Migliori ETF di Semiconduttori per Investire nel 2023

Le azioni di microchip hanno faticato nel 2022, ma rappresentano ancora ottime partecipazioni di portafoglio a lungo termine.

Il 2021 è stato un anno fantastico per le azioni dei semiconduttori. La pandemia di COVID ha causato enormi problemi alla catena di fornitura globale, ma lo squilibrio tra le forniture di chip e la loro domanda ha contribuito a spingere l’indice Dow Jones US Semiconductors a un aumento del 50%.

Il 2022, tuttavia, è stata una storia diversa. Grazie all’aumento dell’inflazione, all’inasprimento delle condizioni di politica monetaria e al rallentamento dell’economia globale, i semiconduttori sono stati uno dei peggiori risultati dell’anno. I titoli in crescita, inclusa la maggior parte del settore tecnologico, hanno sottoperformato durante tutto l’anno e le scorte di chip sono scese di oltre il 30%.

Gli investitori hanno trascorso anni a proprio agio con l’idea che la tecnologia e la crescita a grande capitalizzazione continueranno a salire, salire, salire senza fine in vista. L’ultimo decennio è stato caratterizzato da tassi di interesse bassi da record e un’economia piena di liquidità, condizioni che sono state un perfetto vento favorevole per questo settore. Quelle condizioni sono ormai lontane. Ora, la liquidità viene ritirata dall’economia e il tasso sui fondi federali probabilmente raggiungerà il 5% prima che tutto sia detto e fatto. La domanda di chip è ancora incredibilmente alta e ciò fornirà un livello costante di supporto per i titoli dei semiconduttori, ma è improbabile che il contesto macro che ha sostenuto l’intero settore tecnologico per anni sia altrettanto favorevole nei prossimi due anni.

Migliori ETF di Semiconduttori per Investire
Immagine sopra: un semiconduttore o microchip

Tuttavia, le azioni di semiconduttori rappresentano ancora un ottimo investimento a lungo termine e anche una piccola allocazione all’interno di un portafoglio più ampio probabilmente ha ancora senso per la maggior parte degli investitori. Dopotutto, i chip semiconduttori alimentano telefoni, tablet, computer, automobili e altri dispositivi elettronici. È difficile vedere quelli che se ne vanno presto!

Gli investitori hanno un numero di ETF sui semiconduttori tra cui scegliere, ma identificare le differenze tra loro richiede un po’ di ricerca. L’universo delle azioni di semiconduttori è piuttosto ristretto e la maggior parte di questi possiede solo circa 30 società. Gli ETF ponderati per la capitalizzazione di mercato hanno circa il 60% delle attività solo nelle prime 10 partecipazioni. Anche quelli con lo stesso peso sono ancora piuttosto pesanti. La maggior parte di questi fondi tiene traccia di ampi indici azionari di semiconduttori e, di conseguenza, ha un aspetto piuttosto simile. Il costo e la commerciabilità diventano fattori ancora più importanti nella divisione dei capelli.

Classifica degli ETF sui semiconduttori

La varietà di scelte di ETF rende un po’ difficile distinguere il meglio dal resto. Probabilmente hai sentito la maggior parte degli esperti finanziari parlare di concentrarsi su fondi con rapporti di spesa bassi. Questo può certamente essere un fattore importante nel decidere con quale ETF andare (è probabilmente il fattore più importante, a mio avviso), ma ci sono molte cose che potrebbero essere necessarie per fare la scelta giusta.

È lì che cercherò di renderti le cose più facili. Utilizzando una metodologia che ho sviluppato, che tiene conto di molti dei fattori che dovrebbero essere considerati e ponderandoli in base al loro livello di importanza percepito, possiamo classificare l’universo degli ETF disponibili per aiutare a identificare il meglio del meglio per il tuo portafoglio

Ora, questa non sarà certo una classifica perfetta. I dati, ovviamente, saranno oggettivi, ma giudicare ciò che è più importante è molto soggettivo. Sto semplicemente uscendo dai miei anni di esperienza nello spazio ETF nell’aiutare gli investitori a creare portafogli intelligenti ed efficienti in termini di costi.

Metodologia e fattori per classificare gli ETF
Prima di addentrarci, stabiliamo alcune regole di base.

Innanzitutto, tutti i dati utilizzati provengono dall’azione dell’ETF . Hanno attraversato l’universo ETF per identificare e classificare gli ETF utilizzati qui. Ce ne sono molti che si qualificano e useremo la loro categorizzazione come punto di partenza. Molte grazie a loro per aver aperto il loro vasto database per il mio uso.

In secondo luogo, analizziamo i fattori che ho utilizzato nella metodologia di classificazione.

  • Rapporto di spesa – Questo è forse il fattore più importante poiché è l’unica cosa che gli investitori possono controllare. Se scegli un fondo che addebita lo 0,1% annuo rispetto a un fondo che addebita l’1%, uscirai automaticamente in vantaggio dello 0,9% annuo. Non puoi controllare cosa restituisce un fondo, ma puoi controllare cosa paghi per il portafoglio. Rapporti di spesa inferiori equivalgono a più soldi in tasca.
  • Spread : si riferisce a quanto a buon mercato puoi acquistare e vendere azioni. In generale, più grande è il fondo, più bassi sono gli spread. I fondi più grandi di solito hanno molti acquirenti e venditori. Pertanto, è più facile trovare azioni da negoziare e questo le rende più economiche da negoziare. D’altra parte, i piccoli fondi tendono a scambiare meno azioni e gli investitori spesso devono pagare un premio per comprare e vendere. Considerare i rapporti di spesa e gli spread insieme di solito ti dà un’idea migliore del costo totale di proprietà.
  • Diversificazione – In generale, più ampio è un portafoglio, maggiori sono le possibilità che ha di ridurre il rischio complessivo. Un fondo, come l’Energy Select Sector SPDR ETF (XLE), fornisce un buon esempio. Il 45% delle attività totali del fondo va a due soli titoli: ExxonMobil e Chevron. Acquistando XLE, stai riponendo molta fiducia solo in queste due società. Un fondo di pari ponderazione, come l’ETF Invesco S&P 500 Equal Weight Energy (RYE), otterrebbe un punteggio più alto in termini di diversificazione rispetto a XLE.
  • Punteggi ETF – Abbiamo calcolato il punteggio per efficienza, commerciabilità e adattamento. Fondamentalmente sono progettati per dirci se un ETF sta facendo ciò che si propone di fare. Non ho intenzione di copiare e incollare quel lavoro che stanno facendo, ma c’è una certa influenza lì per assicurarmi che le mie classifiche siano sulla strada giusta.

Ci sono alcuni altri fattori minori gettati nel mix, ma questi sono i principali fattori considerati.

Una cosa che non viene considerata sono i ritorni storici. La maggior parte degli ETF sono gestiti passivamente e stanno semplicemente cercando di replicare un indice, non sovraperformare. Gli ETF non dovrebbero essere penalizzati per i rendimenti bassi semplicemente perché l’indice che stanno monitorando è in disgrazia al momento.

Sto classificando gli ETF in base a fattori strutturali più basilari. Sono economici da possedere? sono liquidi? Riducono al minimo i costi di negoziazione? Mantengono i vantaggi della diversificazione in termini di riduzione del rischio?

Essere nella metà inferiore della lista non rende automaticamente un fondo “cattivo”. Significa semplicemente che a causa di una bassa base patrimoniale, un elevato rapporto di spesa, un portafoglio concentrato o qualche altro fattore, comporta costi aggiuntivi o rischi al ribasso.

Classifica dei Migliori ETF su semiconduttori

etf su semiconduttori
etf su semiconduttori

Di solito non includo gli ETF con leva e inversi in queste classifiche perché sono strutturati in modo molto diverso rispetto a un ETF settoriale tradizionale. I rapporti di spesa e i costi di negoziazione sono generalmente più elevati, il che li pone in una situazione di svantaggio immediato. Inoltre, la maggior parte degli investitori al dettaglio sarebbe probabilmente meglio servita semplicemente evitando del tutto gli ETF con leva e inversi.

Ma due dei cinque più grandi ETF sui semiconduttori sono prodotti 3x, quindi li aggiungerò qui solo per fare un confronto.

 

A questo punto, dopo aver analizzato le azioni di semiconduttori più interessanti dove investire, passiamo agli ETF più interessanti di questo settore.

Fattori che guidano la domanda dei semiconduttori

Vale la pena notare qui che la forte adozione di giochi, dispositivi indossabili, droni e dispositivi VR / AR sta alimentando una crescita significativa nell’arena dei semiconduttori. Inoltre, si prevede che la crescente adozione del cloud computing e la continua infusione di AI, machine learning e IoT manterranno il settore pieno di opportunità.

Inoltre, le tendenze di apprendimento basato sul Web e sul lavoro da casa indotte dal coronavirus hanno stimolato la domanda di chip da parte dei produttori di PC e degli operatori di data center. Gli operatori di data center hanno aumentato le loro capacità per soddisfare la crescente domanda di servizi cloud. Le aziende che forniscono design e altri componenti per la produzione di chip dovrebbero trarre vantaggio da questa tendenza.

In corso, la crescente importanza del cloud ibrido tra le aziende sta attirando investimenti da grandi provider di cloud pubblico, tra cui Amazon Web Services, Microsoft Azure, Google Cloud, International Business Machines e Oracle. I fornitori di chip per data center probabilmente trarranno vantaggio da questa tendenza.

Un’introduzione accelerata del vaccino contro il coronavirus, l’introduzione di un altro ciclo di stimoli fiscali e la riapertura dell’economia statunitense potrebbero portare a una più rapida ripresa economica degli Stati Uniti dal rallentamento economico guidato dalla pandemia di coronavirus.

In modo incoraggiante, il presidente Joe Biden mira a distribuire 200 milioni di vaccini contro il coronavirus entro i suoi primi 100 giorni da quando è entrato in carica, secondo un articolo della CNBC.

L’ETF n. 1 in questa classifica è anche il più grande in questo spazio: l’ ETF VanEck Semiconductor (SMH) . Anche la sua posizione come il più grande è un fenomeno relativamente nuovo. Ha superato l’ ETF iShares Semiconductor (SOXX) solo all’inizio di quest’anno. È piuttosto insolito vedere un ETF non Vanguard/iShares/SPDR prendere la corona del più grande ETF in una delle principali categorie di ETF, soprattutto quando hanno rapporti di spesa e prestazioni comparabili. Il basso costo di solito vince come fattore decisivo e il riconoscimento del nome di solito entra in gioco quando il costo è un fattore minore, quindi il fatto che VanEck stia battendo i pesi massimi qui è notevole.

SMH è in realtà uno dei nomi meno diversificati in questo elenco, detiene solo 25 azioni e possiede oltre il 60% delle attività nelle prime 10 partecipazioni. Il rovescio della medaglia, ha la maggiore allocazione in azioni estere, circa il 24% delle attività all’ultimo conteggio. Questo è qualcosa che potrebbe rivelarsi un fattore di differenziazione nel prossimo decennio. Le azioni statunitensi hanno sovraperformato le azioni internazionali, in particolare i mercati emergenti, in modo molto costante e coerente dalla fine della crisi finanziaria. Le azioni estere sono attese da tempo per un lungo periodo di sovraperformance e ciò potrebbe contribuire a rendere SMH la migliore performance di questo gruppo se ciò dovesse accadere.

SOXX adotta più un approccio basato sugli Stati Uniti, ma la sua metodologia di targeting per includere le società nel portafoglio è in gran parte la stessa. Le allocazioni aziendali specifiche variano un po’ qua e là rispetto a SMH, ma c’è una sovrapposizione del 77% nelle attività, il che significa che è probabile che i due fondi si comportino in modo simile.

L’ ETF Invesco PHLX Semiconductor (SOXQ) è un concorrente interessante al terzo posto perché penso che abbia buone possibilità di raggiungere il primo posto in futuro. La società ha già l’ETF (PSI) di Invesco Dynamic Semiconductors, un fondo che esiste da 17 anni, ma ha un modesto patrimonio di circa 500 milioni di dollari. Il suo rapporto di spesa relativamente alto mette PSI in una posizione di svantaggio, ma SOXQ e il suo rapporto di spesa dello 0,19% lo risolvono, un numero che è quasi la metà di quello del prossimo ETF più vicino. Il costo è un fattore importante in queste classifiche e sospetto che questo potrebbe salire nell’elenco man mano che la base patrimoniale cresce e i costi di negoziazione si riducono.

Solo un secondo per i fondi con leva/inversa in questo elenco: Direxion Daily Semiconductor Bull 3x Shares ETF (SOXL) , Direxion Daily Semiconductor Bear 3x Shares ETF (SOXS) , ProShares Ultra Semiconductors ETF (USD) e l’ ETF ProShares UltraShort Semiconductors (SSG). Tutti questi hanno rapporti di spesa di circa l’1%, quindi nessuno di loro ottiene un punteggio particolarmente buono sul fronte dei costi. Gli ETF ProShares utilizzano la leva 2x rispetto alla leva 3x dei fondi Direxion, se il grado di esposizione fa per te. Noterò una stranezza in SOXL e SOXS se osservi attentamente i numeri nella tabella sopra. Entrambi hanno rendimenti negativi nell’anno nonostante abbiano come obiettivo esposizioni opposte. È un buon promemoria che 1) questi fondi sono progettati per fornire il triplo del rendimento per un solo giorno, non per un lungo periodo di tempo e 2) la volatilità non è tua amica quando si tratta di prodotti con leva finanziaria.

 

Leggi anche:

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.