Trading: Volumi di Scambio in Diminuzione, Investimenti e Scetticismo

L’ indice dell’indice S & P 500 (SPX) è salito del 16% quest’anno e si trova ora nel range dei nuovi massimi record insieme ad altri benchmark, ma i volumi di scambio sono diminuiti. Questo è considerato un indicatore della diminuita fiducia degli investitori, secondo alcuni osservatori. In effetti, il volume medio giornaliero degli scambi sul New York Stock Exchange (NYSE) e sul Nasdaq durante la settimana terminata il 12 aprile 2019 era il più basso dalla fine di agosto 2018, secondo le statistiche di Dow Jones Market Data citato da The Wall Street Journal .

 

“Questo è un mercato molto costoso”, come ha dichiarato a Bloomberg Michael O’Rourke, capo stratega del mercato Trading . “Gran parte di questo rally è guidato dalla politica a causa del pivot della Fed , quindi ho difficoltà a pensare che sarà sostenuto durante tutto l’anno. Se sono io, prenderei dei profitti “, ha aggiunto, la tabella qui sotto mostra quanto sono avanzati i principali indici del mercato statunitense nel 2019.

 

Guadagni da inizio anno fino al 12 aprile 2019

Trading: Volumi di Scambio in Diminuzione, Investimenti e Scetticismo

Lo scetticismo degli investitori

L’incertezza sull’esito dei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina, segnali contrastanti sulle prospettive di espansione economica continua e il rallentamento della crescita degli utili societari sono tra i principali motivi di esitazione per le azioni in questo momento, secondo il Journal. Di conseguenza, non solo i volumi di trading azionario diminuiscono, ma continua anche ad esserci un deflusso netto di denaro degli investitori dai fondi comuni di investimento azionario e dagli ETF , per il servizio di monitoraggio dei fondi EFPR Global, aggiunge l’articolo.

Nella sua ultima relazione mensile sull’attività , la società di intermediazione online E * Trade Financial Corp. ( ETFC ) indica che le sue entrate medie giornaliere (DART) nel febbraio 2019 sono aumentate del 6% da gennaio, ma in calo del 10% rispetto al precedente nel febbraio 2018. Per TD Ameritrade, febbraio è anche il mese più recente, con scambi medi giornalieri in calo da gennaio e anche in forte calo rispetto al loro precedente massimo nel febbraio 2018, secondo le metriche mensili di quella società .

Anche i volumi di negoziazione diminuiti sono fonte di preoccupazione perché possono portare ad una maggiore volatilità del mercato azionario , producendo oscillazioni dei prezzi più ampie. In effetti, un certo numero di osservatori vede il declino della liquidità come una minaccia crescente per il mercato che è destinata ad esacerbare i futuri selloff.

La stagione di rendicontazione degli utili per il primo trimestre del 2019 sta per essere avviata e gli investitori potrebbero essere in disparte fino a quando non vedranno la direzione dei profitti aziendali, che è ampiamente previsto scendere al ribasso. “C’è un sacco di gente in attesa di vedere quale sia il vero affare”, come ha detto alla rivista Jay Pestrichelli, CEO e co-fondatore della società di gestione degli investimenti con sede in Florida, ZEGA Financial.

Su cosa investire , allora?

Date le incertezze dell’attuale contesto di mercato, l’ultimo rapporto US Weekly Kickstart di Goldman Sachs consiglia agli investitori di guardare le azioni che si adattano a uno o più di questi temi: bassa leva operativa, basso costo del lavoro o crescita di dividendi elevati. (come FCA, per esempio)

Dal 2012 informiamo su finanza personale , investimenti, banche e gestione finanziaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *