Investire in ETF con Fineco: opinioni. Scopri se conviene

Perché tante persone stanno investendo sempre più soldi in ETF? Cerchiamo di capire se è solo una moda oppure è veramente redditizio. Fineco ( FBK ) è una delle banche più affidabili d’Italia e tra i suoi prodotti vi è anche una serie d’opportunità d’investimento, una di queste sono gli ETF.

Strumenti legati a interi panieri diversificati, per ridurre il rischio e massimizzare i guadagni, caratterizzati da trasparenza e flessibilità. Altra caratteristica degli investimenti ETF con Fineco è poi il Piano Replay, per automatizzare piccoli versamenti mensili con un costo fisso e senza troppe preoccupazioni. Come funzionano queste modalità d’investimento?

SE VUOI ISCRIVERTI A FINECO PER INVESTIRE IN ETF, CLICCA SUL BANNER,
BASTA UN DOCUMENTO E LO SMARTPHONE:

Cosa sono gli ETF?

Quando si parla di ETF (Exchange Traded Funds) si intendono fondi di investimento con quote che possono essere direttamente acquistate e vendute sul mercato. Rispetto però al comune fondo d’investimento, l’ETF rappresenta l’indice di un intero settore commerciale, un paniere che contiene i migliori titoli, in modo però altamente diversificato per minimizzare le perdite di nomi in sofferenza e massimizzare i rialzi di quelli che vivono momenti favorevoli.

L’ETF può essere:

Come avviene con qualsiasi titolo, è possibile acquistare o vendere quote di un ETF in ogni momento della seduta borsistica al prezzo di listino. E’ quindi in grado di dare un maggior livello di trasparenza e flessibilità, essendo più facilmente monitorabile e gestibile senza troppe intermediazioni e riducendo le tempistiche tra comunicazioni e operatività: così facendo si possono cogliere al momento le migliori opportunità di guadagno.

Come tutti quelli disponibili sul mercato, anche gli investimenti ETF con Fineco sono indicizzati: replicano nel modo più fedele possibile gli andamenti di un determinato indice detenendo i suoi stessi titoli.

Investire in ETF con Fineco: opinioni. Scopri se conviene

Tipi di ETF  disponibili con Fineco

Tra gli istituti di credito più stabili e affidabili sul territorio nazionale, Fineco ( FBK ) ha uno dei primi ETF Center d’Italia, presentando un database di opportunità d’investimento semplice da gestire e negoziare in base ai propri obiettivi finanziari. Sono disponibili:

  • ETF, strumenti legati a panieri azionari flessibili e diversificati
  • ETC (Exchange Traded Commodities), strumenti legati al mercato delle materie prime, che permettono di investire su una sola risorsa o su un intero paniere

Per fare investimenti ETF con Fineco è necessario aprire un conto corrente, procedura che si può svolgere direttamente online su sito ufficiale o, qualora si voglia, inviando documentazione cartacea. All’attivazione è necessario rispondere ad un questionario sulla propria conoscenza in materia, dopodichè sarà già possibile operare sui mercati (compariranno alert se le operazioni desiderate non saranno in linea coi risultati del questionario).

Con Fineco ( FBK ) è inoltre disponibile il Piano Replay – attraverso il suo Broker Online – un innovativo sistema che consente di investire mensilmente in modo automatico sui propri ETF, scegliendo in totale autonomia la somma da versare. Con Replay si può scegliere:

  • Uno o più ETF su cui investire
  • Modalità d’investimento
    • per quantità
    • per importo
    • con bilanciamento
  • Giorno d’investimento, tra 1 e 15 del mese

Replay mette a disposizione 3 piani, One, Silver e Gold, che si differenziano per il numero di ETF al loro interno. E’ inoltre uno strumento estremamente flessibile con cui si possono aggiungere o rimuovere ETF dal piano, modificare quantità e importi o sospendere l’attività.

Costi degli investimenti ETF con Fineco

Vista la particolare facilità di gestione, gli ETF hanno solitamente costi annuali dallo 0,10% allo 0,90%, 10 volte in meno rispetto a quelli dei fondi comuni, con cui condividono l’addebito su base giornaliera. Non vi sono poi commissioni in entrata e uscita e di performance.

I costi degli ETC sono invece rappresentati da:

  • Commissioni gestione annuali, dallo 0,40 allo 0,50%
  • Spread domanda-offerta, dall’1% al 3%
  • Spese di negoziazione, allo 0,19% fino al 1 ottobre 2015, a commissione fissa da 2,95 a 19,00 euro in seguito

In entrambi i casi, dal 1 luglio 2014, per via del d.l. 66/2014 agli ETF è applicata un’aliquota al 26% che sostituisce la precedente al 20% sia per redditi di capitale che per plusvalenze: ciò significa che i rendimenti successivi al suddetto giorno sono tassati al 26%, mentre quelli antecedenti resteranno al 20%. Anche per date successive, la componente obbligazionaria mantiene invece un’aliquota al 12,5%.

Replay prevede invece un canone a partire da 2,95 euro/mese, che varia in base al piano scelto e agli ETF compresi:

  • One, 1 ETF incluso, 2,95 euro/mese
  • Silver, 4 ETF inclusi, 6,95 euro/mese
  • Gold, 10 ETF inclusi, 13,95 euro/mese

Il piano imposterà in automatico la strategia più vantaggiosa, mentre ogni ETF aggiuntivo ha un costo di 2,95 euro/mese. In caso di somme maggiori ai 300,00 euro, si consiglia di avere più di un solo ETF.

Prima di investire in ETF, è consigliato creare un fondo d’emergenza per almeno 3-6 mesi, prevenendo il rischio di perdere il capitale investito. Altrimenti, sebbene sconsigliato al di fuori di casi particolarmente favorevoli o meno, è possibile disinvestire vendendo i titoli posseduti, con ritenuta dell’1,25%. Modifica, sospensione e cancellazione del Piano Replay non hanno invece costi aggiuntivi.

PAC con ETF Fineco: la soluzione migliore

I piani di accumulo (PAC) con ETF Fineco sono un modo semplice e conveniente per investire in ETF in modo automatico e periodico.

Con un PAC, l’investitore può decidere di investire una somma prestabilita, ad esempio 100 euro al mese, in un ETF o in un portafoglio di ETF. Gli acquisti vengono effettuati automaticamente secondo la periodicità scelta, ad esempio mensile, trimestrale o semestrale.

I piani di accumulo con ETF Fineco offrono diversi vantaggi, tra cui:

  • Costi di gestione contenuti: i PAC con ETF Fineco hanno commissioni di acquisto e di gestione molto basse, che possono contribuire a migliorare il rendimento dell’investimento nel lungo periodo.
  • Flessibilità: l’investitore può modificare la periodicità e l’importo degli acquisti in qualsiasi momento, senza costi aggiuntivi.
  • Trasparenza: Fineco offre una panoramica completa dei costi e delle performance dei PAC con ETF.

Per aprire un PAC con ETF Fineco, è necessario essere titolari di un conto corrente Fineco e avere un dossier titoli. L’apertura del PAC può essere effettuata online, tramite l’area riservata del cliente, o presso una filiale Fineco.

Ecco i passaggi per aprire un PAC con ETF Fineco:

  1. Accedi alla tua area riservata Fineco.
  2. Clicca su “Investimenti”.
  3. Seleziona “Piani di accumulo”.
  4. Clicca su “Apri un nuovo piano di accumulo”.
  5. Seleziona il tipo di piano (ETF o portafoglio ETF).
  6. Seleziona gli ETF o il portafoglio ETF su cui vuoi investire.
  7. Seleziona la periodicità e l’importo degli acquisti.
  8. Conferma l’apertura del piano.

Una volta aperto il PAC, gli acquisti verranno effettuati automaticamente secondo la periodicità scelta. L’investitore può monitorare l’andamento del piano accedendo all’area riservata Fineco.

Ecco alcuni consigli per scegliere un PAC con ETF Fineco:

  • Determina i tuoi obiettivi di investimento: quanto vuoi investire? In quanto tempo vuoi raggiungere i tuoi obiettivi?
  • Valuta il tuo profilo di rischio: quanto sei disposto a perdere?
  • Scegli gli ETF o il portafoglio ETF più adatti a te: valuta i costi, le performance e la diversificazione degli ETF.
  • Controlla le commissioni: i PAC con ETF Fineco hanno commissioni di acquisto e di gestione.

Con un po’ di pianificazione, i piani di accumulo con ETF Fineco possono essere un modo efficace per raggiungere i tuoi obiettivi di investimento.

Secondo la Nostra opinione, investire tutti i mesi una piccola somma è una delle migliori opzioni di investimento in assoluto per una persona diciamo “normale ” cioè che ha uno stipendio medio italiano.  A secondo delle proprie possibilità potrà iniziare a versare un minimo di 50 o 100 euro al mese o anche di più, se ne ha la disponibilità, ad esempio versando 300 euro in un mese a fine anno si ritroverà solo di capitale versato 3.600 euro, ai quali andranno aggiunti gli eventuali interessi positivi.  Alla fine è un bel gruzzoletto per chi ha un lavoro dipendente, investimenti che gli potranno servire per cambiare l’auto, ristrutturare casa o fare tutte quelle cose di cui ha bisogno.

Opinioni sugli  investimenti ETF con Fineco 

Bisogna dire che a livello di investimenti, Fineco offre un’ampia gamma di possibilità di investimento per tutti i tipi di risparmiatori ed investitori, da meno esperti, ai trader professionisti

Dopo aver capito come investire in ETF con Fineco si può dire come questa tipologia d’investimento sia particolarmente vantaggiosa e dal rischio contenuto, avendo a disposizione interi indici diversificati che aiutano a creare una rendita nel tempo. Parlando di costi, gli ETF presentano spese irrisorie e, anche nel caso del Piano Replay, mostrano un canone mensile facilmente recuperabile.

A conti fatti, elevata facilità di gestione e versatilità completano il profilo assieme ai brevi tempi d’operatività. Diversificazione e allocazione asset restano poi gli elementi più importanti all’interno dell’ETF, coerenti col fattore di rischio/rendimento e in grado di ridurre le fluttuazioni di prezzo.

Proprio per questo si possono ritenere gli investimenti ETF Fineco particolarmente convenienti e tra i più validi prodotti presenti sul mercato, godendo della solidità del loro istituto, oltre che accessibili sia agli esperti che agli investitori più sporadici. In tutti i casi, prudenza, attenzione e consapevolezza dei propri obiettivi sono d’obbligo.

Vantaggi e Svantaggi di un investimento in ETF con Fineco

 

I vantaggi di un investimento in ETF con Fineco sono i seguenti:

  • Costi di gestione bassi: gli ETF hanno generalmente costi di gestione molto inferiori ai fondi comuni di investimento, il che può portare a un rendimento maggiore nel lungo periodo.
  • Ampia scelta: Fineco offre un’ampia scelta di ETF, tra cui ETF azionari, obbligazionari, materie prime e altri.
  • Trasparenza: gli ETF sono strumenti trasparenti, in quanto il loro prezzo è determinato dal mercato e non da un gestore attivo.
  • Flessibilità: gli ETF possono essere acquistati e venduti in qualsiasi momento durante la giornata di trading.

Gli svantaggi di un investimento in ETF con Fineco sono i seguenti:

  • Rischio: gli ETF sono strumenti finanziari che comportano un rischio di perdita del capitale investito.
  • Complessità: gli ETF possono essere complessi da comprendere, soprattutto per gli investitori alle prime armi.

Ecco un riepilogo dei vantaggi e svantaggi di un investimento in ETF con Fineco:

Vantaggi

  • Costi di gestione bassi
  • Ampia scelta
  • Trasparenza
  • Flessibilità

Svantaggi

  • Rischio
  • Complessità

In conclusione, gli ETF possono essere un’opzione di investimento interessante per gli investitori che cercano un modo per diversificare il proprio portafoglio a costi contenuti. Tuttavia, è importante essere consapevoli dei rischi associati a questi strumenti finanziari.

Alcuni consigli per investire in ETF con Fineco:

  • Inizia con un piccolo investimento e aumentalo nel tempo.
  • Diversifica il tuo portafoglio investendo in ETF di diversi settori e asset class.
  • Segui l’andamento del tuo portafoglio e apporta eventuali modifiche se necessario.

Se sei un investitore alle prime armi, è consigliabile rivolgersi a un consulente finanziario prima di effettuare qualsiasi investimento.

Tassazione

La tassazione degli ETF Fineco è regolata dalla normativa italiana in materia di imposte sui redditi. In particolare, gli ETF sono soggetti a tassazione come i fondi comuni di investimento.

La tassazione degli ETF Fineco si basa sui seguenti principi:

  • Le plusvalenze realizzate dalla vendita di ETF sono tassate come redditi da capitale. L’aliquota di tassazione è del 26%, salvo che si tratti di plusvalenze derivanti dalla vendita di ETF azionari che investono almeno il 75% del loro patrimonio in titoli di Stato italiani, in tal caso l’aliquota è del 12,5%.
  • Le minusvalenze realizzate dalla vendita di ETF possono essere compensate con le plusvalenze realizzate dalla vendita di ETF nello stesso anno solare. In caso di eccedenza di minusvalenze, queste possono essere portate in detrazione dalle plusvalenze realizzate negli anni successivi, fino a un massimo di quattro.
  • Gli ETF non sono soggetti a ritenuta alla fonte, pertanto l’investitore deve versare le imposte relative alle plusvalenze realizzate.

Nel caso in cui l’investitore opti per il regime dichiarativo, le plusvalenze e le minusvalenze realizzate dalla vendita di ETF devono essere indicate nel quadro RM della dichiarazione dei redditi.

Nel caso in cui l’investitore opti per il regime amministrato, le plusvalenze e le minusvalenze realizzate dalla vendita di ETF sono gestite direttamente da Fineco, che provvederà a versarle al fisco in nome e per conto dell’investitore.

Ecco un riepilogo della tassazione degli ETF Fineco:

  • Aliquota di tassazione: 26%, salvo che si tratti di plusvalenze derivanti dalla vendita di ETF azionari che investono almeno il 75% del loro patrimonio in titoli di Stato italiani, in tal caso l’aliquota è del 12,5%.
  • Compensazione di minusvalenze: le minusvalenze realizzate dalla vendita di ETF possono essere compensate con le plusvalenze realizzate dalla vendita di ETF nello stesso anno solare. In caso di eccedenza di minusvalenze, queste possono essere portate in detrazione dalle plusvalenze realizzate negli anni successivi, fino a un massimo di quattro.
  • Ritenuta alla fonte: gli ETF non sono soggetti a ritenuta alla fonte, pertanto l’investitore deve versare le imposte relative alle plusvalenze realizzate.
  • Regime dichiarativo: le plusvalenze e le minusvalenze realizzate dalla vendita di ETF devono essere indicate nel quadro RM della dichiarazione dei redditi.
  • Regime amministrato: le plusvalenze e le minusvalenze realizzate dalla vendita di ETF sono gestite direttamente da Fineco, che provvederà a versarle al fisco in nome e per conto dell’investitore.

Per maggiori informazioni sulla tassazione degli ETF Fineco, è possibile consultare la Guida alla tassazione degli ETF disponibile sul sito web di Fineco.

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.