Azioni di Semiconduttori: un investimento Intelligente nel Lungo Periodo

L’industria dei semiconduttori ha conquistato i titoli dei giornali nel 2021 principalmente a causa di una carenza di offerta che ha paralizzato industrie, come quelle automobilistiche, per le quali i chip sono una componente chiave. Questo settore tecnologico è stato chiamato addirittura come “il nuovo petrolio“, per sottolineare sua importanza nel futuro dello sviluppo non solo tecnologico, ma anche dell’economia e della finanza.

L’acuto squilibrio tra domanda e offerta, indotto in gran parte dalle interruzioni della pandemia, dovrebbe attenuarsi mentre ci muoviamo nel 2022. Ma l’insaziabile appetito per i semiconduttori e, per procura, le azioni di semiconduttori , continuerà a crescere.

Angelo Zino, analista per la società di ricerca sugli investimenti CFRA, prevede un “super ciclo” per il settore nel prossimo decennio con la crescita del contenuto per dispositivo e della sofisticazione dei semiconduttori. Ad esempio, le capacità di intelligenza artificiale (AI) , che sostanzialmente sostituiscono il cervello umano e richiedono chip ad alte prestazioni, si stanno espandendo in settori che vanno dalle automobili, alla medicina, ai data center.

I dispositivi stanno diventando più intelligenti. Applied Materials ( AMAT ), il più grande fornitore di apparecchiature per l’industria dei semiconduttori, prevede che tra il 2020 e il 2025, il valore del contenuto dei semiconduttori aumenterà del 50% per automobile, a $ 690, e raddoppierà per un server di data center medio, a $ 5.600 . La crescente adozione delle telecomunicazioni 5G aiuterà ad aumentare il valore del contenuto dei chip di uno smartphone di fascia alta a $ 275. Nel complesso, il settore dovrebbe espandersi da 2,5 a 3 volte il tasso di crescita del prodotto interno lordo e diventare un mercato da 1 trilione di dollari nel 2030.

Tenendo presente questa crescita inesorabile, abbiamo identificato sei interessanti stock di semiconduttori che vanno dai progettisti di chip ai produttori fino ai fornitori di apparecchiature. Le valutazioni del settore non sono economiche, ma nelle ultime settimane sono scese insieme a quelle del settore tecnologico in generale, colpito dal recente aumento dei tassi di interesse.

Azioni di Semiconduttori

Applied Materials

  • Valore di mercato: 134 miliardi di dollari
  • Rapporto prezzo/utili: 19
  • Rendimento da dividendi: 0,6%
  • Rendimento in un anno: 60,5%

La produzione di semiconduttori è un’attività ad alta intensità di capitale, con fonderie e società di chip logici e di memoria che spendono decine di miliardi di dollari ogni anno per espandere la capacità e stare al passo con il ritmo frenetico del cambiamento tecnologico. Applied Materials ( AMAT ) è il più grande produttore mondiale di apparecchiature per semiconduttori, una nicchia industriale che si è consolidata negli ultimi anni a soli cinque attori principali.

Igor Tishin, analista tecnologico presso Harding Loevner Funds, paragona i principali produttori di utensili a “fornitori di armi a un settore in crescita”. Questo perché indipendentemente da quale produttore di chip sia attivo o inattivo, tutti devono acquistare dalla stessa manciata di fornitori di apparecchiature.

Applied vende le sue macchine complesse, come le apparecchiature per l’incisione, a un mercato globale : l’anno scorso, circa il 75% delle vendite è andato alle potenze industriali asiatiche Cina, Corea del Sud e Taiwan; solo il 10% circa dei ricavi è stato registrato negli Stati Uniti

AMAT ha sfruttato le sue strette relazioni con i produttori di chip in tutto il mondo per potenziare la propria attività di servizi (come la manutenzione delle macchine), che genera ricavi ricorrenti elevati, simili ad abbonamenti ed è meno volatile degli ordini di macchine. Applied genera un enorme ritorno sul capitale proprio (una misura della redditività) di circa il 50% e si prevede che aumenterà gli utili di quasi il 20% nell’anno fiscale che si concluderà nell’ottobre 2022.

titoli di semiconduttori, migliori titoli semiconduttori
Sopra: Marvell Technology

Marvell Technology

  • Valore di mercato: 70 miliardi di dollari
  • Rapporto prezzo/utili: 40
  • Rendimento da dividendi: 0,3%
  • Rendimento in un anno: 70,0%

Marvell Technology ( MRVL ) è un buon esempio di una cosiddetta società di semiconduttori fabless: un produttore di chip che progetta semiconduttori internamente ma esternalizza la produzione a terzi, riducendo così l’intensità del capitale.

Gli affari vanno a gonfie vele perché la maggior parte delle vendite dell’azienda sono rivolte a mercati in forte crescita come i data center cloud e le infrastrutture di telecomunicazioni 5G: i clienti di rete includono Cisco Systems ( CSCO ) e Dell ( DELL ). Leader in articoli come controller per sistemi di archiviazione, Marvell fornisce produttori di unità disco rigido tra cui Toshiba, Seagate ( STX ) e Western Digital ( WDC ).

Molti dei chip che progetta sono personalizzati per i clienti, il che aumenta i costi dei clienti per cambiare fornitore e migliora la “vischiosità” delle vendite.

Zino di CFRA prevede che i ricavi di Marvell aumenteranno del 30% quest’anno e che l’utile per azione raddoppierà in due anni. Come con altre società del settore dei semiconduttori, una potenziale vulnerabilità è la dipendenza di Marvell dalla Cina, dove registra quasi la metà delle vendite.

azioni semiconduttori, azioni microchip
Sopra: il titolo Nvidia sono considerati tra le migliori azioni di semiconduttori in questo periodo

Nvidia

  • Valore di mercato: $ 681 miliardi
  • Rapporto prezzo/utili: 54
  • Rendimento da dividendi: 0,1%
  • Rendimento in un anno: 104,3%

Nel 2020, Nvidia ( NVDA ) ha detronizzato Intel ( INTC ) diventando il titolo di semiconduttori più prezioso.

È stato un bel viaggio dal 1999, quando questo disgregatore ha inventato le unità di elaborazione grafica (GPU), che hanno ridefinito l’industria dei giochi per PC. Più recentemente, Nvidia ha utilizzato le sue GPU all’avanguardia e ad alta velocità per conquistare quote di mercato in settori tra cui giochi, data center, cloud computing , machine learning, mining di criptovalute e robotica.

Adam Benjamin, manager di Fidelity Select Semiconductors Portfolio, afferma che Nvidia “sta da sola in questo momento” nel guidare il passaggio ai sistemi basati sull’intelligenza artificiale per qualsiasi cosa, dai veicoli a guida autonoma alla ricerca medica e alla diagnosi.

Il mercato capisce che il mondo è l’ostrica di Nvidia. Altamente redditizio, con vendite in crescita a multipli dell’industria complessiva dei semiconduttori, il titolo ha restituito quasi il 100% annualizzato negli ultimi tre anni, il doppio della media del settore.

Eppure molti investitori lo trovano ancora irresistibile. “Ogni volta che ho ridotto, si è rivelato un errore”, dice Tom Plumb di Plumb Funds della sua più grande partecipazione azionaria.

azioni di microchip, azioni di semiconduttori
Sopra: NXP Semiconductors

NXP Semiconductors

  • Valore di mercato: 59 miliardi di dollari
  • Rapporto prezzo/utili: 19
  • Rendimento da dividendi: 1,0%
  • Rendimento a un anno: 27,8%

Il contenuto di semiconduttori nelle auto è in aumento a causa della migrazione ai veicoli elettrici (EV) e dell’aggiunta di funzionalità sempre più sofisticate nelle auto, come sistemi di sicurezza e audio-infotainment avanzati. NXP Semiconductors ( NXPI ) è ben posizionato per cavalcare l’onda.

Le automobili rappresentano la metà dei ricavi di NXP, una quota in crescita (anche i chip per l’automazione domestica e industriale sono un’attività importante per l’azienda con sede nei Paesi Bassi).

NXP fornisce a case automobilistiche tra cui BMW, Ford ( F ), Tesla ( TSLA ) e Volkswagen ( VWAGY ) chip per sistemi di gestione della batteria nei veicoli elettrici, sistemi radar avanzati per evitare incidenti e reti a bordo del veicolo.

La società, che investe oltre il 15% dei ricavi in ​​ricerca e sviluppo, prevede una crescita annuale delle vendite dall’8% al 12% fino al 2024. NXP ha aumentato il dividendo del 50% lo scorso anno e ha l’abitudine di riacquistare azioni aggressive.

Azioni di Semiconduttori: un investimento Intelligente nel Lungo Periodo
Sopra: l’interno di una delle fabbriche a Taiwan di Taiwan Semiconductor Manufacturing

Taiwan Semiconductor Manufacturing

  • Valore di mercato: $ 640 miliardi
  • Rapporto prezzo/utili: 24
  • Rendimento da dividendi: 1,6%
  • Rendimento di un anno: 2,0%

Negli anni ’80, Taiwan Semiconductor Manufacturing ( TSM , $ 124) ha aperto la strada al business della fonderia: la produzione a contratto di chip per conto terzi.

Con una quota di mercato globale delle fonderie di oltre il 50% (tre volte superiore a Samsung Electronics, che è al secondo posto) e un blocco virtuale su chip all’avanguardia, Taiwan Semi produce semiconduttori per Apple ( AAPL ), Qualcomm ( QCOM ), Nvidia ( NVDA ), Broadcom ( AVGO ) e Advanced Micro Devices ( AMD ), tra gli altri.

In lizza con Nvidia per essere l’azienda di semiconduttori più preziosa (per valore di mercato) al mondo, Taiwan Semi sta investendo 100 miliardi di dollari dal 2021 al 2023 in nuovi impianti di produzione di chip per soddisfare la carenza di forniture e la domanda in rapida espansione.

Tishin di Harding Loevner definisce questo indispensabile produttore di chip un “monopolio naturale”, ma illuminato in quanto non abusa del suo potere di determinazione dei prezzi e tratta i clienti “in modo equo ed equo”. (Il motto dell’azienda è “Everyone’s Foundry.”)

Taiwan Semi ha poca concorrenza, quindi il suo rischio maggiore potrebbe essere la crescente tensione politica tra Cina e Taiwan, dove ha sede la maggior parte delle sue attività fisse.

Azioni di Semiconduttori: un investimento Intelligente nel Lungo Periodo
Sopra: il logo di Texas Instruments

Texas Instruments

  • Valore di mercato: 166 miliardi di dollari
  • Rapporto prezzo/utili: 22
  • Rendimento da dividendi: 2,6%
  • Rendimento a un anno: 9,35%

Potremmo essere nell’era digitale, ma la domanda di chip analogici è ancora enorme e in crescita.

Venerable Texas Instruments ( TXN ), fondata nel 1930, è il leader globale nei semiconduttori analogici, che trovano la loro strada in quasi tutti i prodotti elettronici per fornire energia per far funzionare i dispositivi, ad esempio, e per l’interfaccia tecnologica con gli esseri umani.

“La gente pensa che l’analogico non sia sexy perché non è all’avanguardia nella tecnologia, ma lo trovi ovunque”, afferma Hendi Susanto, portfolio manager di Gabelli Funds. TI, il cui catalogo prodotti di 80.000 dispositivi include anche processori che convertono il suono in dati digitali, conta 100.000 clienti in tutto il mondo, con due terzi delle sue vendite dall’Asia.

Il business analogico poco affascinante (i settori dell’elettronica industriale e personale sono i due maggiori clienti finali) cresce costantemente ed è altamente redditizio per TI, che è strettamente gestito per gli azionisti. Rispetto ai chip digitali, i cicli di vita dei prodotti analogici sono lunghi e le esigenze di spesa in conto capitale sono modeste. A differenza di molti concorrenti, TI produce i propri chip, il che aiuta a ridurre i costi.

Con margini di profitto elevati e in aumento, la società genera $ 7 miliardi di flusso di cassa gratuito all’anno e TI restituisce quasi tutto agli investitori riacquistando azioni e pagando dividendi, che l’azienda ha aumentato per 18 anni consecutivi.

Considera questi fondi per semiconduttori

Il dinamico settore dei semiconduttori cambia così rapidamente che un fondo settoriale diversificato ha senso per molti investitori. Ecco i nostri preferiti. (I resi e altri dati sono fino al 7 gennaio.)

Fidelity Select Semiconductors Portfolio ( FSELX , Expense ratio 0,7%) risale al 1985 ma è gestito da Adam Benjamin dal 2020. Benjamin afferma di essere particolarmente attratto dalle aziende che forniscono mercati finali in forte crescita secolare, come data center cloud e infrastruttura 5G. Secondo l’ultimo rapporto, le sue prime due partecipazioni erano Nvidia (con un’allocazione del 26%) e NXP Semiconductors. Il fondo ha restituito il 52% annualizzato negli ultimi tre anni.

Se preferisci investire attraverso fondi negoziati in borsa, iShares Semiconductor ( SOXX ) è un fondo ponderato per il valore di mercato modificato che replica l’indice ICE Semiconductor. SOXX limita la ponderazione delle prime cinque partecipazioni all’8% ciascuna e le restanti partecipazioni al 4% ciascuna; Le ricevute di deposito americane per le società estere collettivamente sono limitate al 10%. L’ETF ha restituito il 50% annualizzato negli ultimi tre anni.

VanEck Semiconductor ( SMH) consente fino al 25% di partecipazioni estere. Taiwan Semiconductor, al 10% del portafoglio, è la prima posizione e anche l’ASML dei Paesi Bassi è nella top 10. Il rendimento triennale annualizzato dell’ETF è del 53%.

Ti potrebbero interessare anche:

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *