Migliori Banche per un Conto Deposito Vincolato, Quali Sono?

I conti deposito vincolato permettono di avere interessi più alti dei conti correnti, per questo motivo sono uno strumento molto utile in questi tempi di interessi quasi zero dei C/C .
Per gli italiani il risparmio è un obiettivo primario, ma specialmente negli ultimi 10 anni a questo se ne associa un altro: l’investimento sicuro. Poter guadagnare nel tempo sulle cifre messe in sicurezza è un desiderio di tutti, in particolare per chi ha progetti futuri e cerca di costruire una rendita per l’avvenire. Sebbene presentino interessi nettamente inferiori a quelli di investimenti d’alto rischio, i conti deposito possono essere una soluzione ideale.

I conti deposito vincolati sono ormai servizi alla portata di tutti e tra i più presentati dagli istituti di credito italiani. Ognuno di essi ha rendimenti e vincoli temporali differenti, ma anche la solidità della banca che li presenta è un fattore fondamentale. Sono proprio questi gli elementi da valutare per capire quali siano le migliori banche per aprire un conto deposito vincolato.

Le 4 migliori banche per aprire un conto deposito vincolato

L’importanza di un conto deposito vincolato risiede nel creare un orizzonte temporale d’investimento, con la garanzia di generare una rendita futura adatta a emergenze o progetti nel tempo. A breve-medio termine, i conti vincolati hanno rendimenti maggiori rispetto a quelli non-vincolati, poiché non sempre permettono di interrompere il rapporto in qualsiasi momento, implicando perciò un impegno maggiore. Nel valutare le migliori banche per aprire un conto deposito vincolato, le caratteristiche più importanti sono:

  • Rendimenti
  • Durata dei vincoli (fino a 24 mesi)
  • Affidabilità della banca

Proprio in merito a quest’ultimo aspetto, gli istituti che presentano conti deposito aderiscono solitamente al Fondo interbancario per la tutela dei depositi, garantendo copertura assicurativa fino a 100,000 euro per ogni investitore.

Migliori Banche per un Conto Deposito Vincolato, Quali Sono?

1) CheBanca!

Fondata nel 2008 all’interno di Gruppo Mediobanca, CheBanca! offre una serie di servizi online e offline finanziari alla portata di tutti e semplici da gestire. Per i conti deposito, CheBanca! presenta una serie di linee vincolate fino a 12 mesi, che possono essere cointestate fino a 2 persone.

  • Durata vincolo: 3, 6, 12 mesi
  • Tasso interesse lordo: dallo 0,25% allo 0,40%
  • Tasso interesse netto: dallo 0,18% allo 0,31%
  • Giacenza minima: 100 euro
  • Giacenza massima: 3 milioni di euro
  • Ritenuta fiscale: 26%
  • Imposta bollo: 34,20 euro per depositi superiori a 5,000 euro
  • Spese extra: nessuna
  • Capitalizzazione: a fine anno o a svincolo
  • Svincolo anticipato: si, con interessi a 0,15%
  • Apertura: in filiale o online
  • Conto corrente associato: non richiesto

2) WeBank

Nata nel 1999 come servizio internet banking di Banco BPM, nel 2009 WeBank diventa una banca vera e propria, una delle prime interamente online sul territorio nazionale, con servizi accessibili, facilmente intuibili, versatili e all’avanguardia. Il conto deposito di WeBank rappresenta l’unione col suo conto corrente, con vincoli fino a 18 mesi.

  • Durata vincolo: 9, 12, 18 mesi
  • Tasso interesse lordo: dallo 0,30% allo 0,45%
  • Tasso interesse netto: dallo 0,23% allo 0,34%
  • Giacenza minima: 1,00 euro
  • Giacenza massima: 1 milione di euro
  • Ritenuta fiscale: 26%
  • Imposta bollo: 34,20 euro per depositi superiori a 5,000 euro
  • Spese extra: 1,00 euro per ogni operazione telefonica
  • Capitalizzazione: a scadenza vincolo
  • Svincolo anticipato: si, con interessi a 0,10%
  • Apertura: online
  • Conto corrente associato: unico prodotto

3) Widiba

Nata nel 2013 per diventare la banca online del Monte dei Paschi di Siena, Widiba entra nel mercato a fine 2014 e il suo nome deriva da Wise, Dialog, Banking. Specializzata in servizi prettamente online intuibili e facilmente gestibili, anche per i conti deposito Widiba presenta una serie di linee a vincoli dai 3 ai 24 mesi, a fronte di versamenti minimi di 1,000 euro.

  • Durata vincolo: 3, 6, 12, 18, 24 mesi
  • Tasso interesse lordo: dallo 0,40% all’1,20%
  • Tasso interesse netto: dallo 0,30% allo 0,89%
  • Giacenza minima: 1,000 euro
  • Giacenza massima: 500,000 euro
  • Ritenuta fiscale: 26%
  • Imposta bollo: 34,20 euro per depositi superiori a 5,000 euro
  • Spese extra: nessuna
  • Capitalizzazione: a scadenza vincolo
  • Svincolo anticipato: si, con interessi a 0,10%
  • Apertura: online
  • Conto corrente associato: non richiesto

4) IBL Banca

Nata nell’ormai lontano 1927 come istituto finanziario, IBL Banca diventa banca vera e propria nel 2004 e poi gruppo bancario nel 2008. I suoi prodotti sono da sempre caratterizzati da efficienza, versatilità e trasparenza. Il conto deposito IBL Banca presenta vincoli fino a 36 mesi con interessi fino all’1,50%, a fronte di una giacenza minima di 5,000 euro.

  • Durata vincolo: 6, 12, 18, 24, 36 mesi
  • Tasso interesse lordo: dallo 0,75% all’1,50%
  • Tasso interesse netto: dallo 0,60% all’1,20%
  • Giacenza minima: 5,000 euro
  • Giacenza massima: 1 milione di euro
  • Ritenuta fiscale: 26%
  • Imposta bollo: 34,20 euro per depositi superiori a 5,000 euro
  • Spese extra: nessuna
  • Capitalizzazione: trimestrale o a scadenza vincolo
  • Svincolo anticipato: non disponibile
  • Apertura: in filiale o online
  • Conto corrente associato: non richiesto

Correlati : Migliori banche dove aprire dei Conti Correnti 

Conclusioni

Quello che si evince da questo esame sulle migliori banche per aprire un conto deposito vincolato è che tutti i loro prodotti presentano delle variabili molto simili tra loro, con l’unica differenza nell’affidabilità degli istituti di credito da cui provengono.

Interessi maggiori si possono notare su vincoli più lunghi, sempre sulla base di investimenti a breve-medio termine. In ogni caso, gli interessi offerti dai conti deposito sono nettamente inferiori a quelli offerti da investimenti a rischio maggiore, mostrando rispetto a questi un rilevante punto di debolezza: la presenza di ritenute fiscali e imposte di bollo rischia di compromettere i loro rendimenti, rendendo gli investimenti effettuati praticamente nulli.

A conti fatti, gli investimenti su conto deposito sono dedicati a quelle persone che hanno un profilo di rischio particolarmente ridotto, e che prediligono modalità di crescita economica sicura seppur lenta, che sia intaccata il meno possibile dai mercati.

Che siano online o offline, anche nei conti deposito è richiesta però agli investitori massima attenzione per valutare ogni caratteristica: sebbene le priorità degli italiani siano risparmio e sicurezza per il proprio denaro, responsabilità e giudizio sono estremamente importanti per fare la scelta migliore e, in questo caso, garantire una crescita costante nel tempo dei propri risparmi.

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *