In questi giorni l’inflazione si fa sentire sui mercati finanziari, con alcuni sell-off spregiudicati che hanno fatto ad esempio calare di valore Meta/Facebook ( FB ) di 1/3 del valore in appena 2 giorni, o come quelli che stanno avvenendo nei mercati dei bond. Per preservare il capitale molti lo stanno spostando sulle materie prime, proprio quell’asset che quando c’è l’inflazione cresce di valore e quale migliore strumento di investimento per un  investitore privato se non un ETF su Commodities ( materi prime ) , facile da gestire e piuttosto bilanciato?

Molti investitori esitano ad acquistare singole materie prime, ma i fondi negoziati in borsa (ETF) rendono quest’area accessibile a una gamma più ampia di investitori. Come dicevamo, le materie prime possono essere un’utile copertura contro l’inflazione e aiutano a diversificare i portafogli di investimento oltre alle azioni e alle obbligazioni più tradizionali. Anche materie prime come argento e palladio sono considerate un porto sicuro in tempi di incertezza del mercato, mentre la domanda di una materia prima come il rame potrebbe rafforzarsi a causa dell’aumento dell’attività manifatturiera e di costruzione.

Gli ETF sulle materie prime offrono un modo per acquisire esposizione a una o più materie prime, riducendo al contempo il rischio inerente all’investimento diretto in una sola.

Leggi anche: Come investire con l’inflazioneAltri ETF contro l’inflazionePortafoglio diversificato ETF

investire in etf su commodities con inflazione, etf materie prime, etf commodities
Sopra: alcune commodities / materie prime

Perchè investire in ETF su materie prime / commodities in caso di inflazione

  • Le materie prime hanno sovraperformato il mercato azionario statunitense nell’ultimo anno.
  • I fondi negoziati in borsa (ETF) delle materie prime con i migliori rendimenti totali finali di un anno sono BDRY, GRN e KRBN.
  • La partecipazione principale del primo ETF è costituita da contratti futures all’ingrosso secco e le partecipazioni principali degli altri due fondi sono contratti futures su crediti di emissioni di carbonio.

Ci sono 52 ETF sulle materie prime che vengono scambiati negli Stati Uniti, esclusi i fondi inversi e con leva finanziaria, nonché quelli con meno di $ 50 milioni di asset under management (AUM) . Questi ETF forniscono esposizione a materie prime fisiche, non società produttrici di materie prime. 1

Le materie prime, misurate dal Dow Jones Commodity Index, hanno sovraperformato il mercato azionario statunitense negli ultimi 12 mesi, con un rendimento totale del 33,6% rispetto al rendimento totale dell’S&P 500 del 28,9%, al 9 dicembre 2021.2 L’ETF sulle materie prime con la migliore performance per il primo trimestre (Q1) del 2022, in base alla performance dell’ultimo anno, è il Breakwave Dry Bulk Shipping ETF ( BDRY ).

Di seguito esaminiamo i primi tre ETF sulle materie prime. Tutti i numeri sono al 9 dicembre 2021.

 

Breakwave Dry Bulk Shipping ETF (BDRY)

  • Performance su un anno: 304,9%
  • Coefficiente di spesa: 3,76%
  • Rendimento da dividendo annuale: N/A
  • Volume medio giornaliero di tre mesi: 364.080
  • Asset in gestione:  75,5 milioni di dollari
  • Data di inizio: 22 marzo 2018
  • Emittente: ETFMG

 

BDRY è strutturato come un pool di materie prime , una struttura di investimento privato che combina i contributi degli investitori per negoziare i mercati dei futures e delle materie prime. L’ETF fornisce esposizione al settore del trasporto di rinfuse secche, una parte fondamentale del mercato globale delle materie prime, seguendo il Breakwave Dry Freight Futures Index, che consiste in contratti future su indici specifici che misurano le tariffe per la spedizione di merci secche alla rinfusa. 3

BDRY è progettato per riflettere i movimenti di prezzo giornalieri dei contratti futures su rinfuse solide quasi a data di scadenza. Le partecipazioni del fondo consistono in futures merci con una media ponderata di circa tre mesi alla scadenza.

 

iPath Serie B Carbonio ETN (GRN)

  • Performance su un anno: 167,4%
  • Rapporto di spesa: 0,75%
  • Rendimento da dividendo annuale: N/A
  • Volume medio giornaliero di tre mesi: 73.285
  • Asset in gestione:  140,1 milioni di dollari
  • Data di inizio: 10 settembre 2019
  • Emittente: Barclays Capital

 

GRN è una borsa valori (ETN) che replica l’indice Barclays Global Carbon II TR USD. L’indice fornisce esposizione al prezzo del carbonio misurato dal rendimento dei contratti futures sui crediti di emissioni di carbonio dal sistema di scambio di quote di emissioni dell’Unione europea (UE) e dal meccanismo di sviluppo pulito del protocollo di Kyoto. Questo essenzialmente rende GRN un gioco sul riscaldamento globale.

Tutti i contratti future nel portafoglio di GRN vengono scambiati sulla borsa Intercontinental Exchange (ICE) Futures Europe e la principale partecipazione del fondo sono i contratti future sul credito di emissioni di carbonio dell’UE.

 

KraneShares Global Carbon Strategy ETF (KRBN)

  • Performance su un anno: 120,3%
  • Expense Ratio: 0,78% 7
  • Rendimento da dividendo annuale: N/A
  • Volume medio giornaliero di tre mesi: 616.166
  • Asset in gestione:  1,6 miliardi di dollari
  • Data di inizio: 30 luglio 2020
  • Emittente: China International Capital Corp.

 

KRBN replica il Global Carbon Index di IHS Markit, offrendo copertura delle quote di carbonio cap-and-trade tracciando i contratti futures sul credito di carbonio più scambiati. L’indice copre i programmi cap-and-trade europei e nordamericani, tra cui European Union Allowances (EUA), California Carbon Allowances (CCA) e Regional Greenhouse Gas Initiative (RGGI). Il fondo afferma di fornire “un metodo per coprire il rischio e andare long sul prezzo del carbonio, supportando al contempo l’investimento responsabile”.

Come GRN sopra, il portafoglio di KRBN è costituito da contratti futures su crediti di emissioni di carbonio, con oltre la metà delle sue partecipazioni anche nell’UE