Comprare Azioni Tesla Conviene nel 2023? Analisi e Guida Pratica

Conviene comprare azioni Tesla, ora che il prezzo è notevolmente diminuito?

Nel 2017 le azioni Tesla Motors saranno un investimento sicuro,” diceva Morgan Stanley e accidenti se aveva ragione!!!

Questo titolo è stato uno dei fenomeni finanziari più interessanti degli ultimi anni, con un’ascesa ed una valutazione molto al di sopra dei suoi parametri normali in quanto le auto elettriche si sono riempite di così tante aspettative che hanno rivoluzionato le certezze di tanti analisti, ma è ancora un titolo su cui investire ora che ha subito una bella svalutazione?

Quotazione Azioni TESLA TSLA 

Dati Azioni TESLA  in tempo reale: Capitalizzazione, Prezzo per azione, Volume scambi , Dividendo per azione, Rapporto Dividendo/prezzo, Rapporto Prezzo/Utili, Azioni in circolazione

Previsioni Target price per quest’anno:

  • Massimo previsto: 1.600 dollari
  • Medio previsto: 940 dollari
  • Minimo previsto: 240 dollari
azioni tesla, analisi tecnica, target price, conviene comprare azioni tesla?
Sopra: Elon Musk e la sua TESLA

Analisi Previsione delle azioni Tesla per il 2023 per traders

Morgan Stanley fa una previsione di Tesla per il 2023, taglia l’obiettivo di prezzo poiché i venti contrari alla produzione persistono

Morgan Stanley ha mantenuto Tesla con un rating di sovrappeso e ha abbassato l’obiettivo di prezzo da $ 383 a $ 350.
Tesla venderà “ogni veicolo che può produrre attraverso le previsioni FY23”, prevede Morgan Stanley.
Morgan Stanley fa una previsione di Tesla per il 2023, taglia l’obiettivo di prezzo poiché i venti contrari alla produzione persistono

Gli analisti di Morgan Stanley hanno tagliato il loro obiettivo di prezzo su Tesla Inc., a seguito di una mancata consegna nel terzo trimestre.

Cosa sapere: lunedì l’ analista di Morgan Stanley Adam Jonas ha mantenuto Tesla con un rating di sovrappeso e ha abbassato l’obiettivo di prezzo da $ 383 a $ 350, citando i continui venti contrari alla produzione.

“Riteniamo che i fattori che hanno spinto la produzione e le consegne del 3Q più deboli del previsto di Tesla potrebbero continuare a presentare venti contrari nel 4Q e nell’esercizio 23”, hanno scritto gli analisti di Morgan Stanley in una nuova nota ai clienti.

Tesla ha recentemente confermato di aver venduto 343.830 veicoli nel terzo trimestre, con un aumento approssimativo del 42,5% anno su anno. La maggior parte degli analisti prevedeva consegne trimestrali di circa 360.000.

Gli analisti di Morgan Stanley hanno aggiornato le loro previsioni per riflettere la mancata consegna di Tesla. Le consegne per l’intero anno dovrebbero ora attestarsi a circa 1,31 milioni rispetto alle aspettative precedenti di 1,37 milioni.

L’ azienda guidata da Elon Musk dovrebbe ora consegnare 1,8 milioni di veicoli nell’intero anno 2023, in calo rispetto alle aspettative di 2 milioni.

La distruzione della domanda è parte del problema. Morgan Stanley ha avvertito che ciò potrebbe riflettersi nei prossimi mesi con tempi di consegna più brevi e calo dei prezzi poiché i consumatori di veicoli elettrici avvertono gli effetti dell’inflazione.

“Tuttavia, crediamo che Tesla venderà ancora tutti i veicoli che può produrre attraverso le previsioni FY23”, ha affermato Morgan Stanley.

Il nuovo obiettivo di prezzo di Morgan Stanley è di $ 350. La società di analisi ha anche abbassato il suo obiettivo di prezzo rialzista a $ 500 e il suo obiettivo di prezzo ribassista a 150 dollari. Jonas ha una valutazione di accuratezza del 58%, secondo lo strumento di valutazione degli analisti di Benzinga .

Musk ha venduto 5 miliardi di questo titolo in suo possesso e che ha detto che voleva quotare Starlink.

Le prospettive di produzione e vendita di auto Tesla per il 2023 

Gli analisti si aspettavano che Tesla fornisse 1,5 milioni di veicoli elettrici nel 2022, anche se la chiusura di Shanghai e la lunga produzione limitata probabilmente ridurranno le vendite di oltre 50.000.

Tesla produce quattro veicoli elettrici: la lussuosa berlina Model S e il SUV Model X, nonché la berlina Model 3 e il crossover Model Y. La stragrande maggioranza sono la Model 3 e la Model Y.

Tesla ha a lungo pubblicizzato Roadster, Semi e Cybertruck come veicoli futuri. Ma quelli sono stati respinti più volte. Musk dice che spera che la produzione di Cybertruck inizi nel 2023.

Ciò suggerisce che Tesla passerà tre anni – o più – prima di lanciare un nuovo veicolo dopo la Model Y nella primavera del 2020. Inoltre, il Cybertruck probabilmente servirà in gran parte il mercato statunitense. Quindi Tesla potrebbe non avere un nuovo veicolo per la maggior parte del mondo fino al 2024 o più tardi.

Musk ha detto alla chiamata sugli utili del primo trimestre che spera di avere un modello robotaxi senza volante o pedali in produzione entro il 2024, ma quella sequenza temporale sembra improbabile per una serie di motivi.

Musk ha anche affermato che Tesla non sta lavorando su un veicolo da $ 25.000, un obiettivo che aveva propagandato per anni. Sarebbe la chiave per raggiungere gran parte del mercato automobilistico globale. Anche ora, un modello del genere incontrerebbe dozzine di rivali esistenti, principalmente da produttori cinesi di veicoli elettrici come BYD.

I veicoli Cybertruck, Semi e Roadster potrebbero richiedere grandi miglioramenti nelle batterie o nella tecnologia delle batterie per essere fattibili.

I problemi di approvvigionamento materie prime di Tesla e i progetti futuri 

Tesla sta lottando con problemi tecnici per la produzione in serie della batteria 4680. Alcuni Model Y di Austin hanno 4680 pacchi batteria da una linea pilota, ma i risparmi sui costi sono probabilmente sfuggenti.

Tesla è un vero gigante mondiale dei veicoli elettrici, con vendite importanti in Nord America, Europa e Cina. Ha notevoli affari in Corea e in alcuni altri mercati asiatici. Ha quattro stabilimenti, a cominciare da Fremont, California e Shanghai, a cui si aggiungono gli stabilimenti di Austin, Texas e Berlino. Tesla esporta già in Europa, principalmente dallo stabilimento di Shanghai.

Poiché lo stabilimento di Berlino cresce nel tempo, lo stabilimento di Shanghai presumibilmente esporterà molte meno Model Y in Europa, anche se è probabile che le spedizioni della Model 3 continueranno.

Sebbene la capacità di Tesla sia destinata a salire, non ha nuovi mercati importanti in cui entrare o nuovi veicoli nel prossimo futuro.

Tesla non produce celle per batterie, almeno non nella produzione di massa. La gigafactory di Sparks, Nevada, è una joint venture con Panasonic, che produce le celle. In Cina e sempre più negli Stati Uniti, Tesla acquista batterie standard da CATL. Si sta sempre più spostando verso batterie al litio ferro fosfato. Gli LFP hanno alcuni vantaggi in termini di costi, che sono cresciuti perché non richiedono cobalto o nichel, a differenza delle batterie agli ioni di litio.

Tesla ha a lungo portato a ottenere di più dalle sue batterie, sebbene il Lucid Air di fascia alta abbia un’efficienza della batteria maggiore rispetto a Tesla.

Tesla sta sviluppando le proprie 4680 celle della batteria in un programma pilota. Le batterie 4680 non comportano una nuova chimica della batteria. Il fattore di forma più grande offre il potenziale per il risparmio sui costi, ma rimangono una serie di sfide tecniche.

Tesla è più che un semplice produttore di veicoli elettrici.

Tesla ha attività di accumulo di energia solare e batteria, ma entrambe rappresentano solo una piccola parte delle entrate totali.

Tesla genera entrate anche tramite la sua rete Supercharger. Sta iniziando ad aprire la sua rete Supercharger a veicoli non Tesla in alcune parti d’Europa, dove le stazioni di ricarica di terze parti sono comuni. Negli Stati Uniti, la rete Supercharger è ancora un grande fossato per Tesla.

Uno dei prodotti più importanti e controversi di Tesla riguarda i suoi sforzi di guida autonoma, in particolare Autopilot e Full Self-Driving. FSD è stato un fattore chiave per le entrate e per il brand builder. Se Tesla è in grado di creare un sistema di sola visione a basso costo che sia completamente autonomo ovunque e ovunque, il guadagno sarà enorme. Ma per ora, anche FSD Beta è un sistema di assistenza alla guida di livello 2.

La National Highway Traffic Safety Administration sta intensificando la supervisione contro il gigante dei veicoli elettrici, con una grande sonda di autopilota che si schianta contro veicoli di emergenza fermi. Secondo quanto riferito, l’NHTSA rilascerà statistiche sugli incidenti a guida autonoma questo mese.

Musk ha affermato che Tesla sta facendo molti sforzi per sviluppare il Tesla Bot, o Optimus. Il 2 giugno, Musk ha twittato che “potremmo avere un prototipo Optimus funzionante” entro il prossimo Tesla AI Day il 30 settembre.

La maggior parte degli esperti afferma che i robot umanoidi generici sono lontani decenni.

In conclusione, conviene comprare azioni TESLA?

Dipende. Dipende dal profili di rischio dell’investitore.

  1. Conviene investire in azioni Tesla, se hai molta esperienza come investitore.
  2. Non ti conviene comprare azioni Tesla, se sei un investitore alle prime armi.

Le azioni TESLA hanno sempre avuto la caratteristica di essere volatili e di non essere adatte ad un investitore poco esperto.

E’ un titolo più adatto ad un trader professionista o comunque adatto per una persona che ha una buona esperienza nel trading .

In particolare quest’anno, dopo la crisi finanziaria che c’è stata, questa azione potrebbe rivelarsi molto appetibile visto che si è sgonfiata da quella bolla del prezzo in cui era caduta e ora la sua quotazione è molto più vicina alla realtà.

Per quanto riguarda invece gli investitori alle prime armi, Vi consigliamo di leggere gli articoli di titoli azionari che abbiamo messo in fondo alla pagina, molti dei quali molto più adatti al Vostro profilo di rischio.

Approfondimenti:

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.