Polizza Vita o Investimento Finanziario? Qual’è la Migliore Scelta?

In questo sito spesso ci chiediamo quali sono i migliori investimenti per i Nostri risparmi e dato che ormai la Polizza Vita è diventata molto di moda, ci chiediamo quale sia la migliore scelta tra un investimento tradizionale o un’assicurazione sulla vita. Cerchiamo di scoprirlo insieme, evidenziando le differenze tra le due cose e cosa potrebbe essere la scelta migliore per Noi .

Tuttavia, nella scelta tra polizza vita o investimento finanziario vi sono sottili differenze, su cui ha fatto chiarezza la sentenza 10333/2018 della Corte di Cassazione: in caso di morte dell’assicurato, la compagnia assicurativa rimborsa totalmente il denaro investito. C’è quindi da capire, quale sarà la miglior scelta tra i due prodotti?

Cos’è una polizza vita?

Ideata per proteggere il benessere economico-finanziario di nuclei familiari o singoli individui, per polizza vita si intende una copertura assicurativa da rischi vitali, o situazioni che ne compromettano i regolari stili di vita. E’ un servizio offerto dalle compagnie assicuratrici, presentato in forma di contratto scritto.

Attraverso attenta valutazione del rischio si definirà il premio assicurativo, un corrispettivo per il godimento dei servizi offerti da pagare mensilmente, semestralmente o annualmente, che prende forma d’investimento; maggiore sarà il fattore di rischio per l’assicurato, maggiore sarà il premio.

Esistono principalmente 4 categorie di polizza vita:

  • Caso morte, per tutela economica dopo morte di persona che rappresenti reddito importante
  • Caso vita, per tutela del tenore di vita sul lungo periodo con Piano Accumulo Capitale
  • Caso vita mista, per tutela economica con pensione integrativa
  • Mutuo, per tutela mutuo in corso dopo morte o invalidità di persona che rappresenti reddito

Esse rappresentano strumenti d’investimento dal rendimento variabile divisi in 3 tipologie:

  • Gestione separata, dal rischio medio-basso, investe in Titoli di Stato e obbligazioni
  • Unit-linked, dal rischio medio, investe in fondi comuni azionari, obbligazionari o misti, interni alla compagnia assicurativa o da aziende esterni; si può integrare ad un Piano Pensionistico Individuale
  • Index-linked, dal rischio medio, investe in indici borsistici, azionari, di portafogli, fondi comuni o tassi di cambio

A seconda dei contratti sottoscritti, le loro durate possono essere dai 4 ai 30 anni o pari alla vita del soggetto assicurato. In fase di sottoscrizione e successivamente è possibile diversificare l’investimento e scegliere i fondi migliori per le proprie esigenze.

Dai primi anni 2000 le polizze vita come investimento hanno ricoperto un ruolo sempre più importante nella vita economica degli italiani, tanto che secondo AIPB nel 2019 rappresentano il 17% della ricchezza delle famiglie, con un valore di circa 173 miliardi di euro.

Polizza Vita o Investimento Finanziario? Qual’è la Migliore Scelta?

Cos’è un investimento finanziario?

Per investimento, si intende una modalità per impiegare capitale in beni durevoli o attività economiche facendolo lavorare per se. Sebbene possa derivare dal risparmio, non è la stessa cosa e non è connesso al lavoro, principale modalità per ottenere liquidità.

Per anni legato ad ambienti industriali e d’alta finanza, l’investimento finanziario è entrato sempre più nella vita degli italiani, tanto che secondo un’indagine Blackrock nel 2019 circa il 28% di essi investe, tra strumenti a rischio medio-basso o medio-alto. In alternativa a risparmio gestito con conti deposito e Buoni Fruttiferi postali, particolarmente gettonati con rischio minimo ma rendimenti irrisori, l’investimento finanziario avviene su:

  • Azioni, nazionali e internazionali
  • Obbligazioni, Titoli di Stato e private nazionali e internazionali
  • ETF, indici di interi settori commerciali
  • CFD, strumenti con valori derivati da altri asset
  • Fondi comuni, azionari, obbligazionari o misti
  • Forex, su tassi cambio valute
  • Materie prime, sui valori delle risorse presenti sul pianeta
  • Criptovalute, su monete virtuali

I cittadini possono investire su tali asset in totale autonomia o con l’ausilio di consulenti finanziari, con gli strumenti offerti da agenzie d’intermediazione o istituti di credito: molti conti correnti o conti deposito integrano strumenti d’investimento, mentre altre banche offrono piattaforme di trading online.

Infine, occorre ricordare che ogni investimento richiede particolare conoscenza del mercato e dei titoli scelti, poiché soggetti a oscillazioni di valore in base a situazione economico-sociale e geo-politica nazionale e internazionale, nonchè dei singoli settori.

Quali sono le differenze tra polizze vita e investimenti finanziari?

Prima di capire se sia più conveniente una polizza vita o un investimento finanziario, occorre identificare le differenze tra i due elementi, sebbene siano molto simili. Prima differenza deriva dagli enti da cui sono presentati:

  • Le polizze vita sono offerte dalle compagnie assicurative, agendo solo il caso di morte o altri eventi che pregiudichino la regolare condizione vitale o con scadenze prestabilite; l’assicurato creerà una rendita sul premio periodicamente versato
  • Gli investimenti finanziari sono offerti dalle agenzie d’intermediazione, gestendo prodotti per conto terzi senza alcuna copertura assicurativa, anche in caso di perdita del capitale investito

La differenza sostanziale è stata chiarita dalla sentenza 10333/2018 dei giudici della terza sezione civile della Corte di Cassazione: accogliendo sentenza della Corte d’Appello di Milano di condanna verso una compagnia assicurativa, è emerso che i contratti di polizza caso morte che non prevedevano rimborso totale del capitale investito al decesso del soggetto assicurato sarebbero stati classificati come contratti d’investimento e, di conseguenza, pignorabili, sequestrabili e privi di agevolazioni fiscali.

Nelle intenzioni della Corte di Cassazione, quindi, la potenziale perdita di capitale sarebbe l’elemento discriminante tra polizze assicurative e offerte d’investimento finanziario. A confermare tale informazione anche gli artt. 1882 e 1919 c.c., che prevedono l’obbligo di pagamento del capitale al beneficiario (o più beneficiari) al verificarsi dell’evento luttuoso.

Quale miglior scelta tra polizza vita o investimento finanziario?

Dopo aver compreso le differenze seppur sottili tra assicurazioni vita e investimenti grazie alla sentenza della Corte di Cassazione, si può finalmente concludere che la polizza vita può rappresentare nella maggior parte dei casi la soluzione ideale per investire denaro, creando una rendita vitalizia a crescita lenta.

A conti fatti, se da una parte gli asset finanziari possono presentare rendimenti migliori (a rischio maggiore), i contratti assicurativi sono altamente diversificabili e maggiormente tutelati: molte compagnie assicurano il rimborso almeno del capitale investito in caso di turbolenze di mercato.

Per questo motivo, come al solito, scegliere quale sia la cosa migliore per Voi, dipende da quello che voi cercate.

Se cercate una forma di risparmio sicuro, magari da mettere a nome di Vostro figlio o di una persona cara in caso di Vostra morte, allora la formula della polizza Vita è sicuramente quella più adatta.

Se invece cercate un altro tipo di risparmio/investimento nel lungo / lunghissimo periodo ci sono strumenti più adatti cioè che hanno un rendimento molto più alto, tipo le Obbligazioni di Stato, i Conti Deposito, i Piani di Accumulo Capitale o i Buoni Postali.

Approfondimenti sulle assicurazioni vita

Migliore Assicurazione  Vita 

Assicurazioni Vita Generali

Migliore assicurazione  Salute

Poste Vita di Poste Italiane

Assicurazione sulla vita 

Assicurazione Vita UnipolSai 

Vita Allianz

Assicurazione sulla vita Axa 

Polizze Vita UBI Banca

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *