Su Cosa Investire in Caso di Guerra, Cosa Comprare e Cosa Vendere per Proteggere i Risparmi

Dopo l’Ucraina, ecco Israele invasa da Hamas, qui vediamo come proteggere i risparmi da un grave evento come una guerra.

Le guerre possono aumentare la volatilità dei mercati, ma in genere non hanno un impatto a lungo termine su di essi. I titoli della difesa spesso diventano popolari a causa del loro impatto diretto sui conflitti, ma anche la domanda di investimenti rifugio come oro e denaro contante può aumentare durante i periodi di agitazione. Adottare un approccio a lungo termine per investire e mantenere la rotta, anche durante una guerra, è spesso la strategia migliore quando si dispone già di un portafoglio ben diversificato.

Sfortunatamente, la guerra è sempre stata un dato di fatto. Ma con la recente invasione russa dell’Ucraina, l’impatto economico della guerra ha colpito milioni di persone in tutta Europa in quello che è uno dei più grandi conflitti armati dalla seconda guerra mondiale. Alla notizia dell’invasione, i mercati azionari sono crollati in tutto il mondo e l’economia globale ha subito una recessione economica.

Nonostante il calo iniziale, i fondi indicizzati e le azioni sono poi aumentati, il che ha creato un’opportunità per gli investitori di diversificare e realizzare guadagni nei loro portafogli. Investire in titoli che in genere si comportano bene durante le guerre ⁠, come i titoli della difesa e dell’energia, nonché in beni rifugio come l’oro ⁠, sono tattiche popolari per resistere al rischio e all’incertezza che derivano da periodi di disordini. Tuttavia, potrebbe non essere necessario apportare modifiche a un portafoglio ben bilanciato.

LEGGI ANCHE > Cosa potrebbe accadere al prezzo del Petrolio con la Guerra in Israele .

NB: Nessuno può prevedere esattamente come un conflitto influenzerà i mercati, ma ecco alcune cose da considerare.

Investire in Caso di Guerra
Immagine sopra: La guerra in Ucraina viene considerata una guerra per procura tra Russia e Stati Uniti

Quali tipi di azioni salgono durante la guerra?

Anche con il declino iniziale e l’incertezza che derivano dalle guerre, alcuni settori in genere aumentano durante i conflitti. Questi titoli includono ⁠difesa ed energia che si riferiscono direttamente alla guerra, nonché investimenti rifugio come oro e contanti.

Titoli di difesa

Come ci si aspetterebbe, le scorte di difesa generalmente vanno bene durante la guerra. Le azioni della difesa includono società come Lockheed Martin, Boeing e Raytheon, che sono le tre principali società della difesa negli Stati Uniti, con un ampio flusso di cassa e dividendi generosi.

Le compagnie di difesa forniscono armi, aeroplani e tecnologia sia agli Stati Uniti che ai loro alleati. Ciò significa che qualsiasi aumento della domanda di questi prodotti dovuto a qualcosa di grande come una guerra andrà probabilmente a beneficio dei prezzi delle azioni di queste società.

Alcuni titoli tecnologici possono anche essere buoni investimenti se forniscono servizi di difesa o militari. Ad esempio, Le Harris Technologies Inc. è una società di tecnologia elettronica militare che fornisce comunicazioni e altre apparecchiature.

Titoli energetici

I prezzi del petrolio sono in genere influenzati durante la guerra e i prezzi fluttuano selvaggiamente. Ad esempio, l’invasione russa dell’Ucraina ha avuto un forte impatto sui prezzi del petrolio perché la Russia è uno dei maggiori fornitori europei di petrolio e gas naturale. A causa delle severe sanzioni economiche imposte dal governo degli Stati Uniti, compreso il divieto di importazione di petrolio e gas naturale russi, i prezzi del petrolio negli Stati Uniti sono ai massimi da 14 anni.

Di conseguenza, molte compagnie petrolifere stanno vedendo il prezzo delle loro azioni salire alle stelle. Exxon Mobil, una delle più grandi compagnie petrolifere quotate in borsa al mondo, sta già vedendo margini maggiori. Le azioni della società sono aumentate del 55% solo negli ultimi sei mesi, come molti altri titoli energetici.

Materie prime

Le materie prime come l’oro storicamente vanno bene durante i periodi di guerra e di inflazione. Ad esempio, dopo l’invasione russa dell’Ucraina, oro, argento, palladio e rame hanno raggiunto livelli record. Poiché la Russia è uno dei maggiori produttori di oro al mondo, i prezzi probabilmente continueranno a salire.

L’oro in particolare è visto come un bene rifugio che funge da copertura contro l’inflazione. Agli investitori piace l’oro perché il suo prezzo tende ad aumentare con il costo della vita, cosa che fa durante i periodi di inflazione.

Contanti

Il contante non è una scelta così popolare tra gli investitori, ma può comunque fornire tranquillità quando sorgono problemi di guerra. Ad esempio, il dollaro USA è balzato ai massimi degli ultimi due anni dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

La liquidità potrebbe non offrire tante opportunità di crescita come le azioni, ma valute come il dollaro USA sono ancora considerate un bene rifugio.

ETF

I fondi di scambio, noti anche come ETF, possono aiutarti a diversificare il tuo portafoglio di investimenti. Tracciano un particolare indice , settore o merce, ma possono essere acquistati e venduti in borsa proprio come un’azione normale.

Esistono ETF per una vasta gamma di settori, compresi quelli legati alla guerra come la difesa e l’energia.
Brokerage specializzati in ETF
Non sei sicuro di quale opzione sia giusta per te? Confronta tariffe e recensioni degli utenti.

investire con la guerra ecco come investire in caso di guerra

Quali tipi di azioni scendono durante la guerra?

Il rapporto tra guerra e risultati di mercato non è facile da prevedere. Tuttavia, alcuni tipi di azioni, come i marchi di lusso e le società del settore dei viaggi che fanno affidamento sulla spesa discrezionale, in genere non funzioneranno bene durante la guerra. Se il conflitto è diffuso, le persone di solito limitano i viaggi per stare più vicino a casa e tagliare le spese inutili.

Il mercato azionario va bene durante la guerra?

Storicamente, il mercato azionario rimane piuttosto resiliente durante i periodi di guerra. Tuttavia, tutto dipende dalle specificità del conflitto e dal contesto in cui avviene. I recenti conflitti in Medio Oriente, ad esempio, non hanno avuto un effetto a lungo termine sul mercato azionario. L’invasione russa dell’Ucraina è stata leggermente diversa.

La prospettiva che gli alleati degli Stati Uniti e della NATO possano essere trascinati in guerra ha aumentato la volatilità del mercato azionario e aumentato i prezzi del gas in tutto il mondo perché la Russia è uno dei principali fornitori di petrolio e gas naturale. Ad esempio, con la recente invasione russa, l’S&P 500 è crollato nei giorni successivi all’inizio della guerra fino al 7%. Tuttavia, si è ripreso in appena un mese ed è stato persino scambiato a un livello superiore rispetto a prima dell’invasione, per poi continuare a perdere.

Quando il mercato azionario si comporta male durante le guerre?

Poiché le relazioni internazionali influiscono sulla volatilità delle azioni, anche quelle che si comportano bene in tempo di guerra potrebbero subire un calo iniziale. In genere, le azioni tendono a funzionare male nelle fasi iniziali, quando iniziano a comparire avvisi e segnali estesi. Ma una volta che la guerra è effettivamente iniziata, i prezzi delle azioni possono persino aumentare in alcuni casi.

Quali investimenti erano popolari durante la seconda guerra mondiale?

All’inizio della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti stavano appena iniziando a uscire dalla Grande Depressione. La disoccupazione era alta e molti in tutto il paese stavano lottando.

Tuttavia, quando gli Stati Uniti entrarono in guerra, contribuirono a fornire un’importante fonte di crescita economica. Il Dow aumentò del 50% nei sei anni di guerra e contribuì a far uscire completamente l’economia statunitense dallo scivolone in cui si trovava dalla Grande Depressione.

  • OroSimile ai tempi moderni, l’oro è considerato un investimento sicuro e un luogo popolare dove mettere i soldi durante i periodi di incertezza economica. Il prezzo dell’oro è rimasto abbastanza costante durante la guerra, passando da  34,42 dollari l’oncia nel 1939 a 34,71 dollari l’oncia nel 1945. Poiché il prezzo non è diminuito, l’oro è diventato un investimento interessante.
  • Titoli di guerra. I titoli di guerra erano popolari durante la prima e la seconda guerra mondiale come modi in cui i cittadini potevano aiutare il governo degli Stati Uniti a finanziare lo sforzo bellico. Inizialmente etichettati come titoli di difesa, i titoli di guerra sono stati venduti dal 50% al 70% del loro valore nominale e sono stati garantiti dal governo degli Stati Uniti. Tuttavia, hanno anche pagato tassi di interesse più bassi e non hanno pagato interessi per tutta la durata dell’obbligazione.

Come adattarsi all’inflazione

La guerra può spesso aumentare l’inflazione se il debito pubblico e la tassazione aumentano ma i consumi diminuiscono. I tassi di inflazione hanno recentemente raggiunto i massimi da 40 anni negli Stati Uniti, gravando su molti consumatori.

Quando l’inflazione è alta, la maggior parte dei consumatori si ritira dalle opportunità ad alto rischio e si concentra maggiormente sulle proprie spese quotidiane. Fortunatamente, ci sono passaggi che puoi intraprendere per ridurre l’effetto dell’inflazione sul tuo portafoglio, come creare un budget e creare un affondamento di emergenza per aiutare a finanziare eventuali spese non pianificate.

Oltre al budget, ricorda di diversificare il tuo portafoglio. Non mettere tutte le uova nello stesso paniere investendo solo in beni rifugio o andando all-in con titoli di difesa. Piuttosto, costruisci un ambiente ben diversificato che possa resistere a qualunque cosa lo zeitgeist geopolitico gli metta contro.

Da ricordare assolutamente

  • Le azioni della difesa, i titoli energetici, le materie prime, la liquidità e gli ETF sono titoli e investimenti che in genere vanno bene durante i periodi di guerra e conflitto. Tuttavia, spesso è meglio costruire un portafoglio ben diversificato piuttosto che cercare di selezionare i singoli titoli vincenti durante un conflitto.
  • Le azioni di viaggio e le azioni bancarie di solito non si comportano bene durante la guerra. Se il conflitto è diffuso, le persone di solito limitano gli spostamenti per stare più vicino a casa e tagliare i costi. Inoltre, poiché la guerra colpisce l’economia, i titoli bancari non sono spesso considerati ad alte prestazioni.
  • Le azioni che si comportano bene in guerra tendono ad affondare prima dell’inizio della guerra e ad aumentare mentre il conflitto continua.
  • I problemi della catena di approvvigionamento associati all’elevata domanda e allo scoppio della guerra hanno fatto salire l’inflazione alle stelle negli Stati Uniti ai massimi degli ultimi 40 anni.

Articoli Simili:

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.