22 Migliori ETF da Comprare per Investire nel 2022

Prendere qualcosa di  valore. Costruire un nucleo di portafoglio. Giocare in difesa. I 22 migliori ETF per il 2022 coprono un’ampia gamma di opzioni per numerosi obiettivi.

I fondi negoziati in borsa (ETF) sono come un il coltellino svizzero per l’investimento: uno strumento finanziario con cui puoi fare di tutto. Puoi fare qualsiasi cosa con loro: costruire un core del portafoglio, diventare tattici in difesa del capitale, prendere un colpo di luna o persino trarre profitto quando il mercato scende. E abbiamo tenuto a mente tutti questi obiettivi e altro ancora mentre costruivamo la nostra lista dei 22 migliori ETF da acquistare per il 2022.

Ehi. Se il 2020 e il 2021 ci hanno insegnato qualcosa, è che dobbiamo essere preparati, come dimostra anche la crisi Ucraina.

I 22 migliori titoli da acquistare per il 2022

I migliori ETF per il 2022, proprio come nell’elenco di ogni anno precedente, includono fondi ottimisti progettati per sfruttare le varie tendenze che gli analisti e gli strateghi di Wall Street vedono manifestarsi nell’anno a venire. Ciò vale allo stesso modo per azioni, obbligazioni e materie prime.

Mentre noi potremmo assegnare un significato a date di calendario arbitrarie come il 1 gennaio e il 31 dicembre, i mercati sicuramente non lo fanno. Ecco perché in genere includiamo anche alcuni fondi utilizzabili ovunque che sarebbero altrettanto adatti nel 2022 come lo sarebbero nel 2012 o nel 2032. Cerchiamo anche di fornire agli investitori un paio di estintori, opzioni difensive che potresti sfruttare solo quando nuvole temporalesche scendono su Wall Street.

Allora, cosa dice la sfera di cristallo sul 2022? Al netto di inflazione, crisi in Ucraina, costo delle materie prime, tutti fattori che potrebbero ribaltare le previsioni, una miriade di strateghi prevede modesti guadagni nelle alte cifre singole: Goldman Sachs afferma che l’S&P 500 raggiungerà quota 5.100. RBC dice 5.050, così come LPL Financial nel punto medio della loro gamma.

Tuttavia, Wall Street non è unanimemente rialzista. BofA chiede un leggero calo a 4.600 entro la fine del 2022, mentre Morgan Stanley pensa che saremo completamente inferiori del 5%, a 4.400.

E, naturalmente, nessuno si aspetta che la performance arrivi in ​​linea retta, né si aspetta che ogni settore contribuisca a tali guadagni o perdite in modo uniforme. I titoli value e i settori ciclici sono ancora una volta richieste popolari per il 2022, ma l’inasprimento della Federal Reserve, il potenziale conflitto in Ucraina e le future varianti di COVID sono tra i potenziali ostacoli a un’eventuale ripresa.

Dopo aver visto gli ETF consigliati secondo i dati 2021, ecco i 22 migliori ETF da acquistare per il 2022 . Se sembra un colpo di fucile di una selezione, è apposta. Gli investitori potrebbero perseguire una vasta gamma di obiettivi nell’anno a venire: ciascuna di queste scelte ETF rappresenta un modo eccellente per raggiungerli. È importante sottolineare che questo non è un suggerimento per costruire un portafoglio di tutte le 22 scelte; speriamo invece che questo ampio elenco fornisca idee attuabili per ogni tipo di investitore in una serie di situazioni.

22 Migliori ETF da Comprare per Investire nel 2022
22 Migliori ETF da Comprare per Investire nel 2022

1. Vanguard S&P 500 ETF

  • Tipo: azioni di grande valore
  • Risparmio gestito: 284,3 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 1,3%
  • Spese: 0,03% o $ 3 all’anno per ogni $ 10.000 investiti

Inizieremo il nostro sguardo ai migliori ETF del 2022 con un fondo di cui la maggior parte dei lettori probabilmente è a conoscenza: il Vanguard S&P 500 ETF ( VOO , ). E puoi scommettere che saremo in testa con un fondo indicizzato S&P 500 in ogni lista annuale nel prossimo futuro.

Dopotutto, i loro coetanei non riescono proprio a tenere il passo.

Ogni anno, teniamo d’occhio il rapporto annuale degli indici S&P Dow Jones sui fondi gestiti attivamente , anche se sembra un record rotto. Dal rapporto più recente di aprile, ricapitolando il 2020:

“I fondi a grande capitalizzazione [gestiti attivamente] hanno ripreso da dove avevano interrotto il decennio precedente: per l’undicesimo periodo di un anno consecutivo, la maggior parte (60%) ha sottoperformato l’S&P 500”.

Se questo fosse football universitario, ci chiederemmo se questa sia davvero ancora una rivalità.

Ma pensaci: per 11 anni consecutivi, la maggior parte dei professionisti esperti – esperti pagati e ben pagati per selezionare titoli per i propri clienti – che lanciano prodotti di miscele a grande capitalizzazione non possono battere il benchmark. Quindi, quale possibilità, esattamente, pensi che il tuo investitore medio, che ha forse un’ora alla settimana da dedicare alla revisione del proprio portafoglio, abbia di superare l’indice?

Inoltre, i fondi indicizzati S&P 500 stanno addirittura battendo altre strategie su indici di grandi miscele. Nel 2021, il VOO ha sovraperformato di circa tre quarti dei suoi colleghi della categoria Morningstar e aveva guadagnato ben cinque stelle su cinque dal sistema di valutazione di Morningstar.

Per quanto riguarda il prodotto stesso: l’ETF Vanguard S&P 500 ti espone alle 500 società per lo più con sede negli Stati Uniti che operano nelle principali borse valori americane. Quando qualcuno dice “il mercato”, di solito intende l’S&P 500.

Ricorda solo: questo non è un fondo perfettamente bilanciato che ti offre la stessa esposizione a ciascuno degli 11 settori del mercato. Al momento, i titoli tecnologici sono al massimo per quasi il 30% degli asset del fondo; confrontalo con servizi pubblici, immobili, materiali ed energia, ciascuno dei quali rappresenta meno del 3%. Vale anche la pena notare che l’S&P 500 si evolve con l’economia americana: negli ultimi tempi, energia e tecnologia erano uguali, per influenza sull’indice.

E poiché l’S&P 500 è ponderato in base alla capitalizzazione di mercato, anche le aziende più grandi significano di più per le sue prestazioni. Apple ( AAPL ) e Microsoft ( MSFT ) da soli rappresentano il 13% degli asset di VOO. Le ultime 50 partecipazioni rappresentano poco più dell’1%. Ciò significa che sei a qualche rischio se gli investitori “ruotano” fuori da elementi di spicco fortemente ponderati come Apple, Microsoft, Amazon.com ( AMZN ) o Tesla ( TSLA ).

Anche con questi rischi, tuttavia, gli investitori hanno fatto bene da tempo investendo nell’indice e con lo 0,03% delle spese annuali, non c’è modo più economico per farlo. Ecco perché VOO appartiene ai nostri 22 migliori ETF da acquistare per il 2022.

2. ETF Vanguard High Dividend Yield (VYM )

 

  • Tipo: valore ad alta capitalizzazione
  • Risparmio gestito: 43,8 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 2,80%
  • Spese: 0,06%

Un’altra “rivalità” che è stata piuttosto sbilenca per più di un decennio è stata il predominio della crescita sul valore, inclusa quella che sembra essere un’altra vittoria per la crescita nel 2021. Ma per il secondo anno consecutivo, un numero considerevole di strateghi chiede una rinascita in titoli sottovalutati .

“All’inizio del 2021, le azioni di società legate al ciclo economico – generalmente classificate come azioni value – hanno iniziato a sovraperformare le azioni growth, che hanno dominato durante la pandemia con l’impennata della domanda di tecnologia. Quel commercio si è invertito dopo che la variante Delta ha messo in dubbio la ripresa”, afferma Matt Peron, direttore della ricerca presso Janus Henderson. “Ma se il PIL continua ad espandersi come ci aspettiamo nel 2022 (nonostante le battute d’arresto a breve termine) e i tassi di interesse aumentano di poco, settori orientati al valore come finanziario, industriale, materiali ed energia potrebbero ancora una volta prendere il comando”.

Ecco perché, tra una miriade di fondi che in realtà si autodefiniscono fondi “di valore”, abbiamo scelto l’ ETF Vanguard High Dividend Yield ( VYM ) per rappresentare il valore a grande capitalizzazione tra i nostri migliori ETF per il 2022.

Il VYM di Vanguard ha un obiettivo piuttosto semplice: investire in società con rendimenti superiori alla media. Ed è all’altezza del suo nome, offrendo un rendimento attuale del 2,8% che è più del doppio dell’S&P 500 attuale.

Ma così facendo, Vanguard High Dividend Yield ETF ha anche un’esposizione superiore alla media della categoria a tre dei suddetti settori a valore nel 2022: servizi finanziari (21%), energia (7%) e materiali (4%). Il quarto – industriali, al 10% degli asset – è di appena due punti percentuali al di sotto della norma di categoria.

Peron aggiunge che durante i periodi di inasprimento della politica monetaria, come ci si aspetta quest’anno dalla Federal Reserve, “gli investitori spesso diventano sensibili alle valutazioni, il che potrebbe aumentare l’attrattiva dei titoli value nel breve termine”. Anche questa sarebbe una buona notizia per il portafoglio di VYM, che è più economico dei suoi colleghi sia per le misurazioni del rapporto prezzo/utili (P/E) che del flusso prezzo/cassa.

3. Distillate US Fundamental Stability & Value ETF (DSTL )

  • Tipo: aziende a grande capitalizzazione
  • Risparmio gestito : 643,8 milioni di dollari
  • Rendimento da dividendi: 1,1%
  • Spese: 0,39%

Sebbene i nostri migliori ETF per il 2022 abbiano un aspetto molto diverso dall’edizione del 2021, sono rimasti alcuni fondi selezionati e nessun fondo ha avuto più potere di resistenza nella nostra lista annuale di Distillate US Fundamental Stability & Value ETF ( DSTL ).

Ciò è in parte dovuto al fatto che DSTL fa le cose in modo diverso. E anche perché ottiene risultati.

Molti ETF di valore si basano su parametri come P/E, price-to-sales (P/S) e price-to-book (P/B) per determinare ciò che sembra sottovalutato. Ma il fondo di Distillate si concentra sul flusso di cassa libero (FCF, i profitti in contanti rimasti dopo che un’azienda ha effettuato qualsiasi spesa in conto capitale necessaria per mantenere l’attività) diviso per il valore dell’impresa (EV, un altro modo per misurare le dimensioni di un’azienda che inizia con la capitalizzazione di mercato, quindi fattori del debito dovuto e disponibilità liquide).

Thomas Cole, CEO e co-fondatore di Distillate Capital, spiega che il fondo guarda a FCF/EV perché mentre le aziende possono “aggiustare” determinate cifre, come guadagni e ricavi (che a loro volta possono pasticciare con le metriche di valutazione basate su tali cifre) , “non puoi falsificare denaro“.

Distillate US Fundamental Stability & Value ETF inizia con 500 delle più grandi società statunitensi, quindi elimina quelle costose in base alla sua definizione di valore, nonché quelle con debito elevato e/o flussi di cassa volatili. Il risultato è un portafoglio che non assomiglia molto a un fondo value tradizionale: mentre gli industriali sono grandi con il 18% delle partecipazioni, DSTL è pesante anche nel settore sanitario (22%), tecnologico (18%) e ciclico dei consumatori (14%) . Diamine, Morningstar non vede nemmeno l’ETF di Distillate come un fondo di grande valore, ma invece un grande fondo misto.

L’approccio di Cole al valore lo porta anche a vedere il mercato attuale in modo molto diverso dalla maggior parte di noi.

“La nostra osservazione generale è che il mercato non è così insidiosamente costoso sulla base del flusso di cassa libero che genera di quanto sarebbe se si basassero le proprie conclusioni su misure come P/E e P/B”, afferma.

Anche le prestazioni sembrano terribilmente rosee attraverso le lenti di Cole. DSTL è in procinto di superare la maggior parte dei suoi concorrenti nel 2021. E dall’inizio, il 23 ottobre 2018, il fondo non solo ha battuto i tre ETF di grande valore con le attività più alte di una media di 40 punti percentuali, ma ha battuto il S&P 500 di ben 12 punti per l’avvio.

4. Pacer US Small Cap Cash Cows 100 ETF ( CALF )

  • Tipo: valore a bassa capitalizzazione
  • Risparmio gestito : 717,1 milioni di dollari
  • Rendimento da dividendi: 2,8%
  • Spese: 0,59%

Gli investitori farebbero anche bene a estendere la loro caccia all’affare ben al di fuori dei confini delle aziende più grandi. Per molti pronostici di Wall Street, i titoli a bassa capitalizzazione sono molto più allettanti.

“Mentre le large e mid cap vengono scambiate con un premio del 35%-40% rispetto alla storia, le small cap ora scambiano in linea con la storia”, afferma Jill Carey Hall, equity e quant strategist di BofA Securities. “Oltre ad essere i meno costosi, sono anche un miglior diversificatore. … Mentre i rendimenti delle classi di attività sono cresciuti più correlati rispetto a 20 anni fa, il Russell 2000 [a piccola capitalizzazione] è in media meno correlato con i rendimenti di altre classi di attività rispetto a il Russell MidCap o l’S&P 500 sia negli ultimi tre anni che negli ultimi decenni”.

I nostri migliori ETF da acquistare per il 2022 includono due modi per attaccare il valore delle small cap. Primo: il Pacer US Small Cap Cash Cows 100 ETF ( CALF ).

CALF di Pacer considera il valore più o meno allo stesso modo di DSTL di Distillate, utilizzando FCF/EV – o “rendimento del flusso di cassa libero” – come metrica preferita. Nello specifico, CALF seleziona i 100 migliori titoli S&P SmallCap 600 in base al rendimento del flusso di cassa libero, quindi li pondera in base alla metrica e ribilancia il portafoglio ogni trimestre. Per bilanciare, le partecipazioni sono limitate a un peso del 2% ad ogni ribilanciamento.

Ancora una volta, le attuali partecipazioni di Pacer US Small Cap Cash Cows 100 non sono ciò che ci si potrebbe aspettare da un fondo value. Più sorprendente: poco più del 40% del peso dell’ETF è in titoli di consumo discrezionali; industriali e tecnologia sono gli unici altri pesi a due cifre, ciascuno intorno al 12%.

È difficile trovare molti ETF tanto amati dai valutatori di fondi quanto CALF. Il fondo di Pacer guadagna attualmente ben cinque stelle da Morningstar e la società di ricerca indipendente CFRA elenca il fondo tra gli ETF azionari a bassa capitalizzazione con il punteggio più alto che copre.

5. Roundhill Acquirers Deep Value ETF ( DEEP )

  • Tipo: valore a bassa capitalizzazione
  • Risparmio gestito: 54,0 milioni di dollari
  • Rendimento da dividendi: 1,6%
  • Spese: 0,80%

Un altro suggerimento CFRA per eliminare l’arancione a bassa capitalizzazione è il Roundhill Acquirers Deep Value ETF ( DEEP ), e non c’è niente di sottile in questo.

DEEP prende di mira “azioni a piccola e micro capitalizzazione profondamente sottovalutate“. Lo fa utilizzando “The Acquirer’s Multiple“, una metrica di valutazione pubblicata nel 2014 da Tobias Carlisle, fondatore e amministratore delegato di Acquirers Funds. L’Acquirer’s Multiple si concentra anche sul valore d’impresa, ma invece di FCF, lo divide per gli utili operativi.

Dice il sito dedicato a questo multiplo :

“Il calcolo degli utili operativi dall’alto verso il basso standardizza la metrica, rendendo possibile un confronto tra aziende, settori e settori e, escludendo voci speciali – utili che un’azienda non prevede si ripresenteranno negli anni futuri – garantisce che questi guadagni siano correlati solo alle operazioni”.

La partecipazione media del portafoglio di 100 azioni è di poco inferiore a  1 miliardo di dollari di capitalizzazione di mercato. Secondo alcuni esperti, l’80% del fondo è in azioni micro-cap, il 18% è in small cap e il restante 2% è in mid-cap. E ogni partecipazione ha la stessa voce in capitolo in termini di prestazioni, poiché sono fissate a un peso dell’1% ciascuna ad ogni ribilanciamento trimestrale. Le principali partecipazioni in arrivo nel 2022 includono USA Truck ( USAK ) e la banca coreana americana Hope Bancorp ( HOPE ).

Le ponderazioni settoriali sono un po’ sbilenche. Il portafoglio è dominato da industriali (28%), finanziari (25%) e beni voluttuari (19%). Ciò lascia poco più di un quarto del resto del fondo da dividere in altri otto settori.

Non sorprende che questo approccio aggressivo possa andare di traverso; Il fondo di Roundhill è stato calpestato da ampi indici a bassa capitalizzazione e value nel 2019 e nel 2020, ad esempio. Ma ha sovraperformato di vari gradi in tutto il 2021.

Basta notare che DEEP non è economico. Il suo 0,80% di spese annuali è ben al di sopra della norma per il tuo fondo indicizzato medio.

Scopri di più su DEEP sul sito del provider Roundhill.

6. iShares MSCI USA Quality Factor ETF ( QUAL )

 

  • Tipo: Azioni a grande capitalizzazione (fattore di qualità)
  • Risparmio gestito: 22,6 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 1,3%
  • Spese: 0,15%

Una concessione quasi universale è che le aziende americane avranno molte più difficoltà a trovare una crescita nel 2022 rispetto al 2021, in gran parte perché i confronti anno dopo anno non saranno così facili.

Ciò significa che gli investitori dovranno essere più selettivi e, per molti strateghi, ciò pone maggiore enfasi sul fattore “qualità”.

“Nei cicli precedenti, quando la curva dei rendimenti si è appiattita, l’impatto sulle azioni ha visto gli investitori cercare società di qualità in grado di sopravvivere a qualsiasi imminente shock dei tassi”, afferma William Davies, vice chief investment officer globale di Columbia Threadneedle Investments, il quale osserva che per lui, la qualità include solidi bilanci e forti vantaggi competitivi. “Mentre ci avviciniamo al 2022, abbiamo visto la curva dei rendimenti diventare più ripidi, appiattirsi e salire di nuovo lungo la curva, e ciò ha portato a uno scenario più misto in termini di ciò che sta guidando il mercato. … Le società che ci piacciono: attività di qualità con bilanci solidi e vantaggi competitivi: hanno maggiori possibilità di resistere alla volatilità”.

IShares MSCI USA Quality Factor ETF ( QUAL ) è uno dei più grandi ETF focalizzati sul fattore qualità. QUAL attualmente detiene una divisione di circa il 75/25 di titoli a grande e media capitalizzazione che vantano fondamentali positivi come un elevato rendimento del capitale proprio, una crescita stabile degli utili anno su anno e una bassa leva finanziaria.

Le aziende tecnologiche come Apple e Microsoft sono attualmente in cima al 25%, anche se iShares MSCI USA Quality Factor ETF fornisce anche valutazioni a due cifre al settore sanitario e finanziario. Ma come molti fondi incentrati su una serie di parametri fondamentali, questi pesi di settore potrebbero variare notevolmente nel tempo.

Tuttavia, QUAL sembra che potrebbe essere uno dei migliori ETF da acquistare per il 2022 per gli investitori che vogliono ancorare il proprio portafoglio con azioni blue-chip con dati finanziari a prova di proiettile. Soprattutto se a loro piace un affare: l’indice di spesa dello 0,15% è inferiore al 93% dei colleghi dell’ETF.

 

7. iShares ESG Aware MSCI USA ETF (ESGU )

  • Tipo: miscela di aziende ad alta capitalizzazione (criteri ESG)
  • Risparmio gestito: 24,9 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 1,1%
  • Spese: 0,15%

Una delle tendenze più importanti degli ultimi anni è stata il passaggio a criteri di priorità ambientale, sociale e di governance aziendale o ESG . Gli investitori che si preoccupano di tutto, dalle pratiche sostenibili alla rappresentanza delle minoranze nei consigli di amministrazione dell’azienda, chiedono cambiamenti.

Questo si sta traducendo in un vero investimento inaspettato. Secondo BofA Securities, in circa tre trimestri del 2021, 3 dollari su ogni 10 dollari in afflussi di azioni globali (e 1 dollaro ogni 10 dollari in afflussi di obbligazioni globali) sarebbero andati a ESG. A lungo termine, BlackRock osserva che gli asset in gestione degli ETF ESG sono cresciuti di oltre il 300% all’anno negli ultimi quattro anni.

L’opportunità è tutt’altro che finita.

“Forti prove suggeriscono che l’interesse per i prodotti e le soluzioni ESG è appena iniziato”, afferma Brad McMillan, chief investment officer di Registered Investment Adviser e broker-dealer indipendente Commonwealth Financial Network. “Per quanto riguarda gli investitori, nei prossimi 25 anni è previsto un trasferimento di ricchezza di 73 trilioni di dollari. Gran parte di questa ricchezza cadrà nelle mani di due gruppi demografici: donne e millennial. Entrambi i gruppi hanno un vivo interesse per gli investimenti sostenibili. In futuro, è probabile che il loro capitale significativo venga riposizionato verso i settori ESG”.

Puoi sempre scegliere singoli titoli, come quelli dell’ESG 20 di Kiplinger . Ma uno dei modi più semplici ed economici per investire con un occhio all’ESG è un semplice fondo indicizzato: iShares ESG Aware MSCI USA ETF ( ESGU ).

ESGU replica l’indice MSCI USA Extended ESG Focus, composto da titoli a grande e media capitalizzazione che secondo MSCI possiedono caratteristiche ESG positive. L’indice esclude anche aziende come i produttori di armi e le aziende del tabacco, nonché quelle “coinvolte in gravissime controversie commerciali”.

Quello che ottieni è, in effetti, una partecipazione core large cap. ESGU ha attualmente 320 titoli in portafoglio, inclusi molti componenti S&P 500 di grandi dimensioni come Apple, Microsoft e Nvidia ( NVDA ). La performance dall’inizio del 2016 non è stata molto diversa da quella di un tracker S&P 500, con il suo rendimento totale del 127% che ha in realtà leggermente battuto l’ETF iShares Core S&P 500 ( IVV ) del 125%.

ESGU ha ancora alcuni degli stessi problemi di un S&P 500: Apple e Microsoft hanno pesi individuali massicci rispettivamente del 7% e di oltre il 5% e il settore tecnologico domina con il 27% degli asset.

Inoltre, ciò che è “responsabile” per te potrebbe non essere lo stesso di ciò che è responsabile per iShares, quindi potresti non essere d’accordo sulle virtù di alcune, alcune o molte delle partecipazioni di ESGU. In tal caso, considera invece questi altri fondi ESG .

8. Industrial Select Sector SPDR Fund ( XLI )

  • Tipologia: Settore (Industriale)
  • Risparmio gestito: 16,7 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 1,3%
  • Spese: 0,12%

Passeremo a guardare fette di mercato, a cominciare da una scelta popolare per il 2022: il settore industriale.

I titoli industriali , che includono produttori, imprese di costruzione e una miriade di società di trasporto, tra gli altri settori, tendono a fare bene man mano che le economie si espandono e quando l’inflazione diventa calda.

“L’economia industriale è posizionata per ottenere risultati migliori più a lungo, con la produzione industriale che dovrebbe essere migliore della media a lungo termine nel FY22”, affermano gli analisti Stifel nel loro sguardo al 2022. “Il lato della domanda rimane sano e, insieme ai vincoli della catena di approvvigionamento, dovrebbe sostenere la produzione industriale al 4% o meglio”.

Il  1,2 trilioni di dollari dell’Infrastructure Investment and Jobs Act, approvato a novembre, sta dando un ulteriore slancio alle aspettative del settore, non solo nel 2022, ma molto più avanti.

Ci piace un approccio semplice Jane agli industriali, quindi contiamo l’ Industrial Select Sector SPDR Fund ( XLI , $ 101,19) tra i nostri migliori ETF da acquistare per il 2022.

L’XLI detiene tutti i titoli del settore industriale dell’S&P 500, che al momento conta 72. Naturalmente, ciò si orienta in primo luogo verso le large cap, e poiché il fondo è ponderato per la capitalizzazione di mercato, i titoli più grandi comandano i pesi maggiori. Ma almeno al momento, XLI non ha sovrappeso sbalorditivi di singoli titoli. United Parcel Service ( UPS ) e Railroad Union Pacific ( UNP ) sono gli unici titoli che controllano più del 5% degli asset; Honeywell ( HON ) e Raytheon Technologies ( RTX ) registrano ciascuno oltre il 4%.

Dal punto di vista del settore, stai ricevendo enormi quantità di macchinari (20%), aerospaziale e difesa (19%), conglomerati industriali (13%) e strade e ferrovie (11%). Il trasporto aereo e la logistica, i servizi professionali e le compagnie aeree sono tra i vari settori con un peso a una cifra.

Noteremo anche che XLI guadagna cinque stelle su cinque da CFRA, che tiene conto dell’analisi previsionale a livello di partecipazioni, della performance relativa e dei costi durante la compilazione dei suoi rating.

9. Global X US Infrastructure Development ETF ( PAVE )

  • Tipo: tematico (infrastruttura)
  • Risparmio gestito: 5,1 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 0,5%
  • Spese: 0,47%

Mentre il disegno di legge sulle infrastrutture è arrivato a Washington, abbiamo raccomandato 12 titoli di infrastrutture per beneficiare del disegno di legge e un ETF: Global X US Infrastructure Development ETF ( PAVE ).

PAVE e i suoi concorrenti sono un esempio di come bisogna guardare molto più in profondità del nome di un ETF. Questo perché molti cosiddetti fondi infrastrutturali sono ricchi di titoli di servizi pubblici , gasdotti energetici e altre società che sembrano meno propensi a beneficiare direttamente della spesa che scorre dall’IIJA.

Ma il Global X US Infrastructure Development ETF, lanciato nel 2017, è stato creato con un occhio di riguardo alle infrastrutture in rovina degli Stati Uniti. Data la relativa popolarità della spesa per le infrastrutture in entrambi i partiti politici, un grosso esborso sembrava sempre dietro l’angolo e PAVE è stato progettato in modo ottimale per trarne vantaggio.

PAVE detiene quasi 100 titoli, la maggior parte dei quali provengono dal settore industriale (70%) o dei materiali (20%). Il produttore di acciaio Nucor ( NUE ), la società di gestione dell’energia Eaton ( ETN ) e l’azienda di materiali da costruzione Vulcan Materials ( VMC ) sono alcune delle aziende che sono state le prime in mente non appena il presidente Joe Biden ha rivolto la sua attenzione alla spesa per le infrastrutture.

Poiché i dollari per le infrastrutture inizieranno effettivamente a essere spesi nel 2022, i vari componenti di PAVE dovrebbero sentire il vento nelle loro vele.

10. Vanguard Energy ETF ( VDE )

 

  • Tipo: Settore energetico
  • Risparmio gestito: 7,3 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 3,5%
  • Spese: 0,10%

A dicembre, il CFRA ha guardato più favorevolmente a due settori: tecnologia e titoli energetici .

“CFRA pensa che i settori ciclici saranno potenziati ora che il selloff indotto da omicron ha probabilmente fatto il suo corso”, afferma Todd Rosenbluth, capo della ricerca su ETF e fondi comuni di investimento di CFRA. Ha osservato che il collega Sam Stovall, chief investment strategist, ha aggiornato tecnologia ed energia da Marketweight (equivalente a Hold) a Overweight (equivalente a Buy), aggiungendo che la forza relativa dei settori nel 2021 li posiziona per una potenziale sovraperformance nel 2022.

Ma mentre la tecnologia è piena di opzioni ETF interessanti, “gli investitori hanno meno scelte interessanti nel settore energetico”, afferma Rosenbluth. “CFRA ha rating a quattro o cinque stelle solo su due dei 19 ETF classificati nel settore statunitense”.

Uno di questi è il Vanguard Energy ETF ( VDE ), che è, come XLI, un altro semplice fondo settoriale. A differenza di XLI, tuttavia, VDE è più delle large cap dell’S&P 500, mentre il fondo da 104 holding è ancora pesante nelle grandi società (52%), un altro 36% degli asset è in titoli a media capitalizzazione e il resto è in small cap.

Come la maggior parte dei fondi energetici ponderati in base alla capitalizzazione, tuttavia, VDE è interamente incentrato su Exxon Mobil ( XOM ) e Chevron ( CVX ), che insieme rappresentano un enorme 38% delle attività. Ciò significa che più di un terzo della performance giornaliera del fondo può essere attribuita a qualunque cosa facciano queste major energetiche integrate in un determinato giorno.

Ma l’impatto maggiore su VDE sarà qualunque cosa facciano i prezzi del petrolio. Rosenbluth osserva che Action Economics prevede che i prezzi del West Texas Intermediate (petrolio greggio statunitense) raggiungeranno una media di  83,26 dollari al barile entro la fine del 2022, grazie in parte all’aumento del PIL globale. Stovall aggiunge che “la continua forte disciplina dell’offerta dell’OPEC manterrà probabilmente una pressione al rialzo sui prezzi”.

11. TrueShares Technology, AI e Deep Learning ETF

  • Tipo: tematico (tecnologie multiple)
  • Risparmio gestito: 34,6 milioni di dollari
  • Rendimento da dividendi: 0,0%
  • Spese: 0,69%

L’altro settore CFRA è più caldo quando entriamo nel 2022 è la tecnologia. E Todd Rosenbluth, responsabile della ricerca sugli ETF e sui fondi comuni di investimento dell’azienda, afferma che agli investitori viene offerto un punto di ingresso nella tecnologia all’inizio del 2022.

“Il recente ritiro dei nomi ad alta crescita e orientati alla tecnologia rappresenta una maggiore opportunità di acquisto in vista del 2022 in un contesto di tassi di interesse in aumento in cui è probabile che i vincoli di offerta e le pressioni inflazionistiche si allentino”, afferma.

Nella maggior parte degli anni, gli investitori potrebbero benissimo investire in un fondo indicizzato del settore di base e chiamarlo un giorno. Onestamente, questo potrebbe fare di nuovo il trucco nel 2022.

Tuttavia, potresti voler concentrare i tuoi investimenti su una manciata di tecnologie rivoluzionarie correlate che stanno iniziando a cambiare il modo in cui opera il mondo. Se è così, prendi in considerazione il giovane TrueShares Technology, AI and Deep Learning ETF ( LRNZ ), che è arrivato sul mercato a marzo 2020 ed è il più piccolo dei nostri migliori ETF da acquistare per il 2022, a soli $ 35 milioni circa di asset in gestione .

“Il deep learning è una convergenza di opportunità e capacità”, afferma Michael Loukas, principale e CEO dell’emittente LRNZ TrueMark Investments. “[L’intelligenza artificiale] esiste, tecnicamente parlando, da circa 100 anni. E la realtà è che la prima vera applicazione è stata durante la seconda guerra mondiale, quando hai iniziato a vedere le macchine per decifrare i codici. E il motivo per cui non è avanzato ben oltre il punto in cui siamo adesso è perché non c’era abbastanza potenza di elaborazione.

AI e deep learning, perché funzionino, sono necessari dati, algoritmi e potenza di elaborazione, hardware. E finalmente siamo in una fase in cui gli algoritmi, i dati, i processori stanno tutti al passo l’uno con l’altro. Cambierà il mondo fondamentalmente”.

Il portafoglio LRNZ, quindi, è una raccolta di 23 titoli di leader in piattaforme, algoritmi o applicazioni di intelligenza artificiale, machine learning o deep learning. Mentre le partecipazioni coprono diversi settori, spiccano la sicurezza informatica, il software-as-a-service e la biotecnologia. “Queste tre aree sono davvero intrecciate con la crescita e l’opzione del deep learning”.

Le principali partecipazioni al momento includono la società di sicurezza basata su cloud Zscaler ( ZS ), il produttore di chip Nvidia e la società di monitoraggio cloud Datadog ( DDOG ).

12. Global X Cybersecurity ETF ( BUG )

 

  • Tipo: Industria (sicurezza informatica)
  • Risparmio gestito: 1 miliardo di dollari
  • Rendimento da dividendi: 0,3%
  • Spese: 0,50%

“La criminalità informatica è una delle minacce più scoraggianti e in più rapida evoluzione che le aziende devono affrontare oggi”, affermano gli analisti di William Blair Corey Tobin e Nabil Elsheshai. “Presenta inoltre un’opportunità per gli investitori di trarre vantaggio dalla crescita della prossima generazione di fornitori leader di sicurezza informatica”.

Se leggi le notizie, è difficile non essere d’accordo. Se c’è qualcosa che ci viene spesso ricordato, è che i criminali informatici trovano costantemente modi per accedere a informazioni sensibili dal governo, dall’esercito e dal settore privato e che l’unico modo per respingerli è riversare più risorse nella sicurezza informatica.

Ciò rende alcune previsioni di mercato terribilmente interessanti.

“Prevediamo che il settore del software per la sicurezza informatica crescerà di circa il 12% anno su anno a medio termine, raggiungendo i 220 miliardi di dollari entro il 2025, rendendolo uno dei segmenti in più rapida crescita del mercato del software, dietro solo alla gestione delle relazioni con i clienti e gestione del database”, affermano Tobin ed Elsheshai.

Il fornitore di ETF Global X cita le stime di Grand View Research che affermano che la crescita continuerà ancora più lontano nel futuro, fino a $ 370 miliardi entro il 2028. E questo è un importante punto di forza del loro Global X Cybersecurity ETF ( BUG ).

BUG è un fondo piuttosto semplice che investe in più di 30 titoli di sicurezza informatica . Al momento, le partecipazioni principali includono lo specialista di firewall Palo Alto Networks ( PANW ), la società di sicurezza aziendale Fortinet ( FTNT ) e l’ampio fornitore di sicurezza informatica Check Point Software ( CHKP ).

13. Invesco S&P 500 ETF Equal Weight Real Estate ( EWRE )

  • Tipo: Settore , settore Immobiliare
  • Risparmio gestito : 142,7 milioni di dollari
  • Rendimento da dividendi: 2,7%
  • Spese: 0,40%

I fondi di investimento immobiliare (REIT) , in genere una delle migliori fonti di rendimento azionario del mercato, si preannunciano tra le scelte più popolari degli strateghi che guardano al 2022.

“Gli investimenti immobiliari trarranno vantaggio da una serie di correnti macroeconomiche incrociate: l’economia si sta riprendendo, il che dovrebbe portare a tassi di occupazione più elevati e i REIT sono stati storicamente tra gli asset con le migliori prestazioni durante periodi di inflazione superiore al normale”, afferma Jason Pride e Michael Reynolds, il rispettivo chief investment officer del patrimonio privato e vicepresidente della strategia di investimento presso la società di gestione degli investimenti Glenmede.

In effetti, S&P Global osserva che durante la maggior parte dei periodi di tassi in aumento significativo, i REIT hanno eguagliato o superato l’S&P 500.

L’ ETF Invesco S&P 500 Equal Weight Real Estate ( EWRE ) fornisce una piccola svolta al tradizionale aspetto del settore. Cioè, prende i 30 REIT all’interno dell’S&P 500 e, invece di ponderarli in base alla capitalizzazione di mercato, li pondera ugualmente ad ogni ribilanciamento. Le principali partecipazioni in questo momento includono l’operatore di strutture di self storage Public Storage ( PSA ), l’infrastruttura di telecomunicazioni Play Crown Castle ( CCI ) e il data center REIT Equinix ( EQIX ).

Il risultato di ciò è che è meno probabile che l’ETF si svuoti perché uno qualsiasi dei suoi componenti si è improvvisamente disfatto. Naturalmente, il rovescio della medaglia è che se una componente più ampia decolla, EWRE non trarrà vantaggio tanto quanto un fondo ponderato per la capitalizzazione.

Un altro vantaggio: il fondo di Invesco offre un rendimento maggiore rispetto a molti dei suoi omologhi in un settore già noto per la generosità dei dividendi.

 

14. SPDR S&P Regional Banking ( KRE )

  • Tipologia: Industria , Banche locali
  • Risparmio gestito: 5,8 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 2,0%
  • Spese: 0,35%

L’ampio fascino dei titoli finanziari , in particolare delle banche, all’inizio del 2022 non è troppo difficile da capire.

Un’economia in miglioramento è generalmente positiva per l’attività finanziaria, in particolare prodotti come mutui e prestiti auto. E tassi di interesse più elevati aiutano le banche a godere di spread migliori tra ciò a cui prendono in prestito e ciò a cui prestano, ingrassando i loro profitti.

“Riteniamo che gli investitori debbano continuare a [essere] sovrappesati nelle banche statunitensi e, a tre mesi dall’inizio della nostra chiamata ‘buy the banks’, ci sentiamo ancora meglio riguardo all’ [utile per azione] positivo e all’opzione di valutazione derivante dall’influenza della crescita dei prestiti, dalla ridistribuzione della liquidità e dall’aumento degli interessi tariffe”, afferma Christopher McGratty, analista di Keefe, Bruyette & Woods (KBW). “La nostra preferenza è possedere istituti di credito basati su spread con i [titoli a bassa e media capitalizzazione] che offrono il maggior valore relativo, mentre aumenti dei tassi prima/più frequenti potrebbero aggiungere dal 10% al 20% al 2023 [utili] per molti dei nostri preferiti nomi sensibili agli asset.”

Puoi trovare la parte del leone di quei nomi, tra cui First Citizens BancShares ( FCNCA ), Signature Bank ( SBNY ) e Citizens Financial ( CFG ), nell’ETF SPDR S&P Regional Banking ( KRE , $ 75,63).

KRE detiene più di 140 banche regionali e lo fa attraverso un sistema di ponderazione uguale modificato che garantisce un divario di rappresentanza più sottile tra le superregionali e le piccole banche locali. È così che  89 miliardi di dollari di PNC Financial ( PNC ) finiscono per essere il peso n. 14 … solo due slot sopra First Citizens, che è una semplice azienda da $ 200 milioni.

15. iShares MSCI International Quality Factor ETF

  • Tipo: miscela internazionale (fattore di qualità)
  • Risparmio gestito: 4,3 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 2,4%
  • Spese: 0,30%

A livello internazionale, le azioni dei mercati sviluppati, in particolare le azioni europee, sono note da tempo per avere valutazioni molto più interessanti rispetto alle loro controparti statunitensi. Questo rimane il caso oggi, ma gli strateghi citano anche il potenziale di rimbalzo mentre guardano attraverso gli stagni.

“A livello globale, l’Europa e il Giappone sono stati particolarmente colpiti dalla pandemia nel 2021”, afferma Ryan Detrick, chief market strategist di LPL Financial, il più grande broker-dealer indipendente della nazione. “Ma poiché i casi di COVID-19 potenzialmente diminuiscono a livello globale, quelle aree potrebbero essere mature per una migliore crescita economica nel 2022”.

L’economista europeo di Capital Group, Robert Lind, aggiunge che “Le principali economie europee potrebbero crescere significativamente più velocemente [rispetto agli Stati Uniti], tra il 4,0% e il 5,0%, poiché l’eurozona gode di un ritardato ma ora forte rimbalzo del COVID”.

L’ ETF iShares MSCI International Quality Factor ( IQLT ) offre un’esposizione diversificata all’Europa, al Giappone e ad altri mercati sviluppati, filtrando allo stesso tempo i titoli in base alle stesse metriche del fattore di qualità di QUAL.

Il portafoglio di 300 titoli è il più pesante dell’Europa sviluppata, che costituisce la metà del portafoglio, e questo senza rappresentare un’ulteriore esposizione del 14% al Regno Unito Il Giappone rappresenta un altro 14% delle attività e il resto del portafoglio è distribuito in tutto il Canada , Australasia e Asia sviluppata.

Sia QUAL che IQLT sono in gran parte fondi blue-chip, con le partecipazioni del primo in media di circa $ 150 miliardi di capitalizzazione di mercato e il secondo più vicino a $ 60 miliardi. E come nel caso di molti fondi europei, IQLT spesso rende più del suo cugino americano. Ma è l’attenzione all’affidabilità e alla stabilità che potrebbe fare di IQLT uno dei migliori ETF per il 2022.

Le principali partecipazioni al momento includono il produttore olandese di apparecchiature per semiconduttori ASML Holding ( ASML ), il colosso farmaceutico svizzero Roche Holding ( RHHBY ) e la società francese di beni di lusso LVMH ( LVMUY ).

16. iShares MSCI Regno Unito ETF (EWU )

 

  • Tipo: regione internazionale (Regno Unito)
  • Risparmio gestito: 3,4 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 4,3%
  • Spese: 0,51%

 

Mentre le azioni europee sono considerate poco costose al momento, le azioni britanniche sono decisamente a buon mercato.

Mike Bell, stratega del mercato globale per JP Morgan Asset Management, ha affermato durante l’estate 2021 che “le valutazioni del Regno Unito non sono solo economiche rispetto ad altri mercati. Sono anche al di sotto della loro valutazione media di lungo periodo dal 1990”. E poco è cambiato da allora.

“Penso che a livello regionale il Regno Unito sia piuttosto interessante. È il mercato più economico in base all’unità di crescita a livello globale, e per me penso che non ci siano molte ragioni a lungo termine per quella dislocazione, e penso che rappresenta un’opportunità di ritorno positivo”, aggiunge George P. Maris, co-responsabile delle azioni, Americhe, per Janus Henderson.

L’ ETF iShares MSCI United Kingdom ( EWU ), quindi, potrebbe essere uno dei migliori ETF da acquistare per il 2022, almeno se i prezzi value delle azioni britanniche si tradurranno finalmente in rendimenti dopo anni di risultati deludenti.

EWU è una raccolta decentemente equilibrata di 85 titoli che vede sei settori attualmente ponderati a due cifre. I beni di prima necessità (20%) sono in cima alla lista, ma i finanziari, la sanità, l’industria, i materiali e l’energia svolgono tutti un ruolo significativo nel portafoglio. Le partecipazioni principali includono il nome farmaceutico AstraZeneca ( AZN ), il gigante dei prodotti di consumo Unilever ( UL ) e il produttore di alcolici Diageo ( DEO ).

Il P/E medio di un titolo EWU è inferiore a 12 in questo momento e anche P/S e P/B sono al di sotto della media della categoria. Anche i nuovi investitori stanno ottenendo attualmente molto più del rendimento dell’S&P 500 al 4,3%.

17. Freedom 100 Emerging Markets ETF ( FRDM )

 

  • Tipo: Mercati emergenti
  • Risparmio gestito : 125,6 milioni di dollari
  • Rendimento da dividendi: 2,2%
  • Spese: 0,49%

 

La maggior parte degli investitori può fornirti una panoramica generale sui rischi che stanno assumendo quando inseguono la crescita attraverso i mercati emergenti (ME). Ma raramente hanno vissuto un esempio così acuto e doloroso come quello che la Cina ha consegnato nel 2021.

In poche parole, la Cina ha represso le società quotate in borsa, in particolare nel settore tecnologico. Nell’aprile 2021, Pechino ha costretto l’Ant Group di Jack Ma, il più grande fornitore di servizi di pagamento del paese, a ristrutturarsi per assomigliare più a una società bancaria, e poi a settembre numerosi rapporti affermavano che la Cina stava progettando di smantellare l’app Alipay di Ant Group per essere smantellata. All’inizio di dicembre, il gigante del ride-sharing Didi Chuxing è stato costretto a ritirarsi dalla borsa di New York e perseguire una quotazione a Hong Kong. Nel mezzo, Alibaba ( BABA ), JD.com ( JD ) e altri giganti online sono stati colpiti con pesanti sanzioni antitrust.

“Penso che per gli investitori, questo ha fatto capire loro di aver calcolato male il rischio di autocrazia e il rischio di intervento del governo nei mercati emergenti”, afferma Perth Tolle, sponsor del Freedom 100 Emerging Markets ETF ( FRDM ), che cerca di eludere questo e altri rischi nei mercati emergenti che possono in definitiva soffocare la crescita economica.

Vedete, FRDM è un allontanamento dagli altri migliori ETF da acquistare per il 2022 in quanto non è ponderato per la capitalizzazione di mercato o equamente ponderato … ma ponderato per la libertà .

Il tracking index dell’ETF inizia con un universo di selezione di 26 paesi emergenti. Da lì, devono essere soddisfatti i requisiti minimi di capitalizzazione di mercato a livello nazionale. Quindi, utilizzando i dati a livello nazionale del Cato Institute, del Fraser Institute e della Friedrich Naumann Foundation for Freedom, i paesi vengono selezionati e ponderati in base a 76 diverse metriche di libertà civiche, politiche ed economiche, come lo stato di diritto, la libertà di stampa , le libertà delle donne e l’ingerenza del governo nei mercati privati.

Il risultato è un fondo dei mercati emergenti molto diverso rispetto a molti ETF di spicco che hanno una forte presenza di Cina e India. Nessuno dei due è presente nel 2022: Taiwan (20%), Cile (19%) e Corea del Sud (17%) sono i primi tra i 10 paesi rappresentati.

La mancanza di esposizione alla Cina da parte dell’ETF Freedom 100 Emerging Markets in particolare è stata un vantaggio nel 2021, poiché molti ETF specifici per la Cina hanno perso più del 20% verso la fine dell’anno e gli ampi fondi dei mercati emergenti con una forte esposizione ai mercati emergenti sono stati trascinati verso rendimenti negativi. FRDM ha prodotto un rendimento totale positivo del 6% nel 2021.

“Abbiamo sempre affermato che i paesi più liberi ottengono risultati più sostenibili, si riprendono più rapidamente dai prelievi, utilizzano il capitale e la manodopera in modo più efficiente e hanno meno fughe di capitali”, afferma Tolle. “Abbiamo avuto modo di testare la seconda parte (recupero più velocemente) nell’ultima parte del 2020; ha superato quel test e ha sovraperformato i mercati emergenti generali, i mercati emergenti ESG e i mercati emergenti esclusi la Cina. Ma nel 2021 abbiamo davvero visto la tesi più basilare, che è che le libertà personali ed economiche pongono le basi per la crescita”.

Una crescente consapevolezza da parte degli investitori di questi principi ha aiutato l’ETF Freedom 100 Emerging Markets a più che triplicare le sue attività nel 2021, ed è cresciuto ancora di più, fino a circa $ 126 milioni all’ultimo controllo. E entrando in un 2022 in cui molti strateghi hanno la Cina come un grosso punto interrogativo, FRDM toglie almeno un’incertezza dal tabellone.

Azioni di semiconduttori perchè sono un investimento intelligente

18. SPDR Bloomberg 1-10 anni TIPS ETF ( TIPS )

 

  • Tipo: Obbligazione protetta dall’inflazione
  • Risparmio gestito: 1,5 miliardi di dollari
  • Rendimento SEC: -0,15%*
  • Spese: 0,15%

 

Gli investitori obbligazionari si trovano ad affrontare alcune serie sfide nel 2022. Le banche centrali di tutto il mondo sono pronte a rafforzare la loro politica monetaria, e questo include la Federal Reserve qui a casa.

Nella riunione politica di dicembre, la Fed ha affermato che avrebbe effettivamente raddoppiato il ritmo del tapering, il che avrebbe posto la fine dei suoi acquisti di attività a marzo, piuttosto che a metà del 2022 come previsto in precedenza. Nel frattempo, il “dot plot” di dicembre indica che la maggioranza dei membri della Fed ritiene che il tasso di interesse di riferimento aumenterà tre volte nel 2022.

Questo, oltre alle aspettative di un rallentamento dell’inflazione ma comunque superiore a quello pre-COVID, ha diversi strateghi che raccomandano i Treasury Inflation-Protected Securities (TIPS), che sono titoli di stato statunitensi che aumentano con l’inflazione e diminuiscono con la deflazione.

“Barbelling credit con TIPS potrebbe aggiungere un altro flusso di reddito reale, questa volta sul lato difensivo di un portafoglio obbligazionario”, affermano gli strateghi di State Street Global Advisors. “Poiché i TIPS sono supportati dalla piena fiducia e credito del governo degli Stati Uniti, hanno un basso rischio di credito. L’aggiunta di TIPS a un portafoglio potrebbe aiutare a contrastare parte del rischio azionario introdotto dalla sovraponderazione del credito”.

L’ ETF SPDR Bloomberg 1-10 Year TIPS ( TIPX ) aggiunge un altro livello di difesa prendendo di mira le questioni a scadenza più breve. Le circa 40 partecipazioni di TIPX hanno una scadenza media di poco inferiore a cinque anni, che è ben al di sotto della media della categoria di quasi otto anni. Di conseguenza la durata è di 4,9 anni, contro i 6,8 della media di categoria. (La durata è una misura del rischio del fondo obbligazionario che implica che per ogni aumento di punti percentuali dei tassi di interesse, TIPX diminuirà del 4,9% e viceversa.)

TIPX è una voce dolorosamente noiosa nei nostri migliori ETF da acquistare per il 2022: ovviamente non conterai una fortuna seduto in TIPS di breve durata. Ma dovrebbe fornire una misura di protezione contro l’inflazione persistente, più che compensare il rendimento corrente marginalmente negativo del fondo.

* Il rendimento SEC riflette l’interesse guadagnato dopo aver dedotto le spese del fondo per il periodo di 30 giorni più recente ed è una misura standard per i fondi obbligazionari e di azioni privilegiate.

19. Fidelity High Yield Factor ETF ( FDHY )

 

 

Se gli investitori vogliono spremere il rendimento dal mercato del reddito fisso nel 2022, diversi strateghi suggeriscono di andare alla grande o di tornare a casa. Ciò significa scavare nel debito ad alto rendimento (leggi: “spazzatura”) .

“Un’area del reddito fisso che ha una forma ragionevole è l’alto rendimento”, afferma Kirstie Spence, gestore di portafoglio a reddito fisso di Capital Group. “Sebbene sia all’estremità più stretta del suo range storico, il rendimento è ancora un aumento molto sostanziale sia per le società investment grade, sia per i Treasury statunitensi”.

Inoltre, aggiunge Gene Tannuzzo, Global Head of Fixed Income di Columbia Threadneedle, “Riteniamo che il 2022 sarà un anno forte per le ‘astri nascenti’ poiché molte società ad alto rendimento raggiungono lo status di investment grade. In un ambiente in cui l’apprezzamento dei prezzi appare debole, i candidati a stelle nascenti potrebbero rappresentare una rara opportunità di guadagno. I premi per il rischio tra le obbligazioni con rating BB e BBB offrono ancora valore e i prezzi potrebbero aumentare poiché gli investitori prevedono rating più elevati”.

Tuttavia, afferma Tannuzzo, “ci vuole una ricerca fondamentale mirata sul credito per identificare queste storie di credito favorevoli prima dell’azione delle agenzie di rating”. Pertanto, gli investitori potrebbero essere meglio serviti con un tocco gestito attivamente, mettendo Fidelity High Yield Factor ETF ( FDHY , $ 52,22) tra i nostri migliori ETF per il 2022.

Michael Cheng, che ha ricoperto il ruolo di lead manager sin dall’inizio nel giugno 2018, supervisiona un portafoglio di circa 425 emissioni di debito di qualità inferiore a investment grade. La qualità del credito qui è migliore rispetto alla maggior parte dei peer, con il 45% delle attività in obbligazioni con rating BB (il grado più alto di spazzatura) e un altro 48% in titoli di debito con rating B. Solo il 5% è in obbligazioni inferiori a B, contro la media della categoria di quasi il 15%.

Ciò consente a FDHY di beneficiare potenzialmente di guadagni dalle obbligazioni “astro nascente”, offrendo allo stesso tempo un rendimento SEC interessante di oltre il 4% al momento.

20. VanEck Preferred Securities ex Financials ETF

 

  • Tipo: azioni privilegiate
  • Risparmio gestito: 1,1 miliardi di dollari
  • Rendimento SEC: 5,2%
  • Spese: 0,40%

A parte la spazzatura, poche altre categorie di reddito fisso offrono rendimenti superiori all’inflazione. Tra loro? Azioni privilegiate .

Le aziende a volte emettono azioni privilegiate come un altro modo per raccogliere fondi senza diluire gli azionisti di azioni ordinarie ma anche senza accumulare più debiti. E vengono spesso definiti “ibridi” perché condividono le caratteristiche sia con le azioni che con le obbligazioni.

Da un lato, le azioni privilegiate rappresentano effettivamente la proprietà della società e vengono scambiate in borsa proprio come le azioni ordinarie. Tuttavia, il reddito che producono è più simile al pagamento della cedola di un’obbligazione: un importo fisso piuttosto che il dividendo di un’azione, che può crescere nel tempo. Inoltre, le azioni privilegiate tendono a negoziare attorno a un valore nominale, come un’obbligazione, quindi non ti affidi a loro per la crescita come fai con le azioni ordinarie.

E il soprannome “preferito”? Questo perché gli azionisti privilegiati hanno effettivamente la priorità sugli azionisti comuni. Una società non può tagliare il dividendo sui privilegiati finché non taglia i beni comuni. E in alcuni casi, i dividendi sono cumulativi: se la società smette di pagare per qualsiasi motivo, alla fine deve comunque pagare tutti i dividendi dovuti agli azionisti privilegiati.

Diversi ETF forniscono accesso ai preferiti, ma tra i migliori c’è il VanEck Preferred Securities ex Financials ETF ( PFXF ).

PFXF è stato creato nel 2012, sulla scia della Grande Recessione, come uno dei numerosi fondi “ex-finanziari” destinati a evitare i rischi del settore travagliato. Vedete, la maggior parte dei fondi privilegiati pullula di azioni privilegiate emesse da banche, assicuratori e altri titoli del settore finanziario, che naturalmente sono cresciuti quando la crisi finanziaria ha mandato alcuni operatori alla bancarotta e ha messo altri in pericolo esistenziale.

VanEck Preferred Securities ex Financials ETF si rifiuta di detenere tali privilegi. Invece, le sue 127 partecipazioni provengono da settori come servizi pubblici (28%), REIT residenziali e commerciali (17%) e telecomunicazioni (9%).

È un presupposto sicuro che la maggior parte degli investitori non pensa che un’altra crisi finanziaria sia imminente. Ma il fondo di VanEck è ancora rilevante grazie a rendimenti più elevati e costi inferiori rispetto alla maggior parte dei suoi pari. Ciò lo ha portato a sovraperformare rispetto alla maggior parte degli altri principali fondi privilegiati in ogni periodo di tempo significativo.

21. Abrdn Bloomberg All Commodity Longer Dated Strategy K-1 Free ETF ( BCD )

  • Tipo: hard commodities
  • Risparmio gestito: 142,3 milioni di dollari
  • Rendimento da dividendi: 7,7%
  • Spese: 0,29%

Un’ultima mossa per affrontare sia l’inflazione che il ritorno alla ripresa sono le hard commodities, che il Wells Fargo Investment Institute (WFII) è rialzista nel dirigersi verso il 2022.

“Ci aspettiamo un altro buon anno”, afferma John LaForge, capo della strategia globale per gli asset reali per WFII. “Il punto medio del nostro obiettivo Bloomberg Commodity Index (BCOM) per il 2022 è del 15% in più rispetto al prezzo di chiusura di mercoledì scorso. Se raggiunto, questo sarebbe il terzo anno consecutivo di guadagni a due cifre per il BCOM”.

In breve, Wells Fargo ritiene che le materie prime abbiano iniziato un nuovo super ciclo rialzista – un periodo durante il quale i prezzi delle materie prime si muovono in gran parte insieme in sincronia – a marzo 2020. I cicli rialzisti hanno una media di 17,5 anni con un guadagno medio del 247% e l’attuale ciclo rialzista ha guadagnato solo il 63% e ha meno di due anni.

“Per ottenere esposizione al super ciclo rialzista delle materie prime, consigliamo un ampio paniere di materie prime”, afferma LaForge, poiché “è noto che i super cicli rialzisti hanno alzato i prezzi della maggior parte delle materie prime”.

Inserisci l’ Abrdn Bloomberg All Commodity Longer Dated Strategy K-1 Free ETF ( BCD , $ 33,57). BCD offre agli investitori l’accesso alla performance di contratti futures per quasi due dozzine di materie prime, dal gas naturale all’alluminio al mais. Attualmente, l’esposizione è più pesante nelle materie prime energetiche (34%), seguite da agricoltura (30%), metalli preziosi (16%), metalli industriali (14%) e bestiame (6%).

E come suggerisce il nome, Abrdn Bloomberg All Commodity Longer Dated Strategy K-1 Free ETF non invia un modulo fiscale K-1 ogni anno, il che è una benedizione per gli investitori che non vogliono la complessità fiscale aggiuntiva. Invece, otterrai un modulo 1099.

22.  ProShares Short S&P500 ETF ( SH )

  • Tipo: Stock inverso
  • Risparmio gestito: 1,5 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendi: 0,0%
  • Spese: 0,88%

“Avere sempre un piano di fuga.”

La battuta finale di Desmond Llewellyn come Q nel franchise di James Bond potrebbe aver servito bene molti investitori durante il mercato ribassista del COVID del 2020. Uno dei modi migliori per evitare perdite profonde delle azioni, ovviamente, è non essere long sulle azioni.

Ma questo è controintuitivo rispetto a ciò che la maggior parte di noi sta cercando di realizzare. A lungo termine, ha senso per la maggior parte degli investitori attenersi a un piano buy-and-hold attraverso alti e bassi, raccogliendo dividendi lungo la strada. Se detieni titoli di alta qualità, è probabile che si riprenderanno dopo qualsiasi flessione del mercato. Fuggire in contanti, nel frattempo, non solo potrebbe impedirti di godere di un rimbalzo se imposti il ​​mercato sbagliato, ma potrebbe anche privarti di interessanti “rendimenti sui costi” (il rendimento effettivo del dividendo che ricevi dalla tua base di costo iniziale).

Detto questo, lo scopo di questo elenco è assicurarti di essere preparato per qualsiasi cosa il mercato ti invii. E se siete entrambi convinti che una recessione sta arrivando e volete proteggere attivamente il vostro portafoglio da essa, un modo per farlo senza buttare via il vostro portafoglio è mettere un po’ di soldi per lavorare in una semplice copertura di mercato.

L’ ETF ProShares Short S&P500 ( SH ), in parole povere, sale quando il mercato scende. Più specificamente, fornisce il rendimento giornaliero inverso dell’S&P 500, il che significa che se l’S&P 500 scende dell’1% lunedì, SH guadagnerà l’1% (meno le spese, ovviamente).

Questo non è uno dei migliori ETF da acquistare e detenere per tutto il 2022, e certamente non per sempre. Invece, è uno strumento da utilizzare, investendo una piccola percentuale del tuo portafoglio in esso, se le tue prospettive di mercato sono molto negative. In questo modo, puoi compensare alcune delle perdite che le tue posizioni lunghe potrebbero subire durante un mercato al ribasso, come molti investitori sono stati premiati per aver fatto a febbraio 2020, quando è diventato evidente che il COVID-19 avrebbe colpito duramente gli Stati Uniti.

Il rischio naturale è che se ti sbagli e le azioni salgono, i guadagni del tuo portafoglio non saranno così robusti come avrebbero potuto essere.

Ancora una volta, se sei un investitore buy-and-hold, farai benissimo a rimanere sulla rotta. Ma se ti diverti a essere più coinvolto e vuoi svanire potenziali ribassi in futuro, SH è una copertura semplice ed efficace.

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *