Investire in Spazio: ETF e Azioni spaziali. Come e su Chi puntare

Della fiorente industria spaziale abbiamo già parlato quando abbiamo scritto dei migliori titoli spaziali, oggi invece parliamo di ETF dedicati allo spazio. Ma questi Fondi spaziali, cioè UFO, ROKT e ARKX sono tre prodotti nettamente diversi.

Spazio: l’ultima frontiera degli investimenti?

Battute a parte, i viaggi spaziali privati, l’esplorazione e le operazioni sono una delle industrie più piccole e più giovani in cui possiamo fare ottimi investimenti, come abbiamo visto con le performance di Virgin Galactic, o le aspettative che ci sono sulle aziende spaziali di Elon Musk Starlink  e SpaceX. Anche se sei generoso, i players vicini allo spazio sono dozzine, e probabilmente hai ottenuto le dita necessarie per contare i giochi puri. Eppure l’interesse degli investitori è abbastanza forte che negli ultimi due anni è spuntata un’industria artigianale di ETF spaziali.

È un mercato in crescita, certo. In una nota del 2020, Morgan Stanley stima che “l’industria spaziale globale potrebbe generare entrate di oltre 1 trilione di dollari o più nel 2040, rispetto agli attuali 350 miliardi di dollari”. E la maggior parte di questo troverà la sua strada in una serie di settori e industrie esistenti più grandi.

“Nel breve termine, lo spazio come tema di investimento potrebbe avere un impatto anche su una serie di settori oltre a quello aerospaziale e della difesa, come i settori dell’hardware IT e delle telecomunicazioni”, afferma Morgan Stanley. “Tuttavia, le opportunità più significative a breve e medio termine potrebbero venire dall’accesso a Internet a banda larga via satellite”.

La banda larga satellitare rappresenterà il 50% della crescita prevista dell’economia spaziale globale entro il 2040 e fino al 70% nello scenario più rialzista, afferma Morgan Stanley. Aggiunge che il lancio di satelliti che offrono servizi Internet a banda larga contribuirà a ridurre il costo dei dati, proprio mentre esplode la domanda di tali dati.

Anche se potresti provare a fare un giro sulla luna con uno o due giochi individuali, diversi ETF spaziali hanno messo insieme quelli che credono saranno i beneficiari del crescente movimento dell’umanità verso le stelle. Qui, esploriamo i tre attori principali: i prodotti di Procure e SPDR, nonché il nuovo ETF spaziale ARK Invest.

Investire in Spazio: ETF e Azioni spaziali. Come e su Chi puntare
Sopra: SpaceX è l’azienda di lanciatori per lo spazio di Elon Musk ( Tesla)

1. SPDR S&P Kensho Final Frontiers ETF

  • Patrimonio in gestione: 23,9 milioni di dollari
  • Spese: 0,45%

Inizieremo con l’ETF spaziale più vecchio, ma anche il meno puro nella missione.

L’ ETF SPDR S&P Kensho Final Frontiers ( ROKT ) ha avuto inizio nell’ottobre 2018, rendendolo un relativamente principiante tra i fondi, ma un vecchio veterano brizzolato tra gli ETF spaziali.

Ma un dettaglio chiave nel nome fa capire che questo non è un ETF puramente spaziale: “frontiere”. Come al plurale.

L’indice di monitoraggio di ROKT, l’indice S&P Kensho Final Frontiers, è (il corsivo è nostro) “progettato per catturare le società i cui prodotti e servizi stanno guidando l’innovazione dietro l’esplorazione dello spazio profondo e del mare profondo “. L’indice sottostante è in realtà costituito da azioni di due indici, che raccolgono componenti dall’indice S&P Kensho Space, nonché dai componenti di esplorazione in acque profonde dell’indice S&P Kensho Drones.

Sarebbe facile confondere il risultante portafoglio di 30 azioni con un ETF del settore della difesa. Circa due terzi delle attività sono racchiuse in titoli aerospaziale e della difesa, comprese le migliori partecipazioni come Aerojet Rocketdyne Holdings ( AJRD ), Boeing ( BA ) e Northrop Grumman ( NOC ). Il resto delle partecipazioni sono un’infarinatura di società di servizi di ricerca e consulenza (7,9%), conglomerati industriali (4,5%), macchinari industriali (3,4%) e poche altre industrie.

È sempre importante capire come viene costruito un ETF, ma questo è particolarmente vero quando un “tema” (come lo spazio) non ha abbastanza azioni pure-play per riempire il roster. Questo perché le fortune del fondo potrebbero aumentare e diminuire su qualsiasi numero di driver al di fuori del tema. Con ROKT, ad esempio, i cambiamenti nella spesa per la difesa avranno probabilmente un impatto smisurato sulle sue partecipazioni.

come fare investimenti sullo spazio
Immagine sopra: Blue Origin è i9l lanciatore per missioni spaziali di Jeff Bezos ( Amazon )

2. ETF Procure Space

  • Patrimonio in gestione: $ 129,2 milioni
  • Spese: 0,75%

L’ ETF Procure Space ( UFO ) ha avuto inizio pochi mesi dopo ROKT, nell’aprile 2019, ma ha già accumulato più di cinque volte il patrimonio in gestione (AUM).

Un biglietto intelligente aiuta, ma anche, forse, un focus più mirato sullo spazio.

Il Procure Space ETF tiene traccia di un indice di azioni che hanno un’esposizione materiale alle industrie legate allo spazio. Secondo il prospetto di UFO: “Le entrate relative allo spazio di una società devono costituire (a) un minimo del 20% delle entrate annuali totali della società o (b) più di $ 500 milioni di entrate annuali”.

Al momento, Procure vanta che almeno l’80% del peso degli UFO è allocato in azioni che derivano la maggior parte dei ricavi da industrie legate allo spazio, come le telecomunicazioni satellitari, le immagini spaziali, la produzione e il funzionamento di razzi e satelliti e la tecnologia spaziale , tra gli altri.

In effetti, gli UFO sono decisamente più orientati verso la prospettiva di Morgan Stanley, quella che vede i satelliti produrre la metà se non la maggioranza della crescita legata allo spazio nei prossimi due decenni. Circa il 44% del patrimonio del fondo è racchiuso in titoli di servizi di comunicazione, tra cui la francese Eutelsat (5,2%), la società statunitense Garmin ( GRMN ) e il giapponese Sky Perfect JSAT Group (5,1%).

Sebbene il portafoglio vanti attualmente 32 società, quel numero potrebbe crescere insieme al settore.

“Dal punto di vista dell’S-Network Space Index, il numero di società non è limitato a 32”, afferma Micah Walter-Range, lo sviluppatore dell’indice dietro Procure Space ETF. “Abbiamo un numero molto maggiore di società che esaminiamo ad ogni ricostituzione semestrale e ogni volta che una soddisfa tutti i criteri finanziari e spaziali (poiché si tratta di un indice basato su regole), viene aggiunta all’indice. Noi si aspettano che il numero di aziende cresca nel tempo poiché più soddisfano i criteri per l’inclusione.

Confrontando questi due ETF spaziali consolidati, Todd Rosenbluth, Head of ETF & Mutual Fund Research per CFRA, afferma che il suo fondo attualmente favorisce ROKT “poiché troviamo molte delle posizioni industriali, come L3 Harris Technologies ( LHX ) e Northrop Grumman con valutazioni interessanti. ” Sottolinea anche la preoccupazione per le prospettive di UFO “a causa delle sue partecipazioni a bassa capitalizzazione ad alto rischio”.

come investire soldi su spazio con azioni
Immagine sopra: la costellazione di satelliti per la connessione internet SPACELINK di proprietà di Elon Musk ( Tesla )

3. ARK Space Exploration & Innovation ETF

  • Patrimonio in gestione: N/A
  • Spese: 0,75%

L’ultimo arrivato nella corsa allo spazio-ETF è l’ ARK Space Exploration & Innovation ETF ( ARKX , N/A), lanciato il 30 marzo.

Questo fondo proviene da ARK Invest di Cathie Wood, che ha prodotto molti degli ETF più performanti del 2020. Il successo dei fondi di Wood ha portato a un’ondata di attività, con l’azienda che è passata da circa 3,5 miliardi di dollari in AUM a 41,5 miliardi di dollari in un anno.

Ciò ha reso il lancio di ARKX uno dei più attesi del 2021, ma gli investitori potrebbero voler considerare di sbirciare sotto il cofano piuttosto che acquistare solo per il riconoscimento del nome.

“In breve, questo è un raro esempio in cui c’è una domanda repressa per un ETF a causa dell’azienda dietro di esso più degli investimenti all’interno, come oro o Bitcoin”, afferma Rosenbluth. “Ma gli investitori potrebbero essere sorpresi da quali azioni sono all’interno del portafoglio poiché ARK ha la facoltà di identificare le società che si adattano al tema e hanno il potenziale più alto piuttosto che seguire un indice di riferimento”.

ARKX, che mira a detenere tra 40 e 55 titoli, è un portafoglio gestito attivamente guidato nientemeno che dalla stessa Wood. Si concentra su quattro tipi di società: quelle coinvolte in società che si occupano di piattaforme aerospaziali orbitali; quelli che si occupano di piattaforme aerospaziali suborbitali; quelli che sviluppano tecnologie utilizzate dalle società legate all’esplorazione spaziale (tra cui la stampa 3D, la robotica e l’intelligenza artificiale, tra le altre); e quelli che trarranno beneficio dalle attività aerospaziali (tra cui tecnologia GPS, imaging, droni e altro).

Alcune delle partecipazioni di ARKX, come Trimble ( TRMB , 8,6%) e L3Harris Technologies (5,1%), sono abbastanza facili da spiegare e possono essere trovate negli altri ETF spaziali. È interessante notare che Wood ottiene un’esposizione alle aziende di stampa 3D attraverso il suo fondo, The 3D Printing ETF ( PRNT , 6,0%).

Ma molte delle partecipazioni iniziali di ARKX solleveranno un sopracciglio o due. Tra questi ci sono Netflix ( NFLX ), Amazon.com ( AMZN ) e persino il produttore di trattori Deere ( DE ).

“Con gli investimenti tematici, c’è uno spazio significativo per l’interpretazione da parte del fornitore di indici o del gestore attivo”, afferma Rosenbluth. Ad esempio, Cathie Wood dice a Cinthia Murphy di ETF.com che il gioco di e-commerce cinese JD.com ( JD ) fa il taglio grazie alle sue sofisticate operazioni logistiche, “usando i droni soprattutto per aiutare con la gestione della catena di approvvigionamento”.

“Dato il track record di ARK nella selezione dei titoli, ci aspettiamo che molti investitori siano aperti a un approccio discrezionale”, afferma Rosenbluth, ma aggiunge che, per ora, UFO sembra essere l’ETF spaziale più semplice del gruppo.

Conviene investire in azioni o ETF legati all’economia dello spazio?

Nel lungo periodo assolutamente sì. Questo sarà uno dei settori economici in forte crescita, ma quanto la crescita sarà “forte” e “veloce”, ad oggi è impossibile dirlo.

Si tratta di un settore che ha ancora bisogno di tanta ricerca e tantissimi investimenti solo per farlo partire, quindi le aziende prima di quotarsi in borsa dovranno per forza dei cosa generare utili.

Oppure ci sono aziende le cui azioni hanno un valore che puà mutare nel tempo di tantissimo. Si pensi a Virgin Galactic e al balzo che ha fatto da quando è stata quotata in borsa.

Secondo il Nostro parere, in un’ottica di investimenti a lunghissimo termine e tenendo conto di una buona diversificazione, proprio un ETF di questi sarebbe da tenere molto in considerazione e – in caso – metterlo nel Nostro portafoglio titoli.

Di seguito, altri ETF di settori economici in crescita

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *