Migliori Fondi Obbligazionari Governativi Eurozona 2022 – 2023

La maggior parte degli investitori dedica la maggior parte della propria attenzione al mercato azionario, perché è lì che si trova la grande crescita. Tuttavia, le azioni possono essere estremamente volatili e la maggior parte degli investitori ha bisogno di altri tipi di attività di investimento nei loro portafogli per bilanciare la propria esposizione ai mercati finanziari e per soddisfare esigenze a breve termine. Per quegli investitori, l’aggiunta di obbligazioni alle loro partecipazioni può fungere da contrappeso alla loro esposizione azionaria ecco allora che abbiamo stilato una lista dei migliori fondi obbligazionari.

Le obbligazioni individuali sono disponibili per l’acquisto e la vendita attraverso la maggior parte dei broker, ma la maggior parte degli investitori sceglie di investire in fondi obbligazionari, piuttosto che scegliere singole obbligazioni. Con centinaia di diversi fondi obbligazionari tra cui scegliere, può essere difficile decidere quale sia il migliore per te. Di seguito ti forniremo tutte le informazioni necessarie per capire cos’è un fondo obbligazionario e come puoi identificare i fondi che meglio serviranno i tuoi obiettivi finanziari.

Cos’è un’obbligazione?

Un obbligazione, è un investimento legato a un prestito tra l’emittente dell’obbligazione e l’acquirente. Secondo i termini dell’obbligazione, l’acquirente di obbligazioni iniziale paga una determinata somma di denaro – solitamente $ 1.000 o $ 5000 per obbligazione – all’entità emittente. L’emittente deve mantenere quei soldi per il proprio uso. In cambio, l’emittente accetta di pagare gli interessi al detentore di obbligazioni a intervalli stabiliti, di solito ogni sei mesi, fino a quando il titolo “matura”. Una volta che l’obbligazione ha raggiunto la scadenza, l’emittente paga all’obbligazionista l’importo principale indietro. La data di scadenza di un’obbligazione viene fissata prima dell’emissione dell’obbligazione, pertanto gli investitori sono a conoscenza in anticipo quando possono aspettarsi di ottenere indietro il capitale.

Esistono molti tipi diversi di obbligazioni e generalmente sono suddivisi in poche categorie diverse. Queste categorie includono:

  • Buoni del Tesoro, di Stato e societari, a seconda che l’emittente sia il governo federale, un ente governativo statale o locale o un’impresa privata.
  • Obbligazioni a breve, medio e lungo termine, a seconda del periodo di tempo intercorrente tra l’emissione dell’obbligazione e la scadenza.
  • Obbligazioni investment grade e ad alto rendimento, a seconda che le condizioni finanziarie dell’emittente rendano più probabile o meno probabile il rimborso del prestito alla scadenza. Generalmente, maggiore è il rischio che un emittente non riesca a rimborsare i suoi obbligazionisti, maggiore è il rendimento delle sue obbligazioni, quindi la maggior parte delle obbligazioni investment-grade hanno rendimenti inferiori rispetto alla maggior parte delle obbligazioni ad alto rendimento.
  • Obbligazioni che seguono l’inflazione, i cui emittenti pagano un importo alla scadenza che tiene conto delle variazioni del potere d’acquisto del denaro da quando il titolo è stato emesso, piuttosto che un importo fisso.

Le obbligazioni rientrano in genere in più di una di queste categorie. Ad esempio, i titoli del Tesoro, i titoli municipali e le obbligazioni societarie possono essere tutti a breve, medio o lungo termine. Alcuni buoni del Tesoro sono aggiustati per l’inflazione, e tu puoi trovare obbligazioni municipali e societarie che sono sia investment grade che ad alto rendimento.

La caratteristica più importante di un’obbligazione è che il flusso di pagamenti che gli investitori ricevono quando possiedono l’obbligazione è programmato in anticipo. Ad esempio, con un titolo del Tesoro di 10 anni del valore di 1.000 euro che paga il 3%, sai che riceverai 15 euro ogni sei mesi per i prossimi 10 anni, e poi recupererai i tuoi  1.000 euro. Finché si mantiene il vincolo fino alla scadenza, non c’è possibilità di ottenere di più, ma a meno che qualcosa non vada drammaticamente in errore con l’emittente, c’è poco rischio di ottenere anche meno.

Migliori Fondi Obbligazionari 2021, Conviene Investire ?

Cos’è un fondo obbligazionario?

I fondi obbligazionari sono pool di investimenti in cui un gran numero di investitori può contribuire con denaro a un portafoglio di obbligazioni comunemente detenuto. In genere, i fondi obbligazionari disponibili per la maggior parte degli investitori sono fondi comuni di investimento fondi negoziati in borsa .

Il modo in cui operano i fondi obbligazionari dipende da quale tipo di fondo è coinvolto. Con un fondo comune di obbligazioni, la società di fondi accetta ordini di acquistare o vendere azioni su base giornaliera, con tutte le transazioni che si verificano dopo la fine del giorno di negoziazione. Il fondo comune di investimento può emettere nuove azioni o riscattare azioni esistenti a proprio piacimento, e si è sempre garantito il valore patrimoniale netto di tutti gli investimenti detenuti dal fondo quando si acquistano o vendono azioni.

Con i fondi negoziati in borsa , i meccanismi per il trading sono un po ‘diversi. È possibile acquistare o vendere ETF obbligazionari in qualsiasi momento in cui le borse sono aperte per la negoziazione e il prezzo in un dato momento non è determinato dal valore delle attività sottostanti nell’ETF, ma dal prezzo di mercato determinato da quanti compratori sono disposti a pagare e quanti venditori sono disposti ad accettare per le azioni.

Indipendentemente dal tipo, tuttavia, i fondi obbligazionari consentono di investire in un portafoglio diversificato di centinaia o persino migliaia di obbligazioni diverse, anche se si dispone solo di una modesta quantità di denaro da investire. Raggruppando una vasta gamma di investitori, i fondi obbligazionari sono in grado di investire in un’ampia gamma di obbligazioni in modo efficiente ed economico.

Perché dovrei voler investire in obbligazioni?

Investire almeno alcuni dei tuoi risparmi in obbligazioni ha un senso per la maggior parte degli investitori. Anche per coloro che hanno orizzonti temporali lunghi, i rischi di un portafoglio tutto azionario possono mettere a disagio alcuni investitori. È vero che con le azioni, in teoria non c’è limite alla quantità di denaro che puoi ottenere da un investimento di successo. Se sei uno dei primi a identificare un piccolo arrivato che si rivela essere il leader di un settore in rapida crescita, ad esempio, puoi guadagnare ricchezza che cambia la vita. Scegli sbagliato, però, e puoi perdere tutto.

Le obbligazioni in genere non hanno quella natura tutto o niente. La maggior parte delle volte, l’obbligazione funzionerà esattamente come previsto, con l’obbligazionista che riceve i pagamenti degli interessi come programmato e quindi riceve il pagamento concordato alla scadenza. Sebbene i tassi di interesse che la maggior parte delle obbligazioni pagano non corrispondano ai rendimenti storici a lungo termine del mercato azionario, la relativa stabilità che offrono fornisce una solida base per un portafoglio di investimenti.

Quali sono i pro e i contro dei fondi obbligazionari?

I fondi obbligazionari sono utili per gli investitori perché gli investimenti minimi richiesti per investire direttamente in singole obbligazioni sono generalmente considerevoli. Ad esempio, mettere insieme un portafoglio relativamente diversificato di 20 diverse obbligazioni municipali potrebbe costare $ 100.000 o più. I fondi obbligazionari, al contrario, spesso consentono ai loro azionisti di iniziare a investire con un minimo di $ 100, e si può ancora ottenere la stessa diversificazione.

Inoltre, il mercato obbligazionario è molto diverso dal mercato azionario quando si tratta della partecipazione di singoli investitori. Con le azioni, tutto ciò che dovete fare è ottenere un conto di intermediazione online, e in genere è possibile acquistare o vendere azioni a commissioni estremamente basse. Con l’accesso diretto agli scambi, la tua compravendita di azioni viene eseguita in una frazione di secondo e, in anticipo, puoi facilmente capire qual è il prezzo di mercato prevalente e prevedere abbastanza bene quale sarà il prezzo finale del tuo commercio.

Tuttavia, il mercato obbligazionario è molto più orientato verso gli operatori professionali, con le istituzioni finanziarie che mantengono uno stretto controllo sul mercato. Per gli investitori ordinari è difficile persino ottenere prezzi delle obbligazioni aggiornati, figuriamoci trovare risorse e strumenti simili a quelli che molti broker offrono ai propri clienti di borsa per aiutarli a investire. Investendo attraverso un fondo obbligazionario, si rivede la responsabilità di trovare e acquistare obbligazioni effettive al gestore del fondo e il trading e il prezzo delle quote del fondo sono molto più semplici e trasparenti.

Tuttavia, i fondi obbligazionari hanno alcuni aspetti negativi. Il più importante è che i fondi obbligazionari addebitano commissioni per i loro servizi di gestione e di investimento. Tutti i fondi obbligazionari passano attraverso le loro spese per finanziare gli azionisti attraverso il cosiddetto rapporto spese, prendendo una piccola percentuale del patrimonio degli azionisti per coprire i costi. I rapporti di spesa possono variare dallo 0,05% all’1% o più su base annua. Maggiore è il rapporto, più soldi perderai per le commissioni. Tuttavia, poiché il rapporto di spesa è generalmente preso dal reddito prodotto dalle obbligazioni nel portafoglio del fondo, in realtà non si vedrà l’importo che si paga sul proprio bilancio; otterrai una distribuzione di reddito leggermente inferiore dal fondo, poiché le commissioni sono state detratte dal pagamento. Alcuni fondi comuni di investimento obbligazionario addebitano anche commissioni di vendita anticipate che possono ammontare a diverse percentuali dell’investimento iniziale. Questi carichi di vendita non valgono la pena di pagare, poiché i soldi vanno direttamente al professionista degli investimenti che vende le quote dei fondi comuni,

Un altro rischio di cui essere consapevoli è che  i prezzi dei fondi obbligazionari possono variare drasticamente nel tempo e, a differenza delle obbligazioni individuali, i fondi obbligazionari non offrono alcuna garanzia che alla fine si sarà in grado di incassare a un prezzo fisso. Ricorda che le nuove obbligazioni vengono continuamente sul mercato e che i prezzi delle singole obbligazioni individuali tendono a muoversi quando prevalgono i tassi di interesse nel mercato. Quando i tassi sulle nuove obbligazioni salgono, il valore delle obbligazioni individuali emesse in precedenza diminuisce, perché i tassi più bassi delle obbligazioni precedenti comportano un minor interesse da parte degli investitori rispetto alle obbligazioni più recenti. Quando i tassi di interesse prevalenti diminuiscono, al contrario, il prezzo di un singolo titolo aumenta tipicamente, poiché il tasso di interesse sul bond esistente appare ora più allettante di quello offerto dalle obbligazioni più recenti. Tuttavia, nessuna di queste variazioni di tasso influisce sui termini del prestito e indipendentemente da ciò che accade al prezzo di mercato di un’obbligazione,

I fondi obbligazionari generalmente non hanno una data di scadenza. Al contrario, acquistano e vendono continuamente obbligazioni al servizio del loro obiettivo di investimento. Ad esempio, un fondo obbligazionario a lungo termine di solito si concentra su obbligazioni che maturano in 10 anni o più. Quando la data di scadenza di una determinata obbligazione raggiunge il punteggio di otto o nove anni, il fondo obbligazionario di solito la venderà, prendendo i proventi e acquistando una nuova obbligazione a lungo termine per sostituirla. Di conseguenza, se l’aumento dei tassi fa abbassare il valore totale del portafoglio di un fondo obbligazionario, il fatto che il fondo non mantenga le sue obbligazioni fino alla scadenza significa che gli investitori potrebbero non vedere mai il prezzo del fondo obbligazionario recuperare. Naturalmente, ciò può funzionare anche nell’altro modo: le riduzioni dei tassi  offrono benefici permanenti agli azionisti dei fondi obbligazionari che i singoli obbligazionisti non otterranno.

Come posso sapere quali fondi obbligazionari sono i migliori?

In un universo di centinaia di fondi obbligazionari, è importante separare il meglio dal resto. I migliori fondi obbligazionari hanno le seguenti caratteristiche:

  • Bassi coefficienti di spesa che riducono al minimo l’importo del reddito obbligazionario perso per pagare la gestione del fondo.
  • Grandi quantità di beni in gestione. Ciò consentirà di ripartire i costi del fondo in un insieme più ampio di investitori e conferire al fondo maggiore potere nel mercato obbligazionario di acquistare obbligazioni interessanti al miglior prezzo possibile.
  • Per gli ETF, alti livelli di volume di scambi giornalieri, che rende più facile per gli investitori acquistare o vendere azioni in qualsiasi momento in cui il mercato è aperto.
  • Rendimenti del reddito più elevati rispetto ad altri fondi obbligazionari nella stessa categoria . Quest’ultima distinzione è cruciale, poiché i rendimenti tendono ad essere più elevati in alcune categorie di fondi obbligazionari rispetto ad altri, pertanto è importante considerare i fondi con obiettivi di investimento e portafogli simili quando si confrontano i rendimenti.
  • Un obiettivo di investimento che corrisponde alle tue esigenze. Ad esempio, alcuni investitori scelgono solo obbligazioni investment-grade, perché vogliono minimizzare il rischio che l’emittente non sarà in grado di rimborsarle. Tuttavia, altri preferiscono le obbligazioni ad alto rendimento, perché la maggiore quantità di reddito che generano può più che compensare le potenziali perdite, se sei disposto a correre il rischio di default dell’emittente.
  • Caratteristiche speciali che ti attirano. Ad esempio, il reddito derivante da tutte le  obbligazioni municipali  è esente dalle imposte federali e, se acquisti un’obbligazione comunale emessa nel tuo stato di residenza, i pagamenti degli interessi saranno esenti dalle imposte federali statali. Nel frattempo, le obbligazioni aggiustate per l’inflazione offrono protezione contro la perdita del potere d’acquisto delle obbligazioni tradizionali. Tuttavia, entrambi questi vantaggi di solito hanno un costo, ovvero un rendimento inferiore, quindi il trade-off può valere o meno la pena, a seconda dei tuoi obiettivi.

 

Migliori fondi obbligazionari governativi Eurozona 2023, quali sono?

Investimenti non solo per generare profitti, ma anche per salvaguardare il proprio capitale, è questo l’obiettivo dei soggetti dalla bassa tolleranza al rischio, a cui sono dedicate una serie di soluzioni. In questa vi sono i fondi obbligazionari governativi europei, che scopriremo oggi in quest’articolo valutandone la convenienza.

Prodotti che racchiudono titoli di debito statale, sono un’alternativa al mercato azionario e ai suoi fondi, con rischio d’insolvenza da parte degli emittenti pressochè nullo, a cui però corrisponde un rendimento limitato. Comprendendone le caratteristiche si capirà, quali sono i migliori fondi obbligazionari statali dell’Eurozona per il 2023?

Cosa sono i fondi obbligazionari governativi?

Per fondi obbligazionari governativi, si intendono strumenti di risparmio che includono almeno per il 90% Titoli di Stato, rappresentando un asset unico e prevedendo il rimborso del 100% del capitale investito con rendimento variabile.

La partecipazione avviene con sottoscrizione di quote. Come tutti i fondi d’investimento, in Italia sono disciplinati dalla Legge 77/1983 facendo capo al D.P.R. 398/2000 sui Titoli di Stato, a loro volta emessi dal MEF tramite Dipartimento del Tesoro. La loro diversificazione è rappresentata dalla varietà di bond governativi al loro interno, che prevedono rendimenti differenti.

Gestiti da SGR comprendono obbligazioni emesse da Stati sovrani per proteggere il potere d’acquisto dei cittadini: sono estremamente sicuri, contando come unico rischio quello d’insolvenza dei singoli stati, per questo sono l’ideale per investitori dalle basse tolleranze, sebbene offrano al tempo stesso rendimenti ridotti: più che per avere grandi guadagni, sono maggiormente adatti a preservare i propri capitali.

Nei fondi obbligazionari statali sono spesso inclusi anche bond linker indicizzati all’inflazione, divenendo strumenti ulteriormente diversificati e capaci di resistere a turbolenze economiche, per tale motivo garantiscono maggiore stabilità rispetto a fondi bilanciati o azionari. Come avviene in altri organismi di risparmio, le SGR hanno delega ridotta.

Quali sono i migliori fondi obbligazionari governativi europei?

Ideali per piccoli investitori dal ridotto profilo di rischio, i fondi obbligazionari statali dell’Eurozona trovano nuovo interesse con gli interventi di risanamento di BCE e Next Generation EU, mirati a contrastare le criticità di pandemia e guerra, tra i maggiori responsabili dell’aumento dell’inflazione. I bond statali compresi nei fondi si differenziano per:

  • Nazione
  • Scadenza
  • Interessi
  • Indicizzazione all’inflazione

Fare la scelta giusta per salvaguardare le proprie ricchezze può essere particolarmente difficile, per questo è fondamentale rendere l’idea sui migliori fondi obbligazioni governativi europei, comprendendone rendimenti e stati da cui provengono.

Nome

Titoli principali

Rendimento 1 anno

Rendimento 3 anni

Rendimento 5 anni

Rendimento 10 anni

Volatilità

Amundi Funds – Euro Government Bond M EUR

(C)

Francia,

Spagna,

Belgio

-11,12%

-3,22%

-0,47%

2,45%

5,49%

Amundi Index Solutions – Amundi Index J.P. Morgan EMU Govies 1-10 ME-C

Francia 

-10,64%

-2,83%

0,09%

5,43%

Amundi S.F. – Euro Curve 7-10 year H EUR ND

Spagna,

Germania,

Belgio

-10,45%

-2,59%

0,18%

2,90%

5,82%

Anima Tricolore AD

Italia,

Francia

-12,20%

-1,58%

-0,29%

3,24%

5,75%

AXA World Funds – Euro Government Bonds A Capitalisation EUR

Germania,

Francia

Italia

Spagna

-10,44%

-3,02%

-0,33%

2,04%

5,29%

AZ Fund 1 AZ Bond – Target 2024 A-AZ Fund Acc

Italia,

Germania

-11,36%

-0,63%

-0,21%

1,00%

10,53%

BlackRock Euro Government Enhanced Index Fund Flexible EUR Acc

Germania,

Spagna,

Francia

-10,60%

-2,53%

0,28%

5,50%

BlueBay Investment Grade Euro Government Bond Fund B EUR Acc

Germania,

Francia

-10,21%

-2,43%

0,86%

3,80%

5,48%

BlueBay Investment Grade Euro Government Bond Fund S EUR Acc

Germania,

Francia

-9,85%

-2,05%

1,26%

5,49%

BNP Paribas Funds Euro Government Bond Classic Capitalisation

Germania,

Italia,

Francia

-9,97%

-3,05%

-0,44%

1,89%

5,22%

BNP Paribas Funds Euro Government Bond N Capitalisation

Germania,

Italia,

Francia

-10,42%

-3,54%

-0,94%

1,38%

5,22%

CSIF (Lux) Bond Government EUR Blue DB EUR

Francia

-10,27%

-2,72%

0,13%

5,69%

DPAM B – Bonds Eur A Dis

Germania,

Spagna,

Italia

-11,26%

-2,95%

0,05%

2,38%

5,57%

DWS Invest Euro-Gov Bonds FC

Belgio,

Italia,

Francia,

Irlanda

-11,09%

-3,20%

-0,11%

2,65%

5,57%

Epsilon Fund – Euro Bond Class Unit R EUR Accumulation

Germania,

Italia,

Francia

-8,28%

-1,28%

0,36%

2,63%

5,09%

Eurizon Fund – Bond EUR Medium Term LTE Class Unit R EUR Accumulation

Francia,

Italia

-5,30%

-1,81%

-0,92%

0,54%

2,36%

Eurizon Obbligazioni Euro

Italia,

Germania,

Lussemburgo

-6,29%

-0,95%

0,16%

2,21%

4,33%

Generali Investments SICAV – Euro Bond Fund GX

Germania,

Italia

-8,93%

-1,58%

0,90%

4,44%

HSBC Euro Gvt Bond Fund HC

Italia,

Spagna,

Austria,

Germania

-10,48%

-2,92%

-0,15%

2,24%

5,18%

Ostrum SRI Euro Sovereign Bonds RC

Germania,

Francia,

Italia,

Lussemburgo,

Spagna

-10,58%

-2,85%

-0,27%

2,20%

5,46%

 

Conviene investire in fondi obbligazionari governativi dell’Eurozona?

Secondo gli ultimi dati aggiornati, a giugno 2022 i fondi obbligazionari europei hanno segnato un deflusso a -47,7 miliardi di euro, il peggior mese di raccolta da marzo. Principali cause di ciò sono le tensioni  dal conflitto Russia-Ucraina, gli strascichi da CoViD-19 e la conseguente paura di recessione, mentre il loro patrimonio è a 10.661 miliardi di euro, -5,90% rispetto a maggio.

Nonostante la loro maggiore stabilità, anche i fondi governativi obbligazionari dell’area euro risentono della situazione, preceduti dai fondi in sterline, che a giugno sono stati la categoria più popolare.

A conti fatti, i bond più presenti nei fondi europei sono quelli provenienti da Germania e Italia, integrando anche obbligazioni indicizzate all’inflazione, che presentano tassi variabili all’aumentare del suo tasso ma presentano criticità in caso di deflazione, di cui i più importanti:

  • BO Index, Germania
  • Bund Index, Germania
  • BTP Italia, Italia
  • BTP€i, Italia

In ogni caso, occorre ricordare che i fondi obbligazionari governativi forniscono diversificazione istantanea anche per investimenti ridotti, dovuta anche alle differenti scadenze e al pagamento degli interessi. Altro vantaggio è l’accesso tramite SGR con la capacità di ricercare e analizzare le condizioni economiche dei singoli governi, per valutare acquisti o vendite.

Nonostante la situazione e l’interesse ritrovato con le manovre UE, si può quindi dire che investire in fondi bond statali europei può ancora convenire qualora non si abbiano obiettivi di crescita sostenuta, ma solo di mantenimento delle proprie ricchezze, poiché i loro rendimenti non garantiscono di generare ricchezze. Tuttavia, il rischio sarà irrisorio, essendo il pericolo di default nazionale assai improbabile.

Sii intelligente con i tuoi fondi obbligazionari

I fondi obbligazionari possono svolgere un ruolo estremamente utile nell’aiutarvi a mettere insieme un portafoglio di investimenti in grado di bilanciare il potenziale di crescita delle azioni con la minore volatilità e un più chiaro rapporto rischio-rendimento delle obbligazioni. Se pensate che le obbligazioni meritino un posto nel vostro portafoglio, allora i cinque ETF su obbligazioni di cui sopra faranno un buon lavoro offrendovi un’ampia esposizione al mercato obbligazionario e i numerosi vantaggi dell’investimento in obbligazioni.

In conclusione, anche se qui trovate i migliori fondi obbligazionari, non è detto che questi siano un investimento adatto a Voi, ma vanno presi in considerazione per chi vuole fare una bella diversificazione del proprio portafoglio titoli.

Scopri di più sui fondi comuni di investimento:

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *