Come Investire nel 2024 Senza Rischi e Con Profitto

Come investire nel 2024? Ecco una guida completa che ti accompagna passo dopo passo nei primi investimenti.

Se hai risparmiato anche un po ‘di denaro, puoi investirlo per far crescere il suo valore.
Va anche considerato però che questo succede se investi abbastanza efficacemente, se invece al contrario impegni i tuoi soldi in modo errato, non solo potresti potenzialmente perdere i guadagni dai tuoi investimenti fatti, ma in alcuni casi potresti anche perdere il capitale che hai destinato ad investire.
Di seguito, cercheremo di dare indicazioni su come non sbagliare e su come investire nel modo migliore possibile, cioè quello più adatto ad un tipo specifico di risparmiatore.

Cosa sono i beni produttivi?

La maggior parte delle volte è meglio investire in beni produttivi, che generano denaro da qualche tipo di attività. Ad esempio, se acquisti un dipinto, non hai acquistato un bene produttivo. Tra quarant’anni avrai ancora solo il dipinto, che potrebbe valere o meno più soldi. D’altra parte, se acquisti un condominio, in 40 anni non avrai solo l’edificio, il cui valore potrebbe essere aumentato; avrai anche ottenuto 40 anni di reddito da locazione da esso.

Ogni tipo di risorsa produttiva ha i suoi pro e contro, stranezze uniche, regole fiscali e altri dettagli rilevanti. Ecco uno sguardo a tre delle risorse produttive più comuni in cui puoi investire: azioni, obbligazioni e proprietà immobiliari.

Cosa devo fare prima di investire

Una delle prime cose da tenere a mente su come investire i tuoi risparmi, è quella di  spalmarli attraverso diversi tipi di investimenti. Fai una combinazione di azioni, obbligazioni, materie prime e immobili, cioè diversifica il tuo portafoglio titoli.

Questo metodo di investimento è chiamato diversificazione e aiuterà a proteggere il tuo investimento dalle fluttuazioni del mercato, specialmente dopo che hai comprato azioni.

Se investi in un’azienda, fai attenzione a quanto vale la società.

Usa queste informazioni per determinare quando dovresti comprare o vendere i tuoi titoli. Per ulteriori consigli sugli investimenti, inclusi modi sicuri per investire i tuoi soldi, continua a leggere qui sotto.Come investire guida completa all'investimento per principianti

PREPARARSI PER SAPER INVESTIRE

Costruisci i tuoi fondi di emergenza.

Se non possiedi già un conto di questo tipo, è una buona idea concentrare i tuoi sforzi per mettere da parte le spese di soggiorno da tre a sei mesi per ogni evenienza, quindi un “fondo di emergenza”.

Questo è denaro che non dovrebbe essere investito; dovrebbe essere facilmente accessibile e sicuro dalle oscillazioni del mercato.

Puoi dividere i tuoi soldi extra ogni mese, inviandone una parte al tuo fondo di emergenza e parte di essa ai tuoi investimenti.
Non impegnare tutti i tuoi soldi extra in investimenti, a meno che tu non abbia una rete di sicurezza finanziaria in atto; tutto può andare storto (perdita del lavoro, infortunio, malattia) e non riuscire a prepararsi a questa possibilità è irresponsabile.

Prima paga i debiti con alto interesse che hai acceso

Se hai un prestito o un debito con carta di credito con un alto tasso di interesse (oltre il 10%), non ha senso investire i tuoi sudati guadagni.

Qualunque interesse tu guadagni investendo (di solito meno del 10% all’anno) non farà molta differenza, perché spenderai un importo maggiore pagando interessi sul tuo debito.
Ad esempio, diciamo che Marco ha risparmiato EURO 4000 per investire, ma ha anche EURO 4,000 in debito di carta di credito con un tasso di interesse del 14%. Potrebbe investire EURO 4,000 e se ottiene un ROI del 12% (ritorno sull’investimento – e questo è molto ottimista) in un anno avrà guadagnato EURO 480 in interessi. Ma la compagnia della carta di credito gli addebiterà 560 dollari di interessi. Ha EURO 80 , e ha ancora quel capitale da EURO 4.000 da pagare. Perché preoccuparsi?

Pagare prima il debito ad alto tasso di interesse, in modo da poter effettivamente mantenere i soldi che si fanno investendo. Altrimenti, gli unici investitori che fanno soldi, sono quelli che lo hanno prestato a un alto tasso di interesse e che tu stai pagando.

Metti nero su bianco i tuoi obiettivi di investimento.

Mentre stai pagando qualsiasi debito e costruisci il tuo fondo di emergenza, dovresti pensare al motivo per cui stai investendo.

Quanti soldi vuoi avere e in quanto tempo?

  • I tuoi obiettivi influenzeranno quanto aggressivi o quanto conservativi saranno i tuoi investimenti. Se vuoi tornare a scuola tra tre anni, vorrai giocare sul sicuro con i tuoi soldi.
  • Se stai risparmiando per decenni di pensione da ora, puoi permetterti di rischiare di più. In breve, diversi investitori hanno obiettivi diversi. Questi obiettivi influenzano la loro strategia di investimento.

Stai cercando di:

  • Tieni i tuoi soldi in modo che cresca ad un tasso appena sopra l’inflazione?
  • Hai soldi per una caparra in dieci anni?
  • Costruire un gruzzolo per la pensione molti anni nel futuro?
  • Costruisci un fondo universitario per un bambino o un nipote?
Come Investire Soldi: il Modo Migliore per Fare Investimenti
come investire, guida su come investire

Stabilisci se vuoi un consulente finanziario.

Un consulente finanziario è un “coach” che conosce gli investimenti finanziari. Sanno su cosa puntare in diverse situazioni e quali risultati aspettarsi.

Mentre non hai bisogno di un consulente finanziario per investire, ti renderai presto conto che avere qualcuno che conosce le tendenze del mercato, studia la strategia di investimento e può accuratamente diversificare un portafoglio è una persona molto buona da avere nel tuo team.
Aspettatevi di pagare al vostro pianificatore finanziario una commissione fissa o una percentuale (dall’1% al 3%) del vostro investimento.

Se investi  10.000 euro, aspettati di pagare circa 300 euro all’anno per l’aiuto di un consulente. Se questo sembra un po ‘troppo da consigliare, renditi conto che un buon pianificatore finanziario può aiutarti a fare soldi.

Se un consulente prende il 2% del tuo portafoglio ma ti aiuta a fare l’8%, è un buon affare.
Essere consapevoli del fatto che molti migliori pianificatori finanziari accetteranno solo i clienti con portafogli sostanziali.

NOZIONI BASE SUGLI INVESTIMENTI

Sappi che più rischioso è l’investimento, maggiore è il potenziale guadagno.

Questo perché gli investitori richiedono profitti più elevati per correre rischi maggiori – molto simile a un pronostico

Gli investimenti a basso rischio, come le obbligazioni o i certificati di deposito, di solito hanno un rendimento molto basso.

Gli investimenti che offrono i maggiori rendimenti potenziali sono di solito molto più rischiosi, come mercati emergenti, azioni di piccole società, azioni con penny o materie prime.

In breve, le scommesse molto rischiose portano con sé un’alta probabilità di fallimento e un’alta probabilità di ottimi rendimenti, mentre le scommesse molto prudenti hanno una bassa probabilità di fallimento e un’alta probabilità di piccoli ritorni.

Diversificare, diversificare, diversificare.

Il tuo gruzzolo di investimento è perennemente a rischio di calare con una gestione impropria. L’obiettivo è quello di far lavorare i tuoi soldi per te abbastanza a lungo da moltiplicare sostanzialmente.

Un portafoglio ben diversificato limita la tua esposizione ai rischi in modo che i tuoi investimenti abbiano il tempo necessario per creare reali guadagni.

I professionisti si diversificano per tipo di investimento (azioni, obbligazioni, materie prime, immobili, liquidità, investire in arte, ecc.), Nonché per settore industriale e settore economico.
Pensa a diversificare in questo modo: se possiedi solo un titolo, l’intero tuo futuro finanziario dipende da una società. Se funziona bene, vinci; se non lo fa, perdi.

Mettere una quantità significativa del tuo portafoglio in azioni della società è particolarmente pericoloso, perché la tua salute finanziaria è già fortemente dipendente dalla società in cui lavori. Se la compagnia si comporta male, potresti perdere il lavoro e una buona parte del tuo gruzzolo. Tuttavia, se diversifichi tra 100 titoli, dieci obbligazioni e 35 materie prime, hai significativamente limitato la tua perdita potenziale: anche se dieci titoli dovessero diventare inutili o molti dei tuoi prodotti crollassero nel prezzo, staresti comunque bene.

Leggi anche: Come diversificare i Tuoi investimenti.

Compra o vendi sempre per un valido motivo.

Prima di decidere di investire un solo centesimo, esponi le ragioni per farlo. Non è sufficiente vedere uno stock che guadagna costantemente negli ultimi mesi e decidere di entrare in azione. Questo è il gioco d’azzardo, non investire; stai facendo affidamento sulla possibilità invece di seguire una strategia.

Gli investitori di maggior successo hanno sempre una teoria sul perché i loro investimenti sono in una buona posizione per avere successo (sebbene il futuro sia sempre incerto).

Ad esempio, chiediti perché hai intenzione di investire in un indice azionario come l’S & P 500. Continua: perché?

Perché scommettere sullo S & P è essenzialmente scommettere sull’economia americana. Perché? Perché l’S & P è una raccolta di 500 titoli azionari statunitensi.

Perché è buono?

Perché l’economia americana si sta riprendendo dalla recessione e i principali indicatori economici sembrano fiduciosi. (Questo è solo un esempio di ragionamento appropriato).

Utilizzare fondi di investimento per ridurre il rischio

La tolleranza al rischio è una delle prime cose che dovresti considerare quando inizi a investire. Quando i mercati declinano come nel 2022, molti investitori fuggono. Ma gli investitori a lungo termine spesso vedono tali ribassi come un’opportunità per acquistare azioni a un prezzo scontato. Gli investitori che possono resistere a tali ribassi possono godere del rendimento annuo medio del mercato, storicamente circa il 10%. Ma devi essere in grado di rimanere sul mercato quando le cose si fanno difficili.

Alcune persone vogliono un punteggio veloce nel mercato azionario senza subire alcun ribasso, ma il mercato non funziona così. Devi sopportare periodi di inattività per goderti i guadagni.

Per ridurre il rischio come investitore a lungo termine, tutto si riduce alla diversificazione . Puoi essere più aggressivo nella tua allocazione alle azioni quando sei giovane e la tua data di ritiro è lontana. Man mano che ti avvicini al pensionamento o alla data in cui desideri prelevare dai tuoi conti, inizia a ridurre il rischio. La tua diversificazione dovrebbe diventare più prudente nel tempo in modo da non rischiare perdite importanti in caso di flessione del mercato.

Gli investitori possono ottenere rapidamente e facilmente un portafoglio diversificato con un fondo indicizzato . Invece di cercare di selezionare attivamente le azioni, un fondo indicizzato possiede passivamente tutte le azioni di un indice. Possedendo un’ampia fascia di società, gli investitori evitano il rischio di investire in uno o due singoli titoli, sebbene non elimineranno tutto il rischio derivante dall’investimento in azioni. I fondi indicizzati sono una scelta fondamentale nei piani 401 (k), quindi non dovresti avere problemi a trovarne uno nel tuo.

Un altro tipo di fondo passivo comune che può ridurre la tua avversione al rischio e rendere più facile il tuo percorso di investimento è un fondo con data obiettivo . Questi fondi “impostalo e dimenticalo” adattano automaticamente le tue risorse a un mix più conservativo man mano che ti avvicini al pensionamento. In genere, passano da una maggiore concentrazione di azioni a un portafoglio più incentrato sulle obbligazioni man mano che ti avvicini alla tua data.

Risorse utili.

Comprendi le tue opzioni di investimento

Un conto di intermediazione ti offre molte nuove opportunità di investimento, tra cui:

come investire guida per principianti
come investire guida per principianti

Azioni

Le azioni ti danno una quota di proprietà frazionaria in un’azienda e sono uno dei modi migliori per creare ricchezza a lungo termine per te e la tua famiglia. Ma a breve termine, possono essere tremendamente volatili, quindi è necessario pianificare di mantenerli per almeno tre o cinque anni: più a lungo è, meglio è. Ecco come funzionano le azioni e come puoi fare soldi seri essendo un investitore azionario.

Quando le persone parlano di investire in azioni , molto spesso intendono azioni ordinarie di società quotate in borsa, ma potrebbero anche acquistare la proprietà parziale di una società privata, che può anche emettere azioni ai suoi proprietari, ma non quelle che scambiano le mani su uno scambio .

Investire in aziende private:  quando si dispone di azioni (una quota di proprietà) in un’azienda, si ha diritto a una quota dei profitti derivanti dall’attività operativa della società. Investire in un’attività che viene avviata da zero può essere rischioso, ma se riesci a sostenere la persona o le persone giuste con l’idea giusta, puoi essere ricompensato ottenendo grandi guadagni sul tuo investimento.

Investire in aziende quotate in borsa:  le aziende private a volte vendono parte di se stesse a investitori esterni, in un processo noto come ” offerta pubblica iniziale” o “IPO “. Una volta che un’azienda è diventata pubblica e le sue azioni sono quotate in borsa, chiunque può acquistare le azioni e diventare un proprietario parziale.

Nota

Come asset class, le azioni hanno spesso offerto i migliori rendimenti per gli investitori a lungo termine.

I tipi di azioni che acquisti possono variare in base al tipo di persona che sei. Ad esempio, se sei il tipo di persona che desidera ardentemente la stabilità, potresti voler investire in azioni blue-chip che hanno una lunga esperienza di guadagni costanti e pagamenti di dividendi agli azionisti. Queste azioni potrebbero essere i migliori esempi di attività produttive tra tutti i tipi di azioni.

Se sei qualcuno a cui va bene il rischio (e forse anche eccitato da esso) se offre la possibilità di maggiori ricompense, potresti propendere per le azioni di crescita. Questi tendono ad avere prezzi delle azioni volatili con maggiori guadagni nei mercati rialzisti (tendenza al rialzo) e maggiori cali nei mercati ribassisti (tendenza al ribasso). D’altra parte, se sei un abile acquirente che è sempre alla ricerca di occasioni, potresti propendere per azioni di valore e mirare ad acquistare azioni di società sottovalutate dal mercato.

Obbligazioni

Gli investitori utilizzano le obbligazioni per creare un flusso di reddito affidabile e, possedendo obbligazioni, genererai guadagni meno rischiosi ma inferiori rispetto a quelli che otterresti con le azioni. Le obbligazioni tendono a fluttuare molto meno delle azioni, il che le rende ideali per bilanciare un portafoglio di azioni ad alto potenziale di crescita. Ecco come funzionano le obbligazioni e come utilizzare i diversi tipi di obbligazioni per potenziare il tuo portafoglio.

Quando acquisti un’obbligazione, stai davvero prestando denaro all’emittente dell’obbligazione in cambio di interessi attivi e dell’eventuale rimborso del capitale, l’importo iniziale che hai investito. Quel reddito rende le obbligazioni attività produttive.

Nota

Puoi scambiare obbligazioni come faresti con le azioni; non devi trattenerli fino a quando non maturano, il punto in cui smetti di ricevere pagamenti di interessi e ti viene rimborsato il capitale.

Nel mondo delle obbligazioni, hai poche scelte. I buoni del tesoro statunitensi sono considerati al sicuro dal rischio di credito o di insolvenza, perché gli investitori presumono che il governo federale non mancherà di adempiere al proprio obbligo di rimborsarti.

Potresti anche pensare di investire in obbligazioni municipali esentasse , emesse da governi di città e paesi, contee e stati. Queste obbligazioni sono esenti dall’imposta federale sul reddito e possono anche essere esenti da tasse statali e locali.

Infine, puoi investire in obbligazioni societarie, il cui rischio di credito dipende dal merito creditizio percepito della società che le ha emesse. Le obbligazioni societarie considerate particolarmente vulnerabili al rischio di credito o di insolvenza sono chiamate “ad alto rendimento” o “obbligazioni spazzatura”.

Oltre al rischio di credito o di insolvenza, l’altro principale tipo di rischio a cui sono soggette le obbligazioni è il rischio di tasso di interesse. Il rendimento di un’obbligazione è il suo rendimento basato sull’interesse, o cedola, tasso che paga ai detentori e il suo prezzo sul mercato. Nel mercato obbligazionario, rendimento e prezzo si muovono in direzioni opposte: quando i rendimenti salgono, i prezzi scendono, e così fa il mercato obbligazionario. E quando i prezzi e il mercato salgono, i rendimenti scendono.

Questo perché quando i tassi di interesse prevalenti salgono, non specificamente il tasso per la particolare obbligazione che detieni, le obbligazioni di nuova emissione tenderanno a offrire un tasso di cedola più elevato per tenere il passo con la tendenza generale dei tassi. L’obbligazione che detieni avrà meno valore sul mercato perché ora ci sono altre obbligazioni che offrono tassi più alti, quindi il suo prezzo scenderà man mano che i rendimenti aumenteranno.

Approfondimenti sulle obbligazioni:

Fondi comuni di investimento

Un fondo comune è una raccolta di investimenti, in genere azioni o obbligazioni ma a volte entrambi, di proprietà di molti investitori diversi. Acquistate azioni del fondo, che spesso è diversificato tra molti investimenti, riducendo il rischio e potenzialmente aumentando anche i rendimenti. Un fondo comune è un ottimo modo per gli investitori inesperti di guadagnare rendimenti significativi nel mercato .

Fondi negoziati in borsa (ETF)

Gli ETF sono molto simili ai fondi comuni di investimento, che ti danno la possibilità di investire in azioni, obbligazioni o altri beni, ma offrono alcuni vantaggi sui fondi comuni di investimento. Gli ETF tendono ad avere commissioni di gestione molto basse, il che li rende più economici da possedere rispetto ai fondi comuni di investimento. Inoltre, puoi scambiare ETF durante il giorno come un’azione. E, naturalmente, gli ETF possono offrire rendimenti significativi anche agli investitori alle prime armi.

 

Investire nel settore immobiliare:

La maggior parte degli investitori nel settore immobiliare guadagna acquistando proprietà e affittandole. Possono anche fare soldi vendendo le proprietà per più di quanto hanno speso per acquistarle.

Nota

Alcune persone cercano anche di guadagnare acquistando case a un prezzo basso, apportando rapidamente miglioramenti e vendendole per più di quanto hanno pagato più il costo dei miglioramenti. Questa pratica è nota come ” house flipping “.

Un modo meno pratico per investire nel settore immobiliare è attraverso l’acquisto di azioni in società note come fondi comuni di investimento immobiliare. Queste società possiedono immobili di un tipo o dell’altro (magari hotel, edifici per uffici o persino magazzini) e in cambio di un trattamento fiscale favorevole, sono tenute a versare agli azionisti il ​​90% del loro reddito imponibile sotto forma di dividendi.

 

Tipo di proprietà

Una volta stabilite le classi di attività che desideri possedere, il passaggio successivo è decidere come possederle. Ad esempio, se decidi di investire in azioni, puoi possedere le azioni a titolo definitivo o attraverso una struttura aggregata. Puoi acquistare azioni di singole società o di fondi, fondi comuni o fondi negoziati in borsa (ETF), che possiedono direttamente le azioni.

Se acquisti singole azioni, magari tramite un broker online, controlli dove sono investiti tutti i tuoi soldi. Quando acquisti fondi comuni di investimento, lasci le decisioni di investimento ai gestori di fondi. E quando acquisti ETF , molto spesso stai investendo in tutte le azioni di un particolare indice, come lo Standard & Poor’s 500.

 

Bilancia gli investimenti a lungo termine e quelli a breve termine

Il tuo lasso di tempo può cambiare i tipi di account più efficaci per te.

Se ti stai concentrando sugli investimenti a breve termine , quelli a cui potrai accedere entro i prossimi cinque anni, i conti del mercato monetario, i conti di risparmio ad alto rendimento e i certificati di deposito saranno i più utili. Questi conti sono assicurati dalla FDIC , quindi i tuoi soldi saranno lì quando ne avrai bisogno. Il tuo ritorno di solito non sarà alto come gli investimenti a lungo termine, ma è più sicuro a breve termine.

In genere non è una buona idea investire nel mercato azionario a breve termine, perché cinque anni o meno potrebbero non essere sufficienti per consentire al mercato di riprendersi in caso di flessione.

Tuttavia, il mercato azionario è un veicolo ideale per investimenti a lungo termine e può portarti grandi rendimenti nel tempo. Che tu stia risparmiando per la pensione, cercando di acquistare una casa tra 10 anni o preparandoti a pagare le tasse universitarie di tuo figlio, hai una varietà di opzioni: fondi indicizzati, fondi comuni di investimento e fondi negoziati in borsa offrono tutti azioni, obbligazioni o entrambi.

Iniziare è più facile che mai con l’aumento dei conti di intermediazione online progettati per soddisfare le tue esigenze personali. Non è mai stato più conveniente investire in azioni o fondi, con i broker che riducono a zero le commissioni e le società di fondi che continuano a ridurre le commissioni di gestione. Puoi persino assumere un robo-advisor a un costo molto ragionevole per scegliere gli investimenti per te.

Non cadere in errori facili

Il primo errore comune che fanno i nuovi investitori è essere troppo coinvolti. La ricerca mostra che i fondi negoziati attivamente di solito sottoperformano rispetto ai fondi passivi . I tuoi soldi cresceranno di più e sarai tranquillo se ti eviti di controllare (o modificare) i tuoi conti più di un paio di volte all’anno.

Un altro pericolo è non utilizzare i tuoi account come previsto. I conti pensionistici come i conti 401 (k) e IRA offrono vantaggi fiscali e di investimento, ma specificamente per la pensione. Usali per quasi qualsiasi altra cosa e probabilmente rimarrai bloccato con le tasse e una sanzione aggiuntiva.

Sebbene tu possa essere autorizzato a contrarre un prestito dal tuo 401 (k) , non solo perdi i guadagni che il denaro potrebbe guadagnare, ma devi anche rimborsare il prestito entro cinque anni (a meno che non sia utilizzato per acquistare una casa) o pagherai una penalità del 10% sul saldo dovuto.

Il tuo conto pensionistico è pensato per essere utilizzato per la pensione, quindi se lo stai utilizzando per un altro scopo, ti consigliamo di fermarti e chiederti se quella spesa è veramente necessaria.

Continua a imparare e risparmiare

La buona notizia è che stai già lavorando a uno dei modi migliori per iniziare: educare te stesso. Prendi tutte le informazioni attendibili che puoi trovare sugli investimenti, inclusi libri , articoli online, esperti sui social media e persino con video tutorial come quelli del Nostro Canale Youtube. Ci sono grandi risorse disponibili per aiutarti a trovare la strategia e la filosofia di investimento che fa per te.

Puoi anche cercare un pianificatore finanziario che lavorerà con te per fissare obiettivi finanziari e personalizzare il tuo viaggio. Mentre cerchi un consulente, vuoi cercarne uno che stia cercando il tuo miglior interesse. Poni loro domande sui loro consigli, conferma che sono un fiduciario che agisce nel tuo migliore interesse e assicurati di aver compreso il loro piano di pagamento, in modo da non essere colpito da commissioni nascoste.

In generale, avrai i minimi conflitti di interesse da un fiduciario solo a pagamento, uno che paghi, piuttosto che essere pagato dalle grandi società finanziarie.

Investire a lungo termine, soprattutto nel caso di azioni.

Un sacco di persone guardano al mercato azionario e pensano di vedere un’opportunità per fare soldi velocemente. Mentre è certamente possibile fare un bell’affare in azioni in breve tempo, non è molto probabile farlo.

Per ogni persona che guadagna rapidamente un sacco di soldi, più di uno perde rapidamente denaro.

Di nuovo, quando si pompano soldi in un investimento solo per un breve periodo di tempo sperando in un grande ritorno, si sta speculando invece di investire.

È solo una questione di tempo prima che gli speculatori facciano una brutta telefonata e perdano tutto.
Perché il day trading nel mercato azionario non è una strategia per il successo?

Due ragioni: imprevedibilità del mercato e commissioni.

  • Il mercato è essenzialmente imprevedibile a breve termine. Indovinare cosa farà un titolo su base giornaliera è quasi impossibile. Anche le grandi aziende con ottime prospettive possono avere giorni bui.
  • L’investitore a lungo termine, ha il sopravvento sull’investitore a breve termine, perché il mercato è più prevedibile a lungo termine. Le azioni hanno storicamente restituito circa il 10% a lungo termine (definito in modo molto approssimativo come dieci anni o più). Non puoi essere certo che guadagnerai il 10% durante un dato giorno, settimana o mese. Allora perché rischiare di usare strategie a breve termine?
  • Ogni ordine di acquisto o vendita viene fornito con tasse e imposte. In poche parole, gli investitori che comprano e vendono ogni giorno pagano commissioni molto più alte rispetto agli investitori che lasciano semplicemente crescere i loro soldi. Queste tasse su tasse si sommano, mangiando i profitti che potresti raccogliere.

Investire in aziende e settori che comprendi.

Investi in quello che conosci, perché così sei in grado di riconoscere quando un’azienda sta andando bene e quando no.

Un corollario di questo è qualcosa che l’investitore miliardario Warren Buffett disse una volta: “Compra azioni in imprese così meravigliose che un idiota può gestirle, perché prima o poi ce la faranno“. Alcune delle attività migliori di Buffett includono aziende come Coca-Cola, McDonald’s e Waste Management.

Arbitraggio.

L’arbitraggio è una strategia a basso rischio e potenzialmente alta utilizzata da molti professionisti, tra cui Warren Buffett.

Acquisti un’attività a un prezzo basso e allo stesso tempo vendi la stessa attività a un prezzo elevato, bloccando la differenza come profitto.

Hedge.

La copertura è l’equivalente di un piano di backup degli investimenti.

Una copertura serve a compensare una possibile perdita in un titolo investendo contemporaneamente in un’altra sicurezza che probabilmente si muoverà nella direzione opposta. Potrebbe essere contro-intuitivo scommettere sia a favore che contro un determinato scenario, ma potrebbe ridurre notevolmente il rischio. Un minor rischio è buono.

I futures e le vendite allo scoperto sono ottime opzioni di copertura a disposizione dell’investitore.

Acquista a basso prezzo.

Qualunque cosa tu scelga di investire, prova ad acquistarla quando è “in vendita”. In altre parole, compra quando pochi altri stanno comprando.

Nel settore immobiliare, ad esempio, si desidera acquistare proprietà in un “mercato del compratore” quando c’è un gran numero di case in vendita rispetto al numero di potenziali acquirenti.

Quando le persone sono quindi alla disperata ricerca di vendere, si ha un maggiore spazio per la negoziazione, soprattutto se si può vedere come l’investimento pagherà quando altri acquirenti non lo fanno.
Un’alternativa all’acquisto basso (dal momento che non si sa mai con certezza cosa sia “basso”) sarebbe comprare a un prezzo ragionevole e poi vendere più alto.

Quando un titolo è “economico” (ad esempio, quando è inferiore dell’80% al suo massimo di 52 settimane), c’è sempre un motivo per cui è economico.

Le azioni non diminuiscono di prezzo come fanno le case. Generalmente un titolo scende di prezzo perché c’è un problema con la società emittente.

Le case diminuiscono di prezzo non perché c’è un problema con la casa, ma perché c’è una mancanza di domanda di case.
Se l’intero mercato scende, è possibile trovare alcuni titoli che cadono semplicemente a causa del “sell-off” complessivo e non perché la società stessa abbia perso valore.

Per trovare queste buone offerte, si deve fare un sacco di valutazione.

Prova ad acquistare a un prezzo scontato quando la valutazione della società mostra che il suo prezzo delle azioni dovrebbe essere più alto.

Monitora sempre l’andamento dei mercati finanziari.

Anche se nel lungo – lunghissimo periodo c’è una sostanziale espansione dell’economia mondiale e della finanza, sia l’economia che la finanza hanno dei periodi ciclici, a volte crescono, a volte calano, quindi bisogna monitorare attentamente queste situazioni per prevenirle.

Con veicoli di investimento più volatili, potresti essere tentato di vendere ciò che possiedi.

È facile spaventarsi quando vedi il valore del tuo investimento precipitare. Tuttavia, se hai svolto correttamente le tue ricerche, probabilmente sapevi in cosa ti stavi cacciando e hai deciso come gestire le operazioni sul mercato.

Quando le azioni che detieni diminuiscono di prezzo, aggiorna la tua ricerca per scoprire cosa sta succedendo ai fondamentali.

Se hai ancora fiducia nel titolo, tienilo d’occhio o, meglio ancora, compra di più al prezzo più basso. Tuttavia, se non si ha più fiducia nel titolo o se i fondamentali sono cambiati, è possibile che si desideri vendere.

Tieni presente che se stai vendendo per paura, anche altri potrebbero risultare in un calo del prezzo.

La tua uscita potrebbe essere l’opportunità di qualcun altro di acquistare basso.

Vendi quando il prezzo è alto.

Quando il mercato si riprende, è il momento di vendere gli investimenti di cui vuoi liberarti, soprattutto se sono titoli ciclici.

Trasferisci i profitti in un altro investimento con valutazioni migliori (acquista basso, ovviamente), e cerca di farlo in un rifugio fiscale che ti permetta di reinvestire l’intero ammontare dei tuoi profitti (piuttosto che averli tassati per primi).

 

FAI INVESTIMENTI SICURI

Investire in un conto deposito di risparmio.

I conti di risparmio o conti deposito, sebbene non tradizionalmente pensati come veicoli di investimento, offrono un saldo minimo o nullo. Sono liquidi, il che significa che puoi ritirare e usare i tuoi soldi liberamente.

Tuttavia, possono avere limitazioni sulla frequenza con cui è possibile accedere all’account. Offrono bassi tassi di interesse (di solito inferiori all’inflazione), ma sono prevedibili.

Non hai intenzione di perdere soldi in un conto di risparmio, ma non otterrai molto.

Obbligazioni di Stato italiane e straniere e Buoni Postali

Non credo ci siano strumenti finanziari sicuri e più semplici da acquistare e rivendere come le obbligazioni di Stato italiane e i Buoni Fruttiferi Postali.

Si possono comprare presso ogni banca italiana, oppure tramite una app di banca,  sono garantite dallo Stato, hanno una tassazione agevolata. a volte spese inesistenti ( come i Buoni Postali), tiutti vantaggi che vanno a sopperire i loro rendimenti molto limitati che però rendono un investimento in questi strumenti statali particolarmente sicuro, uno dei più sicuri che si possa fare in Italia.

La moda dei BTP indicizzati all’inflazione

Negli anni tra il 2022 – 2023 e probabilmente si vedrà pure nel 2024, c’è stata una vera e propria “caccia al BTP indicizzato” da parte dei risparmiatori italiani.

A causa dell’inflazione derivata dall’aumento delle materie prime dovuto ai lockdown del Covid, lo Stato italiano ha emesso questo tipo di BTP con rendimenti che variavano dal 4 al 5% circa ogni anno e anche con vari premi.

Per il 2024 si prevedono nuove emissioni, con un nuovo tipo di Buono Tesoro Poliennale che si chiama BTP People .

Ovviamente in un portafoglio titoli ampio e diversificato i titoli di Stato o Buoni Fruttiferi, secondo Noi non possono mancare, rendono quella parte del tuo capitale investito assolutamente al sicuro. 

 

Inizia a risparmiare con un certificato di deposito o CD.

Gli investitori possono depositare denaro in un CD per periodi di tempo che vanno da poche settimane a molti anni, durante i quali l’investitore non può accedere ai fondi. Più lungo è il CD, maggiore è il tasso di interesse.

I CD sono offerti da banche, società di intermediazione e venditori indipendenti. Sono a basso rischio ma offrono liquidità molto limitata.

I CD sono più utili come copertura contro l’inflazione, specialmente se non hai intenzione di utilizzare i tuoi soldi per qualcos’altro durante il mandato del CD.

  • Investire in obbligazioni Un legame è sostanzialmente debito assunto da un governo o società per essere restituito con gli interessi. Le obbligazioni sono denominate titoli a “reddito fisso”, poiché per gli investitori saranno generate entrate stabili indipendentemente dalle condizioni di mercato.  Dovrai conoscere il valore nominale (importo in prestito), la cedola (tasso di interesse) e la data di scadenza (quando il capitale sarà rimborsato) per qualsiasi obbligazione che acquisti o vendi. Il legame più sicuro che gli investitori possono attualmente acquistare è uno dei titoli BOT o CCT italiani, oppure i Buoni Postali di Poste italiane.
  • Ecco come funziona un’obbligazione. La società ABC emette un prestito quinquennale del valore di 10.000 euro con un tasso di cedola del 3%. L’investitore XYZ compra il bond, dando i suoi 10,000 euro alla Azienda ABC. Ogni sei mesi, la Società ABC paga all’Investitore XYZ il 3% di  10.000 Euro cioè  300 Euro, per il privilegio di usare i suoi soldi. Dopo cinque anni e dieci pagamenti di  300 euro, l’Investitore ABC recupera il suo prestito iniziale di  10.000 euro.

 

Come investire in azioni.

Le azioni sono solitamente acquistate tramite intermediari. Comprare pezzi (azioni) di una società, che dà diritto al potere decisionale (di solito attraverso il voto per eleggere un consiglio di amministrazione).

È inoltre possibile ricevere una frazione dei profitti, che vengono distribuiti come dividendi. I piani di reinvestimento dei dividendi (DRIP) e i piani di acquisto diretto di azioni (DSPP) sono spesso disponibili.

Tali piani consentono agli investitori di aggirare le commissioni dei broker e acquistare azioni direttamente dalle società emittenti.

Questo tipo di piano è offerto da centinaia di grandi società.

I dilettanti del mercato azionario possono quindi investire fino a 20 o  30 euro al mese e possono anche acquistare azioni frazionate (meno di una quota intera) di azioni.

  • Le azioni si possono  davvero considerare come degli investimenti sicuri? Dipende! Se segui il consiglio in questo articolo e investi a lungo termine in buone aziende con una buona gestione, un’azione può essere considerata ragionevolmente sicura e potenzialmente abbastanza redditizia. Se scegli di investire a breve termine e non riesci a ricercare attentamente le aziende, non stai davvero investendo, stai giocando d’azzardo, e potresti anche giocare alle slot machine.
  • Prova fondi comuni di investimento. Si tratta di raccolte di azioni e / o obbligazioni raggruppate insieme da un gestore di fondi. Esse comprendono portafogli diversificati ad una frazione del prezzo che un singolo investitore dovrebbe pagare per possedere ciascuno dei titoli del portafoglio. I fondi trasferiscono ai loro investitori tutti gli interessi, i dividendi, le plusvalenze e le variazioni di valore associate ai titoli dei fondi. I fondi addebitano le commissioni di gestione per i loro servizi.

Se sei interessato, ecco una serie di azioni italiane sicure, oppure puoi scegliere in base al settore economico in crescita in un determinato periodo.

COME INVESTIRE IN MODO PIU’ RISCHIOSO

Considera di investire in proprietà immobiliari.

Sebbene l’investimento immobiliare viene considerato in Italia di tipo sicuro, in realtà non è garantito nè tantomeno sicuro al 100%, in quanto ci sono dei fattori che possono alterarne sia la redditività che il capitale stessoad esempio ci sono diverse cose che rendono il settore immobiliare più rischioso che investire in un fondo comune, ad esempio.

Per uno, il valore delle proprietà è ciclico, e molte persone che investono in immobili tendono ad investire al culmine del mercato, garantendo quindi quasi una perdita a breve termine (soprattutto considerando le commissioni degli agenti, tasse e assicurazioni).

Inoltre, l’investimento nel settore immobiliare lega i tuoi soldi fino a quando non puoi rivendere la proprietà. Di solito non è facile liquidare rapidamente il tuo investimento.

Spesso ci vogliono mesi, se non anni, per trovare un acquirente quando non vuoi più possedere la proprietà.

  • Impara come investire nella costruzione immobiliare
  • Impara come investire in incentivi in denaro immobiliare
  • Impara come care una compravendita veloce di una casa ( un tipo di investimento ancora più rischioso)

Investire in fondi comuni di investimento immobiliare .

I REIT sono fondi comuni di investimento immobiliari. Puoi investire in un pacchetto di proprietà.

A volte questi pacchetti assumono la forma di proprietà immobiliari , a volte sotto forma di mutui o titoli garantiti da ipoteca  e talvolta combinazioni dei due).

QUI puoi trovare i Migliori ETF.

Investire in valute.

Le valute possono essere ingannevoli, perché di solito riflettono la forza delle economie che le usano.

L’unico problema è che il rapporto tra l’economia nel suo complesso e i fattori che lo influenzano – il mercato del lavoro, i tassi di interesse, il mercato azionario, nonché le leggi e le normative – non sono spesso semplici e possono cambiare molto rapidamente e incomprensibilmente.

Inoltre, investire in una valuta straniera è sempre una scommessa su una valuta rispetto a un’altra con la quale può essere scambiata. Queste componenti aumentano la difficoltà di investire con sicurezza in valute estere.

Investire in Criptovalute

E’ stato l’investimento che più ha fruttato nel 2017, stiamo parlando delle criptovalute, cioè delle monete virtuali, un investimento rischiosissimo, ma Bitcoin, Ethereum, Litecoin, Peercoin, Dash Coin, IOTA, Bitcoin Gold,  hanno fatto la felicità di tante persone nel 2017 e se hai soldi che ti avanzano, “buttarne” un po’ in questo tipo di investimento – che ripetiamo essere ad altissimo rischio – potrebbe essere divertente, oltre che remunerativo.

Investire in oro e argento.

Mentre possedere un po ‘di ciascuno di questi metalli preziosi può essere un buon modo per conservare i tuoi soldi e tenere il passo con l’inflazione, il troppo rialzista può facilmente diventare una trappola.

Basta guardare un grafico dei prezzi dell’oro dal 1900 e confrontarlo con un grafico del mercato azionario in quello stesso periodo.

Il mercato azionario ha una tendenza piuttosto definita, ma lo stesso non si può dire dell’oro.

Tuttavia, molti credono che l’oro e l’argento siano investimenti e depositi di valore validi (in contrasto con la valuta “fiat”).

Questi metalli non sono soggetti a tasse, sono abbastanza facili da immagazzinare e sono molto liquidi (possono essere comprati e venduti facilmente). Per approfondire vai su Investimenti in oro ed Investimenti in argento.

Come investire in materie prime.

Materie prime, come arance o pancetta di maiale, possono essere un buon modo per diversificare il portafoglio se è abbastanza grande.

Le materie prime non pagano interessi o dividendi e di solito non dovrebbero superare l’inflazione. Si siedono lì e possono presentare grandi fluttuazioni di prezzo basate su fattori stagionali e ciclici. La tempistica giusta è estremamente difficile.

Se hai solo 25.000 euro da investire, prendi solo azioni, obbligazioni e fondi comuni di investimento

Perché investire è così importante

Investire è il modo più efficace con cui gli americani possono costruire la propria ricchezza e risparmiare per obiettivi a lungo termine come la pensione. O pagare per il college. O l’acquisto di una casa . E la lista continua.

Prima inizi a investire, prima potrai trarre vantaggio dai guadagni composti , consentendo al denaro che metti sul tuo conto di crescere più rapidamente nel tempo. I tuoi soldi guadagnano denaro, senza che tu faccia nulla. Stai cercando che i tuoi investimenti crescano abbastanza non solo per tenere il passo con l’inflazione, ma anche per superarla, per garantire la tua futura sicurezza finanziaria. Se i tuoi guadagni superano l’inflazione, aumenterai il tuo potere d’acquisto nel tempo.

Molte persone sono un po’ diffidenti nei confronti degli investimenti, ma se impari le basi, un approccio ragionevole può farti guadagnare molti soldi nel tempo. Iniziare a investire può essere l’unica decisione migliore della tua vita finanziaria, aiutandoti a creare una vita di sicurezza finanziaria e anche una pensione felice.

 

Vediamo anche DOVE Investire, dopo aver visto come investire

Dove investire e fare investimenti sicuri in questo periodo? L’inflazione sembra aver finito la sua corsa, il costo del denaro dovrebbe rientrare e così dovrebbe essere il mercato azionario a giovarne per questo 2024. Di seguito alcune recensioni di prodotti finanziari ed idee sui vari investimenti che si possono fare nel modo più sicuro e redditizio possibile. In fondo puoi trovare gli ultimi articoli sull’andamento dei mercati finanziari.

Di seguito troverai delle guide che ti prenderanno per mano e ti guideranno su come impegnare dalle piccole somme di denaro, alle cifre più importanti.

1. Dove investire: le regole basi

Se vuoi sapere dove investire soldi, sei nel posto giusto. Prima di indicarti dove mettere i tuoi risparmi però Noi di  Finanza Economia-Italia.com ti ricordiamo qualche regola basilare, per esempio questa: “Più alto è il rendimento, più alto è il rischio per il capitale”, d’altronde quelli che un tempo venivano chiamati investimenti sicuri, cioè le obbligazioni di Stato, come anche i Buoni Postali, anche se recentemente hanno aumentato i rendimenti per combattere l’inflazione, hanno comunque interessi bassi e poco appetibili per l’investitore, ecco allora che in questi ultimi anni strumenti come i Fondi Comuni , gli ETF sono arrivati all’orecchio di tutti e, insieme alle azioni sono diventati quelli più scambiati anche tra i piccoli risparmiatori come te.

Parliamo specialmente le azioni di aziende italiane di eccellenza, titoli che in questo sito prendiamo spesso in osservazione in quanto più vicine a Noi e facilmente ‘controllabili’ dagli stessi investitori. Infine ci sono gli investimenti per i più esperti, fatti tramite il Trading Online.

Apri un Conto Corrente

ed Inizia ad Investire con Fineco QUI

1.1. Dove investire nel 2024: come iniziare

Non è sufficiente sapere dove investire, cioè quali strumenti finanziari acquistare, ma bisogna seguire un proprio metodo di investimento, per farlo bisogna conoscere alcune regole base su come impiegare il denaro a disposizione.

  1. Bisogna partire dall’avere avere un quadro dettagliato della Nostra situazione finanziaria attuale , bisogna decidere se i soldi li vogliamo investire direttamente Noi stessi, oppure farci aiutare da un consulente, oppure se darli ad un Asset Manager e farli investire da lui.
  2. Quindi bisognerà aprire un Conto corrente titoli o un Conto trading con una banca o un Conto trading con un Broker, quindi si potrà iniziare a comprare azioni o altri titoli anche dal cellulare o desktop.
  3. Bisogna poi diversificare, i soldi che vogliamo investire, questo vale sia se abbiamo solo 10k € da investire sia se ne abbiamo 300k. in modo da decidere con attenzione su quale tipo di investimento puntare rispetto ad un altro e valutare anche quanto tempo vogliamo tenere i soldi fermi, cioè se vogliamo impegnarli a breve – medio o a lungo termine, usando ad esempio la strategia del value investing  o altre strategie come il Buy and Hold e il lazy portfolio , quella dell’interesse composto  , essere consapevoli dell’emotività che ci influenza a vendere o comprare, sapere qual’è il Nostro profilo di rischio e capire se si più adatti al forex o azioni., CFD o titoli azionari, criptovalute o titoli azionari? O magari se è il caso di puntare su azioni da vendere allo scoperto , capire se è il momento di proteggere i propri risparmi perchè c’è una recessione economica..
  4. Ogni investitore è diverso dall’altro e quello che diversifica l’investitore sono principalmente l’età anagrafica, il capitale a disposizione e la consapevolezza finanziaria o come si dice, il proprio profilo di rischio. Ma non solo, perché poi ci sono le aspettative.

ATTENZIONE: purtroppo qui molti risparmiatori non esperti, commettono il loro primo errore. PRIMA di decidere se investire tutto o parte del proprio capitale, bisogna assolutamente fermarsi e fare un preciso progetto, che come dicevamo prima, un progetto di investimento che implica sapere:

  1. quanta parte del capitale a disposizione vogliamo mettere a frutto;
  2. in quali forma di strumento/i finanziari mettere i propri soldi ( o magari in altre forme, come gli immobili o un’impresa) cioè diversificare;
  3. il periodo di tempo per cui possiamo impegnare quel dato capitale.

Basterà quindi mettersi seduti, prendere carta e penna, chiamare il coniuge ( se c’è e se abbiamo la comunione dei beni) ed iniziare a decidere sul Nostro futuro finanziario, in modo da decidere la strategia di investimento.

 

Noi ad esempio consigliamo per il piccolo risparmiatore sempre di usare la strategia del cassettista, ( o del Buy and Hold – compra e tieni – ) in modo da minimizzare il rischio e massimizzare i redditi con un portafoglio titoli adeguato al proprio capitale investito.

 

Bisogna inoltre conoscere altri metodi di investimento validi, come il Dual Momentum, oppure il periodo migliore per comprare azioni al rialzo – o al ribasso con lo short selling –  sapere QUANDO investire, come per  il  Sell in May and Go Away, o  l’ora migliore, sapere cosa fare in caso di correzione dei mercati, oppure come sfruttare il trading after-our, o come sfruttare il crollo dei mercati .

 

Inizia ad Investire con Fineco la Banca N. 1 in Italia CLICCA QUI

 

Dove investire nel 2023, consigli per investimenti sicuri

Attenzione ai particolari momenti del mercato, quindi bisognerà adeguare le strategie di investimento durante periodi di ( ai link gli approfondimenti ) :

2. Quanti soldi puoi investire di quelli che hai

Prima di capire dove investire devi stabilire quanti soldi puoi investire o meglio la percentuale del tuo capitale totale. Ad esempio se hai 100 mila euro puoi tenerti 40 mila euro in contante presso qualche Conto Deposito o Conto Corrente, il resto dividerlo in obbligazioni, ETF ed azioni.

Di seguito una serie di articoli con degli esempi che puoi prendere come spunto per decidere la percentuale di capitale da tenere e quella da investire.

Suggerimenti di investimento a secondo della somma disponibile

3. Investi solo quello che puoi perdere

Oggi tutte le banche fanno il profilo di rischio dei clienti, cioè la possibilità di rischiare il proprio capitale che può mettere in gioco il cliente, quindi costruire un portafoglio titoli adeguato alle capacità cognitive e di capitale dello stesso e  in base al quale poi proporranno degli strumenti finanziari. Il profilo di rischio va in base a parametri come: la conoscenza dei mercati finanziari, la conoscenza degli strumenti finanziari, la disponibilità del capitale, l’età anagrafica del cliente, il reddito, il tipo di lavoro svolto, i beni immobili di sua proprietà.

Noi abbiamo cercato di raccogliere degli articoli in cui ci sono i migliori tipi di investimento per ogni profilo di rischio possibile, ecco intanto alcune idee su quello che potrebbe essere il Vostro profilo di rischio:

  1. Adatto ad un bambino
  2. Per un  pensionato
  3. Per coppie con figli
  4. A basso rischio per cassettista
  5. Per il trader professionista

4. Quando investire

Investire in azioni, é il miglior investimento da fare, questo almeno finchè c’è la crescita del mercato. Era questo il giudizio di tanti analisti finanziari internazionali ed italiani almeno fino all’arrivo di una ventilata recessione cosa che ha fatto cambiare il sentiment di mercato e ha fatto tornare le obbligazioni al centro dell’attenzione dei vari investitori.

Ma l’inflazione globale, la crescita del prezzo delle materie prime, il cambio euro/dollaro peggiorato, la crisi energetica in Europa stanno mettendo in crisi i mercati finanziari e ci consigliano di aspettare tempi migliori per fare investimenti.

Anche se bisogna citare il fatto che molti italiani dopo la pandemia hanno deciso di comprare una casa con giardino, che  è un investimento che possiamo annoverare nella categoria degli investimenti immobiliari, non è certo un investimento a rischio. Per quelli meglio aspettare la fine della recessione.

LEGGI : Previsione Andamento Mercati Finanziari di questo Mese – 

5.Dove investire in azioni: l’investimento per eccellenza

Comprare e vendere azioni, secondo Noi è il migliore investimento che si possa fare, a patto che si sappia cosa si sta facendo. Le azioni sono uno strumento finanziario che danno agli azionisti la sicurezza di avere parte dalla proprietà di una società. Le azioni sono anche chiamate “titoli azionari”.

Perché comprare azioni?

  1. Apprezzamento del capitale, che si verifica quando un’azione aumenta di prezzo.
  2. Pagamenti di dividendi, che arrivano quando la società distribuisce parte dei suoi guadagni agli azionisti
  3. Interesse composto 

Perché le società emettono azioni?

Le aziende emettono azioni per ottenere denaro per varie cose, che possono includere:

  1. Saldare il debito
  2. Lancio di nuovi prodotti
  3. Espansione in nuovi mercati o regioni
  4. Ampliare strutture o costruirne di nuove

Quali azioni si possono comprare:

Esistono 2 tipi principali di azioni, azioni ordinarie e azioni privilegiate.

  • Le azioni ordinarie danno diritto al voto nelle assemblee degli azionisti ( bisogna averne un pacchetto minimo, stabilito dalle aziende)  e ricevere dividendi.
  • Le azioni privilegiate di solito non hanno diritto di voto ma ricevono i pagamenti dei dividendi prima degli azionisti ordinari e hanno la priorità sugli azionisti ordinari se la società fallisce e le sue attività vengono liquidate.

Titoli azionari a secondo del tipo di investimento che vogliamo fare:

  • Le azioni di crescita hanno utili che crescono più velocemente rispetto alla media del mercato. Gli investitori di solito acquistano queste azioni sperando in una plusvalenza poco tempo dopo ; queste azioni sono valide per un trading online che può essere giornaliero o settimanale o anche mensile. Ad esempio diverse nuove società appena aperte possono rivelarsi una azione in crescita.
  • Le azioni a reddito sono quelle di cui abbiamo parlato tante volte: azioni di aziende solide che crescono con il tempo e che conviene tenere per anni. Il tutto ovviamente se non capitano periodi disastrosi come quelli che stiamo vivendo recentemente, segnati da Pandemie mondiali, guerre, inflazioni molto alte.
  • Le azioni di valore ( value stocks) hanno un rapporto prezzo/utili (PE) basso, il che significa che sono più economiche da acquistare rispetto alle azioni con un PE più elevato. I titoli value possono essere titoli di crescita o di reddito e il loro basso rapporto PE può riflettere il fatto che per qualche motivo sono caduti in disgrazia presso gli investitori. Le persone acquistano azioni di valore nella speranza che il mercato abbia reagito in modo eccessivo e che il prezzo delle azioni rimbalzi.
  • Le azioni blue-chip sono titoli di grandi società , molto conosciute e molto solide, su cui poter investire ed aspettare i dividendi e che possono formare un lazy portafoglio o un portafoglio da cassettista.

Un altro modo per classificare le azioni è in base alle dimensioni dell’azienda, come mostrato nella sua capitalizzazione di mercato. Ci sono titoli a grande capitalizzazione, a media capitalizzazione e a piccola capitalizzazione. Le azioni di società molto piccole sono talvolta chiamate azioni “microcap”. Le azioni con il prezzo più basso sono conosciute come “penny stock”. Queste società possono avere guadagni scarsi o nulli. Le penny stock non pagano dividendi e sono altamente speculative.

Vantaggi e rischio con le azioni

Quando investi in azioni puoi guadagnare molto, come puoi rischiare molto. Per questo motivo Noi consigliamo solo azioni di aziende solide che nel caso di problemi non perdono molto durante una giornata. D’altronde se si pianifica un fermo alle perdite, cioè uno “stop loss” potrai sempre decidere tu quanto vendere l’azione automaticamente, quando è arrivata ad un certo prezzo.

Come comprare e vendere azioni

Puoi acquistare e vendere azioni attraverso:

  • Un piano azionario diretto
  • Un piano di reinvestimento dei dividendi
  • Uno sconto o broker a servizio completo
  • Un fondo azionario

Piani azionari diretti. Alcune aziende ti consentono di acquistare o vendere le loro azioni direttamente tramite loro senza utilizzare un broker. Ciò consente di risparmiare sulle commissioni, ma potresti dover pagare altre commissioni al piano, anche se trasferisci le azioni a un broker per venderle. Alcune società limitano i piani azionari diretti ai dipendenti della società o agli azionisti esistenti. Alcuni richiedono importi minimi per acquisti o livelli di account.

I piani azionari diretti di solito non ti consentono di acquistare o vendere azioni a un prezzo di mercato specifico o in un momento specifico. Invece, la società acquisterà o venderà azioni per il piano a orari prestabiliti, ad esempio giornalmente, settimanalmente o mensilmente, e a un prezzo medio di mercato. A seconda del piano, potresti essere in grado di automatizzare i tuoi acquisti e farti detrarre automaticamente il costo dal tuo conto di risparmio.

Piani di reinvestimento dei dividendi. Questi piani ti consentono di acquistare più azioni di un titolo che già possiedi reinvestendo i pagamenti dei dividendi nella società. È necessario firmare un accordo con l’azienda per farlo. Verifica con la società o la tua società di intermediazione se ti verrà addebitato questo servizio.

Broker di sconto o servizio completo. I broker acquistano e vendono azioni per i clienti a pagamento, noto come commissione.

I fondi azionari sono un altro modo per acquistare azioni. Si tratta di un tipo di fondo comune che investe principalmente in azioni. A seconda del suo obiettivo e delle sue politiche di investimento, un fondo azionario può concentrarsi su un particolare tipo di azioni, come blue chip, azioni di valore a grande capitalizzazione o azioni di crescita a media capitalizzazione. I fondi azionari sono offerti dalle società di investimento e possono essere acquistati direttamente da loro o tramite un broker o un consulente.

Spese e tasse

L’acquisto e la vendita di azioni comporta commissioni. Un piano azionario diretto o un piano di reinvestimento dei dividendi può addebitare una commissione per tale servizio. I broker che acquistano e vendono azioni per te addebitano una commissione. Un broker di sconto addebita commissioni inferiori a quelle che pagheresti in un broker a servizio completo. Ma generalmente devi ricercare e scegliere gli investimenti da solo. Un broker a servizio completo costa di più, ma le commissioni più elevate pagano per la consulenza sugli investimenti basata sulla ricerca di quella società.

Evitare frodi

Le azioni delle società pubbliche sono registrate presso la CONSOB e, nella maggior parte dei casi, le società pubbliche sono tenute a presentare rapporti alla SEC trimestralmente e annualmente. Le relazioni annuali includono i rendiconti finanziari che sono stati verificati da una società di revisione indipendente. Le informazioni sulle aziende pubbliche possono essere trovate sul sito della CONSOB.

VAI A: Le migliori Azioni da Comprare Questo mese per investire Soldi

La lista delle azioni presenti sul sito con la loro analisi, la quotazione e i relativi Target Price, sono presenti in fondo a questo articolo

6. Quali settori economici sono in crescita nel 2024:

Per scoprire i settori economici in crescita è piuttosto facile: ogni giorno veniamo bombardati da notizie di economia, finanza e tecnologia a riguardo.

Nel 2024 si prevede una crescita dei settori dell’Intelligenza Artificiale, della difesa ( a causa delle guerre in corso ma ance per un riarmo delle potenze occidentali che hanno visto i loro depositi svuotati) , delle energie rinnovabili, del settore energia nucleare e i titoli legati a questi settori ne trarranno dei vantaggi. Per questo abbiamo scritto degli articoli che raggruppano i principali titoli di questi settori con tanto di grafici dell’andamento dei prezzi.

Di seguito, vi rimandiamo ad alcuni interessanti approfondimenti che riguardano più che altro l’acquisto di titoli azionari di aziende di settori in crescita.

Titoli energetici

Titoli tecnologici

Altri titoli di settori in crescita

7. Perchè il Conto corrente è lo strumento base per fare investimenti

Per prima cosa devi sceglierti una banca che ti permetta di avere un conto corrente con il quale puoi anche fare investimenti, oppure puoi decidere per un Broker Specializzato, di seguito le migliori banche italiane che offrono anche un servizio di conto investimento e che volendo hanno anche una sezione di Broker Online così potrai decidere se investire direttamente in Borsa dal conto corrente o se farti aiutare con la piattaforma da broker che è più specializzata:

Prima di scegliere quale conto corrente usare, innanzitutto bisogna scegliere una Banca sicura e non in difficoltà, anche se questo non ci metterà a riparo da un improbabile prelievo forzoso da parte dello Stato.

Di solito una banca nel momento in cui volete fare degli investimenti attraverso un loro consulente finanziario o direttamente attraverso la loro piattaforma di trading online, vi chiede di aprire un conto corrente. Il primo passo da fare per un risparmiatore che vuole investire quindi, è quello di scegliere un conto corrente con poche spese e che offra il maggior numero di servizi possibili. Ovviamente tenere tanti soldi dei risparmi su un conto corrente non conviene, conviene investirli.

Oggi come oggi gli Istituti di credito che operano in Italia, offrono un ampio numero di pacchetti di C/C per i loro clienti, a secondo del loro profilo di rischio e a secondo delle loro esigenze.

I conti correnti non sono dei veri mezzi di investimento, anche se fruttano degli interessi, questi sono così bassi che possiamo considerarli più uno strumento di utilità per il risparmio, che per altro.

Noi di Economia-Italia.com , regolarmente recensiamo conti correnti mettendone in mostra caratteristiche, spese, interessi ecco alcune di queste recensioni:

8. Dove investire in modo sicuro: i Conti Deposito

Recentemente , dopo anni, hanno visto aumentare i propri interessi fino a raggiungere un 4% per Conti Vincolati a 2 anni, questo grazie all’inflazione. In effetti ora ci sono occasioni interessanti se vuoi tenere i tuoi soldi al sicuro. Sono infatti garantiti dal sistema interbancario almeno fino a 100 mila euro.

Oltre ad essere uno degli investimenti più sicuri, mettere i soldi in un Conto Deposito, significa avere anche degli interessi che mettono al riparo dall’inflazione, almeno in parte. I Conti Deposito da quando è ripartita l’inflazione ed il costo del denaro in Europa stanno aumentando i loro rendimenti per essere più appetibili agli investitori. Purtroppo ancora si limitano a dare un interesse lordo che è sui 1% l’anno, troppo poco per proteggersi dall’inflazione e troppo poco se li confrontiamo a dei Buoni Postali che hanno iniziato a dare oltre il 3% se vincolati per oltre 10 anni. Insomma non ci resta che seguire l’evolversi della situazione, perchè sicuramente i rendimenti dei Conti Deposito offerti dalle banche aumenteranno con l’aumentare e la persistenza dell’inflazione.

Di seguito i migliori Conti Deposito:

9. Dove investire in caso di crisi: i Beni rifugio

Che sia una crisi internazionale, che sia una crisi nazionale o personale, i beni rifugio sono sempre una sicurezza per i Nostri capitali.

Pandemia, guerre ed inflazione ci hanno insegnato che avere una parte del proprio portafoglio titoli in beni rifugio come l’oro è cosa buona e saggia.

Oro, ( qui la quotazione, le ultime notizie, gli approfondimenti e ancora) immobili, diamanti e arte. Sono i beni rifugio. Investimenti meno rischiosi. Certamente altrettanto poco redditizi ma, in questa fase di incertezza, si tende a conservare piuttosto che speculare, in attesa che qualcuno faccia la prima mossa o che qualche evento esterno determini dei cambiamenti. Qui:

Pietre preziose: è un mercato molto particolare, assimilabile a quello dei diamanti ( a cui abbiamo dedicato un capitolo, più in basso) , un mercato comunque in crescita, specialmente in questo periodo di rendimenti bassi per altri tipi di investimento.

Argento: anche questo è un investimento molto simile a quello dell’oro ed il prezzo dell’argento ha un andamento simile al metallo giallo.

9.1. L’oro

L’oro equivale a ricchezza e sicurezza. Ovunque è riconosciuto come valore di scambio. E’ tornato il momento di comprare oro. Il suo prezzo è in costante aumento in questi ultimi mesi e l’andamento dovrebbe replicarsi anche il prossimo anno. Se hai un portafoglio titoli importante Noi isuggeriamo sempre di tenere una piccola parte di oro – meglio se finanziario .

Si investe molto di più in oro finanziario come gli ETC  oppure le quote azionarie  di aziende minerarie aurifere, che in oro fisico, in pochi hanno il coraggio di tenersi in casa oro per il valore di migliaia di euro, cosa che però non è del tutto vera.

Comprare oro fisico anche se Noi non lo consigliamo, è una pratica sempre più di moda, per vari motivi. Il motivo principale per cui un risparmiatore compra monete d’oro  e se lo tiene in cassaforte, dentro casa è quello di guardarlo e toccarlo. proprio così, la sindrome di Paperon de Paperoni, cioè il voler rischiare una rapina in casa pur di tenersi dei lingotti d’oro nella propria cassaforte. Più dei lingotti, ultimamente vanno di moda le monete d’oro.

9.2. Diamanti

Comprare diamanti tratta di un investimento sicuro e che è sempre più apprezzato. Ma vanno comprati diamanti certificati. Non tutti sono in grado di valutare se si tratti di un diamante o di uno zircone. Bisogna sapere come muoversi ed affidarsi ad un esperto di fiducia. Per questo motivo bisogna affidarsi a persone esperte del settore e aziende ( banche o finanziarie) che riescano a darci dei diamanti certificati dalle varie agenzie internazionali.

In questo tipo di investimento molte persone comprano pietre preziose , ma si tratta di investimenti che non ci sentiamo di consigliare ai meno esperti.

Un altro modo per mettere a frutto denaro in diamanti è quello di investire in quote di società minerarie che estraggono diamanti.

9.3. Investire in platino

Fino a qualche anno fa veniva considerato alla stregua dell’oro. Per vari motivi però il suo prezzo è da diversi anni piuttosto fermo. Comprare platino oggi quindi, può rientrare più in una strategia per avere un portafoglio titoli variegato in quanto ha un prezzo abbastanza stabile.

9.4. Investire in alluminio

L’alluminio è una delle materie prime molto importanti per la Nostra società moderna. In questo articolo cerchiamo abbiamo raccolto tutte le previsioni del prezzo dell’alluminio peer i prossimi anni che ci dicono che questo materiale sarà sempre più ricercato.

10. Immobili: un investimento sicuro ma impegnativo

Il 2024 si prospetta come un anno horribilis per investire in immobili: mutui con tassi di interesse molto alti, prezzi del materiali edilizi alle stelle, poca disponibilità di ditte edilizie a lavorare in quanto impegnate sui vari progetti del  PNNR e dei vari Bous ristrutturazione, costi degli edifici nei posti più ambiti in Italia alle stelle. Le uniche case che costano poco sono quelle dei paesi abbandonati dei 100 comuni italiani ma il loro acquisto è iinficiato proprio dai costi di cui parlavamo qui sopra. Se devo spendere 50.000 € in una cascina da ristrutturare e poi spenderne 500.000 € in lavori di ammodernamento in regola con tutte le nuove norme, mi conviene davvero comprare una vecchia casa da ristrutturare? Prima fate bene i Vostri conti.

L’investimento in immobili , un immobile è una sicurezza personale di vita, cioè avere una casa di proprità da abiare dove non pagare l’affitto è un ottimo asset per il Nostro portafoglio ma in questo momento comprare per affittare o rivendere non ci sembra una buona idea a parte per grandi occasioni da non perdere. , al netto di tasse, bolli e impegni per un eventuale affitto o compravendita.

Comprare box auto : si tratta di un piccolo investimento di 10 fino a 40.000 euro, se si sceglie bene il posto, ad esempio al centro di una grande città può creare una rendita dai 100 fino ai 250 euro al mese, a secondo della città e del luogo scelto.

Immobili di pregio turistico: è un particolare investimento a scopo di affittare l’immobile per scopi turistici, comprare oggi una casa in un antico Borgo e riuscirla ad affittare anche grazie alle nuove tecnologie che mettono in contatto domanda ed offerta può essere un grande affare.

Immobili all’estero: potrebbe essere un’idea, occhio al mercato della Gran Bretagna che dopo la Brexit sembra essersi deprezzato.

Acquistare  a reddito garantito: si tratta di contratti molto particolari: un’agenzia specializzata in investimenti fa un contratto con un soggetto giuridico ( un investitore), il quale comprerà un immobile tramite questa agenzia e lei garantirà di trovarli un locatario, il quale pagherà regolarmente un affitto. Di solito si tratta di investimenti importanti, di centinaia di migliaia di euro per comprare immobili in posti esclusivi in Italia o all’estero, in posti di lusso o di grande interesse turistico, dove c’è molta richiesta ma dove il costo delle abitazioni è veramente elevato, quindi un tipo di investimento molto interessante, ma non adatto a tutte le tasche.

11. Gli italiani continueranno a investire in Buoni fruttiferi postali anche nel 2024

Come diciamo sempre è uno dei migliori metodi per avere del denaro al investito sicuro, con un piccolo interesse sul capitale, rendimento che però molti giudicano insufficiente.  Con  Poste italiane nel  classico buono fruttifero postale rappresenta una soluzione sicura anche se non performante. Del resto più sicuri sono gli investimenti e meno alto è il loro rendimento. Nel 2023 finalmente il Tesoro ha aumentato i rendimenti dei Buoni Postali portandoli da un minimo dell’1% lordo annuo ad un massimo del 3-4% lordo annuo per quelli che hanno una scadenza dopo 16 anni.

I vantaggi dei Buoni Postali non si limitano alla loro totale sicurezza.

I Buoni postali  hanno una tassazione agevolata , non hanno spese, si possono comprare online, i rendimenti sono bassi, ma si ha la certezza di riprendere per intero il capitale versato, è un modo per fare piccoli investimenti di 1000 euro, oppure si possono comprare BFP per 1000 euro, in quanto è garantito dallo Stato, senza costi aggiuntivi riguardanti la gestione, particolarmente adatti se si vuole fare un regalo ad un minore. Il prossimo anno si ipotizza un aumento di questa forma di investimenti.

12. Nel 2024 le obbligazioni difficilmente riscuoteranno un successo come l’anno precedente

Nel 2023 gli italiani sono tornati in gran numero ad un altro investimento sicuro per eccellenza: le Obbligazioni di Stato che il Ministero del Tesoro ha emesso in nuove e fantasiose formule. Nel 2024 la tendenza dovrebbe pian piano esaurirsi con l’abbassamento del costo del denaro e gli investimenti dovrebbero spostarsi sull’azionario ( almeno in teoria) in quanto i premi delle obbligazioni dovrebbero abbassarsi di molto e comunque sempre in rapporto con il. costo del denaro.

Le obbligazioni sono uno strumento finanziario di credito ( per chi le acquista ) o di debito ( per chi le emette), emesse da enti pubblici o privati per finanziarsi.

I Bond danno il rimborso dell’intero capitale investito alla loro scadenza, più un interesse pattuito precedentemente.

Le obbligazioni – insieme alle azioni – sono uno dei quei strumenti finanziari storici fondanti il capitalismo.

Le Obbligazioni di Stati molto solidi come gli Stati Uniti o gli Stati europei sono considerati tra gli investimenti più sicuri al mondo, in quanto garantiti dagli stessi governi. La particolarità delle obbligazioni di Stato è che di solito hanno rendimenti piuttosto bassi, intorno al costo del denaro del paese emittente.

Di seguito gli articoli dedicati alle obbligazioni con le caratteristiche, le opinioni e le recensioni delle stesse:

Le OBBLIGAZIONI CORPORATE

 

Si tratta di obbligazioni emesse da grandi aziende quotate in borsa. Sono un tipo di obbligazioni relativamente sicure, ma su questo sono i punteggi delle agenzie di rating che contano. Ovviamente più l’azienda che le emette è solida, più saranno solide.

12. 1. Obbligazioni di Paesi emergenti

Gli investimenti in obbligazioni di Paesi emergenti come l’Indonesia sono tornati convenienti dopo il freno della corsa del dollaro che porta giovamento a Stati che basano molti dei loro guadagni sull’esportazione di materie prime. Investire in Paesi emergenti può essere sicuro ma bisogna sempre affidarsi ad un consulente finanziario esperto in materia e soprattutto affidabili. Anche i fondi comuni di paesi emergenti sembrano particolarmente redditizi, in questi ultimi tempi.

 

13. Fondi comuni di investimento: un investimento redditizio ma a rischio

13.1 Perchè Investire in Fondi Comuni di Investimento

Investire in fondi comuni di investimento (FCI) in Italia può offrire diversi vantaggi agli investitori. Ecco alcuni dei motivi principali per prendere in considerazione questa opzione:

  1. Diversificazione: I FCI consentono agli investitori di diversificare i loro portafogli, riducendo il rischio di concentrazione in singole azioni o obbligazioni. Un fondo comune di investimento combina gli investimenti di molti partecipanti e investe in una vasta gamma di titoli, come azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari.
  2. Gestione professionale: I FCI sono gestiti da esperti di investimento che si occupano della selezione e della gestione dei titoli nel portafoglio del fondo. Ciò consente agli investitori di beneficiare della conoscenza e dell’esperienza di professionisti del settore senza dover gestire direttamente gli investimenti.
  3. Accessibilità: I fondi comuni di investimento sono accessibili anche agli investitori con un budget limitato, poiché spesso richiedono un investimento iniziale minimo relativamente basso. Inoltre, molti fondi offrono piani di accumulo sistematico che consentono agli investitori di investire regolarmente piccole somme di denaro.
  4. Liquidità: I FCI offrono una buona liquidità, poiché gli investitori possono acquistare o vendere quote del fondo in qualsiasi momento a un prezzo basato sul valore patrimoniale netto (NAV) del fondo. Questo permette agli investitori di avere un accesso relativamente semplice al loro denaro.
  5. Rendimento potenziale: Investire in fondi comuni di investimento può offrire rendimenti potenzialmente elevati nel lungo termine, soprattutto se si sceglie un fondo che investe in titoli ad alto rendimento o in titoli che presentano un’elevata crescita del valore.
  6. Risparmio fiscale: In Italia, alcuni tipi di fondi comuni di investimento, come i fondi pensione, offrono vantaggi fiscali, quali detrazioni fiscali o esenzioni, che possono rendere l’investimento ancora più conveniente.
  7. Investimenti tematici e settoriali: I FCI offrono la possibilità di investire in specifici settori o temi, come ad esempio tecnologia, energia rinnovabile o mercati emergenti. Ciò consente agli investitori di puntare su aree di interesse o di crescita futura.

Prima di investire in un fondo comune di investimento, è importante valutare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di rischio e le caratteristiche del fondo. Inoltre, è consigliabile consultare un esperto per ottenere una panoramica completa delle diverse opzioni disponibili e per valutare quale fondo sia più adatto alle proprie esigenze.

13. 2 Quali sono i vari tipi di Fondi di Investimento su cui investire

I piccoli risparmiatori italiani possono accedere a vari tipi di fondi di investimento, a seconda delle loro esigenze e preferenze di rischio. Di seguito sono elencati alcuni dei principali tipi di fondi disponibili:

  1. Fondi azionari: Questi fondi investono principalmente in azioni di società quotate in borsa. Possono essere ulteriormente suddivisi in fondi che si concentrano su specifiche aree geografiche (ad esempio, Italia, Europa, Stati Uniti, mercati emergenti) o settori di mercato (ad esempio, tecnologia, salute, energia).
  2. Fondi obbligazionari: Investono principalmente in obbligazioni emesse da società, governi o altre entità. I fondi obbligazionari possono variare in base alla durata delle obbligazioni (ad esempio, a breve, medio o lungo termine) e al grado di rischio del credito degli emittenti (ad esempio, società a elevato rendimento o titoli di stato a basso rischio).
  3. Fondi bilanciati o misti: Combinano investimenti sia in azioni che in obbligazioni, offrendo una maggiore diversificazione e un equilibrio tra potenziale di crescita e stabilità del reddito. La composizione di questi fondi può variare a seconda del profilo di rischio dell’investitore e dai suoi obiettivi di investimento.
  4. Fondi monetari: Investono in strumenti del mercato monetario a breve termine, come depositi bancari, titoli di stato a breve termine e altre obbligazioni a basso rischio. Questi fondi mirano a preservare il capitale e offrire liquidità, ma solitamente offrono rendimenti più bassi rispetto ad altri tipi di fondi.
  5. Fondi a reddito fisso: Si concentrano su investimenti che offrono pagamenti di interessi regolari, come obbligazioni e dividendi azionari. Questi fondi sono adatti agli investitori che cercano un reddito stabile e prevedibile.
  6. Fondi di investimento a capitale garantito: Offrono una garanzia sul capitale investito, proteggendo gli investitori da eventuali perdite. Tuttavia, il potenziale di crescita di questi fondi è solitamente più limitato rispetto ad altri tipi di fondi.
  7. Fondi indicizzati o ETF: Sono fondi che replicano la performance di un indice di mercato, come lo statunitense S&P 500 o l’italiano FSTE MIB o l’Euro Stoxx 50. Gli ETF (Exchange Traded Funds) sono fondi indicizzati che possono essere negoziati come azioni in borsa.

Fondi ESG e a impatto sociale: Investono in società che rispettano criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) o che perseguono obiettivi di impatto sociale positivo. Questi fondi sono adatti agli investitori interessati a sostenibilità e responsabilità sociale.

Prima di scegliere un fondo di investimento, è importante valutare attentamente i propri obiettivi finanziari, il livello di rischio e il periodo di investimento. Consultare un consulente finanziario può essere

 

13.3 Differenza tra fondi comuni aperti, chiusi, attivi e passivi

I fondi comuni di investimento possono essere classificati in diversi modi, tra cui aperti o chiusi e attivi o passivi. Ecco una breve spiegazione delle differenze tra questi tipi di fondi:

  1. Fondi aperti: I fondi comuni aperti consentono agli investitori di acquistare e vendere quote del fondo in qualsiasi momento a un prezzo basato sul valore patrimoniale netto (NAV) del fondo. Quasi tutti i fondi comuni di investimento rientra in questa categoria. I fondi aperti non hanno un numero fisso di quote e possono emetterne di nuove o riacquistarle quando gli investitori comprano o vendono quote.
  2. Fondi chiusi: I fondi comuni chiusi hanno un numero fisso di quote che vengono emesse durante un’offerta iniziale e successivamente negoziate in borsa come azioni ordinarie. Il prezzo delle quote dei fondi chiusi può variare rispetto al NAV a seconda della domanda e dell’offerta nel mercato secondario. Questi fondi non emettono nuove quote o riacquistano quote dagli investitori, il che significa che gli investitori devono comprare o vendere quote a un altro investitore sul mercato.
  3. Fondi attivi: I fondi attivi sono gestiti da un team di gestori di portafoglio che effettuano attivamente scelte di investimento basate su ricerche e analisi di mercato. L’obiettivo dei fondi attivi è di superare un indice di riferimento o di generare rendimenti superiori rispetto ai fondi passivi. Tuttavia, la gestione attiva comporta spese di gestione più elevate, che possono incidere sul rendimento netto del fondo.
  4. Fondi passivi: I fondi passivi, come i fondi indicizzati o gli ETF, mirano a replicare la performance di un indice di mercato specifico invece di cercare di superarlo. La gestione passiva comporta un minor coinvolgimento da parte dei gestori del fondo e, di conseguenza, spese di gestione più basse. I fondi passivi sono adatti agli investitori che cercano un’esposizione diversificata a un intero mercato o settore senza dover pagare spese di gestione elevate.

In sintesi, i fondi aperti e chiusi si differenziano principalmente in termini di struttura e negoziazione, mentre i fondi attivi e passivi si differenziano per l’approccio di gestione del portafoglio e le spese associate. Gli investitori dovrebbero valutare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di rischio e le preferenze prima di scegliere tra questi diversi tipi di fondi.

13.4 Commissioni da pagare sui Fondi Comuni

Le commissioni sui fondi comuni di investimento sono costi che gli investitori devono sostenere per la gestione e l’amministrazione del fondo. Le commissioni possono variare a seconda del fondo e del gestore. Le spese da pagare sui FDI sono considerate da tutti la parte più negativa di questo strumento finanziario. Di seguito sono elencate alcune delle principali commissioni associate ai fondi comuni:

  1. Commissioni di gestione (o spese correnti): Sono le spese annuali che coprono i costi di gestione del fondo, come le spese di ricerca, la consulenza, l’amministrazione e la gestione del portafoglio. Queste spese vengono solitamente espresse come una percentuale del patrimonio netto del fondo e vengono dedotte direttamente dal valore del fondo.
  2. Commissioni di ingresso (o commissioni di sottoscrizione): Sono commissioni pagate una tantum quando si acquistano quote di un fondo comune di investimento. Queste commissioni vanno a coprire i costi di distribuzione e marketing del fondo e sono solitamente espresse come una percentuale del capitale investito.
  3. Commissioni di uscita (o commissioni di rimborso): Sono commissioni pagate una tantum quando si vendono quote di un fondo comune di investimento. Anche queste commissioni sono espresse come una percentuale del capitale investito e servono a coprire i costi di gestione e amministrazione del fondo.
  4. Commissioni di performance: Sono commissioni variabili che vengono applicate quando il fondo supera un determinato indice di riferimento o soglia di rendimento. Queste commissioni vanno a premiare il gestore del fondo per aver conseguito un rendimento superiore a quello atteso e sono solitamente calcolate come una percentuale del rendimento eccedente la soglia stabilita.
  5. Spese di transazione: Sono i costi associati all’acquisto e alla vendita di titoli all’interno del portafoglio del fondo. Questi costi includono le commissioni di intermediazione, le tasse di borsa e gli spread bid-ask. Sebbene queste spese non siano direttamente addebitate all’investitore, influiscono sul rendimento complessivo del fondo.

È importante leggere attentamente il prospetto informativo e il documento contenente le informazioni chiave per l’investitore (KIID) di un fondo per comprendere tutte le commissioni e le spese associate. Inoltre, è consigliabile confrontare le commissioni tra diversi fondi simili per assicurarsi di scegliere un fondo con costi ragionevoli e in linea con il valore offerto dal gestore del fondo.

 

13.5 I Fondi Comuni più sicuri per fare un investimento

Non è possibile garantire la sicurezza assoluta di un investimento, poiché tutti gli investimenti comportano un certo livello di rischio. Tuttavia, alcuni fondi comuni di investimento sono considerati più sicuri di altri in termini di volatilità e rischio di perdita del capitale. Di seguito sono elencati alcuni tipi di fondi comuni di investimento che tendono ad essere più sicuri:

  1. Fondi monetari: Investono in strumenti del mercato monetario a breve termine, come depositi bancari, titoli di stato a breve termine e altre obbligazioni a basso rischio. Questi fondi mirano a preservare il capitale e offrire liquidità, ma solitamente offrono rendimenti più bassi rispetto ad altri tipi di fondi.
  2. Fondi obbligazionari a basso rischio: Investono in obbligazioni emesse da governi o società con alta qualità creditizia, che presentano un rischio di insolvenza inferiore rispetto ad altre obbligazioni. Tali fondi possono includere titoli di stato dei paesi sviluppati o obbligazioni societarie investment grade.
  3. Fondi a reddito fisso: Si concentrano su investimenti che offrono pagamenti di interessi regolari, come obbligazioni e dividendi azionari. Questi fondi sono adatti agli investitori che cercano un reddito stabile e prevedibile e che sono disposti ad accettare un rendimento potenzialmente più basso in cambio di una maggiore sicurezza.
  4. Fondi a capitale garantito: Offrono una garanzia sul capitale investito, proteggendo gli investitori da eventuali perdite. Il potenziale di crescita di questi fondi è solitamente più limitato rispetto ad altri tipi di fondi, ma offrono una maggiore sicurezza per gli investitori preoccupati per la conservazione del capitale.
  5. Fondi indicizzati a basso rischio o ETF: Investono in indici di mercato con un profilo di rischio inferiore, come gli indici obbligazionari o gli indici azionari di società a elevata capitalizzazione e bassa volatilità. Questi fondi offrono una diversificazione e una maggiore stabilità rispetto ai fondi che si concentrano su titoli più rischiosi o volatili.

È importante notare che anche i fondi comuni di investimento più sicuri comportano un certo grado di rischio e possono subire perdite di valore. Prima di investire in un fondo, è importante valutare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di rischio accettabile e il periodo di investimento previsto. Consultare un consulente finanziario può essere utile per identificare i fondi più adatti alle proprie esigenze e circostanze.

13. 6. Fondi Comuni di Investimento recensiti

14. Investire in ETF – Exchange Traded Fund: la migliore scelta per neofiti

Gli Exchange Traded Fund, più conosciuti con l’acronimo ETF ( da non confondere con gli ETC dedicati alle materie prime ) fanno parte degli strumenti di tipo ETP tutti quei prodotti legati ad un indice sottostante, sono uno strumento finanziario molto simile ai Fondi di Investimento e quasi del tutto assimilabili a questi, ma meno complessi.

La vera differenza con i fondi è che hanno costi del tutto simili alle azioni e replicano fedelmente o indici azionari, o gruppi di azioni o materie prime, oppure obbligazioni . Qui di seguito, prendiamo in considerazione degli ETF che replicano il valore di azioni di particolari settori produttivi.

Investire in ETF è meno rischioso che investire direttamente in singole azioni, in quanto un ETF può contenere dalle 5 alle 10 diversi titoli azionari e già di per sè riesce a diversificare un investimento su azioni, quindi avrà sicuramente una volatilità meno alta di singolo titolo.

15. Assicurazione sulla vita: un investimento per la famiglia

La polizza vita è una particolare forma di assicurazione, e può essere considerato anche un vero e proprio investimento ( anche se ancora ci sono dubbi per molti )  che in Italia non ha molto successo, più per l’ignoranza in materia degli investitori che per le offerte del mercato.

Noi , in questi articoli abbiamo cercato di spiegarlo nel miglior modo possibile e di fare delle recensioni a dei prodotti specifici.

16. Piani pensionistici per una vecchiaia serena.

I Piani individuali pensionistici consistono in uno strumento finanziario che viene pagato ogni mese in cui il risparmiatore mette una determinata cifra e che dopo un tot di anni potrà ritirare. Si tratta di un investimento sicuro e a lunga, anzi lunghissima scadenza.

17. Fare investimenti in PIR, i Piani Individuali di Risparmio

Si chiamano PIR, cioè sono dei Piani Individuali di Risparmio e sono un nuovissimo strumento finanziario che ha una tassazione pari a zero fino a 150 mila euro investiti.

Si tratta di investimenti su dei pacchetti di quote di aziende italiane che sono state verificate da Consob, ma che ancora non hanno i requisiti per entrare in Borsa Italiana, sono quindi fondi bilanciati ( azionari e obbligazionari) di una serie di aziende. I PIR servono appunto per rilanciare il credito verso le aziende di eccellenza italiane , quindi creare ricchezza e posti di lavoro, nonchè dare la possibilità ai piccoli investitori di acquistare degli strumenti finanziari con una tassazione agevolata o meglio, una tassazione che è pari a zero, quando ci sono certe condizioni, quindi lo potremo definire uno degli investimenti più interessanti di questo periodo storico.

Riteniamo questo tipo di investimento uno dei migliori per il piccolo risparmiatore in questo particolare momento storico.

 

18. Investire in arte Moderna: solo se sei un appasionato

Sul fronte dell’arte un segno positivo, pari al 50% in più di investimenti, ha caratterizzato l’ultimo decennio. Comprare opere d’arte è un investimenti che si rileva sicuro e profittevole.

Investire in beni come quadri presuppone avere le competenze specifiche per valutare. E soprattutto avere somme di denaro che si possono “congelare” per periodi medio lunghi. Il bene con il tempo diventa sempre più prezioso, in modo graduale e senza problemi di deprezzamento.

L’investimento in arte moderna ( e per arte moderna intendiamo sopratutto quadri) è un investimento di denaro molto particolare, sicuramente non rivolto a tutti i tipi di risparmiatori. Non stiamo parlando solo di ingenti somme di denaro per comprare quadri di grande valore, perché, come scoprirete andando all’approfondimento che abbiamo al link nel capitolo, scoprirete che anche un piccolo-medio risparmiatore può comprare quadri con poche centinaia di euro e rivenderli dopo anni a prezzi molto, molto superiori con rendimenti a 3 cifre percentuali.

18. 1. Le particolarità dell’investimento in arte moderna:

1) bisogna essere un appassionato d’arte.

2) Bisogna capitalizzare, senza la fretta di vendere.

19. Spazio: l’investimento per il futuro

E’ dagli anni ’60 del secolo scorso, cioè dall’inizio dell’esplorazione spaziali che tante persone si chiedevano come poter fare soldi con la conquista dello spazio e ora finalmente si può.

Oggi ci sono società che si occupano di costruire ed affittare satelliti per telecomunicazioni, vettori per andare in orbita intorno alla terra come turismo o come ricerca o per andare sulla Stazione Internazionale, vettori di aziende private quotate in borsa che serviranno anche per esplorazioni spaziali più impegnative, come andare sulla Luna o su Marte, sia per ricerca scientifica, che per scopi commerciali.

Insomma stiamo di fronte ad un tipo di business del tutto nuovo, che può aprire veramente “spazi” fino ad ora inesplorati e che potranno essere occasioni di ottimi investimento oggi per i prossimi decenni.

Ecco allora ai link come investire su titoli azionari spaziali, o su degli ETF spaziali, cioè azioni ed ETF legate ad aziende che direttamente si occupano di turismo spaziale, oppure di satelliti di comunicazioni e controllo, o di vettori spaziali da vendere/ affittare a enti spaziali nazionali o a semplici privati.

Attenzione alle aziende spaziali che ancora non sono quotate in borsa come Starlink, o ad aziende che solo in parte fanno ricerca ed investono sullo spazio come la Nostra Leonardo.

20. Orologi di lusso: solo se sei un collezionista

Comprare orologi di lusso per collezionismo é anche una forma di investimento anche piuttosto vantaggiosa. Come tutte le forme di collezionismo, all’inizio ci si avvicina per hobby, perché si è interessati a quegli oggetti, poi si scopre che dietro c’è tutto un mercato e che con il tempo il valore di alcuni orologi può aumentare e anche di molto.

 

21. Auto Storiche: solo se sei un appassionato

Come per l’arte, è meglio essere appassionati di auto prima di impegnare soldi in un’auto d’epoca, ma non è necessario. Si tratta di un altro tipo di investimento non convenzionale molto interessante. E’ il mercato delle auto e delle moto storiche, un segmento che sta andando veramente forte. Si parla di un +111% di scambi in 5 anni cioè nel quinquennio 2011-2016.

Auto d’epoca ( al link troverete l’articolo di approfondimento con tutto quello che c’è da sapere) è quindi un settore finanziario in trend positivo da almeno 5 anni. Ci sono ancora degli ottimi affari che si possono fare in questo particolarissimo settore, auto che si possono trovare da privati ma anche in aste giudiziarie o in fiere specifiche di auto d’epoca.

Bisogna stare attenti che le auto siano certificate nei vari registri storici e che abbiano tutte le carte in regola, prima di acquistarle e ovviamente bisogna avere la passione del collezionista di auto, anche perché poi bisognerà tenere i bolidi rinchiusi dentro un garage e pagare una cospicua assicurazione auto proporzionata al valore della vettura stessa ( il bollo nelle auto storiche non si paga).

Stanno anche nascendo dei Fondi Comuni per auto di lusso, molto interessanti.

22. Whisky

Anche questo capitolo è dedicato solo agli appassionati di questo particolare alcolico. Non è un investimento per tutti.

E’ l’investimento in collezionismo più redditizio in assoluto. Qui potrai provare come funziona, serve molta pazienza e molto tempo. Ci sono botti di Whisky che sono lasciate a fermentare per 5, 10, 50 anni. Ce ne sono anche di 30 anni,

Un sistema è quello di affiliarsi a dei siti che vendono botti di whisky finanziario, cioè solo delle quote del reale whisky messo a riposare in qualche botte di mogano dove vengono messe a riposare per anni e più un whisky ha una lunga stagionatura, più è buono e più vale.

23. Scarpe da ginnastica rare

Ecco un tipo di collezionismo che esiste da alcuni anni ma che recentemente è salito alle cronache, con scarpe da ginnastica esclusiva che possono arrivare a costare anche 1 milione di dollari.  Investire in scarpe da ginnastica ormai non è così raro, ci sono ragazzi che spendono centinaia di euro per un paio di scarpe da ginnastica ( o sneakers ) esclusive che poi rivenderanno ricavandoci un + 500% o un + 1000% in pochi mesi, il tutto esentasse.

Si tratta come tutti i tipi di collezionismi di un asset che non può essere considerato un bene di rifugio, ma solo il tempo ci potrà dire se si tratta di una moda passeggera oppure di una realtà economica che può veramente far guadagnare un sacco di soldi a tante persone.

24. Comprare e rivendere cavalli da corsa

Ecco un tipo di investimento vecchio quanto la Nostra società. Investire in cavalli da corsa non è certo una novità di oggi, ma l’attività di andare a cavallo è uscita quasi totalmente dal Nostro modo di vivere, quindi potremmo considerarla una professione di ritorno.

Anche questo, come ogni altro tipo di investimento di tipo collezionistico e di lusso ha la particolarità che serve un’enorme passione, non esistono almeno per il momento strumenti finanziari corrispettivi, a meno di non finanziare qualche allevatore di cavalli da corsa, bisognerà quindi sporcarsi le mani se si vogliono raggiungere dei risultati.

 

25. Comprare Borse di lusso per poi rivendere

Investire in borse di lusso fa parte di un certo tipo di investimenti molto particolari di cui abbiamo ampiamente parlato: quello del mondo dei collezionisti.  Se per molti investitori uomini si tratta di un mercato e un asset incomprensibile, per molte donne è una grande passione dove vi si possono fare dei bèi soldi. Non si tratta di un settore adatto a tutti, oltre a grande passione ci vogliono anche grandi risorse che tutti non hanno.

26. Case di riposo: un trend futuro

Si tratta di un modo di impiegare denaro nel lungo periodo e con un ottimo ritorno.

La popolazione sta invecchiando sempre di più, si fanno sempre meno figli e si muore sempre più tardi e ci si sposa sempre di meno.

Questo significa che ci saranno sempre più persone anziane e sole che avranno bisogno di stare insieme, magari in una casa di riposo, oppure in un ospizio o in appartamenti adeguatamente costruiti per persone anziani. Tutto questo significa che bisogna dare una risposta in termini di offerta, non solo per guadagnare soldi con gli investimenti, ma anche per dare servizi che lo Stato, da solo non ce la farà mai a dare.

Al link sopra, troverete come investire in case di riposo e scoprirete che si  tratta di uno dei migliori investimenti da fare, sia se si vuole scegliere i Fondi Comuni che si occupano di questo aspetto, che se si vuole entrare in società con qualche costruttore ed investitore che fa questo business.

27. Vino pregiato: un investimento da intenditori

Ci sono vari modi di fare in vino, si possono comprare quote di un’azienda vinicola, si possono comprare bottiglie di vino pregiato, si possono comprare quote di fondi comuni.

Comprare bottiglie di vino pregiato di annate particolari, rimane uno degli investimenti più affascinanti che si possano fare.

28. Investire in Materie Prime / Commodities

Comprare materie prime ( conosciute nella finanza come Commodities) o prodotti finanziari legati a materie prime è sempre stato un buon modo per guadagnare bèi soldi in quanto molti di loro sono considerati dei bèni rifugio.

Chi lo ha fatto comprando azioni di gas naturale o petrolio mesi fa, avrà sicuramente guadagnato una fortuna.

Azioni di aziende che lavorano sulle materie prime come petrolio, oro, diamanti, ma Noi cerchiamo di fare una serie di articoli di approfondimento per dare consigli su come muoversi nell’ambito di questo particolare settore della finanza dove c’è veramente da far soldi, considerato anche il fatto che l’andamento dei prezzi delle materie prime ha avuto notevoli cambiamenti in rialzo dalla fine della pandemia.

29. Derivati finanziari: un investimento solo per esperti

Comprare derivati non è consigliato a tutti, si tratta di un investimento a rischio abbastanza alto. I derivati sono un tipo di investimento che si basa su un valore sottostante, di solito è basato sui prezzi di materie prime o particolari obbligazioni o particolari gruppi di azioni. Ha i suoi svantaggi e vantaggi ( come è bene spiegato nella pagina che gli abbiamo dedicato al link, sopra). Possiamo scegliere su quale tipo di prodotto finanziario derivato vogliamo puntare i Nostri soldi:

  • CDF: si tratta di contratti di differenza, un tipo di investimento basato sul prezzo delle materie prime con l’uso della leva finanziaria. Molte persone investono in CDF a reddito fisso, la versione meno rischiosa di questo strumento finanziario.
  • Certificates: è ancora più complicato, perché bisogna seguire anche il prezzo delle materie prime su cui sono basati. Leggi anche Certificates Unicredit.
  • Swap: sono contratti nei quali 2 parti si scambiano flussi di finanziari periodici. Anche qui si tratta di investimenti sconsigliati a chi non ha un’adeguata preparazione finanziaria.
  • Contratti Futures: si tratta di contratti sul futuro. In pratica si scommette sul prezzo di un prodotto sottostante ( da qui il fatto che si tratti di un derivato). Ad esempio: oggi ‘punto’ 1000 euro sul fatto che tra 30 giorni il prezzo del Bitcoin sia diminuito, in questo modo potrò guadagnare in proporzione alla diminuzione del prezzo di questo sottostante.
  • Covedered Warrant: un altro prodotto finanziario derivato.
  • ETC: derivati sul prezzo dell’ oro fisico o altre materie prime.

30. Trading Online: il posto migliore dove investire se sei un esperto

Quanti soldi servono per iniziare a fare trading? Non molti per la verità.

Il primo consiglio è quello di avvicinarsi a questo mondo, in maniera cauta e senza pretendere di sapere e conoscere determinati meccanismi, fino ad allora sconosciuti e studiare, ad iniziare una guida al trading come questa.

Affidate quindi ad un broker esperto.

Sul mercato c’è ne sono diversi, anche se non tutti sono, per cosi dire, specializzati in un settore piuttosto che in un altro.

Per evitare di perdere somme di denaro in maniera errata e non costruttiva, affidatevi alle cosiddette versioni demo. Cosa sono?

Essenzialmente si tratta di programmi che vi consentono di comprendere, ed iniziare ad operare nel mondo del Trading Online, senza investire denaro, con delle vere e proprie simulazioni.

 

Prima di iniziare a fare trading, bisogna studiare, conoscere termini come volume di scambi, stop loss, dual momentum,  orari in cui comprare o periodi dell’anno in cui vendere.

 

Questa è una delle ultime novità del settore, una vera manna dal cielo per coloro che, in un certo qual modo, si affacciano in questo nuovo mondo.

Insomma un vero e proprio simulatore, che consentirà a tutti di iniziare la loro nuova avventura, parafrasando dei termini aeronautici, evitando di precipitare e provocare danni, talvolta irreparabili.

Qualsiasi broker e piattaforma, prevede l’apertura di un conto, anche minimo, in maniera tale da poter iniziare ad operare.

Il consiglio fondamentale è quello di porsi un budget da investire.

Questo non va mai variato, per nessun motivo.

Ad esempio, se ci si trova in perdita, la prima regola d’oro, consiglia, o meglio, impedisce di incrementare il budget, per cercare di recuperare la somma che, in quel preciso momento si sta perdendo.

Questa azione rischia infatti, di incrementare, anche in maniera troppo cospicua, le perdite, portando il trader a possibili default.

Broker e piattaforme di Trading Online da approfondire: Banco Posta trading online.

 

31. Classifica Broker Online più affidabili:

Questa classifica è stata fatta in base ai parametri; sicurezza, affidabilità delle app e fruibilità della piattaforma, assistenza al cliente, opinioni dei clienti.

Quando parliamo di Broker online, intendiamo quegli elementi fondamentali, in grado di impostare le strategie vincenti per fare Trading Online.

  1. FINECO: è il Broker Online più usato in Italia e uno dei più usati in Europa, quindi molto affidabile.
  2. Trading Banca Sella è la piattaforma di banca Sella per fare trading online.
  3. Trading Intesa Sanpaolo, è la piattaforma per fare trading online della più grande banca italiana, Intesa Sanpaolo.
  4. Smart Trading BPER: Ecco un’altra grande banca italiana che fa trading con il suo conto.
  5. Trading Unicredit: una delle più grandi banche italiane offre questa piattaforma un po’ cara per la verità.
  6. Degiro, si tratta di un Broker olandese, uno dei più competitivi in fatto di commissioni e usato da mezzo milione di persone in Europa.
  7. Iq Option è un broker facile ed intuitivo, perfetto per coloro che sono principianti, tanto che prevedono un’apertura di un conto con solo 10 euro.
  8. Plus 500 invece è uno dei più conosciuti ed utilizzati, una piattaforma molto potente e flessibile che, consente di operare in maniera fluida ed efficace.
  9. Xtrade è una piattaforma specializzata nel trading CFD.
  10. Interactive Brokers: si tratta di un broker americano che ancora non ha la sede in Italia. E’ uno dei più usati dai professionisti ma ha il problema delle tasse. Per pagarle su questo Broker bisogna appoggiarsi ad un commercialista di fiducia.
  11. Fxcm: è un Broker regolarmente iscritto presso le borse europee ed attivo da anni. Ha anche un conto demo con cui potersi cimentare.
  12. 24 Option.com invece è un broker affidabile molto utilizzato ed in grande espansione; infine, ma non per ordine di importanza, menzioniamo anche Markets.com che prevede un deposito di 100 euro.
  13. Tra gli altri Broker di cui potrete trovare opinioni e recensione in questo sito, Vi ricordiamo
  14. eToro clicca il link per leggere la recensione e le opinioni degli utenti
  15. 24FX. vai al link per leggere la recensione e le opinioni degli utenti
  16. Tradeo: p un’altra piattaforma di Broker online abbastanza popolare, ma sopratutto è affidabile.
  17. FXCM : si tratta di un Broker Online regolarmente registrato
  18. TrioMarkets: un nuovo operatore online, iscritto dal 2015 presso la Borsa di Cipro.
  19. Avatrade: Avatrade è un operatore piuttosto conosciuto, anche questo verificato e regolarmente iscritto. Vi rimandiamo all’articolo di approfondimento che potete trovare al link, dove potete leggere anche la recensione e le varie opinioni degli utenti, come per gli altri Broker.
  20. TRADE.COM : é l’ennesimo sito di Broker Online che abbiamo recensito, anche per questo, per saperne di più, dovete andare a leggervi la pagina a lui dedicata attraverso il link.
  21. Alvexo : è uno dei tanti nuovi Broker Online che hanno la loro sede legale a Cipro e che possono quindi operare anche in Italia, visto che rispettano le regole del mercato comune europeo.
  22. Revolut: è una nuova piattaforma per la compravendita di azioni, legata ad una carta prepagata. la sua origine è russa, ma in Italia è ancora poco usata perchè non permette la compravendita di titoli azionari italiani. Questo broker è registrato presso la Borsa di Londra.
  23. Trading212 : una piattaforma regolarmente iscritta con oltre 12 milioni di utenti. La sua particolarità è che si può operare su tutte le borse europee e sulle principali criptovalute.
  24. RobinHood : è la piattaforma americana di broker online che sta facendo impazzire i mercati e che dovrebbe arrivare anche in Italia a presto. Questa semplice applicazione non esistono commissioni e si possono comprare anche frazioni di azioni, è usata dagli utenti di wallstreetbets , un gruppo social in cui vengono scelti dei titoli su cui puntare da milioni di piccolissimi risparmiatori, di solito adolescenti millenial che dicono di combattere contro gli HF , ma che in realtà cercano di guadagnare soldi. Un fenomeno certamente da seguire ma da cui stare lontano se non si vogliono rischiare ingenti perdite .
  25. COINBASE : è una società quotata in borsa, ma anche un app per comprare e vendere criptovalute online, quella più usata a livello mondiale.

32. Risparmio Gestito, SGR

Infine parliamo anche del risparmio gestito. Le società SGR operanti in Italia sono molte. Si tratta di società di consulenti finanziari a cui affidare i Nostri risparmi e poi loro li investono per Nostro conto. Ecco allora che QUI troverai i migliori aziende di risparmio gestito SGR.

Si tratta di un buon compromesso per chi non ha competenze in finanza e per chi non ha tempo di occuparsi dei mercati finanziari e della loro volatilità, che implica di comprare e vendere titoli finanziari in base all’andamento degli stessi.

Di seguito troverete la classifica che abbiamo fatto in base alle Nostre recensioni e opinioni delle varie società di Società di Gestione del Risparmio ( le SGR ) che a volte sono legate a delle banche:

 

  1. Fineco
  2. Risparmio gestito UBI Banca 
  3. Risparmio gestito BPER Banca 
  4. Investire SGR
  5. Risparmio gestito Credit Agricole
  6. Moneyfarm
  7. Poste Premium; il Risparmio Gestito di Poste Italiane
    1.  

33. Noi sconsigliamo di investire in CFD

Generalmente questo mercato non contempla gli investimenti a lungo termine, quelli che in borsa vengono definiti titoli da cassettista.

I CFD sono dei prodotti finanziari derivati che consentono di ricavare profitti, anche se la quotazione dello stesso è in perdita. Concettualmente questo non sarebbe possibile, ma con i CFD, certe regole vengono, in qualche modo, ribaltate.

I CFD letteralmente sono i contracts for difference e, consentono di guadagnare denaro sia quando il titolo sale che quando scende. L’importante e’ prevedere l’andamento del titolo, il trend nel breve periodo. Questi a differenza delle azioni, non prevedono la distribuzione di dividendi, ma a differenza di queste ultime, possono generare utili anche se il titolo risulta essere in perdita.

Gli investimenti ad alto rischio non fanno per i novellini

Ecco le ragioni per cui Noi sconsigliamo di fare compravendita su Bitcoin.

 

ATTENZIONE alle TRUFFE online che promettono guadagni impossibili

 

Ulteriori risorse:

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.