingranaggi. Ma se i CDS salgono del 25-30% in poche ore e i prezzi delle obbligazioni scendono solo di 3 centesimi sull’euro in risposta allo stesso rischio, ciò suggerisce che la relazione tra i prezzi è debole. Questo è quello che è successo a Deutsche.

Gli investitori, nelle vesti di Chicken Little, sembravano non accorgersene. Una ghianda, a forma di spiga CDS, era caduta sulle loro teste. Erano convinti che il cielo stesse cadendo.

I regolatori sospettano che qualcuno – venditori allo scoperto volpini, presumibilmente – abbia lasciato cadere deliberatamente quella ghianda. Andrea Enria, massimo supervisore della Banca centrale europea, ha chiesto una revisione del mercato . Non sarebbe una sorpresa totale se questo raccomandasse la compensazione centrale e una maggiore trasparenza commerciale per i CDS. I regolatori vogliono sempre più di entrambe queste cose.

Una risposta normativa più aggressiva sarebbe quella di vietare a chiunque di acquistare CDS bancari se non ha una certa esposizione alle obbligazioni sottostanti. L’UE ha imposto un freno agli acquisti dei cosiddetti CDS nudi sui titoli di stato nel 2011 sulla scia della grande crisi finanziaria. Potrebbe estendere il divieto ai CDS sulle obbligazioni delle banche di importanza sistemica globale, i principali istituti di credito del mondo.

Ho una soluzione più semplice: gli investitori dovrebbero impegnarsi di più a distinguere tra le ghiande e il cielo che cade sulle loro teste. Le caratteristiche del mercato dei CDS fanno sì che i prezzi che genera siano di interesse aneddotico, piuttosto che di fondamentale importanza.

Quando sei in preda al panico, fermati, respira, pensa. Funziona nelle emergenze fisiche. Dovrebbe funzionare anche nelle emergenze finanziarie.

Si ringrazia: Financial Times.

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.