Migliori Azioni di Materie Prime su cui Investire con l’Aumento dei Prezzi

Il prezzo di molte materie prime sta aumentando: ecco sette titoli di commodities pronti a trarre vantaggio da una confluenza unica di eventi.

È difficile ricordare un momento in cui i titoli tecnologici non erano il settore leader del mercato. Per oltre un decennio, i principali indici sono stati dominati da nomi di tecnologia ad alta crescita, e questo trend è aumentato durante la pandemia, poiché le persone di tutto il mondo, costrette in casa dipendevano più pesantemente dalla tecnologia per continuare a lavorare e rimanere occupati.

Ma non è sempre stato così e gli investitori oggi farebbero bene a diversificare al di fuori di questa zona di comfort e investimenti sicuri. Potremmo essere nelle prime fasi di un mercato rialzista delle materie prime, uno che potrebbe vedere i titoli delle materie prime, in genere del settore dei materiali, sovraperformare i titoli in crescita e potenzialmente per diversi anni.

“Dal 2008, il mercato ha avuto una forte preferenza per i titoli in crescita in generale e per i titoli tecnologici in particolare”, afferma John Musgrave, co-chief investment officer di Cushing Asset Management. “Ma i titoli delle materie prime e dell’energia hanno dominato nel periodo 2000-08, un periodo in cui molti titoli tecnologici sono rimasti indietro”.

Potremmo entrare in un periodo simile a quello del 2000-08. Allora, come oggi, i titoli tecnologici avevano goduto di un lungo periodo di sovrapprezzi e i titoli delle materie prime avevano sofferto un periodo di basso valore. E allora, come adesso, uscivamo da un periodo di stimoli straordinari e senza precedenti da parte della Federal Reserve e della BCE.

Ma c’è anche un altro fattore.

Con i piani infrastrutturali da trilioni di dollari dell’America e dell’Europa che si avvicina, potremmo presto vedere una domanda sostenuta di materie prime da parte dei governi. Inoltre, la spesa per le infrastrutture è popolare praticamente ovunque e, con l’economia globale che sta ancora cercando di superare gli effetti persistenti della pandemia di COVID, possiamo scommettere che altri paesi seguiranno l’esempio.

E, naturalmente, c’è l’elefante nella stanza: l’inflazione. Tra interruzioni dell’offerta legate alla pandemia e una domanda più elevata del solito, l’inflazione dei prezzi al consumo e alla produzione è aumentata a dismisura. Le materie prime sono una copertura naturale contro l’inflazione, quindi qualsiasi aumento sostenuto dei prezzi dovrebbe solo aggiungere benzina a questo fuoco.

Oggi daremo un’occhiata a sette titoli azionari pronti a trarre vantaggio da questa confluenza unica di eventi. Attenzione all’acquirente: questi titoli sono stati storicamente volatili… ma tale volatilità è accompagnata dalla possibilità di rendimenti superiori al mercato.

Leggi ancheCome si investe in Commodities / materie prime

Azioni di materie prime che stanno crescendo di valore con l’aumento di prezzi delle commodities

Migliori Azioni di Materie Prime su cui Investire con l'Aumento dei Prezzi
Immagine sopra: prezzo delle azioni Vale

1. Vale

  • Valore di mercato:  93,7 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendo: 4,7%

Inizieremo con il colosso minerario brasiliano Vale ( VALE ). Con sede a Rio de Janeiro, Vale è una dei principali aziende minerarie al mondo estrattrice  di ferro. Si batte regolarmente con altri titoli di materie prime BHP Group ( BHP ) e Rio Tinto ( RIO ) per essere il più grande minatore di minerale di ferro al mondo. Vale è anche il più grande minatore di nichel al mondo ed è un importante produttore di , oro, argento , rame e altri metalli, nonché carbone metallurgico e termico.

Se ha valore e viene utilizzato nell’industria pesante, è probabile che Vale lo tiri fuori dal terreno.

Vale non è un titolo per i deboli di cuore. Quando si muove, si muove davvero . E questo può tagliare in entrambe le direzioni. Dai minimi del 2002 ai massimi del 2008, un investitore che detiene il titolo avrebbe potuto guadagnare oltre 20 volte i propri soldi. Ma da quel picco al suo minimo nel 2016, le azioni VALE hanno perso circa il 95% del loro valore.

Il titolo ha in gran parte spinto al rialzo dal 2016 ed è davvero decollato dai minimi di marzo 2020. Ma anche dopo essere più che triplicato negli ultimi cinque anni, VALE dovrebbe ancora raddoppiare e poi alcuni per toccare i suoi vecchi massimi.

Va bene. Se le materie prime continuano a crescere, le azioni di Vale dovrebbero avvicinarsi molto ai livelli record rispetto a dove sono oggi.

Azioni di Materie Prime su cui Investire
Sopra: prezzo delle azioni dell’azienda mineraria Rio Tinto Group

2. Rio Tinto

  • Valore di mercato: 120,7 miliardi di dollari
  • Rendimento del dividendo: 6,6%

Sulla stessa linea, è quasi impossibile non possedere azioni dell’azienda collega Rio Tinto ( RIO ) se il tuo obiettivo è costruire un portafoglio diversificato di azioni di materie prime. L’azienda è uno dei più grandi player minerari del mondo e ha una storia che risale al 1873. La società ha sede a Londra ma ha attività sparse in tutto il mondo.

Le estrazioni di Rio Tinto sono molto diversificate. È un produttore leader di minerale di ferro, alluminio, rame, diamanti, titanio e persino sale.

I titoli minerari potrebbero non sembrare così appetibili in un’epoca in cui la moda rincorre i titoli di veicoli elettrici o criptovalute , che negli ultimi tempi sono spesso raddoppiati o migliorati in un solo anno. Ma Rio Tinto se la cava bene. Dai minimi della fine degli anni ’90 ai massimi del 2008, ad esempio, le azioni sono aumentate di un fattore di oltre 13.

Attualmente, Argus Research apprezza RIO tra le misure per migliorare le sue operazioni principali. “Rio Tinto ha rafforzato la sua performance operativa e il suo bilancio tagliando i costi e vendendo asset non core”, afferma l’analista David Coleman (Buy). “L’azienda ha tradizionalmente ottenuto buoni risultati durante i periodi economici difficili e, a nostro avviso, ha forti opportunità di crescita a lungo termine”.

È improbabile che RIO esploda di nuovo per questo tipo di guadagni, ma potrebbe comunque  sovraperformare in modo considerevole se la forza delle materie prime continua.

Coleman osserva inoltre che Rio Tinto può fornire rendimenti attraverso il suo ingente dividendo, che attualmente rende ben oltre il 6%. (Basta notare che, come nel caso di molte società europee , il titolo paga il dividendo semestralmente come un’obbligazione anziché trimestrale come un dividendo americano).

Azioni di Materie Prime da comprare
Immagine sopra: prezzo delle azioni dell’azienda mineraria Cliff Natural Resources

3. Cleveland-Cliffs

  • Valore di mercato: 12,0 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendo: N/A

Senza acciaio non c’è economia industriale, potrebbe essere questo l’incipit di questa azienda mineraria.

La Cleveland-Cliffs ( CLF), con sede nel suo omonimo – Cleveland, Ohio – Cleveland-Cliffs era tradizionalmente una società di estrazione di minerale di ferro. Era il più grande e antico player minerario di ferro americano, con una storia che risale al 1847. Ma dopo una serie di acquisizioni, Cleveland-Cliffs è ora anche il più grande produttore di acciaio laminato piatto del Nord America.

L’azienda è ora completamente integrata verticalmente e gestisce il processo dalla miniera all’acciaieria. Anche se questo potrebbe non isolare completamente l’azienda dai problemi della catena di approvvigionamento post-COVID che affliggono gran parte dell’economia globale, sicuramente aiuta.

Aiuta anche il fatto che Cleveland-Cliffs abbia fatto passi da gigante nell’ambientalismo, almeno per un produttore industriale pesante. L’azienda si è impegnata a essere leader nella produzione e estrazione di acciaio “sostenibili” e ha l’obiettivo di ridurre le emissioni di carbonio del 25% entro il 2030.

Le azioni di Cleveland-Cliffs sono in rialzo dal marzo dello scorso anno, aumentando di oltre un fattore cinque. Indipendentemente da ciò, gli analisti di B. Riley (Buy) chiamano ancora CLF “uno dei titoli più interessanti all’interno della nostra copertura“. Ciò è in parte dovuto al fatto che è così economico: con un rapporto prezzo/utili a termine di appena 4,8, CLF è tra i titoli di materie prime più economici che puoi trovare.

migliori azioni di commodities
Sopra: Prezzo delle azioni dell’azienda mineraria Alcoa

4. Alcoa

  • Valore di mercato: 8,7 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendo: N/A

Sebbene non sia così importante come l’acciaio, l’alluminio è un metallo industriale molto importante. È leggero, il che lo rende il metallo preferito per l’aviazione. Le case automobilistiche stanno anche sperimentando corpi in alluminio per ridurre il peso del veicolo e migliorare il chilometraggio del gas. Ford ( F ) ha fatto colpo diversi anni fa introducendo un F-150 con carrozzeria in alluminio che persiste fino ad oggi.

A differenza del ferro o dell’acciaio, anche l’alluminio non arrugginisce nel tempo, ha proprietà isolanti che possono ridurre i costi di riscaldamento e raffreddamento ed è praticamente impermeabile alle variazioni di temperatura, rendendolo ideale per molti progetti di costruzione. Queste stesse proprietà lo rendono un metallo “più verde” in un’era in cui la coscienza del clima è al centro e al centro.

Se si desidera un’esposizione all’alluminio, è difficile evitare Alcoa ( AA ), la più grande azienda americana di alluminio. Alcoa estrae il minerale di bauxite e lo trasforma in alluminio e prodotti in alluminio – e tornando al tema verde, Alcoa possiede anche centrali idroelettriche.

Come molti dei titoli di materie prime qui trattati, Alcoa è soggetta a boom e contrazioni. Il titolo AA è crollato di circa il 90% tra la fine del 2017 e il marzo 2020. Ma da allora, le azioni sono aumentate di oltre il 700% e non hanno mostrato segni di rallentamento.

materie prime su cui investire
Immagine sopra: Prezzo azioni Freeport-McMoRan

5. Freeport-McMoRan

  • Valore di mercato: 53,4 miliardi di dollari
  • Rendimento del dividendo: 0,8%

Il rame è un bene essenziale nell’edilizia e nelle costruzioni. Essendo il metallo più sicuro e più utilizzato nei cablaggi elettrici, nonché un componente importante dell’impianto idraulico, oggi è quasi impossibile costruire qualsiasi cosa senza rame.

Il rame è anche noto come fattore di rilevanza dell’economia. Il prezzo del rame infatti, ti dirà molto sulla salute dell’economia. Tende a fare bene quando l’economia è in piena espansione e un calo del prezzo del rame, spesso fa presagire un rallentamento.

Se vuoi un investimento in rame, allora ha senso possedere le azioni di Freeport-McMoRan ( FCX), uno dei player di rame più grandi e di più alto profilo al mondo.

Ma c’è di più su questo titolo.

Mentre le azioni di materie prime sono spesso associate al lato “inquinante” dell’economia reale, il rame è un componente fondamentale nella produzione di energia verde. I veicoli elettrici, come quelli prodotti da Tesla ( TSLA ) e altri, utilizzano circa quattro volte più rame dei veicoli a benzina. Quindi, più verde diventa l’economia, maggiore sarà la domanda di rame.

“Il rame dovrebbe beneficiare della crescita ciclica della domanda, della crescita secolare della domanda di veicoli elettrici a lungo termine, delle energie rinnovabili e dell’agenda di decarbonizzazione in generale e dei significativi vincoli di offerta”, affermano gli analisti di Jefferies (Buy).

 

come investire in materie prime
Sopra: prezzo azioni Newmont Mining Corporation

6. Newmont

Valore di mercato: 46,1 miliardi di dollari
Rendimento da dividendo: 3,8%
I metalli industriali sono alla base dell’economia reale, ovviamente. Ma i metalli preziosi sono stati storicamente utilizzati come copertura dell’inflazione e valutaria, e i cercatori d’oro sono un modo per ottenere un’esposizione indiretta ai metalli preziosi.

Newmont ( NEM , $ 57,73) è uno dei più grandi minatori del mondo con riserve auree accertate di 94,2 milioni di once alla fine del 2020. Gestisce un’operazione veramente globale con miniere negli Stati Uniti, Canada, Messico, Repubblica Dominicana, Perù, Suriname, Argentina, Cile, Australia e Ghana.

Oltre all’oro, l’azienda produce anche quantità significative di rame, argento, zinco e piombo.

Come nel caso dei minatori industriali, il prezzo delle azioni di Newmont può essere soggetto a oscillazioni selvagge. I prezzi dei metalli che estrae sono volatili e il minatore stesso può essere pensato come un gioco di leva dei metalli. Quindi, quando il prezzo delle azioni si muove, può davvero muoversi.

Va bene. Questo crea ampie opportunità di trading. Tra i minimi del 1984 e i massimi del 1987, le azioni sono aumentate di oltre un fattore cinque. Tra il 2000 e il 2012, le azioni sono aumentate di un importo simile. E più recentemente, le azioni sono aumentate di più di un fattore tre tra il 2015 e l’inizio del 2021. Essere dalla parte giusta di una mossa nei minatori può essere uno dei migliori scambi che tu abbia mai fatto.

Come ulteriore vantaggio, il titolo è anche un solido pagatore di dividendi. Newmont rende il 3,8% ai prezzi correnti, il che è estremamente competitivo in un mondo in cui il Tesoro a 10 anni rende solo l’1,3%.

migliori ETF materie primae su cui investire
Immagine sopra: performance dell’ETF su materie prime

7. Invesco Optimum Yield Diversified Commodity Strategy No K-1 ETF

  • Patrimonio in gestione:  6,0 miliardi di dollari
  • Rendimento da dividendo: 0,0%
  • Spese: 0,59% o  59 dollari all’anno per ogni 10.000 dollari investiti

E infine, se vuoi ignorare del tutto le azioni di materie prime e andare direttamente alle materie prime stesse, e se preferisci gli ETF ai titoli azionari, considera le azioni dell’ETF Invesco Optimum Yield Diversified Commodity Strategy No K-1 ( PDBC).

PDBC è un ETF su materie prime che replica la performance dell’indice DBIQ Optimum Yield Diversified Commodity Excess Return, composto da 14 contratti future su materie prime liquide distribuiti su energia, metalli industriali, metalli preziosi e materie prime agricole.

Il greggio West Texas Intermediate è la singola posizione più grande, ma il fondo ha posizioni considerevoli in rame, alluminio, zucchero e una miriade di altri.

Generalmente non è pratico per un ETF sulle materie prime possedere direttamente le materie prime. Ci sono costi di stoccaggio e trasporto da considerare e non c’è alcun motivo reale per possedere un silo pieno di grano quando esistono contratti a termine liquidi. PDBC ottiene l’esposizione di cui ha bisogno assumendo posizioni lunghe in future su materie prime e investendo le sue garanzie in buoni del Tesoro statunitensi. Quelle fatture non stanno aggiungendo molto ai rendimenti ai rendimenti attuali, ma se la Fed proseguirà con l’aumento dei tassi di interesse, PDBC ne trarrà beneficio poiché guadagnerà quel rendimento più elevato sulla garanzia che ha in buoni del Tesoro.

Gli ETF sulle materie prime possono essere un po’ un campo minato. Molti hanno una contabilità fiscale complessa e inviano un programma K-1 durante la stagione delle tasse anziché lo standard 1099. Bene, PDBC lo rende semplice. Se lo acquisti o lo scambi, eventuali guadagni o perdite verranno visualizzati sullo standard 1099 che ottieni dal tuo broker.

Troppo tardi per investire in materie prime?

Bisogna anche considerare l’andamento di questi grafici.

In quasi tutti si vede un aumento del valore delle azioni che però si ferma a un paio di settimane fa. Siete proprio sicuri che il valore delle materie prime continui a salire? Nessuno la ha palla di cristallo e prevede il futuro, ma i dati che abbiamo e la logica ci dicono che le maggiori economie dovrebbero countinuare a crescere, quindi sì, secondo Noi per il momento potrebbe ancora essere la mossa giusta.

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *