Investire nell’Idrogeno: 3 Azioni di Aziende di Idrogeno

Le azioni di aziende legate all’idrogeno sono in aumento: ecco cosa si potrebbe comprare ora per in vestire nell’idrogeno
L’idrogeno potrebbe ora essere più economico dei combustibili fossili per alcune applicazioni e questo potrebbe cambiare tutto in termini di energia.
L’industria energetica sta attraversando una serie di cambiamenti simultaneamente e tutti puntano a un ruolo più importante per l’energia pulita. L’energia eolica e solare stanno esplodendo in tutto il mondo e i veicoli elettrici stanno ribaltando l’industria dei veicoli passeggeri.

Una tecnologia che è rimasta in gran parte nel dimenticatoio è l’idrogeno. Un tempo i veicoli per passeggeri erano visti come il futuro dell’idrogeno, ma i miglioramenti alla tecnologia delle batterie lo hanno reso insostenibile economicamente, nella maggior parte dei casi. Ma l’idrogeno sta iniziando a trovare applicazioni in cui ha un valore a lungo termine e questo potrebbe creare un enorme mercato per alcuni dei titoli più importanti del settore .

Dove l’idrogeno avrà un  futuro luminoso

Come l’elemento più abbondante del mondo si accumula come investimento

È vero … l’idrogeno è l’elemento prevalente nell’intera esistenza. Quindi, se credi che la domanda e l’offerta in ultima analisi determinano i prezzi … come puoi fare soldi con la cosa più facile da trovare al mondo?

Si scopre che non è così facile.

Sebbene l’idrogeno possa essere abbondante, le aziende che possono prendere l’idrogeno e trasformarlo in energia, realizzando un profitto nel processo … sono scarse … estremamente scarse.

Attualmente, i combustibili alternativi sono di gran moda … ovunque, da Wall Street alla Casa Bianca. Gli investitori stanno discutendo su quale sarà il modo migliore per fare soldi dal passaggio all’energia rinnovabile.

Sarà eolico, biodiesel, solare, geotermico…. o anche idrogeno?

È ancora troppo presto per prevedere un vincitore. Ma a giudicare dalle prime indicazioni, l’idrogeno sembra essere in ritardo. Tuttavia, i sostenitori insistono sul fatto che ha più senso tra tutti i combustibili alternativi.

Nessuno può negare il fascino dell’elemento. L’idrogeno è di gran lunga l’elemento più abbondante sulla terra o nell’universo per quella materia. È una forma di energia estremamente efficiente e brucia il più pulito di tutti i combustibili, emettendo solo vapore acqueo puro.

Una soluzione così elegante al nostro fabbisogno energetico fa sembrare le scorte di idrogeno un investimento perfetto. Ma aspetta un momento …

Anche se è vero che le fortune sono – e saranno – fatte nel mondo delle soluzioni energetiche all’avanguardia … il futuro di questo elemento e delle scorte di idrogeno in generale rimane incerto.

Le azioni di idrogeno e la “rivoluzione” avanzano

Come la maggior parte degli altri combustibili “alternativi”, la cella a combustibile a idrogeno non è affatto un concetto così nuovo.

Uno scienziato gallese di nome Sir William Robert Grove sviluppò la prima cella a combustibile nel 1839. E analogamente alla moderna cella a combustibile, la sua invenzione produsse energia elettrica combinando idrogeno e ossigeno.

A causa dell’introduzione di combustibili fossili a basso costo, seguita dal motore a vapore, la cella a combustibile è stata in gran parte respinta.

Tuttavia, è risorto negli anni ’60 come parte integrante del programma della NASA … e da allora ha raccolto molta attenzione come fonte di energia pulita.

Una rapida spiegazione su come funzionano le celle a combustibile

Una cella a combustibile a idrogeno funziona in modo simile a una batteria. Ma a differenza di una batteria, la cella a combustibile non immagazzina energia internamente e quindi non si esaurisce mai.

Attraverso un processo elettrochimico, ossigeno e idrogeno si combinano per formare l’acqua. Questa reazione genera elettricità.

Detroit ha puntato tutti i suoi chip sulla tecnologia delle celle a combustibile e dalla fine degli anni ’90 ci hanno detto che una svolta era proprio dietro l’angolo.

Nel 1997, la DaimlerChrysler, di proprietà tedesca, aveva effettivamente previsto 100.000 motori a celle a combustibile sulla strada entro il 2005. Nel 2001 la General Motors aveva previsto circa la stessa tempistica.

E quando era presidente, George Bush è entrato in azione, dichiarando nel suo messaggio sullo stato dell’Unione del 2003 che “l’America può guidare il mondo nello sviluppo di automobili pulite alimentate a idrogeno”.

Qual’è il problema con l’uso dell’idrogeno come fonte di energia potenzialmente infinita?

Sfortunatamente, rimangono ancora enormi problemi pratici. Per come la vediamo, ci sono tre principali ostacoli nella nostra ricerca verso un’economia dell’idrogeno.

Produzione rinnovabile di idrogeno:
L’idrogeno come carburante non si trova naturalmente. Non ci sono riserve di idrogeno da attingere o miniere che possiamo scavare. Deve essere prodotto, spedito e quindi immagazzinato, presentando tutta una serie di problemi. Sebbene l’elemento possa essere estratto dall’acqua e dall’energia solare, l’uso di combustibili fossili è finora il metodo preferito. Ciò causa una perdita netta di energia. E non fornisce una soluzione alla nostra crescente dipendenza dal petrolio straniero o dalle pericolose emissioni di anidride carbonica.

Ostacoli di ingegneria:

Una breve spiegazione per il fallimento di Detroit è che i problemi di ingegneria erano più grandi di quanto pensassero. Le condizioni di congelamento sono una delle principali preoccupazioni. Il sottoprodotto H2O provoca gravi implicazioni a temperature più fredde. Un altro problema è la sua archiviazione effettiva. Poiché l’idrogeno ha una densità così bassa, un serbatoio di idrogeno deve essere tre volte più grande di un serbatoio di benzina.

Costi proibitivi:

Il motore a celle a combustibile costa dieci volte di più di un motore convenzionale. Si stanno compiendo progressi nel campo che lo renderebbero un’alternativa più economica. Ma per il momento il prezzo è semplicemente troppo alto.

Su una scala più ampia, l’infrastruttura sarebbe un investimento costoso. Un’implementazione nazionale dell’idrogeno potrebbe costare fino a 100 miliardi di dollari o più. Le stazioni di rifornimento a idrogeno dovrebbero sostituire, o per lo meno integrare, le attuali stazioni di servizio.

Uno sguardo più da vicino alle azioni di idrogeno

Chiaramente, se questi problemi possono essere superati, i risultati varrebbero gli sforzi. Ma non c’è alcuna indicazione che accadrà in qualsiasi momento nel prossimo futuro … lasciando le opportunità di investimento in questo settore selvaggiamente imprevedibili.

L’Hydrogen Fuel Cell Institute era solito compilare un Hydrogen Fuel Cell Index, un indice informale che tracciava le azioni a piccola e media capitalizzazione coinvolte nello sviluppo delle celle a combustibile, i dispositivi che convertono l’idrogeno in energia elettrica.

Hanno smesso di aggiornarlo nel 2007, ma anche prima della crisi finanziaria, le cose non sembravano troppo belle. Come puoi vedere, il numero di aziende coinvolte nello sviluppo delle celle a combustibile è passato da 300 nel 2000 a poco più di 100 alla fine del 2007.

Ovviamente non sono i segni di un settore in forte crescita… ma piuttosto un’indicazione della difficoltà di fare soldi in questo business.

C’è da dire che negli ultimi anni l’aspetto ingegneristico ha fatto passi da gigante per lo sfruttamento dell’idrogeno e gli investitori se ne stanno accorgendo, anche grazie a questa “rivoluzione verde” della Green Economy in cui molti credono, puntano ed investono un sacco di soldi.

Le azioni di aziende di idrogeno

Le batterie non hanno senso ovunque e avere un carburante facilmente trasferibile può essere estremamente prezioso per alcune applicazioni. Plug Power ( NASDAQ: PLUG ) ha creato una tecnologia di sviluppo di nicchia per i carrelli elevatori, un’applicazione in cui il tempo di rifornimento può essere critico. Ballard Power Systems ( NASDAQ: BLDP ) produce celle a combustibile per carrelli elevatori, autobus e persino applicazioni marine. Poi c’è Bloom Energy ( NYSE: BE ) , che produce celle a combustibile che funzionano effettivamente a gas naturale per applicazioni di alimentazione di backup e microgrid.

Pensa a questi mercati come un piede nella porta delle celle a combustibile e dell’idrogeno. Ma il vero futuro è nello stoccaggio della rete, negli autotrasporti a lungo raggio e nelle applicazioni marine. Ecco perché e chi si sta muovendo per costruire un’attività in questi mercati.

Il futuro delle celle a combustibile

Sarà molto interessante vedere come Bloom Energy possa potenzialmente risolvere due problemi contemporaneamente con una nuova strategia. La società ha recentemente annunciato un nuovo elettrolizzatore a ossido solido che prevede di avere disponibile nel 2021. Nella sua forma più semplice, un elettrolizzatore utilizza semplicemente energia (solitamente elettricità) per dividere l’acqua in atomi di idrogeno e ossigeno. È il contrario della reazione chimica che avviene in una cella a combustibile.

Il motivo per cui gli elettrolizzatori sono importanti per l’energia è che, se sono convenienti, potrebbero essenzialmente rendere obsoleti i combustibili fossili creando combustibile pulito e abbondante. L’acqua è abbondante e l’energia eolica e solare è più che sufficiente per sostituire tutti i combustibili fossili , quindi anche l’energia pulita non è un problema. Bloom Energy prevede di utilizzare questo carburante per i suoi mercati di riserva, ma potrebbe anche essere utilizzato su navi di grandi dimensioni attualmente in fase di sviluppo da Samsung Heavy Industries e Bloom Energy. Ciò potrebbe interrompere la navigazione e la rete.

Il gioco interessante di Plug Power è stato quello di costruire la propria catena di approvvigionamento di idrogeno pulito. La società ha recentemente acquistato United Hydrogen Group e Giner ELX per costruire la propria catena di approvvigionamento di idrogeno, compresa la produzione di idrogeno in loco utilizzando elettrolizzatori. Il carburante potrebbe anche essere una parte importante del futuro di Plug Power.

Pensare alla catena di fornitura dell’idrogeno stesso fino al punto di consumo è importante, e Bloom Energy e Plug Power sembrano averlo reso un pezzo fondamentale delle loro attività.

Quale azienda ha quello che serve per interrompere l’energia?
Di seguito puoi vedere che tutte e tre queste società sono aumentate mentre l’industria del combustibile a idrogeno è diventata di nuovo al centro dell’attenzione degli investitori. Ma non tutte queste società sono create uguali.

Leggi anche:

Investire nell'Idrogeno: 3 azioni di aziende di idrogeno
Un grafico spiega più di tante parole. Ecco i prezzi delle azioni dell’azienda Plug che si occupa di idrogeno

Sarebbe interessante vedere Plug Power passare dalla movimentazione dei materiali a prodotti su larga scala, che creerebbero una fonte di domanda per la sua nuova attività di produzione di idrogeno. Se può guadagnare trazione nel mercato degli autotrasporti a lungo raggio con il motore a idrogeno ProGen da 125 kW, potrebbe essere un attore interessante, ma in questo momento la società sta ancora bruciando denaro mentre cerca di costruire la sua attività.

Ballard Power Systems è un’altra società che sarebbe interessante vedere generare un flusso di cassa positivo prima di scommettere sul titolo. Ha la più diversificata serie di mercati finali dei tre, ma potrebbe non essere il fornitore di riferimento per grandi mercati come lo stoccaggio di energia, i trasporti a lungo raggio e le spedizioni.

L’azienda che sembra più interessante nel campo dell’idrogeno è Bloom Energy. L’azienda ha già un punto d’appoggio come fonte di energia di backup per gli edifici, quindi la transizione allo stoccaggio di energia con elettrolizzatori è una mossa naturale e questo potrebbe essere un grande attore nella generazione di elettricità a lungo termine.

La spedizione è un’altra attività molto intrigante a lungo termine. Bloom Energy potrebbe semplicemente sostituire altri metodi di propulsione, rendendo il settore marittimo privo di emissioni in tempi relativamente brevi. Questi due mercati da soli potrebbero rendere questo uno stock di energia rinnovabile dirompente, motivo per cui è la mia scelta per vincere a lungo termine nel settore dell’idrogeno.

Come comprare azioni di idrogeno

Acquistare materialmente delle azioni di idrogeno è semplice anche per un neofita. Basta andare in un semplice Broker autorizzato come quello la piattaforma trading di Fineco, dove si possono comprare azioni del Nasdaq ed ecco che si possono comprare le azioni della Plug Power presso il Nasdaq, oppure della Blue Energy presso il NYSE, oppure della Ballard Power Sy, sempre presso il NYSE.

Ricordiamo che i dividendi delle azioni comprate sul mercato americano Nasdaq e NYSE hanno una doppia tassazione, cioè una ritenuta del 15% da parte del fisco americano e del 26% da parte del fisco Italiano, mentre per le eventuali plusvalenze, c’è solo la normale tassazione del fisco italiano.

investire in idrogeno certificati

C’è anche un Certificato di Ventobel ( una Banca privata svizzera ) , di cui abbiamo messo lo screenshot qui sopra per semplificare.

 

NB: ribadiamo che il Nostro sito non è collegato in alcun modo a società finanziarie o banche e che i Nostri non vogliono essere consigli per investimenti, ma solo delle informazioni e considerazioni personali sulla finanza in generale.

Azioni di settori in crescita

Titoli tecnologici

Titoli Biotech

Energia Eolica 

Energia Rinnovabile

Titoli di industrie minerarie 

Auto elettriche

Fintech

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *