Previsione Mercati Finanziari 2024 secondo JP Morgan

In questo articolo riportiamo le ultime previsioni economiche e dei mercati finanziari di una delle banche d’affari più grandi del mondo: JP Morgan Chase.

QUI puoi trovare una serie di PREVISIONI PER IL  2024, fatte da diversi importanti agenzie di rating, istituzioni nazionali e grandi esperti di Borse Valori italiani ed americani. 

Nonostante in questo articolo si parli di economia Usa quella europea è così interconnessa con quella nord americana che qui possiamo leggere ottimi suggerimenti e spunti, specialmente in ambito di finanza che potranno tornarci utili anche in Italia; in fondo troverete anche le nostre opinioni.

previsione mercati finanziari 2024, previsione mercati azionari 2024

Nel terzo trimestre, l’allentamento dell’inflazione e il rafforzamento della crescita economica hanno contribuito ad alimentare l’ottimismo per un atterraggio morbido. Tuttavia, i dati mensili suggeriscono che lo slancio economico sta rallentando e potremmo non essere ancora fuori pericolo.

La spesa delle imprese ha resistito più del previsto a causa della maggiore spesa nel settore manifatturiero e il rallentamento dei profitti aziendali potrebbe ancora limitare la crescita delle spese in conto capitale. I consumatori hanno mantenuto una buona tenuta nel terzo trimestre, sostenuti dalla solida crescita dell’occupazione e dall’aumento dei salari reali. Tuttavia, hanno esaurito i loro saldi di risparmio e hanno assunto più debiti per mantenere la spesa corrente, e le insolvenze stanno iniziando ad aumentare. Ciò, insieme agli effetti ritardati della stretta monetaria, dell’aumento dei prezzi dell’energia e dell’imminente ripresa dei pagamenti dei prestiti studenteschi, dovrebbe pesare sulla spesa dei consumatori nei prossimi mesi.

Il mercato immobiliare sembra essersi stabilizzato, anche se a livelli bassi, a causa della scarsa offerta immobiliare. Il commercio dovrebbe rappresentare un lieve freno per l’economia a causa dell’impatto ritardato di un dollaro forte e del rallentamento dello slancio dell’economia globale.

Nel complesso, l’economia statunitense dovrebbe continuare a crescere a un ritmo moderato ma in rallentamento da qui in poi, e anche se una recessione a breve termine non è garantita, un’economia che si muove più lentamente sarà sempre più sensibile agli shock. Considerando i rischi che permangono all’orizzonte, prevediamo una probabilità almeno del 50/50 di una recessione a partire dalla fine del 2024, e una probabilità maggiore di una recessione nel 2025 se una di queste non si concretizza prima.

La forza del mercato del lavoro si sta gradualmente allentando. Il ritmo dell’aumento dei posti di lavoro, pur essendo ancora robusto, ha registrato una tendenza al ribasso rispetto allo scorso anno. Una migliore partecipazione alla forza lavoro ha finora sostenuto la crescita dell’occupazione, con il tasso di partecipazione degli adulti di età compresa tra i 25 e i 54 anni che è completamente tornato ai livelli pre-pandemia. Tuttavia, sebbene gli impatti a breve termine della pandemia si siano ormai attenuati, l’invecchiamento demografico continua a porre un limite strutturale alla crescita dell’offerta di lavoro. Il tasso di partecipazione degli adulti di età superiore ai 55 anni è rimasto basso, riflettendo l’invecchiamento della popolazione del baby boom che ha abbandonato definitivamente la forza lavoro. Anche con salari più alti e bassa disoccupazione, il tasso di partecipazione alla forza lavoro potrebbe avere difficoltà a salire in modo significativo.

Anche altri dati sul mercato del lavoro suggeriscono una tendenza alla normalizzazione. Le richieste iniziali settimanali di disoccupazione sono state in media di 232.000 nel terzo trimestre, un valore inferiore rispetto allo scorso trimestre ma superiore alla media di 214.000 nel 2022. Sebbene questo livello sia ancora indicativo di un mercato del lavoro sano, le richieste potrebbero aumentare nei prossimi mesi. I dipendenti stanno anche perdendo un po’ di fiducia nelle loro prospettive di lavoro, come dimostrato dai recenti cali nell’indagine del Conference Board che chiede alle persone se i posti di lavoro sono abbondanti o difficili da ottenere. Le indagini sulle imprese mostrano tendenze simili, con le misure PMI dei servizi e dell’occupazione nel settore manifatturiero e i piani di assunzione delle piccole imprese che si sono moderati negli ultimi mesi.

Nel complesso, il mercato del lavoro appare ancora forte e il rischio di una recessione quest’anno rimane basso. Tuttavia, il raffreddamento della domanda di lavoro suggerisce che la crescita occupazionale dovrebbe rallentare nei prossimi mesi.

Un mercato del lavoro teso ha permesso al tasso di disoccupazione di aggirarsi intorno ai minimi da 50 anni nonostante il raffreddamento della domanda, con una media del 3,6% quest’anno nonostante un aumento al 3,8% in agosto. È importante sottolineare che il raffreddamento delle condizioni del mercato del lavoro ha contribuito a una moderazione dei salari, che ad agosto sono cresciuti solo dello 0,2% su base mensile per tutti i lavoratori privati. La crescita salariale è ora scesa al 4,3% su base annua dal picco del 5,9% nel marzo 2022 e, sebbene sia ancora al di sopra della sua media a lungo termine, non riteniamo che contribuisca in modo significativo alla pressione al rialzo sull’inflazione. Invece, i lavoratori vengono compensati per le precedenti perdite di potere d’acquisto dopo che i salari non sono riusciti a tenere il passo con l’inflazione per gran parte del 2021 e del 2022.

È importante sottolineare che esiste anche un limite a quanto il tasso di disoccupazione potrebbe aumentare in futuro, in assenza di una recessione, poiché le imprese statunitensi devono ancora far fronte a una crescita della forza lavoro strutturalmente più lenta rispetto ai decenni precedenti. La diminuzione dell’immigrazione legale, in particolare a causa della pandemia, e il raggiungimento dell’età pensionabile dei baby boomer hanno lasciato l’economia a corto di lavoratori.

Per questo motivo, il tasso di disoccupazione potrebbe aumentare solo leggermente nell’anno a venire, nonostante le aziende rinuncino agli sforzi di assunzione a fronte di una domanda più lenta e di costi più elevati. Tuttavia, la crescita dei salari dovrebbe continuare a decelerare e contribuire a dare alla Federal Reserve la fiducia che l’inflazione stia scendendo in modo sostenibile.

Dopo quasi due anni di inflazione elevata, è ora in corso un trend ribassista sostenuto. L’inflazione complessiva CPI è scesa dal picco del 9,1% a/a dello scorso giugno al 3,7% a/a di agosto. Allo stesso modo, l’inflazione core ha mostrato una continua tendenza al ribasso dopo aver raggiunto il picco undici mesi fa.

La disinflazione è stata determinata principalmente dalle inversioni di tendenza nei principali punti caldi che hanno spinto l’inflazione al rialzo negli ultimi due anni e questa tendenza si è arrestata negli ultimi mesi. In particolare, un’impennata dei prezzi dell’energia ha causato un’impennata dell’inflazione complessiva nel mese di agosto. Tuttavia, salvo shock, i prezzi del petrolio non dovrebbero aumentare molto ulteriormente a causa dei solidi guadagni dell’offerta non OPEC e della lenta crescita della domanda. L’allentamento dei prezzi dei veicoli è stato una delle principali fonti di disinflazione. Anche l’inflazione “riparo”, pur continuando a contribuire maggiormente all’inflazione, ha iniziato a decelerare e dovrebbe continuare a farlo nel 2024.

Ciò lascia l’inflazione nei servizi primari al di fuori dell’edilizia abitativa, la misura preferita dal presidente Powell quando fa riferimento all’inflazione persistente. Tuttavia, ciò sembra in gran parte riflettere l’effetto ritardato di un precedente aumento dei prezzi delle automobili, poiché i “servizi di trasporto” rappresentano la maggior parte dell’inflazione rimanente. La moderazione dei prezzi dei veicoli e l’allentamento della tensione sul mercato del lavoro dovrebbero consentire a questa misura dell’inflazione di ridursi nel corso del prossimo anno.

Anche se l’inflazione potrebbe essere ancora al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed, sta gradualmente scendendo verso livelli più gestibili. Ci aspettiamo infatti che l’inflazione CPI scenda al 3,0% su base annua entro la fine di quest’anno e al 2% entro la fine del 2024, anche senza una recessione negli Stati Uniti.

La Federal Reserve (Fed) ha aumentato i tassi complessivamente del 5,25% negli ultimi 18 mesi nel tentativo di combattere l’inflazione. Nella riunione di settembre, la Fed ha lasciato invariato il tasso sui fondi federali in un range compreso tra 5,25% e 5,50%. Sebbene questa mossa sia stata ampiamente telegrafata, la forward guidance è stata ancora moderatamente aggressiva. In effetti, il membro mediano del FOMC prevede ancora un ulteriore aumento dei tassi quest’anno, ma ora prevede solo due tagli nel 2024.

Questa prospettiva più aggressiva deriva anche dalle aspettative della Fed per un’economia statunitense più resiliente. Nella sintesi delle proiezioni economiche di settembre, le aspettative di crescita del PIL reale sono più che raddoppiate per il 2023 e sono aumentate per il 2024. Altrove, un incremento nella previsione mediana per il PCE principale è stato accolto con una previsione PCE core inferiore, mentre la previsione mediana per la disoccupazione il tasso è sceso al 3,8% dal 4,1%. Nel complesso, la Fed sembra prevedere uno scenario di “atterraggio morbido”. Tuttavia, data la serie di ostacoli che gravano sull’attuale espansione economica, il rischio di un inasprimento eccessivo è significativo.

Ciononostante, la Fed è vicina, se non già, alla fine del suo ciclo di rialzi, il che distoglierà l’attenzione degli investitori dal potenziale di tagli dei tassi invece che di rialzi dei tassi. Se l’economia evita una recessione, la Fed sarà in grado di apportare tagli moderati il ​​prossimo anno. Tuttavia, se l’economia americana entrasse in recessione, la Fed potrebbe essere costretta a tagliare rapidamente i tassi. Entrambi i risultati, tuttavia, dovrebbero essere di buon auspicio per gli investimenti a reddito fisso di alta qualità.

Alla fine dello scorso anno, l’economia globale stava perdendo slancio e solo il 27% dei paesi indicati a pagina 48 registravano un PMI manifatturiero superiore a 50, il livello associato all’accelerazione dello slancio economico. Da allora, l’Europa ha evitato una recessione indotta dall’energia e la Cina ha revocato la sua politica “zero-COVID”, aumentando le prospettive di un più forte slancio di crescita globale. Tuttavia, sia l’Eurozona che la Cina si sono dimostrate più deboli del previsto, determinando un quadro globale più sfidante.

In Cina, la scarsa fiducia dei consumatori e gli investimenti delle imprese hanno portato a una riapertura poco brillante, con il governo che ha recentemente adottato politiche accomodanti nel tentativo di stimolare l’attività economica. Queste sfide si sono estese all’Europa, dove le prospettive di crescita si stanno indebolendo in un contesto di inflazione ancora elevata e pessimismo dei produttori. Tuttavia, ci sono ancora alcuni punti luminosi. In India, fattori ciclici e strutturali favorevoli hanno sostenuto l’economia e ispirato l’entusiasmo degli investitori. Anche il Giappone ha beneficiato dei fattori ciclici favorevoli, con l’aumento del turismo e delle esportazioni. Inoltre, le riforme della governance aziendale e la maggiore crescita salariale stanno contribuendo a creare una storia di investimenti più avvincente.

Con la crescita lenta in Europa e Cina che compensa la crescita più forte di India e Giappone, l’attività globale potrebbe essere messa a dura prova nei prossimi mesi. Tuttavia, i prezzi più bassi delle esportazioni dalla Cina potrebbero aiutare la lotta globale contro l’inflazione e una ripresa del declino del dollaro dovrebbe aumentare i rendimenti per gli investitori con sede negli Stati Uniti. Inoltre, i mercati emergenti hanno ottenuto risultati migliori al di fuori della Cina, e gli investitori potrebbero trovare migliori punti di accesso ai principali temi secolari della tecnologia nei mercati dell’Asia orientale rispetto agli Stati Uniti.

Sulla scia dell’ampia ondata di vendite di mercato dello scorso anno, le valutazioni più basse hanno offerto agli investitori una nuova serie di opportunità in tutte le classi di attività. Da allora i mercati hanno registrato solidi guadagni nel 2023, ma questo rimbalzo non è stato distribuito uniformemente. Sebbene le valutazioni sembrino ancora migliori rispetto alla fine del 2021, alcune classi di asset appaiono più interessanti di altre.

La pagina 63 mostra le 10 principali classi e stili di attività e le relative valutazioni, espresse come punteggi z rispetto ai rispettivi 25 anni di storia. L’utilizzo dei punteggi z ci consente di illustrare come le valutazioni attuali normali o anormali siano rispetto al passato. Nonostante il recente rialzo dei rendimenti, il reddito fisso continua ad apparire interessante poiché i titoli del Tesoro statunitense, le obbligazioni core e le obbligazioni municipali rimangono al di sotto dei loro livelli di valutazione medi. Le azioni internazionali continuano a essere scambiate con uno sconto storico, mentre alcuni dei segmenti più rischiosi del mercato statunitense, in particolare le azioni a grande capitalizzazione, le azioni growth e quelle high yield, vengono scambiate in maniera ricca rispetto al passato.

Mentre gli investitori valutano il posizionamento per il resto dell’anno e per il 2024, è importante valutare sia i rischi che le opportunità dopo il rally del mercato di quest’anno. Nell’ambito azionario, gli investitori potrebbero voler rivolgersi ai mercati internazionali e concentrarsi sulla ricerca di società con valutazioni interessanti, pronte a generare rendimenti a lungo termine, distogliendo l’attenzione dai pochi titoli principali che hanno guidato i guadagni di quest’anno. Inoltre, l’attuale opportunità offerta dal reddito fisso potrebbe svanire piuttosto rapidamente una volta che la Fed inizierà ad abbassare i tassi, e gli investitori farebbero bene a trarre vantaggio dai rendimenti attuali.


L’impennata di alcuni dei più grandi titoli tecnologici ha portato finora a forti guadagni nell’S&P500 quest’anno. Anche se la performance di quest’anno rappresenta un gradito rimbalzo rispetto ai rendimenti deludenti dello scorso anno, con l’indice S&P500 che ora viene scambiato a oltre 18 volte gli utili futuri, le valutazioni sembrano esagerate e meritano una certa cautela. Detto questo, per i gestori attivi che guardano oltre la superficie, ci sono ancora molte opportunità interessanti.

A pagina 7 della Guida è riportato il rapporto P/E mediano dell’S&P500 nel tempo e lo spread di valutazione tra il quinto più costoso e il quinto meno costoso dell’indice. A causa della portata limitata del rally di quest’anno, lo spread di valutazione si colloca ben al di sopra dei livelli medi. Ciò significa che, anche se alcuni titoli sembrano costosi, ce ne sono molti che vengono scambiati a valutazioni interessanti rispetto all’indice più ampio.

Ambienti come questi sono quelli in cui la gestione attiva dà il meglio di sé. Mentre investire passivamente porterà probabilmente a un sovrappeso su parti costose del mercato, la gestione attiva consente agli investitori di orientarsi verso i segmenti sottovalutati del mercato, e una selezione prudente dei titoli è ancora più importante se le valutazioni elevate sono un avvertimento di futuri ritiri del mercato.

 


Con valutazioni elevate nei mercati azionari pubblici e una prospettiva economica incerta, gli investitori potrebbero voler dare un’occhiata più da vicino agli asset alternativi. Le alternative possono offrire basse correlazioni con i mercati pubblici, reddito diversificato e rendimenti maggiori a lungo termine. In effetti, il nostro lavoro dimostra che l’aggiunta di una serie di alternative al classico portafoglio 60/40 può migliorare i rendimenti corretti per il rischio nel lungo periodo. Tuttavia, mentre la selezione dei manager è importante nei mercati pubblici, è fondamentale nei mercati privati. Coloro che sono interessati alle alternative dovrebbero consultare la diapositiva 61 della Guida, che evidenzia la dispersione dei rendimenti tra i gestori del quartile superiore e inferiore negli ultimi 10 anni nei mercati pubblici e privati.

La dispersione della performance è particolarmente ampia tra il settore immobiliare non-core, il private equity, il venture capital e gli hedge fund. Infatti, utilizzando il capitale di rischio come esempio, investire in un manager del quartile superiore rispetto a quello dell’ultimo quartile rappresenta la differenza tra generare rendimenti annuali superiori al 24% e perdere oltre il 2% del capitale investito. Sebbene le alternative possano offrire agli investitori vantaggi in termini di miglioramento del rendimento e di diversificazione, gli investitori potrebbero voler enfatizzare la due diligence nella selezione dei gestori efficaci.

La forte performance del mercato, la moderazione dell’inflazione e la tensione sui mercati del lavoro hanno consentito al sentiment dei consumatori di riprendersi dopo il minimo toccato nel giugno del 2022. Quest’estate abbiamo visto un consumatore meno cupo, con forti guadagni di sentiment a giugno e luglio. Tuttavia, il calo sta gettando un po’ di acqua fredda su questa esuberanza, con l’aumento dei prezzi della benzina e la graduale trasmissione di tassi di interesse più elevati agli oneri finanziari che probabilmente peseranno sul sentiment in futuro.

Quando gli investitori si sentono cupi e preoccupati per le prospettive, la loro tendenza naturale è quella di vendere asset rischiosi. Tuttavia, la storia suggerisce che cercare di cronometrare i mercati in questo modo è un errore. Questa diapositiva mostra il sentiment dei consumatori negli ultimi 50 anni, con 9 picchi e minimi distinti, e quanto l’indice S&P 500 ha guadagnato o perso nei 12 mesi successivi. In media, l’acquisto in corrispondenza di un picco di fiducia ha reso il 3,5% mentre l’acquisto in un momento di minimo ha reso il 24,0%.

È importante sottolineare che ciò non significa che le azioni statunitensi renderanno qualcosa come il 24,0% nell’anno a venire, poiché molti altri fattori determineranno tale risultato. Tuttavia, suggerisce che quando pianificano il 2024 e oltre, gli investitori dovrebbero concentrarsi sui fondamentali e sulle valutazioni piuttosto che sulle loro sensazioni riguardo al mondo.

Risorse Utili:

  1. Dove Investire Consigli per Investimenti Sicuri
  2. Migliori investimenti per principianti 2024 secondo gli Hedge Funds
  3. Azioni migliori da comprare
  4. Come investire

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.